none_o

Una quarantina di anni fa, rientrando sporadicamente dalla residenza in nord Italia, per visite parentali e reimmergermi nelle acque locali, dove un grande Alessandro sciacquava solitamente i panni il secolo precedente, non appena valicato l’Appennino, mi rendevo conto di quanto siamo “ghiozzi”, pesanti, a volte grevi, blasfemi, volgari, bischeri e sciamannati noi toscani! Man mano che mi avvicinavo a Vecchiano, avvertivo sempre più chiaramente ....

Il Diario di Trilussa
none_a
Storia
none_a
Compleanno
none_a
I 10 anni della Voce
none_a
Ho fatto caso, è da tempo che il sig. Bertelli predilige .....
Sig. Gori si calmi , la troppa foga le può fare .....
Continuo a sentire politici “sinistroidi” (d'alema .....
Vorrei ringraziare pubblicamente i Senatori che con .....
San Giuliano Terme
none_a
ANIMALI CELESTI
none_a
Migliarino
none_a
Soci Unicoop
none_a
Primaziale Pisana, conf stampa
none_a
Tornando vella sera dalla fiera
La mì moglie a casa mi viense a mente
Grassa pallata dice brutta gente
Linguacce malidette da galera

Certo pasta .....
Causa trasferimento abitazione, vendiamo mobili usati in ottimo stato.
Visibili a Nodica, comune di Vecchiano.

cinzia. mantellassi@ virgilio. .....
PONTASSERCHIO
La Pubblica Assistenza torna a scuola: alla “Fermi” di Pontasserchio lezione di primo soccorso

14/3/2012 - 20:37

Anche in questo 2012, per il sesto anno consecutivo, alla scuola secondaria “E. Fermi” di Pontasserchio i volontari della Pubblica Assistenza, sezione Valdiserchio, e gli alunni delle classi terze hanno dato vita ad esperienze formative di Educazione alla Cittadinanza Attiva, volte a sensibilizzare e responsabilizzare i giovani  utenti della strada. Non è infatti sufficiente conoscere il Codice stradale per essere competenti  ciclisti o motociclisti, è indispensabile anche saper riconoscere quanto rilevante può diventare, in alcune circostanze, il soffermarsi e prestare soccorso: l’adeguato soccorso.


È in questo contesto che si è svolta l’attività dei volontari della Pubblica Assistenza.
Gli appuntamenti sono stati tre: nel primo incontro il dott. Carmignani, medico del 118, ha fornito le “regole del buon soccorritore” ed ha illustrato “le cose da non fare” in caso di primo soccorso. Nel secondo incontro gli alunni hanno fatto pratica, su manichini, di quali siano le operazioni riguardanti il soccorso di base (valutare lo stato di coscienza, controllare le vie aeree e la respirazione, saper effettuare la rianimazione cardiopolmonare). Nell’ultimo incontro, infine, i volontari Ilaria, Giacomo, Stefano, Nikola, Francesco e Alfiero, coordinati dal sig. Giordani Bruno (coordinatore della sez. di Pontasserchio), attraverso la simulazione di un incidente con ciclomotore e intervento dell’ambulanza, hanno mostrato quali devono essere i primi interventi di soccorso: estrazione del casco, posizionamento del collare cervicale e immobilizzazione della tavola spinale.


Quando gli obiettivi formativi della scuola coincidono con quelli delle agenzie educative del territorio, l’aspettativa che i ragazzi diventino cittadini consapevoli si fa realtà: “consapevolezza” significa infatti “saper con”, sapere insieme con gli altri. Ed è per questo che possiamo ringraziare la Pubblica Assistenza e i suoi volontari.

 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: