none_o

Nei giorni 26-27-28 aprile verranno presentati manufatti in seta dipinta: Kimoni, stole e opere pittoriche tutte legate a temi pucciniani , alcune già esposte alla Fondazione Puccini Festival.Lo storico Caffè di Simo, un luogo  iconico nel cuore  di Lucca  in via Fillungo riapre, per tre mesi, dopo una decennale  chiusura, nel fine settimana per ospitare eventi, conferenze, incontri per il Centenario  di Puccini. 

#NotizieDalComune #VecchianoLavoriPubblici #VecchianoSport
none_a
Pisa, 17 marzo
none_a
Comune di Vecchiano
none_a
. . . quello che si crede sempre il migliore, ora .....
. . . la merxa più la giri, più puzza e te lo stai .....
. . . camminerebbe meglio se prima di fare il tetto .....
Ad un grosso trattore acquistato magari con l'aiuto .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Colori u n altra rosa
Una altra primavera
Per ringraziarti amore
Compagna di una vita
Un fiore dal Cielo

Aspetto ogni sera
I l tuo ritorno a casa
Per .....
Oggi è venuto a mancare all’affetto di tutti coloro che lo conoscevano Renato Moncini, disegnatore della Nasa , pittore e artista per passione. .....
VECCHIANO
21 marzo 2012: T e F ha presentato mozione sulla scuola dell'Infanzia di Nodica

22/3/2012 - 23:26


Lista Civica “Tradizione e Futuro”
Galleria Giusti 177 -  Vecchiano             
                                                                                  Vecchiano, 19/03/2012
 
 


I sottoscritti consiglieri comunali della lista Tradizione e Futuro
 A verifica delle linee programmatiche illustrate nel consiglio comunale del 31/05/2011 al riguardo di:
“Istruzione diritto di tutti: L’azione amministrativa dovrà continuare a mantenere ….. idonee e sicure le strutture scolastiche”
Relativamente ai lavori effettuati dall’amministrazione dal mese di novembre 2011 sulla parte esterna della scuola dell’infanzia di Nodica
Premesso che nell’ottobre scorso, dopo i sopralluoghi fatti dalle Consigliere Laura Barsotti e Angela Baldoni in tutti gli edifici  scolastici del Comune,  erano emerse notevoli problematiche riguardanti sia la parte esterna sia quella interna della scuola dell’infanzia di Nodica.
Considerato che l’accesso al giardino è stato vietato ai bambini per diverso tempo (circa 2 mesi) a causa di lavori in corso sulla parte esterna.
 
Valutato che la parte esterna della scuola è una grande risorsa per la struttura dato il grande numero dei bambini che la frequentano.
 
Tenuto conto che diversi genitori si sono lamentati più volte della struttura segnalando che nel giardino, costituito prevalentemente da terra battuta, insiste un cordolo in cemento rialzato che delimita la nuova piattaforma dell’area giochi in gomma colata di 84 mq sulla quale è stato sviluppato il tema del mare, oltre ad un tombino in cemento anch’esso rialzato rispetto al livello del terreno e sui quali i bambini, giocando, potrebbero inciampare, cadere e farsi male.
Chiedono al Consiglio
Di esprimersi sull’argomento e di impegnare l’attività dell’amministrazione, in particolare dell’Assessore competente, a prendere iniziative che possano concretamente dare una sollecita soluzione positiva alle istanze  della popolazione e in ottemperanza, d’altronde,  a promesse fatte in campagna elettorale dalla lista di maggioranza Insieme per Vecchiano, volte all’efficienza e all’efficacia dei servizi e della gestione degli stessi.
 
 I consiglieri


Laura Barsotti
Carlo Cavalletti
Leonido Giorgio Marianetti
Angela Baldoni

 



+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

23/3/2012 - 8:39

AUTORE:
babbo di nodica

di cuore il lavoro che stanno facendo i consiglieri all'opposizione. Cerchiamo di investire meno soldi nelle opere che non tutti i cittadini godono, e un pò di più nelle scuole che quelle sono di tutti.