none_o

Se la guerra si dovesse decidere in televisione probabilmente sarebbe una guerra infinita, stante le diverse e spesso divergenti opinioni. Su tutto, sulle cause, le strategie, le soluzioni. Ma ogni opinione è di per sé, per definizione, rispettabile, se non presa per interesse personale o strategia politica. Ognuno ha il diritto costituzionale di esprimere la sua evitando sempre di offendere gli altri.

La saluto affettuosamente senza improperi…non mi .....
. . . . . . . . . . . . . . . tu sia indottrinato .....
. . . . trovatene uno bono, ne hai immensamente bisogno. .....
Apprezzo l’impegno, ma il risultato è scarso, .....


Quando la poesia chiama bisogna rispondere.

(di Nadia Chiaverini)


Credo che nascondere o modificare il proprio corpo che invecchia, faccia parte di un agire - imparato - che non vuole farci accedere con agio alla saggezza dell'invecchiamento.


Quando ero bambina aspettavo con entusiasmo la seconda domenica di maggio perché era la festa della mamma e coincideva con quella del paese di Migliarino dove vivevo con la mia famiglia.

Giovanni Frullano eletto segretario all’unanimità
none_a
Sinistra Civica Ecologista–Sinistra Italiana–Europa Verde Verdi
none_a
L'opinione di LILLY CAMOLESE
none_a
dal web (a cura di BB, red VdS)
none_a
di Teresa Bellanova, Senatrice della Repubblica Italiana
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
MIgliarino-Vecchiano calcio
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Sentirsi come zolla di terra appena arata e accogliere i semi portati dal vento per sperare sempre in nuove messi.
Ho apprezzato moltissimo che qualcuno abbia sentito il bisogno di far conoscere la scritta di un probabile spacciatore-tossicodipendente poeta presso la .....
VECCHIANO
Il Consiglio Comunale ricorda Antonio Tabucchi

5/4/2012 - 10:32

Sostiene Marianetti

 

Massimo Marianetti, in rappresentanza del Comune di Vecchiano, ha partecipato alle esequie di Antonio Tabucchi a Lisbona il 28 e 28 marzo. Insieme a lui c'erano Massimo Magagna, Fausto Guccinelli, Fabrzio Sbrana e Piero Chicca, amici di Antonio. Pubblichiamo la toccante testimonianza di Marianetti delle due giornate passate a Lisbona.

 

Il gruppo di Insieme per Vecchiano mi ha chiesto di intervenire a nome di tutti e vorrei condividere con l'intero consiglio il ricordo di Antonio Tabucchi. Lo faccio a partire dai funerali che si sono svolti a Lisbona mercoledì 28 e giovedì 29 scorso. Le cronache dei maggiori quotidiani italiani ne hanno parlato, ma vorrei portare la mia esperienza. Il funerale è stato solenne, per la forma, ma semplice, sereno, intenso, più che un addio è stato un arrivederci, un arrivederci alle pagine dei suoi libri.
 
Siamo arrivati alle 15 al Cimitero monumentale di Lisbona, io, Massimo Magagna, Fausto Guccinelli, Fabrizio Sbrana, e Piero Chicca. A Piero Chicca Ernesto Antonio ha dedicato un racconto di Il Tempo invecchia in fretta, dal titolo Nuvole, parla di un ufficiale italiano che ha combattuto in Kossovo, ha un cancro e sta morendo e incontra una bambina intelligente e arguta con la quale comincia a conversare e conversando le insegna la nefelomanzia, l'arte di indovinare il futuro attraverso le nuvole. Un racconto toccante se lo rileggiamo oggi. Metafora della letteratura che come le nuvole si forma e si disfa davanti ai nostri occhi.
 
Ci siamo uniti ad una piccola folla circondata da fotografi e cameramen e abbiamo atteso qualche minuto l'arrivo del carro funebre. Un carro enorme, elegante. Ci siamo raccolti intorno i familiari e abbiamo iniziato il corteo attraverso il cimitaro imboccando il viale che attraversa la parte dedicata agli scrittori portoghesi. Ad un certo punto il carro si è fermato e gli addetti dell'agenzia funebre hanno srotolato un tappeto rosso e collocato un piccolo leggio. Un piccola cassetta di legno, con le ceneri, semplice, è stata deposta sul leggio e si sono tenute le orazioni funebri, nelle tre lingue che sono state le lingue di Antonio Tabucchi, quelle che lui ha abitato e che portrava sempre con sé: il francese, il portoghese e l'italiano.
 
Bernard Comment suo traduttore francese ha ringraziato Antonio per l'amicizia che ci ha dato e il libri che ha lasciato, un sentimento di gratitudine che è comune a tutti noi. Poi è stato la volta di Antonio Mega Ferreira, uno scrittore portoghese, che ha ricordato la figura di Antonio come “il più portoghese degli scrittori europei”, e più precisamente come uno “scrittore portogese che scriveva in italiano”. E infine Andrea Bajani un giovane scrittore italiano, al quale Antonio era molto legato e al quale ha letto e dettato gli ultimi suoi testi. Bajani ha tracciato un ritratto fresco, divertente di Antonio, la sua autoironia. Come l'ultimo giorno che Andrea andò a fargli visita in ospedale, e Antonio si è alzò a sedere sul letto e si è mise la mascherina dell'ossigeno sulla fronte, dicendo mi devo ossigenare anche il cervello e non solo il corpo. Andrea ci ha ricordato che Tabucchi finché ha avuto vita ha scritto, ha dettato quando non ce la faceva più. Ma ha utilizzato ogni secondo di vita per scrivere.
 
Nella prefazione datata gennaio 2011 ad uno dei suoi ultimi libri, Racconti con figure, dove ha riuniti testi editi e inediti che hanno avuto origine, da quadri o fotografie, uno di questi è dedicato a Alessandro Tofanelli, Antonio scrive che la scrittura è inversamente proporzionale al tempo. Le pagine aumentano e il tempo si assottiglia. Il tempo di Tabucchi è finito, ma la sue pagine continueranno ad agire nelle menti dei suoi lettori, nelle lezioni che i suoi molti allievi terranno ai loro allievi, nelle scelte degli editori.
 
Mercoledì l'omaggio alla camera ardente. L'appuntamento era alle 18 alla biblioteca municipale di Lisbona, in un antico palazzo. La camera ardente era allestita nel salone centrale, tra i libri. Un tappeto pregiato dell'artigianto portoghese copriva la bara, e al fianco tante corone di fiori. Un silenzioso omaggio è stato reso da molte persone, molti amici, scrittori, editori, tanti suoi allievi. Paolo Mauri ha preso la parola per primo. Poi molti interventi, Carlo Feltrinelli, Davide Benati. E' intervenuto anche l'ambasciatore italiano Varriale, che ha ricordato come Tabucchi sia stato un diplomatico dirigendo per alcuni anni l'Istituto culturale italiano a Lisbona. Sono intervenuto anch'io e ho partecipato alla famiglia e ad Antonio l'affetto e l'amicizia di Vecchiano, ho ricordato la celebrazione che Vecchiano teneva l'indomani. La famiglia in privato mi ha ringraziato per questo intervento. Poi ci sono stati altri momenti toccanti come quelle della nipotina Beatrice figlia di Teresa, che ha ricordato come il nonno fosse un uomo onesto, e poi dopo un breve silenzio che gli diceva sempre che era la nipote preferita, anche se era l'unica. Poi il coro della Gulbenkian che ha intonato canzoni dell'opposizione al regime di Salazar, sui testi di tanti amici scrittori che Antonio ha conoscituo a Lisbona negli anni sessanta. Il tributo della politica è stato grande con la presenza silenziosa del leader storico dei socialisti portoghesi, e ex presidente della Repubblica Mario Soares, e di Pierluigi Bersani, che ha salutato i familiari.
 
Quando abbiamo appreso la notizia della morte molti di noi sono rimasti sorpresi, io ho preso il telefono e ho telefonato a Lisbona a casa sua. C'era la segreteria con la voce della moglie e ho lasciato un messaggio: ho appreso la notizia, ma è vero? Mi sono scusato, ma la moglie mi ha rassicurato, abbiamo scelto di non far sapere a nessuno, tranne pochissimi. Ma per venire alle comunicazioni del sindaco credo che interrogarci su cosa possiamo fare per onorarlo degnamente, significhi prima di tutto di riconoscere il valore dei doni che ci ha fatto.
 
Riconoscre questo è già rendergli omaggio. Il volume d'arte, Campane del mio villaggio, scritto e lasciato a Vecchiano ha per noi un valore immenso, e poi le lezioni che ci ha lasciato, alla nostra Biblioteca una locandina ingiallita ricorda una lezione che tenne anni fa e poi la partecipazione ad un omaggio del Comune in suo onore, che ebbi l'onore di coordinare come l'altra sera ha fatto l'amico Ovidio Della Croce. Ed infine l'ultima lezione, l'Elogio della letteratura che Antonio nell'entusiamo generale e con una grande emozione fece a Migliarino il 17 maggio 2011, invitato dall'Associazione culturale La Voce del Serchio. L'elogio che fece era un canovoccio che mi aveva dettato molto tempo prima, e che seguiva sempre in tante occasioni importanti in istituzioni culturali prestigiose. Il fatto che l'abbia fatto anche da noi è un grande onore per tutti, in quella sera speciale ci stava salutando e ci ha lasciato un grande insegnamento, che la letteratura non ha oggetti particolari, tutto può essere degno di attenzione e diventare letteratura, perché gli scrittori sono liberi, sono la voce allo stato puro e se lo scrittore vuol parlare del cardellino posato sul davanzale della sua finestra è libero di farlo, e se vuol dire a uno che è fascista, che è fascista lo deve fare senza paura di delegittimare nessuno.
 
Tabucchi è stato un grande lettore. Spesso quando riceveva un libro o un manosritto che non gli piaceva mi diceva: ma perché la gente non legge invece di scrivere? Amava i libri e la sua letteratura è un omaggio ai libri. Per scrivere aveva bisogno di tanti libri e a Vecchiano ha una grande biblioteca.
 
Tabucchi è stato un grande maestro, gli piaceva insegnare e parlare con gli studenti, ma era severo ed esigente. Agli esami non chiedeva mai quello che aveva insegnato voleva parlare di letteratura. Ho avuto la fortuna di parlare con lui di letteratura, per lui la letteratura non è una materia di insegnamento, è la vita, ivi compresa la politica, e come la vita e la politica la letteratura non è mai neutra.
 
Ecco questi sono, secondo me, i punti su cui dobbiamo lavorare per pensare e organizzare un degno ricordo. La biblioteca della Casa di Vecchiano, che è straordinaria. Il suo ruolo e la sua curiosità verso quello che scrivevano giovani scrittori, ma anche l'attenzione alle ricerche di tanti giovani studenti.

 

Massimo Marianetti

Consigliere comunale di Insieme per Vecchiano

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

6/4/2012 - 20:24

AUTORE:
Beppe de la mora

San Mauro celebra il 'suo' Pascoli con francobollo, moneta e ristampa volume!

Forli', 6 apr. - (Adnkronos) - San Mauro (Forli'), paese natale di Giovanni Pascoli, ha celebrato oggi il centenario della morte del grande poeta con l'annullo filatelico primo giorno del francobollo commemorativo dedicato al cantore del ''Fanciullino'', con la presentazione della moneta da due euro coniata dalla Zecca di Stato e dedicata allo scrittore che avra' corso legale dal 23 aprile prossimo e da un convegno dedicato alla ristampa anastatica della raccolta ''Myricae'' (seconda edizione 1892).

6/4/2012 - 17:11

AUTORE:
Ultimo

.......... concludendo il suo commento " Sono convinto che delle nostre targhe Antonio e Davide da lassù non gliene importa niente, hanno altro e di meglio da fare, insieme a tutti gli altri che sono con loro. " Signor Marianetti, non crede che questa frase valga per tutti? Non crede che anche a Giuseppe Garibaldi, Peppino Impastato, ecc ....... da Lassù importi qualcosa se Vecchiano gli ha dedicato una strada o una piazza? Loro Lassù hanno altro di meglio da fare! La dedica non serve tanto a queste persone che hanno meritato di essere ricordate a chi non le ha conosciute ......... quanto a far si che resti a lungo nella memoria di tutti noi concittadini ed anche perchè hanno lasciato un segno in tutta Vecchiano. Credo che le targhe servano a noi molto più che a Loro. ...... Ultimo.

6/4/2012 - 12:40

AUTORE:
Chiara

le targhe non servono di certo nè a Davide e la sua famiglia nè a Tabucchi...servono a noi per ricordare...e per quanto la morte del piccolo Davide ci abbia addolorato come quella di qualsiasi altro nostro caro non credo, ma è solo una mia opinione, sia utile intestare vie e piazze a persone defunte...serve se e solo se quelle persone hanno avuto un ruolo molto importante non solo nella loro piccola comunità ma a livello nazionale ed internazionale...la piazza che vorrei dedicata a Tabucchi non serve di riconoscimento a lui, che di riconoscimenti ne ha ricevuti di ben altro livello, ma a noi, paesani di Vecchiano, perché chi si trovi in quel luogo possa ricollegare quella personalità nota ed importante a noi gente comune.

6/4/2012 - 10:30

AUTORE:
Massimo Marianetti

"E allora, non chiedere mai per chi suoni la campana. Essa suona per te". Mi torna in mente la dolcezza di questo sermone di Jhon Donne, reso immortale da uno scrittore americano. La morte di una persona ci rende evidente la nostra umanità, di essere tutti accomunati dal fatto che le differenze di intelligenza, fama o fortuna incontrate nella vita si annullano, si azzerano. Si livellano, direbbe Totò. La morte di Davide, per una rara malattia, terribile e fulminante, è stata uno strazio, un dolore atroce, per tutti, soprattutto per chi ha figli di quell'età. Vede cara Donna, la capisco profondamente, ma Antonio Tabucchi, abitava vicino a quel bambino, li ha visti nascere, li conosceva personalmente, prima la sorellina maggiore e poi i due gemellini. Mi piace immaginarlo lassù in cielo tra le sue amate Nuvole, sono convinto che appena arrivato è andato a cercare tutte le persone che conosceva e tra tutte le persone che per la sua fama ha conosciuto c'è anche Davide. Mi piace immaginarlo affacciarsi al muretto e magari brontolarlo un po' perché i giochi che faceva nella corte lo disturbavano nel cercare le parole dei suoi libri. Mi piace immaginare che Davide si sarà calmato ed ora è contento di aver trovato la compagnia di Antonio, di un amico così importante. Sono sicuro che tutte le sere gli leggerà un novella, la novella di "Buettino". E Davide la sera dopo gli dirà, me la leggi ancora Antonio. Sono convinto che delle nostre targhe Antonio e Davide da lassù non gliene importa niente, hanno altro e di meglio da fare, insieme a tutti gli altri che sono con loro.

5/4/2012 - 15:13

AUTORE:
Donna

Non voglio essere letta male, ma mi farebbe piacere che qualcosa sia dedicata al tabucchi, però sembrerebbe anche più logico che qualcuno non ricordasse i prp concittadini solo xchè sn stati famosi, ma ricordaste pure coloro meno famosi come il piccolo Davide morto a soli sei anni per una meningite fulminante, a lui come ad altre persone non vi è stato intitolato nessuna strada o piazza....bona!!!

5/4/2012 - 14:58

AUTORE:
Ultimo

......... forse ti è sfuggito, ma alcuni giorni fa ho scritto nel forum che sarebbe stato gradito dai cittadini onorare Antonio dedicandogli una strada o una piazza importante ......... non solo .... ho anche suggerito che altre strade portassero il nome dei suoi libri o dei personaggi che li abitano ........ ad esempio "via Pereira" "via Requiem" eppercheno "via Pessoa" tanto per fare degli esempi. Il fatto che anche tu abbia pensato la stessa cosa, anche se in campagna elettorale eravamo su diverse sponde, vuol dire che la nostra sensibilità è simile ...... e il fatto che tu pensi come me non può che farti onore. ........ Ultimo.
P.S. sei abbastanza intelligente per capire che l'ultima riga era una battuta.

5/4/2012 - 11:45

AUTORE:
Chiara

passando sulla strada provinciale ha catturato la mia attenzione la targa col nome di "Peppino Impastato" (spero di non essermi sbagliata)intestazione della piazza del vecchio campo sportivo ed ho pensato che sarebbe molto bello dedicare una piazza ad Antonio Tabucchi...quella sarebbe stata ideale secondo me per la posizione in cui si trova perché come ha catturato la mia attenzione catturerebbe quella di chiunque si trovasse a passare per Vecchiano e anche chi non lo sapesse potrebbe ricollegare il nostro paese a questa grande personalità...penso che Peppino non se ne avrebbe a male... io il sig. Tabucchi non l'ho conosciuto personalmente, ho solo letto di lui, ma è con immenso orgoglio che ogni volta che viene nominato dico di essere sua compaesana!!!