none_o

Parimenti all’amico Maini anche io faccio deroga al principio di non uscire più sulla Voce se non quando l’argomento è eccezionalmente importante. E questo video lo è! Il professor Galimberti spiega tutto, e con grande chiarezza. Un’ occasione per capire il particolare momento storico in cui viviamo. Da ascoltare per riflettere.
 

Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Arpat Toscana
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Arpat Toscana
none_a
Una partita al cardiopalma quella degli under 21 con .....
Le ragazze della squadra azzurra, ai mondiali in Francia, .....
Nel disegno dell'architetto Donati commissionato dalla .....
Sulla pista ciclabile aggiungo che finisce nel nulla, .....
Un colpo al cerchio ed uno alla botte? mavvedrai!
none_a
Di Barbara Palombelli (a gentile richiesta)
none_a
Di Luca Barbuti
none_a
Di Franco Marchetti
none_a
Nodica, 4-7 e 11-14 luglio
none_a
Le mosse dei militari per danneggiare Renzi
none_a
MATTEO RENZI

ENRICO LETTA

PD
none_a
di Stefano Ceccanti; costituzionalista e dep.Pi
none_a
Polisportiva Sangiulianese
none_a
Consulta del Volontariato San Giuliano Terme
none_a
POSTE ITALIANE
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Convocazione Assemblea Soci

    Ilo Circolo comunica che l' Assemblea ordinaria viene indetta in prima convocazione il 6 giugno ore 21,30, in seconda convocazioneil giorno 7 giugno alle ore 21,00 presso il Circolo Arci, via Mazzini 35.

    1) Relazione del Presidente

    2) Rendiconto annuale 2018

    Tutti i Soci sono invitati a partecipare.


  • Circolo ARCI Migliarino

      Partite Pisa A.C.

    Si avvertono i Soci che il Circolo trasmetterà in chiaro tutte le  partite dell'Associazione Calcio Pisa, sia in casa che in trasferta. Prossima partita Piacenza-Pisa domenica 30 settembre. 


  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


Polisportiva Sangiulianese
none_a
Il c.t. Bertolini: "Difesa top"
none_a
Val di Serchio
none_a
«Come fa a essere italiana?»
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
CERCHIAMO UN TRATTORISTA CON ESPERIENZA ALLA GUIDA DELLE PRINCIPALI MACCHINE AGRICOLE.
AZIENDA AGRICOLA TENUTA ISOLA

DISPONIBILITA' FULL TIME
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
Massaciuccoli
Emergenza lago

21/8/2012 - 21:33

Preoccupa non poco la situazione della qualità delle acque del Lago di Massaciuccoli, riguardo alla risalita di acqua marina dalla foce del canale Burlamacca di Viareggio, tanto che il Consorzio di Bonifica Versilia Massaciuccoli ha convocato una riunione urgente per giovedì mattina con i rappresentanti delle Associazioni agricole delle Province di Pisa e Lucca che saranno informati sui fatti.A seguito del malfunzionamento delle porte vinciane poste a cavallo del canale Burlamacca all’altezza della zona di Largo Risorgimento a Viareggio, segnalato nel mese di luglio dall’associazione sportiva Canoa Kayak Versilia, il consorzio si è attivato subito presso tutte le Istituzioni che gravitano intorno al lago per richiedere il ripristino delle opere che dovrebbero garantire il regolare deflusso delle acque dal Lago verso il mare e impedire il riflusso di quest’ultimo nel lago in caso di mareggiate e alta marea.“La segnalazione è stata doverosa – spiega il Commissario del Consorzio Fortunato Angelini – perché il Consorzio svolge un servizio di distribuzione dell’acqua attraverso i canali di bonifica per le aziende agricole che gravitano attorno al Lago.”Il problema comincia a farsi sentire, tant’è che anche la Senatrice Manuela Granaiola nel primo pomeriggio ha incontrato i tecnici del Consorzio e una volta presa visione delle comunicazioni scambiate tra Provincia, Autorità di Bacino, Comuni e Consorzio, ha deciso di interessarsi personalmente al problema che a questi punti non è più rimandabile. Il consorzio, oltre a segnalare l’accaduto ha intensificato le analisi sulle acque in sette differenti punti di presa nella zona dove svolge il servizio di distribuzione e ha disposto la stipula di una convenzione con l’istituto di agronomia della Scuola S.Anna di Pisa che fornirà ai tecnici l’apporto scientifico necessario per la prevenzione di danni all’agricoltura.

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

  NOTA DELLA SENATRICE GRANAIOLA
Ad oggi circa 3,500,000 di m3 di acqua salata si sono riversati nel sitema del Lago di M.assaciuccoli a causa di un guasto nel sistema delle porte Vinciane, del mancato controllo del loro corretto utilizzo (da tempo non c'è più alcuna forma di sorveglianza) e dell'irresponsabilità di chi non le ha correttamente utilizzate. Un danno gravissimo per tutto l'ecosistema che ora rischia di riversare le sue conseguenze anche nell'agricoltura.
 
Ai primi di luglio l'associazione Kayak Versilia segnala al Parco ed al Consorzio di Bonifica il guasto delle chiuse, il loro non corretto utilizzo e la penetrazione dell'acqua salata  nelle zone palustri. Il Consorzio si attiva immediatamente per comuncare agli enti competenti (Comune di Massarosa, Comune di Vecchiano, Autorità di Bacino, e alla Regione Toscana) ed alla Provincia - responsabile della funzionamento e manutenzione del sistema delle chiuse - dell'ingente danno recato al sistema palustre ed delle possibili ulteriori gravi conseguenze.
 
E' isopportabile che, con diecimila enti che operano sul lago,  sia necessaria  la segnalazione di una associazione per accorgersi di un danno ambientale così rilevante. Segnalazione resposnabilmente fatta propria solo dal Consorzio di Bonifica. Ora occorre un intervento d'urgenza per bloccare i danni ed impedire che divengano totalmente irreversibili. Danni  per evitare i quali sembra potesse bastare un investimento intorno ai 150,000 euro. Incomprensibile far trascorre altro tempo; quel danno va considerato alla stessa stregua di una frana, di un'inondazione o di una grave interruzione viaria.
 
Oggi è tardi peri ragionare di massimi sistemi, di videosorveglianza o di competenze per la gestione del “casello idraulico”, bisogna invece intervenire subito come per un evento di somma urgenza. Nessun ritardo è ulteriormente tollerabile se vogliamo almeno evitare il rischio di altri  irreparabili danni per l'ambiente ed alla economia agricola circostante.
 
Sen. Manuela Granaiola

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




22/8/2012 - 9:27

AUTORE:
NSDMS

La denuncia alla Procura è già pronta: per disastro ambientale. Si tratta solo di aspettare il giusto momento.
Saluti

22/8/2012 - 9:11

AUTORE:
Ultimo

.......... quello che sta succedendo adesso non è niente al confronto di quello che succede da anni ...... ormai non c'è più niente da salvare ...... IL LAGO E' MORTO! I veleni scaricati per anni nel Lago e l'ncuria l'hanno ucciso. ....... ormai è ridotto ad uno stagno. Quando c'era ancora tempo per intervenire non sono intervenuti ....... ed ora cosa intendono fare? Non credo che i responsabili dell'attuale stato del Lago siano capaci o abbiano la volontà di fare qualcosa di efficace per poter far godere ai cittadini questa altra parte dell'EDEN! ....... Ultimo

22/8/2012 - 7:46

AUTORE:
Tiziano Nizzoli

Dopo l'insabbiamento della foce dell'Arno, dove a rimpallarsi le responsabilità c'erano ben cinque enti, ecco ora le porte vinciane del lago di Massaciuccoli, dove sono coinvolti due Comuni, Vecchiano e Massarosa, l'Autorità di bacino e la Regione. Come mai la Provincia stavolta non c'entra, non ha competenze oppure è già in fase di smantellamento?
Se ci saranno danni di qualsiasi tipo, ambientale od economico, una denuncia alla Procura della Repubblica non ci starebbe male, nella speranza almeno di capire chi è il responsabile,al fine di sollevarlo da un incarico di cui non è evidentemente all'altezza.