none_o

Servono forse convegni interminabili, ospiti illustri e location spaziali per ottenere partecipazione e divertimento? Servono mezzi illimitati, spazi dedicati, progetti faraonici per riunire persone e Associazioni per un progetto comune di alto livello? Talvolta, come è successo questo sabato, basta un piccolo spazio ed una piccola occasione per ottenere risultati eccellenti e oltre ogni aspettativa. 

. . . . . . . . . . . . . per nascondere la strizza. .....
Salvini era al governo nel posto che voleva, si è .....
E' una regola: due volte al mese, primo e terzo lunedì .....
A parte il fatto che appare assai singolare mandare .....
di Bruno Pollacci
none_a
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
Dal mondo
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
FIAB Pisa
none_a
Con le “De Soda Sisters”
none_a
Presentazione libro-24 gennaio
none_a
Confcommercio
none_a
Molina di Quosa, 25 gennaio
none_a
Pisa, 24 gennaio
none_a
Pisa
none_a
Pontasserchio, 16 gennaio
none_a
CSI -Centro Sportivo Italiano
none_a
Le squadre di ValdiSerchio
di Marlo Puccetti
none_a
Le squadre di Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Le squadre di Val di Serchio
di Marlo Puc
none_a
Nella notte fredda e bianca
la Befana un poco arranca
urge ormai di farsi l'anca
e per questo sembra stanca.

Befanotto suo marito
è davvero inviperito
dice: .....
Buongiorno, abito in Via Paganini a Colignola, quotidianamente percorro le strade bianche nelle vicinanze fino ad arrivare ad Asciano, lungo i condotti. .....
di Moschini
none_a
Gli Amici di Pisa esprimono mo
none_a
di Renzo Moschini
none_a
LIBRI
Le emozioni letterarie di LILY

7/6/2012 - 7:45



Le parole, quelle che volano o che restano impresse sulla carta sono l’espressione della nostra anima. Ci sono tante parole per ogni anima buona, cattiva, disperata, felice, stanca, appassionata, bugiarda. E dentro ogni anima uomini e donne che dovrebbero poter vivere insieme e condividere emozioni. Quello che io vorrei fare con voi, parlando di libri e non solo.


Lily era il diminutivo con cui Dashell  Hammett, scrittore giallista americano degli anni 30-40, vezzeggiava il suo amatissimo tormento Lillian Helman,  a sua volta scrittrice.


Guardando la foto di Lily la trovi persino un po’ brutta ma poi leggi “Pentimento”, libro che ha scritto nel 73 e un volto nuovo si sovrappone al suo. Quello di una donna coraggiosa, capace di affrontare la sua vita, gli orrori, le persone che l’affollano con uno sguardo assolutamente moderno e inaspettato.

Confesso che l’emozione maggiore e forse più scontata, perché ricercata fin dall’inizio è quella che ha trovato in “Julia”, dove si parla della sua amicizia, durante la Seconda Guerra Mondiale, con un’altra donna ricca e antifascista, che cerca di salvare gli ebrei con i suoi soldi ed il suo coraggio.

Aver visto il film omonimo di Fred Zimmermann, in cui Julia è Vanessa Redgrave e Lily Jane Fonda ha suscitato la mia curiosità per il libro.

Il film, bellissimo con una Redgrave in stato di grazia (con occhi perennemente sfavillanti di sfida che ti penetrano dentro) non rende però giustizia al personaggio di Lily, che appare timoroso, titubante nell’avventura di portare soldi nascosti alla propria amica. E la vera Lily era al contrario una donna forte, controcorrente, con posizioni decise contro tabù, ipocrisia, “fascismo” di stato e non. Una donna liberale e di sinistra, in un paese, gli Stati Uniti, che negli anni 50 ha attuato una vera “caccia alle streghe” verso gli intellettuali che non avessero posizioni per così dire “conservatrici”.


In questa mia prima “immersione” nelle emozioni letterarie da condividere con voi non posso non farvi partecipe (doppia negazione = affermazione!) di quello che per caso è diventato il libro della mia vita.

Vi ricordate il film “Chocolate” con Depp e Juliette Binoche?  Johnny Depp guardando intensamente la cioccolataia Juliette Binoche, prova di volta in volta i cioccolatini da lei preparati dicendo “Questo è eccellente ma….non è il mio preferito”

Fino a quando in un momento di tensione emotiva precisa, inaspettatamente dice “Ecco, questo è il mio preferito”. Così è successo a me. In mezzo a tanti libri “eccellenti” letti, amati e “riletti” (ogni volta rileggendo un libro riesci a gustare attimi di emozione che la passione e la “voracità” iniziale non ti hanno permesso di scovare) improvvisamente scopri per caso quello che è “il più bello” in assoluto.


La scrittrice si chiama Romana Petri, un nome e cognome “evocativi” di un tempo antico, di una infanzia anni 60 assolata e profumata di erba medica, di una “signorina Elena”, dolcissima che ci insegna a ricamare. Il suo libro è “ovunque io sia”. L’inizio e la fine sono in “continuum”. Il sogno e la realtà che si mescolano, la vita e la morte. Il ciclo vitale appunto dell’inizio e della fine.
La storia è semplicemente folgorante nella sua apparente semplicità, quella di una donna “Maria Do Cen”. Circondata da altre donne, immerse nelle loro vite, difficili, sconsolate, tragiche, felici nell’assenza di tutto. In una Lisbona dominata dal vento di mare, incastrata nelle sue viuzze, nei suoi odori, nel saliscendi continuo tra l’”alto” e il “basso”. La vita di una donna “vera”, quella di Maria, fatta di privazioni ma anche dell’amore immenso di una madre “vocata” che può anche rinunciare a lei, affidandola a Ofelia, senza perdere un briciolo del suo ruolo materno. Margarida rappresenta infatti la tenacia della vita ad ogni costo, quel sentimento che ti fa sempre abbassare la testa contro la tempesta ed essere felice anche solo di uno spiraglio di sole che batte sulla finestra. Il contrario di Ofelia, abbruttita dall’umiliazione di una vita matrimoniale infelice. Ma sono gli uomini la vera scoperta di questo libro. Uomini egoisti, arroganti, presuntuosi, ruffiani.

Tutti meno uno.

Scopritelo mentre si immerge nel mare. Un mare, acqua di sorgente, dal fondo acciottolato (nel mio immaginario il mare è sempre così).


Ah dimenticavo il romanzo attraversa una parte dolorosa della storia portoghese, la dittatura di Salazar, intersecandosi con la vita di Maria Do Cen con i suoi percorsi umani e sociali.
E’ un romanzo al femminile. Che racchiude molte donne.

Tutte quelle che sono in noi, tutte quelle che ci circondano.

Tutte quelle che verranno, che avranno anche loro e più di noi bisogno del loro e del nostro coraggio.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: