none_o

Proseguendo la serie di articoli sulle vicende ( e leggende) del territorio, Agostino Agostini ci regala il resoconto immaginifico del serpente-alato, che abitava il castello dei Pagano da Vecchiano. Fu ucciso - secondo la leggenda - da Nino Orlandi nel 1109 nella selva palatina di Migliarino (oggi tenuta Salviati). Imbalsamato fu posto nel Duomo di Pisa ma ando' perduto nell'incendio del 1595. Una ulteriore riprova della grande ricchezza storica del nostro territorio.

Buongiorno a tutti, sono Costanza Modica, ho 17 anni, .....
Ammetto l'errore, ho solo visto il simbolo di presentazione, .....
. . . . Buonafede Alfonso, candidato sindaco di Firenze, .....
Cosa ci dicono le votazioni in Sardegna?

Calenda .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
none_a
Associazione ambientalista - LA CITTÀ ECOLOGICA APS
none_a
di Umberto Mosso
none_a
di Bruno Pollacci
Direttore dell'Accademia d'Arte di Pisa
none_a
Eccolo
Come una furia scatenata
è arrivato il vento
a riportare tormento
alle marine
Prima con le piogge
che hanno colpito
la montagna
con smottanento
frane .....
LA TARI è ARRIVATA E SALATA
MA IL KIT PER LA RACCOLTA NON ANCORA
SIAMO A MARZO.

COME MAI?
COSì NON VA BENE.
none_o
L'ERA GLACIALE
di Trilussa

12/2/2012 - 10:17

 
Non siamo poveri come può sembrare ma siamo un paese ricco, anzi ricchissimo.
Dopo gioiellieri, notai, avvocati, commercianti senza scontrino e professionisti senza ricevuta ora scopriamo che anche i gondolieri veneziani non se la passano male, viaggiano in Mercedes ed acquistano case di lusso.


Il problema del nostro paese non è che manchi la ricchezza, il problema è che è mal distribuita. Mentre una piccola ma consistente quantità di privilegiati vive una vita agiata e si può occupare di gossip e sciocchezze varie grazie al riparo costituito da una classe politica che li rappresenta e li difende (una delle tante incongruenze dovute alla stupidità di tanti cittadini, anche dei ceti meno abbienti), la maggior parte degli italiani si deve occupare invece di arrivare a fine mese, pagare le bollette e mantenere i propri figli che non trovano lavoro.


Lo Stato non ha soldi. La spesa per la politica e per l’apparato amministrativo statale è enorme e fonte inesauribile di sprechi e privilegi, alcuni provvedimenti come una imposta sulle grandi ricchezze (una patrimoniale sarebbe la cosa più logica ed equa, non bisogna essere “professori” per rendersene conto) resa impossibile perché condizione per l’appoggio parlamentare al Governo da parte del partito di maggioranza. A questo si aggiungono i gravi problemi del mondo del lavoro che stornano giustamente molte risorse a scopo assistenziale e di sostegno al reddito.


Rimane poi l’imponente e cronica evasione fiscale appena scalfita dai nuovi (e benemeriti) provvedimenti e il lavoro nero in forte crescita specie fra i giovani che rappresenta al momento l’unica vera alternativa alla mancanza di lavoro e di reddito (sia pure con paghe da fame).
Rimangono poi intatte le molte strade che permettono alle grandi imprese, ai grandi gruppi di superare molti ostacoli fiscali e il mondo sommerso della mafia che ha un giro d’affari di molti miliardi che sfuggono a qualunque controllo, anche a quello fiscale.


In questo settore lo Stato dovrebbe forse modificare l’obbiettivo, come dicono oramai molti analisti, e non concentrare la propria azione sul dare la caccia alle persone, alle figure singole come i capi mafia ancora latitanti, ma piuttosto concentrarsi sulle ricchezze, sui grandi patrimoni derivati dalle operazioni delittuose che rappresentano la vera potenza della organizzazione in termini di corruzione, finanziamento, ricatto, coercizione sostegno economico alle famiglie degli affiliati.
La somma di tutto questo conduce ad un impoverimento delle casse statali la cui dimostrazione più evidente è la risposta del paese al primo vero contatto con le criticità della stagione invernale, già da  molti giorni previste e annunciate.


La situazione ora in alcune regioni è veramente drammatica ma sono bastati i pochi centimetri di neve della scorsa settimana in Toscana e l’energia elettrica è subito comparsa in una miriade di abitazioni in molti paesi. Addirittura irritante è stata la dichiarazione della responsabile Enel che ha affermato che nella regione erano al lavoro ben 500 operai di cui alcuni fatti venire da fuori. Ci domandiamo se invece non fosse stato il caso di mandarli prima, quei 500 operai, a controllare che le linee fosse sicure, ad abbattere per tempo gli alberi vicini alle linee che sarebbero potuti cadere e tranciare i cavi in caso di forte vento o neve, a predisporre i rimedi necessari a far passare un momento critico (ampiamente annunciato) senza inconvenienti per le utenze. Ecco che viene anche da domandarci se i soldi spesi da Enel per quello spot televisivo che passa ossessivamente in questi giorni in televisione, uno spot comunque  molto bello e illuminato (è proprio il caso!) da una stupenda canzone (At All di Etta James- la signora del blues-1938-2012), non sarebbero stati meglio spesi in opere di manutenzione degli impianti.


Lo stesso vale per le ferrovie con treni soppressi, passeggeri abbandonati nei treni fermi lungo le linee, ritardi e cancellazioni, proteste e confusione.
L’evento è stato  è vero eccezionale ma queste nostre grandi Aziende da molto tempo ormai guardano altrove, ai mercati, alla Borsa, alle nuove tecnologie e la manutenzione degli impianti (compresi i mezzi per effettuarla), la loro efficienza, la qualità dei lavori di manutenzione e ripristino ne risentono e sono appaltate a ditte esterne che lasciano spesso molto a desiderare.

Il più delle volte, per ammissione degli stessi operai, si interviene solo a disastro avvenuto, per riparare i danni e non prima per prevenirli.


Mancano i mezzi pubblici e quando i mezzi, per caso, ci sono, chi deve utilizzarli nemmeno lo sa. E’ successo a Roma, quella città che ospita il Vaticano, il centro della Cristianità, sepolta da giorni sotto una coltre di neve il cui sindaco, sotto accusa per inefficienza nonostante la foto che lo ritrae con pala a cappellino a spalare la neve,  scopre solo dopo il disastro che in un magazzino fuori porta giacevano inutilizzate una miriade di pale meccaniche capaci di trasformate, applicate al davanti, un semplice autocarro in un efficiente spazzaneve.

 

Purtroppo la Protezione Civile, che fino alle ultime tragiche vicende (di tragiche vicende ne abbiamo in continuazione in questo territorio abbandonato a se stesso, scegliete voi) ha saputo rimediare alle carenze statali mediante gli enormi poteri economici e di intervento che superavano ogni ostacolo (e di cui è rimasta essa stessa vittima), stavolta, molto ridimensionata in poteri e finanziamenti ad opera di Tremonti, non è stata in grado di coprire le carenze e le incapacità della amministrazioni locali che hanno dimostrato in pieno la loro impreparazione, carenza, inefficienza, approssimazione fino ad una assurda e inconcepibile mancata coordinazione.

Ingredienti tipicamente italiani e  micidialmente efficienti nel trasformare una normale emergenza nella solita enorme catastrofe.


Poi il solito rimpallo di responsabilità. Non l’analisi dell’errore, quale è stata la mancanza, cosa non è stato previsto, cosa non è stato fatto, in cosa si è sbagliato, e poi alla fine come fare per affrontare con maggiore efficienza la stessa emergenza in futuro ma al momento solo una serie ripetuta e irritante di comunicati televisivi per dire che ognuno aveva fatto il proprio dovere e che la colpa, in fin dei conti, era tutta dell’altro.


E’ da un po’ di tempo che non riusciamo a mandare buone  immagini all’Europa. Sembrava con  Monti di essere riusciti a far dimenticare almeno per un po’ lo scanzonato signore di Arcore (pace all’anima sua ovunque si trovi, ma credo a Milano, al palazzo di Giustizia)  ma ecco che ci si mette prima Schettino che vuol fare bella figura di fronte alla moldava (che teneva i propri indumenti nella cabina del Capitano), e poi anche l’anticiclone artico-siberiano che non si rende conto che siamo un paese un po’ allo sbando, in piena convalescenza da 17 anni di febbre berlusconiana, con una condizione politico-sanitaria ancora molto precaria e con le casse vuote.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri