none_o

 

La ricostruzione e il racconto con tanti ricordi, la rivolta dell'acqua questa volta non portatrice di vita ma di morte. Il pianto di una Nazione e..."al posto del campanile una scala a chiocciola", quella di Giovanni Michelucci.
 

La verità fa male a chi si nasconde.
Poi, forse, .....
Scrive il sig. Francesco T:
Sa benissimo anche lei .....
Sarei curioso di sapere dove ha vissuto, lei, con .....
. . . abitante sempre a MdA.
La sig. ra. Lucia ebbe .....
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
"Io lo vedo così"
none_a
Libri ed altro.
none_a
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
  • AD ACCOGLIERE GLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI CALCI MOLTI SPAZI, AULE E GIARDINI RINNOVATI

      Suona la campanella

    Mancano tre giorni all’inizio della scuola e lunedì prossimo la campanella suonerà per i tanti alunni calcesani che potranno contare su aule, spazi comuni e giardini rinnovati e più sicuri...


Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
Vendo FB FB johnson 5CV buone condizioni, bicilindrico, 2 tempi, gambo corto, elica 3 pale, anni 90, marcia avanti e indietro, serbatoio esterno .....
TOSCANA
Gli agricoltori potranno uccidere i cinghiali se distruggono i raccolti

13/1/2012 - 18:44


TOSCANA - Gli agricoltori potranno uccidere i cinghiali se distruggono i raccolti. La commissione agricoltura della Regione ha accolto, anche se parzialmente, una proposta che era stata avanzata dalla Coldiretti.

Secondo questa disposizione, che adesso verrà inserita nel piano regionale agricolo forestale (Praf) del 2012-2015, gli agricoltori toscani nel caso che i raccolti siano messi a rischio da un'eccessiva presenza di animali, saranno autorizzati ad abbattere i cinghiali e gli altri ungulati. Due sono le condizioni che devono rispettare. In primo luogo devono essere iscritti in un apposito elenco predisposto dall'amministrazione provinciale di quel territorio. E in secondo luogo potranno intervenire direttamente, solo se le autorità preposte non avranno inviato personale addetto all'abbattimento entro 48 ore dalla richiesta di aiuto.

La Coldiretti aveva chiesto che per affrontare questo problema, che sta creando grossi problemi alle attività agricole, fosse concessa la possibilità di agire liberamente a tutti gli agricoltori, dopo 24 ore la richiesta di aiuto. La Commissione regionale ha invece ritenuto opportuno agire con maggiore cautela, inserendo due limitazioni ulteriori (48 ore di tempo , e l'iscrizione a un apposito albo).

Il presidente della commissione Loris Rossetti, del Pd, ha spiegato che l'integrazione al Praf è stata accolta anche a seguito di una serie di consultazioni che sono state tenute con le organizzazioni degli agricoltori e con i soggetti interessati alle politiche agricolo-forestali. La norma, adesso, sarà inserita nel Praf con un emendamento. In questo modo - ha spiegato Rossetti - per integrare il piano, non dovrà essere modificato il regolamento venatorio in vigore in Toscana.

Bernardo Magli

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: