none_o

In questo periodo di grande confusione una guida medica per chi è malato o pensa di esserlo perché ha avuto, o pensa di aver avuto, un contatto con un positivo al Covid. Un contributo della Voce per fare chiarezza.
 

Massimiliano Angori
none_a
Arci Servizio Civile Pisa
none_a
Massimiliano Angori
none_a
Confraternita Misericordia di Vecchiano
none_a
. . . . . . . . . . . . . . . . è il mio suggerimento .....
. . . ancor di più se avessi il tuo indirizzo mail, .....
. . . t' accontento. Una cosa giusta l'hai detta : .....
Un vecchianese; un pole di la sua ricalcando un pensiero .....
Vecchiano è Voilontariato
#tantifiliunasolamaglia


“Il gioco serio del teatro”

Vecchiano è volontariato
#tantifiliunasolamaglia

L'associazione culturale La Voce del Serchio ospite del giornale online da cui è nata

....Ci siete? Proviamo ad aprire quella porta e ad incontrarci?
Mandateci un messaggio e noi organizzeremo un incontro.

C’è un’idea strana che aleggia su Migliarino, una sorta di profezia, a Migliarino non c’è niente e non succede niente.Siamo sicuri che a Migliarino non ci sia nulla? Proviamo a fare un inventario...

Franca
none_a
La bellezza è negli occhi di chi guarda
di Luigi Polito e Sandro Petri
none_a
Di Matteo Cannella
none_a
La bellezza è negli occhi di chi guarda
di Luigi Polito e Sandro Petri
none_a
San Giuliano Terme
none_a
Elezioni del PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ITALIANA
none_a
Alberto Zangrillo - covid
none_a
Circolo Arci Vasca Azzurra Nodica
none_a
Comelico Superiore, Veneto
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Accade a volte
che in sere con orli d'autunno
il ricordo sovvenga di quando
sul finire di scale e cortili
cosparsi nel vento
folle divenni,
senz'altro .....
Con grande dispiacere e soltanto casualmente in questi giorni sono venuta a conoscenza della morte del Dottor Assanta. Ritengo sia stato un esempio di .....
67° ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE
Sogno di Livia Gereschi, ragazza e maestra

25/4/2012 - 13:14

La notte del 10 agosto del 1944, mentre stava dormendo in una capanna vicino a Massarosa, Livia, vinta dalla stanchezza delle giornate incredibili appena trascorse, fece questo sogno. Si trovava in una residenza femminile a Berlino, quando Elly, la sua più cara compagna di studi, la svegliò dolcemente: dai Livia, svegliati, alzati e preparati! Livia si alzò e scelse il vestito a fiorellini, il migliore che aveva. Si sistemò i capelli alla moda del tempo, aggiungendo un semplice nastro. Si dette uno sguardo allo specchio e, prendendo la cartelletta nuova, si osservò soddisfatta e orgogliosa di sé. Era il suo primo giorno di scuola come maestra elementare.

Pur essendo italiana sapeva bene il tedesco: era stata selezionata per insegnare in un’importante scuola di Berlino. Amava la lingua tedesca e la conosceva a tal punto che sapeva a memoria filastrocche e ninnananne. Nella cartelletta rossa aveva pochi oggetti, ma tutti nuovi di zecca: il diario dell’insegnante, i pastelli Presbitero, un’appuntita matita rosso-blu. Si avviò anche verso la scuola.

Quando entrò in classe, un po’ emozionata, una trentina di bambine, quasi tutte bionde, scattarono in piedi tutte insieme e dissero in coro: Guten tag, liebe lehererin! Herzlichst willkommen. Buongiorno Maestra! Benvenuta di cuore! Il sogno finì bruscamente, Livia venne svegliata di soprassalto da una guardia tedesca e portata alla Sassaia.

 

Nota sulla sognatrice

 

LIVIA GERESCHI Nata a Pisa il 7 gennaio 1910, dove si laureò e intraprese la professione di insegnante di lingue straniere. Studiò in Germania e imparò il tedesco. Durante la guerra con lo sfollamento si rifugiò a Pugnano in una stalla adibita a ricovero. Di sentimenti antifascisti, aveva un comportamento esemplare e sobrio, molto dignitoso e riflessivo. Possedeva buone capacità di incoraggiare e di consolare chi le stava intorno. La notte fra il 6 e il 7 agosto 1944 le SS, con lo scopo di arrestare partigiani, effettuarono un  rastrellamento presso La Romagna, arrestando trecento persone. Livia Gereschi si offrì per andare a parlare con i tedeschi in difesa degli sfollati. Ottenne così di far rilasciare donne e bambini, ma non gli uomini; lei stessa venne incolonnata insieme a loro e portata via. Nella mattina dell’11 agosto Livia Gereschi, insieme a un gruppo costituito da 69 persone, fu portata in una località chiamata La Sassaia e fucilata l'11 agosto insieme agli altri.

Scuola media I. C."Livia Gereschi" di Pontasserchio, classe 3B

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri