none_o

Poche righe, molto concrete, che non lasciano spazio ad altre interpretazioni o strumentalizzazioni.
Liliana Segre, la senatrice a vita sopravvissuta all'olocausto e oggetto, nelle ultime settimane, di numerosi attacchi sul web, ha declinato in maniera netta la proposta, partita dal mondo del giornalismo e poi ripresa anche da diversi esponenti politici, di essere candidata al ruolo di Presidente della Repubblica. 

Circolo ARCI Migliarino
none_a
Sezione Soci Coop Valdiserchio-Versilia
none_a
PUBBLICA ASSISTENZA S.R. PISA
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
San Ranieri miraoloso.

Levato quer viziaccio .....
. . non al Carroccio
6000 sardine 200 scorfani 100 gallinelle e il caciucco .....
"Questo è il segnale che se tutti ci muoviamo, forse .....
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
I racconti di Michele
none_a
Consorzio Vino Chianti
none_a
Le squadre di Val Di Serchio
di Marlo Puccetti
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
Alla cassa di un supermercato una signora anziana sceglie un sacchetto di plastica per metterci i suoi acquisti.
La cassiera le rimprovera di non adeguarsi .....
SAN GIULIANO TERME: tra tagli, bilancio e dimissioni
Panattoni "E' arrivato il momento di ripartire con slancio

16/2/2012 - 12:19




San Giuliano tra tagli, bilancio e dimissioni
Panattoni “E’ arrivato il momento di ripartire con slancio”
 
“Ho ben chiaro il quadro di riferimento e le cose da fare. E’ il momento di ripartire con slancio per concludere la legislatura con le nostre forze e consapevoli dell’avverso difficile contesto economico-finanziario in cui si trova il nostro comune  e la nostra nazione. Soprattutto affrontando con determinazione le difficoltà che dovremo analizzare e superare”. E’ un tono fermo e deciso quello con cui il sindaco Paolo Panattoni affronta i temi relativi al mancato rispetto del patto di stabilità ed al bilancio preventivo 2012.
“Sia chiaro a tutti che il comune non è in dissesto finanziario. Il mancato rispetto del patto di stabilità è alle nostre spalle ed è un segnale di allarme che abbiamo elaborato e che ci sarà utile per il prossimo futuro. Se non ci fosse stata nella scorsa estate l’impazzimento dell’andamento degli spread avremmo perfezionato l’operazione di lease-back ed ora saremmo qui a raccontarci un’altra storia.” Continua  perentorio il sindaco del comune termale.
“ Ripeto per l’ennesima volta che il comune che abbiamo conosciuto non esisterà più perché sta profondamente cambiando il mondo che ci circonda. In questo contesto è insostenibile pensare che il Comune possa rimanere indenne ai cambiamenti fra l’altro imposti da leggi sempre più severe che determinano rilevanti minori risorse a disposizione. Il risanamento dei nostri conti è già iniziato con l’operazione sulle farmacie comunali deciso dal consiglio comunale nello scorso mese di novembre.  Continuerà con la redazione del  prossimo bilancio che sarà austero e rigoroso, in linea con lo spirito e gli indirizzi portati avanti dal Governo Monti.
Mi sembra che troppi esponenti del centro-destra locale si siano dimenticati troppo in fretta che le conseguenze delle quattro manovre del governo Berlusconi avranno una dura e puntuale conseguenza durante il corrente anno: vale a dire un taglio di oltre 2 milioni di euro che saranno a carico della nostra comunità. Sono disponibile a confrontarmi con loro su cosa è successo dal 2008 nel nostro paese e cercare insieme di trovare dove dimorano le colpe”
“La maggioranza politica sangiulianese ha il compito ed il dovere di riformare il comune secondo canoni e percorsi di significativi cambiamenti. E’ arrivato il momento delle scelte che riguarderanno la struttura comunale e la società Geste srl in linea con il mutato quadro normativo, non ci saranno assunzioni nel prossimo triennio ne l’assunzione di nuovi mutui, ci saranno consistenti tagli alle spese e sarà predisposto un piano di alienazioni degli immobili non funzionali all’attività tipica dell’Ente. Saranno assunte misure funzionali a garantire la salvaguardia nel tempo dei conti dell’Ente.
 La politica ha il dovere di alzare lo sguardo verso l’orizzonte e non limitarsi a guardare la punta delle proprie scarpe. Questi sono obiettivi imprescindibili su cui i partiti devono confrontarsi, misurarsi ed assumere decisioni conseguenti con l’obiettivo di presentarsi in consiglio comunale entro la fine del prossimo mese di marzo.”
 
Paolo Panattoni
Sindaco di San Giuliano Terme


+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




18/2/2012 - 23:28

AUTORE:
Napolitano Francesco

Certo che questo intervento è singolare per la tempistica. Cioè, venendo dopo la dimissione di Franco Pizzi, sembra quasi che dopo aver eliminato la zavorra, “E’ arrivato il momento di ripartire con slancio”. Accidenti che solidarietà! Poi qualcuno parla di solidarietà della minoranza della maggioranza.
Vorrei ricordare che Geste è stata creata perché il comune di SGT era fuori come i terrazzi a sbalzo con il “parametro di deficitarietà” fissato con la finanziaria del 2007 dal governo amico (Prodi). L’indice si è artificiosamente abbassato, creando Geste, ma la spesa totale del comune è rimasta invariata. Spesa che pagano i cittadini. E’ per questo che il sindaco vorrebbe un confronto, ma solo a partire dal 2008!
Lei, caro Signor Sindaco non ha capito che la “macchina comunale” costa troppo, a partire da quello che guadagnano i dirigenti. Operazioni, alquanto poco chiare, come il lease-back, sono operazioni che possono artificiosamente servire nell’anno in corso, e poi dopo? Pongono il comune su basi solide?
Operazioni come la vendita di un immobile, per poi averlo in affitto, è geniale: un buon padre di famiglia fa così? E i partitini in maggioranza sapevano? Prima di fare l’annuncio dell’uscita dal patto di stabilità ne ha preventivamente parlato con gli altri partitini in maggioranza? La vicenda delle farmacie è stata decisa prima in giunta, senza una riunione di maggioranza, oppure ha fatto tutto da se con il suo partito, come a me risulta?
Nel mio piccolo le proposte ce l’avevo, ma dubito che lei le prenda in considerazione, perché non vengono da fonte privilegiata, anche in considerazione di quella che feci nel 2009 in presenza di numerose persone, rimasta inevasa.
Non mi sembrate, lei e il suo partito, aperti alle proposte altrui, perché, secondo me, siete autoreferenziali, talvolta in modo stucchevole e antipatico.

17/2/2012 - 11:48

AUTORE:
MARCO

dopo le parole del sindaco si puo andare a letto sereni....a capito tutto ..ora sistema tutto..
il vernacoliere non sarebbe mai riuscito a scrivere u pezzo cosi' esilerante..
una domanda:
quest'anno non c'e' l'incontro della giunta con i cittadini come avveniva nei passati anni?
noi a ripafratta aspettavamo questo evento con trepitazione!!!!!!!!!!!

P.S.

rocca di ripafratta...noi non dimentichiamo....

saluti a tutti

16/2/2012 - 23:39

AUTORE:
CITTADINO DI SGT

Meno male che il SINDACO PAOLO PANATTONI è un impiegato di banca ,altrimenti non voglio immaginare cosa sarebbe successo più di quanto è emerso.So soltanto che i vostri errori li dovremo pagare noi cittadini di San Giuliano terme.Sembra che il governo Berlusconi abbia colpito soltanto il nostro comune,lasciando indenni gli altri comuni limitrofi,se qualcuno ci spiega perchè solo noi siamo usciti dal patto di stabilità ci farebbe cosa gradita.

16/2/2012 - 18:49

AUTORE:
idee confuse

e meno male ora il sindaco c'ha le ideee chiare...e prima?

16/2/2012 - 15:41

AUTORE:
Dino Citta

Che titolo! Più che un annuncio politico, sembra la pubblicità di uno snack!
Nell'ufficio stampa si saranno detti:"Ottimismo, diffondere ottimismo!"
E così ci viene detto che sarebbe tutto ok, se non ci fosse stato lo spread, e il flop del lease-back...
Detto più chiaramente: se fossimo riusciti a fare l'operazione di lease-back, per un po' avrebbe funzionato e i cittadini non si sarebbero potuti accorgere di essere stati depredati del loro patrimonio pubblico ceduto alle banche per accedere ai finanziamenti...e noi avremmo potuto ancora fingere di essere virtuosi.
Comunque, tranquilli, il risanamento è cominciato: intanto vi si vende le farmacie, poi si passa direttamente al traffico di organi.
Coraggio Sindaco! E' venuto il momento delle scelte coraggiose: altro che risanamento, vendiamo tutto su ebay! Almeno è un'asta pubblica...