none_o

Correva l’anno 1867 quando Henry Nestlè comunicò alla stampa di aver salvato la vita ad un bambino prematuro la cui madre non poteva allattarlo perché gravemente malata. Disse di averlo nutrito con un prodotto costituito da “latte svizzero intero con l’aggiunta di cereali cotti al forno con un procedimento speciale di mia invenzione”. Era nata la famosa farina lattea che procurò al signor Nestlè ingenti guadagni....

Settembre, tempo di passeggiate.
none_a
#NotiziedalComune #EstateVecchianeseInsiemeaDistanza
none_a
AVVISO
none_a
. . . . . . . . . . . . . . Mattarella ha dato, con .....
Il vero problema attuale che dovrebbe attuare la politica .....
C'è un paesone, in Puglia, Lesina provincia di Foggia, .....
Fattori Tommaso 39. 667 Toscana a Sinistra 46. 270 2, .....
Villa di Corliano, 4 ottobre
none_a
San Giuliano Terme
none_a
Molina di Quosa, 29 settembre
none_a
Molina di Quosa, 25 settembre
none_a
Marina di Pisa
none_a
Villa di Corliano, 4 ottobre
none_a
Pisa, 20 settembre
none_a
Marina di Pisa, 18 e 19 settembre
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      BURRACO!

    Proseguono le attività del Circolo cercando di rispettare tutte le misure anti-Covid. Da venerdi 21 riprendono i tornei di Burraco con una serie di importanti misure di sicurezza tra cui la prenotazione obbligatoria per l'assegnazione del tavolo, norme severe per divertirsi in sicurezza.

    Tutte le notizie sulle attività sul sito FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
2 Giugno: Siamo tutti italiani, siamo tutti sangiulianesi
Cittadinanza simbolica ai figli di stranieri italiani

31/5/2012 - 19:32



“Gentilissime Famiglie,l’amministrazione comunale di San Giuliano Terme ha deciso di concedere ai vostri figli e figlie, nati in Italia, la Cittadinanza Simbolica”. Inizia così la lettera che il Sindaco di San Giuliano Terme ha voluto inviare, in occasione del 2 di giugno Festa della Repubblica, alle famiglie di cittadini stranieri residenti a San Giuliano Terme con figli ancora senza cittadinanza. Tale iniziativa, considerate le attuali leggi italiane di cui ricordiamo ha auspicato un cambiamento il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, ha solo un valore appunto simbolico senza alcun valore giuridico e senza dar seguito all’acquisizione di tutti quei diritti connessi alla cittadinanza vera e propria.
“Con questo gesto vogliamo comunque – scrive Panattoni nella lettera - dare un forte segno di riconoscimento alla vostra presenza che contribuisce alla crescita della nostra comunità, anche con la presenza dei vostri figli che diventano adulti nelle scuole sangiulianesi accanto ai nostri. Crediamo sia questo il modo migliore per far crescere il nostro Paese, anche nel nome dei “Nuovi Cittadini””. “Nell’attesa che il Parlamento Italiano approvi una nuova legge sulla cittadinanza – ha sottolineato il Sindaco alla presentazione della iniziativa - è importante riconoscere le seconde generazioni di stranieri come parte integrante della nostra società. Bambini che rimangono troppo a lungo legalmente “stranieri” nonostante siano, e si sentano, italiani nella loro vita quotidiana”.
La cerimonia di consegna dell’attestato, che sarà accompagnato dal dono di una copia della Costituzione Italiana – ha annunciato l'assessora Fortunata Dini - avrà luogo presso la Sala Consiliare del Comune (via Niccolini, 40) sabato 2 giugno dalle ore 11.00. Sono un centinaio i bambini sangiulianesi che avrebbero “diritto” a questo riconoscimento. Per adesioni e conferme delle famiglie interessate si deve telefonare allo 050.819246 e 050819233 entro le ore 14.00 di venerdì 1 giugno. Alla cerimonia interverranno Juri Sbrana Vice Sindaco, Fortunata Dini Assessora Politiche Sociali, Casa, Famiglia, Pari Opportunità, Sergio Di Maio Presidente del Consiglio Comunale, Silvia Pagnin Assessora Provincia di Pisa alla Cultura, Cooperazione allo Sviluppo, Integrazione ed intercultura, Dia Papa Demba Coordinatore Regionale Consigli e Consulte degli Stranieri e Salvatore Allocca Assessore Regionale alle Politiche Sociali, Casa, Pari Opportunità.
Nel pomeriggio - ha poi spiegato la Dini - vogliamo festeggiare questa nostra Festa nazionale, ovviamente con un pensiero rivolto alla tragedia terremoto in Emilia, con questi cittadini e tutti gli altri. Per questo il ritrovo è fissato dalle ore 17,00 in poi nel Parco della Pace a Pontasserchio, dove si potrà assaggiare tutti assieme alcuni piatti tipici che potranno essere preparati e portati anche da famiglie straniere secondo le loro tradizioni.


+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




2/6/2012 - 9:42

AUTORE:
valerio ciacchini

Nel mio commento precedente, mi è passato di specificare, ....figli nati da genitori stranieri regolari...., cioè che non siano clandestini, che abbiano un lavoro stabile ed una casa in cui vivere, questo in risposta anche a "nazionalista", per fugare la sua preoccupazione.

Valerio Ciachini

1/6/2012 - 21:17

AUTORE:
nazionalista

secondo me se passasse una legge nazionale per la cittadinanza ai nati in Italia comincerebbero ad arrivare barconi pieni di donne incinte... fatta la legge fatto l'inganno.

1/6/2012 - 15:00

AUTORE:
valerio ciacchini

Sono completamente d'accordo sulla iniziativa, sono dispiaciuto del fatto di non poter partecipare alla cerimonia per impegni familiari. I ragazzi nati in Italia da genitori stranieri, sono a tutti gli effetti già italiani, la loro vita sociale è completamente italiana, a volte tornano ad essere stranieri solo nel loro focolare domestico, altre volte invece no come la povera Ina, che per quella sua grave violazione alle tradizioni pachistane, ha pagato con la vita l'essere diventata troppo occidentale. Quindi questo deve essere anche un segnale ed un monito ai genitori, per far capire loro che la comunità Sangiulianese è vicina e tutela i loro figli.

Valerio Ciacchini