none_o


L'articolo di oggi non poteva non far riferimento alla festa del SS. Crocifisso che Pontasserchio si appresta a celebrare, il 28 aprile.Da quella ricorrenza è nata la Fiera del 28, che poi da diversi anni si è trasformata in Agrifiera, pronta ad essere inaugurata il 19 aprile per aprire i battenti sabato 20.La vicenda che viene narrata, con il riferimento al miracolo del SS. Crocifisso, riguarda la diatriba sorta tra parroci per il possesso di una campana alla fine del '700, originata dalla "dismissione" delle due vecchie chiese di Vecchializia. 

. . . quanto ad essere informato, sicuramente lo sono .....
Lei non è "abbastanzina informato" si informi chi .....
. . . è che Macron vuole Lagarde a capo della commissione .....
"250 giorni dall’apertura del Giubileo 2025: le .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Colori u n altra rosa
Una altra primavera
Per ringraziarti amore
Compagna di una vita
Un fiore dal Cielo

Aspetto ogni sera
I l tuo ritorno a casa
Per .....
Oggi è venuto a mancare all’affetto di tutti coloro che lo conoscevano Renato Moncini, disegnatore della Nasa , pittore e artista per passione. .....
none_o
SESSO A FIRENZE
di Trilussa

15/7/2012 - 17:12

Sui giornali e su Youtube girano da qualche giorno le immagini di due ragazzi che in piazza S.Croce a Firenze, fra  due file di motorini parcheggiati ai lati e la statua di Dante Alighieri alle spalle, sono seduti in terra a fare sesso.

Un tempo si diceva “a fare l’amore” ma in questo caso il termine fare sesso, derivata dal modo anglosassone, mi sembra più appropriato.

 

Sono ragazzi stranieri e forse sono anche ubriachi o in preda a qualche droga, ma il loro atteggiamento è inequivocabile: stanno avendo un rapporto sessuale completo in pubblico, in mezzo alla piazza.
Sono in pubblico, davanti a tutti, ma non sembrano né spaventati e nemmeno distratti dalla gente che li osserva, non mostrano nemmeno quel minimo pudore che la situazione richiederebbe.  


Presto si forma una piccola folla di spettatori e fra risolini e gomitate e partono le foto col cellulare per immortalare la scena. A nessuno viene in mente di chiamare la Polizia Municipale o i Carabinieri, in fin dei conti quello a cui assistono è un vero e proprio reato: atti osceni in luogo pubblico, ma il massimo impegno civile rimane quello del telefonino.


Fra gli spettatori anche un paio di politici di opposizione ma nemmeno loro hanno questo impulso civile e si limiteranno, il giorno dopo, a fare dichiarazioni polemiche per cercare di sfruttare politicamente l’accaduto dicendo della insicurezza e dell’incuria di alcune parti della città di Firenze. Chissà perché la classe politica non perde mai occasione per risultare irritante e fuori contesto.

 

Quello che mi ha colpito in questo episodio non è tanto l’atto in se, forse effettuato in condizioni psicologiche alterate per uso di qualche sostanza (è proprio questo il danno maggiore di molte di queste: fanno perdere l’esatta percezione della realtà e la attenta valutazione delle circostanze) e forse nemmeno il comportamento degli spettatori, più curiosi sembra che indignati, ma soprattutto la banalizzazione del gesto.


Mentre l’atteggiamento degli involontari spettatori si è dimostrato molto infantile, ha prevalso soprattutto la curiosità e l’impulso a immortalare l’evento con l’immancabile telefonino da mostrare poi agli amici,  quello di privare un atto importante e coinvolgente come un rapporto sessuale della sua componente più intima, più segreta, più personale è la cosa che mi ha colpito di più. Un atto sessuale fra un uomo e una donna privato di queste componenti essenziali si riduce a pura funzione fisiologica, al pari di andare in bagno,di  mangiare,  di defecare.


Se ci togliamo l’affettività se non l’amore, se ci leviamo il mistero, la partecipazione emotiva, e poi anche l’attesa, il batticuore, l’emozione, il sublime regalo della propria intimità alla persona che si  ama, se ci togliamo il sentimento l’atto sessuale resta  solo un contatto fisico fra due apparecchiature genitali, organi costruiti per integrarsi biologicamente a scopo fecondativo, unione fisica di due sessi opposti a mero scopo riproduttivo.


Ecco anche l’uso del termine fare sesso che si applica giustamente a quello che questi due ragazzi hanno messo in piazza a Firenze e non ha niente a che vedere, nemmeno semiologicamente, con quel fare l’amore che di configura come una cosa completamente diversa, anche fisicamente. Perché un conto è estrarre un organo e procedere ad una penetrazione sull’impiantito duro di una piazza pubblica ed un altro è preparare con attenzione e attesa e batticuore una serata da passare con la persona che si ama e che si può concludere con un atto d’amore e non solo di sesso.


Non dispiace del tutto  che il sesso abbia questa enorme diffusione nella nostra società, una società per molti versi ancora bigotta e prigioniera di una classe politica incapace di dare risposte a molti temi sociali e quindi una giusta liberazione da vecchi tabu e da una concezione arcaica della donna e del suo diritto a vivere con tranquillità la propria sessualità. Tuttavia portare il sesso a questo estremo e farlo diventare non un atto d’amore ma un semplice oggetto di consumo non appare una conquista ma  soprattutto una perdita.


“Fate l’amore e non la guerra” era uno slogan degli anni 60 e può essere ancora un motto valido dato che al momento sono le guerre a fare vittime (anche il sesso, talvolta, ma solo negli stupidi e imprudenti) ma banalizzarlo in questo modo mi sembra negativo, come perdere qualcosa, come svalutare un patrimonio, sminuire un sentimento, togliere quel piacere coinvolgente e straordinario che si può avere solo facendo l’amore con la persona che si ama e non praticando sesso....specie sull’impiantito duro di piazza S.Croce a Firenze.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri