none_o


L'articolo di oggi non poteva non far riferimento alla festa del SS. Crocifisso che Pontasserchio si appresta a celebrare, il 28 aprile.Da quella ricorrenza è nata la Fiera del 28, che poi da diversi anni si è trasformata in Agrifiera, pronta ad essere inaugurata il 19 aprile per aprire i battenti sabato 20.La vicenda che viene narrata, con il riferimento al miracolo del SS. Crocifisso, riguarda la diatriba sorta tra parroci per il possesso di una campana alla fine del '700, originata dalla "dismissione" delle due vecchie chiese di Vecchializia. 

. . . quanto ad essere informato, sicuramente lo sono .....
Lei non è "abbastanzina informato" si informi chi .....
. . . è che Macron vuole Lagarde a capo della commissione .....
"250 giorni dall’apertura del Giubileo 2025: le .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Colori u n altra rosa
Una altra primavera
Per ringraziarti amore
Compagna di una vita
Un fiore dal Cielo

Aspetto ogni sera
I l tuo ritorno a casa
Per .....
Oggi è venuto a mancare all’affetto di tutti coloro che lo conoscevano Renato Moncini, disegnatore della Nasa , pittore e artista per passione. .....
none_o
IL CERCHIO MAGICO
di Madamadoré

15/4/2012 - 11:55

Da qualche giorno nel  nostro linguaggio quotidiano è entrato,  con prepotenza mediatica,   il  termine   “cerchio magico” .  Ma cosa è il “cerchio magico” ?  Chi sono i  cerchisti magici ? 

Il termine in questione, risale agli antichi babilonesi, ma se ne trova traccia molto frequente nel periodo medioevale dei maghi e delle streghe.

Si tratta di un cerchio immaginario che racchiude al suo interno energie sublimi, esseri superiori e potenti, lasciando fuori di esso le miserie della vita degli uomini comuni.

Dentro questo cerchio magico, dove si è protetti dal potere divino, si prendono  decisioni e si scelgono  strategie di azione, insomma un vero centro direzionale di potere.

 Il simbolo del cerchio rappresenta la pienezza , la continuità e la ciclicità. il cerchio viene considerato un simbolo di pienezza dell'individuo e l'archetipo dell' "io", che si distingue dalla misera debolezza del “noi”. 

I “cerchisti magici” , sono gli individui, che come  i maghi ciarlatani e le streghe cattive dell’età medioevale,  esaltano il proprio “io” acquisendo i poteri conferiti dal privilegio di vivere nel circolo magico. Insomma l’arroganza dell’ ”io” contro l’impotenza del “noi”. Il cerchio magico è un modus vivendi di concepire l’esistenza ed è anche un sistema di “governo” molto diffuso nel nostro Paese. ( L. Ficara)

 

Da un po' di tempo le metafore si sprecano, le più recenti sono quella della Concordia e del suo capitano che l'abbandona, adesso questa del cerchio magico.

Questa  mi evoca immagini non solo politiche, ma anche quotidiane. Ognuno di noi conosce qualche cerchio magico, lo ha vissuto, ci si è scontrato. Ce ne sono molti in giro, forse ne abbiamo anche uno personale, familiare. Ognuno di noi chiude un po', fa quadrato intorno alle persone care.

Giusto, a volte necessario.

Ma i cerchi che mi vengono in mente fanno proprio riferimento a questa continua contrapposizione tra l'io e il noi.

Un io, anzi un ego alimentato continuamente, mai sazio, che chiede sempre di più.

Un io solitario, sempre in corsa, che guarda con diffidenza l'altro, perchè potrebbe portargli via l'occasione che sta aspettando, un io che va giù dritto senza guardare in faccia a nessuno, che non fa sconti.

Un io quotidiano che incontriamo nei posti di lavoro, nei vari luoghi che frequentiamo nel nostro tempo libero.

Un io che ha bisogno che gli altri lo adulino, gli permettano di stare nel proprio teatrino.

Un io sempre più miope e sordo, che sa meglio urlare che parlare. Un io che è indifferentemente maschile o femminile, ammetto che questa la scrivo con sofferenza, ma l'io femminile non sta dimostrando maggiore attitudine nel mattere in pratica  atteggiamenti di solidarietà, di condivisione, di collaborazione e di mediazione.

Un io diviso dall'altro, a volte anche poco comunicante con il sé profondo, e infatti rischiamo sempre più frequentemente, malattie da stress. Un io che fa fatica a gettare lo sguardo oltre le proprie scarpe, che pensa che tutto ciò sia legittimo.

Un io che pretende molto per se stesso e molto poco da se stesso.

Credo che si dimentichi  che l'io senza gli altri non può esistere, con gli altri ci dobbiamo fare i conti, e quante energie e risorse sprechiamo nell'affermarci a discapito degli altri, per affermare la differenza. Non l'abbiamo esaltata troppo il valore della differenza? E l'uguaglianza? Dove è finita questa parola? Non ha più valore? Però dimentichiamo che è nel gioco della differenza e uguaglianza che ci definiamo.

Io, io, io e il noi?

Quando proveremo a costruirlo, a dargli voce? Il noi a differenza dell'io si soddisfa e soddisfa, si autoalimenta e alimenta la speranza del futuro, la sua visione,  appassiona e sa di buono, cresce con un movimento a spirale, cresce poggiando su quello che è stato costruito, ha bisogno di un passato per guardare al futuro, fa tesoro degli errori, non li nasconde. Il noi è la relazione che i tanti io riescono a tessere. E anche qui arriva un'altra metafora: tessere, ma noi neanche sappiamo più cucire o rammendare, tutte azioni che hanno a che fare col tenere insieme,  noi siamo più abili a strappare, purtroppo.

C'è un dialogo tra Marco Polo e il Gran Kan che racconta bene tutto questo, un dialogo che evoca concetti che nessuno dei due interlocutori possiede, che vengono messi in luce in virtù del potenziamento, come effetto del loro relazionarsi, e il risultato diventa maggiore della somma dei dati che loro hanno a disposizioni singolarmente.

Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra.


- Ma qual è la pietra che sostiene il ponte? - chiede Kublai Kan.
- Il ponte non è sostenuto da questa o quella pietra, - risponde Marco,
- ma della linea dell'arco che esse formano.
Kublai Kan rimane silenzioso, riflettendo. Poi soggiunge : - Perché mi parli delle pietre? È solo dell'arco che m'importa.
Polo risponde : - Senza pietre non c'è arco.

( Le città invisibili, I.Calvino)
 
 
 
 
 
 
 
 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri