none_o


All'interno di questa rubrica abbiamo sempre ospitato temi non di attualità, bensì legati alla storia, storia sociale, politica, ambientale e storia di ricordi del nostro territorio. Ora vorremmo estendere la visuale storica, impegnandoci in un obiettivo ambizioso: fornire un quadro generale della vita delle comunità rurali dell'800 nel comune di Vecchiano.

Massimiliano Angori
none_a
Massimiliano Angori
none_a
Massimiliano Angori
none_a
Massimiliano Angori
none_a
. . . . . se si parte dalle crociate medievali (1096-1270) .....
La storia è una perfetta sconosciuta su questo forum, .....
. . . . . . . . . . . . condotta da Jader Jacobelli .....
. . . minacce e offese al di fuori degli anni "70, .....
Vecchiano è Voilontariato
#tantifiliunasolamaglia


“Il gioco serio del teatro”

Vecchiano è volontariato
#tantifiliunasolamaglia

L'associazione culturale La Voce del Serchio ospite del giornale online da cui è nata

Vecchiano è Volontariato
#tantifiliunasolamaglia


UN IMPEGNO COSTANTE PER MANTENERE VIVO IL PASSATO E FRUIRNE ANCORA IN FUTURO

Vecchiano Civica presenta i propri candidati
none_a
A NODICA-Piazza Enzo Ferrari: Sabato dalle 9.00 alle 19.00
none_a
Un Cuore per Vecchiano
none_a
Insieme per Vecchiano
Filettole, 19 settembre
none_a
Insieme Per Vecchiano - Candidate/Candidati
none_a
Insieme Per Vecchiano - Candidate/Candidati
none_a
pubblicazione Candidati
none_a
di EROS CARLOPPI ( Presidente del C. D. Provinciale del PSI)
none_a
Vecchiano Civica presenta i propri candidati
none_a
Insieme per Vecchiano - Candidate/Candidati
none_a
“Il Parlamento farà ciò che ritiene”: nello scontro con Franceschini tutta l’indipendenza di Draghi
none_a
Rifiuti, Mazzetti (FI)
none_a
di Ernesto Galli della Loggia
none_a
Di Salvatore Carollo
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Misericordia del CEP, Gabella (Calci)
none_a
Metato
none_a
Il Bargellona si accontenta della Coppa Limiti
none_a
È con te
Facciamo oggi quella scelta
Oggi in due ma restiamo sempre noi
È con te
Che la vita è come foglia
Noi leggeri saggi dentro vuoti mai
Sei .....
caro baffuto baffino ricorda che la fantasia se sfocia in diffamazione e calunnia quello e reato e non pregare la Santa Vergine a Roma davanti alla porta .....
none_o
A VOLTE RITORNANO
di Trilussa

15/1/2012 - 10:30

 
Ci stiamo oramai abituando al peggio.
Viviamo oramai rassegnati ad una vita sciatta e monotona, povera di principi e di valori, con qualche tentativo di uscita da questa triste e umile condizione mediante ricorrenti frequentazioni di botteghe e negozi e periodici pellegrinaggi versi i Grandi Magazzini dello Sconto e delle Grandi Firme.

Sempre alla ricerca di quelle cose di cui non abbiamo bisogno ma che ci alleviano in parte, e per qualche tempo, la tristezza della nostra condizione di semplici e passivi consumatori.


Ci siamo abituati oramai alla prepotenza del potere costituto, sia essa si presenti sotto forma di un qualunque pubblico ufficiale che fa dell’arroganza il suo “modus operandi” o di un semplice impiegato d’ufficio che dopo una enorme fila ti dice che lui non è competente e devi tornare al piano di sopra (da dove naturalmente sei venuto).

Siamo abituati a subire la prepotenza ma spesso ne siamo noi stessi gli artefici. Un brutto atteggiamento aggressivo ed una mancanza di cortesia che giustifichiamo con la fretta e con l’eccessiva competizione che ci impone oggi la vita di relazione ed il lavoro e che ci costringe, se non alla sopraffazione, almeno alla strenua e ossessiva difesa dei nostri diritti anche in settori non certo sensibili e fondamentali come una precedenza in auto o una fila in banca o dal medico.


Siamo tanto abituati alla prepotenza e alla protervia che talvolta la gentilezza di qualche cittadino od impiegato statale veramente ci sorprende, come se quella della gentilezza non dovesse essere la regola invece dell’eccezione fra persone normalmente civili.


Poi sopportiamo la prepotenza politica, quella fiscale, ci siamo abituati alle disuguaglianze, ad uno Stato sempre più lontano dai cittadini, ad una Tv che non fa più cultura e nemmeno informazione, ad una civiltà sempre più condizionata dall’economia, dalle banche, dai poterei finanziari di fronte ai quali noi ci sentiamo inermi, ci arrendiamo senza combattere.


Abbiamo negli anni piano piano abdicato al nostro ruolo di cittadini consapevoli e viviamo oggi  sempre più dipendenti da altri. Altri che decidono per noi, decidono di noi anche se noi non lo sappiamo, e spesso contro i nostri stessi interessi.
Distratti dai consumi, impoveriti dalla televisione, ingannati spudoratamente da una pubblicità bugiarda e in malafede, ignorati dai politici che ci dovrebbero rappresentare viviamo per inerzia ed accettiamo passivamente tutto o quasi tutto quello che ci propinano nel nome di quello sviluppo e quel progresso che sembra sempre a portata di mano ma che pare non arrivare mai.


La prossima mossa, la prossima promessa che ci viene fatta in nome del progresso e della buona occupazione, e perché no del benessere per tutti, ha un nome famoso: IKEA.

Ikea va a Pisa, ai Navicelli. Si sente parlare sulla stampa di qualche problema con i terreni dove dovrebbe sorgere ma questo è un problema che troverà sicuramente una soluzione se c’è la volontà di accoglierla nel territorio pisano.


Io personalmente non sono entusiasta dell’insediamento per due ordini di motivi.
Il primo è che ritengo che una città importante come Pisa, sede di una Università di prestigio internazionale, di centri di Ricerca di eccellenza (il primo occhio bionico è stato impiantata per la prima volta alcuni giorno fa proprio qui da noi), una delle città più visitate al mondo, inserita nei tour europei di tutte le Agenzie internazionali, una città con tutte queste straordinarie caratteristiche non ritengo, ripeto, debba affidare il suo sviluppo futuro ad un Centro Commerciale.

 

Vedrei e desidererei lo sviluppo della città e dell’area metropolitana legato soprattutto a queste caratteristiche abbastanza uniche per un piccolo centro come il nostro. Cercherei di operare in tal senso con proposte e progetti invece di accettare un bel piatto precotto che va in direzione completamente diversa e direi opposta.

Un insediamento commerciale che appare se non altro una forte stonatura e come per quello vecchianese rimane la mia perplessità, se non la mia contrarietà, per motivi di ordine pratico ma anche culturale.


Pratico perché a Vecchiano, ai confini di un Parco Naturale, avrebbe distrutto il piccolo paese a ridosso e con esso tutto il suo Comune, a Pisa per la sua inopportunità e per i problemi che sono già sul tavolo: un incremento enorme di traffico e di inquinamento e la chiusura di molti altri piccoli esercizi del circondario, già quantificati da esperti del settore in termini di posti di lavoro.
Un semplice travaso, quindi, con in cambio una buona dose di inquinamento e di traffico per i cittadini ed un ostacolo allo sviluppo di una vocazione turistico-scientifica per la città.


Per il secondo motivo della mia perplessità vorrei fare una provocazione e dire che a mio giudizio è sbagliato aspirare ad un lavoro, come quello offerto da Ikea, con uno stipendio medio di 600 euro mensili. E’ sbagliato concettualmente ed anche dal punto di vista pratico. Come si fa a tirare avanti una famiglia con 600 euro mensili?

Il discorso si fa complicato perché 600 euro sia pur pochi sono sempre meglio di niente ed un lavoro sia pur non qualificato è preferibile ad un non lavoro.

Visto sotto questo aspetto non posso che essere d’accordo ma vorrei che questo lavoro sottopagato venisse visto e considerato per quello che effettivamente è, un lavoro sottopagato, un lavoro che non potrà mai essere definitivo, un lavoro che non porta a nessuna specializzazione, nessuna professionalità, che non qualificherà in nessun modo il lavoratore.


Vorrei che un lavoro come quello offerto da Ikea a 600 euro mensili non venisse in nessun modo considerato un obbiettivo finale, ma al limite un momento di passaggio, la possibile soluzione immediata ad un problema, un utile intermezzo in attesa di qualcosa di nuovo e di più.

Lo stesso vale per i call center e tutti gli altri lavori atipici in cui questa è la paga a fine mese e su cui non si può costruire nulla, tanto meno una famiglia. Forse un lavoro con cui integrare un altro magro stipendio ma rimane scandaloso pagare una simile cifra ad un lavoratore.


Insomma vorrei che ogni genitore che ha un figlio disoccupato non avesse come massima aspirazione quella dell’assunzione di suo figlio all’Ikea (ripeto, al limite soluzione parziale ma non da considerarsi definitiva) e cercasse invece di stimolare il giovane non a rimanere a casa in semplice attesa ma che lo incoraggiasse a qualificare se stesso, frequentando la scuola, facendo corsi di specializzazione, imparare lingue e computer magari con un periodo all’estero, migliorare in ogni modo possibile la propria professionalità per aspirare ad un lavoro finalmente qualificato o almeno decoroso che gli permetta di raggiungere un salario capace di mantenere una futura famiglia.

 
In un mondo sempre più incerto, competitivo e globalizzato è fondamentale e necessario che i giovani si diano da fare per qualificare la propria professionalità perché in un futuro come quello che si para davanti solo i migliori troveranno un lavoro qualificato.

Rimane il fatto che uno stipendio di 600 euro non è uno stipendio, è un rimborso spese, una mancia, una presa in giro e la dignità di ogni lavoratore imporrebbe che alla fine del mese gli venisse riconosciuto un giusto premio per il proprio impegno professionale, di qualunque livello si tratti.
Imporrebbe anche che non si calpestino, in nome di una crisi ormai permanente, i diritti delle persone oltre a quelli dei lavoratori.  
 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

15/1/2012 - 22:07

AUTORE:
Fata ignorante

L'epilogo della vicenda ikea a Vecchiano lascerà una ferita aperta sia in chi diceva si, sia in chi ha detto no, argomentando, discutendo, ricercando.
Adesso la fase è nuova, c'è un prologo: la città di Pisa e ikea si sono incontrate e hanno detto si, si farà la sola ikea in una zona dedicata anche a tali insediamenti. Lo dobbiamo dire che non è per niente la stessa cosa, o si capisce? Vogliamo ricordare che a Migliarino si chiedeva di trasformare 34 ettari di terreno agricolo?
Prologo e epilogo si confondono e lasciano un'amarezza sconfinata in bocca.
Personalmente ho sempre cercato di affrontare questo problema in maniera laica, senza eccessi. Mai ho dimenticato che in mezzo c'erano posti di lavoro. La crisi adesso morde in maniera esagerata e quindi si legge qua e là che 1000 euro e un contratto schifoso, sono meglio che niente. Certamente, ma c'è qualcosa che non capisco, che non ho mai capito e oggi più di ieri mi resta ostico. Com'è che si moltiplicano i ricatti di lavoro, la prigione dei mille euro e si allarga la forbice con chi con 1000 euro ci deve campare e chi li moltiplica ogni minuto? Com'è che con quei 1000 euro ci vogliono comprare anche la dignità, ci vogliono barattare i diritti e ci vogliono far ipotecare il futuro dei nostri figli?
Si può curare una malattia con ciò che l'ha creata? Se il mercato comanda, la politica deve ubbidire?
È una cosa sana che l'unico lavoro che ci viene richiesto a gran voce sia quello del consumatore?
Politicamente ha senso parlare di città di 200000 abitanti, avere 6 comuni in convenzione per fare un solo piano strutturale e poi scatenare una bagarre per accaparrarsi l'Ikea dei desideri e tutto sul palcoscenico mediatico? Politicamente ha senso lasciare solo un piccolo comune a stravolgersi su questo dilemma e poi avviare trattative per l'insediamento nella città capoluogo di provincia? Si sta mica parlando di una scatola di ceci da collocare, o di una macchiana da parcheggiare, lo spazio per la sola ikea se c'è ora c'era anche prima. Perchè politicamente si è lasciato solo un piccolo comune ad affrontare il potere del denaro e del brand di una multinazionale?
Perchè adesso, quello che mi scandalizza non è che ikea si faccia a Pisa, ma è l'enfasi e il trionalismo con cui si racconta il tutto, marciando a grandi passi sopra tutto quello che è stato, che ha rappresentato e che si è pagato e si pagherà per aver scelto di voler scegliere, ragionare, ripondere e trovare una strada sulla questione ikea a Vecchiano, una strada che non fosse a senso unico. Mi scandalizza e mi amareggia che si ometta e si trascuri con grande scioltezza cosa reggeva quel progetto. Mi spiace che le parole non abbiano più un significato, che, nel migliore dei casi, si chiami miopia e lentezza, quello che era un pensiero ragionato sopra un intervento che odorava pesantemente di speculazione e di punti oscuri a vari livelli.
L'epilogo per Vecchiano non è ancora scritto. I fieri difensori del governo del territorio, del benessere dei cittadini sono trasformati in coglioni planetari. E la loro storia avrà ancora seguito.
Il prologo di ikea a Pisa è esplosivo ed euforico, i politici difensori dei posti di lavoro, paladini dell'economia saranno portati in trionfo per loro sarà steso un tappeto, vi prego rosso no, e si faranno pure i fuochi d'artificio, tutto brillerà di più a Pisa da ora in poi, ma...il monito popolare è ...non è tutto oro ciò che luccica.