none_o


Con questo articolo termina, dopo un percorso durato più di un anno, l'analisi che Franco Gabbani ha fatto su un duplice piano, la storia della Famiglia Salviati, e di Scipione in particolare, e sinteticamente il contesto sociale e gli avvenimenti succedutesi nel corso del 1800 nel territorio di Vecchiano, come anche in Toscana, in Italia e in Europa.Anche in questa conclusione viene trattato un tema di primaria importanza, quello dell'istruzione nel 1800. 

Un amico mi ha fatto una domanda ed io voglio riportarla .....
. . . tempo fa ti esprimevi come uno di destra ed ora .....
Il PD a queste condizioni non può esistere Mazzeo .....
Per quanto mi riguarda per "sinistra" io intendo le .....


  Conversazione tra due amiche

Intervista di Paola Magli. 


Un nuovo trasloco. La poesia, l’autunno caldo


Ana Lins dos Guimarães Peixoto Bretas, poeta che fu conosciuta come Cora Coralina


A noi donne, per non essere più vittime.

di Silvia Cerretelli
VERSO IL CONGRESSO PD
none_a
Galletti e Noferi (m5s)
none_a
Vecchiano e le sue nuove mezze commissioni consiliari
none_a
di Renzo Moschini
none_a
Intervista di Giancarlo Bosetti (a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
Io, Medico
none_a
di Ezio Di Nisitte
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Quel suo viso
L'altra faccia della luna
La mia vita, la mia voce
Quella luce, a primavera
Come un vento caldo su di me
Sono creta, sotto le sue mani
Lei .....
Buongiorno,

queste mie parole sono per evidenziare il menefreghismo di un ente del Comune di San Giuliano Terme che ad oggi non mi ha risposto ad .....
none_o
SARAJEVO, mon amour
di Trilussa

2/9/2012 - 9:26

Era da tempo che ci pensavo.
Mi aveva colpito tempo fa il libro della Mazzantini “Venuto al mondo”, poi un altro un po’ strano, particolare anche dal titolo, “La cotogna di Istanbul” di Paolo Rumiz evocandomi interesse e sensazioni che si sono mescolate e sommate, a poco a poco, a quelle della visione di alcuni film importanti e molto belli come “No man’s Land” e “Il segreto di Esma”.

Tutto questo, insieme a  drammatici ricordi televisivi un po’ fumosi ma sempre presenti,  mi hanno fatto riflettere sulla tragedia assurda di un popolo intero a noi così vicino, sulla nostra iniziale e totale indifferenza e infine su un intervento postumo inadeguato e non sufficiente. Ma soprattutto riflettere sulla nostra distanza, fisicamente piccola ma moralmente grande, da una tragedia vera, grande, anacronistica e soprattutto talmente prossima a noi da far diventare colpevole il nostro distacco, criminale il nostro disinteresse.

I film suddetti sono stati con merito iperpremiati alle Mostre più importanti del cinema mondiale ma non hanno avuto quel successo di pubblico e di interesse che meritavano perché non appartenenti né al filone di tipo evasione-erotico-popolare-demenziale, in cui siamo maestri,  e né a quello ipertecnologico-spettacolare-megagalattico  delle grandi e costosissime produzione americane che imbottiscono menti e orecchie di devastazioni e clamori con il rischio che alcuni effetti di queste esagerazioni possano arrivare anche nella profondità sensibile del cervello fino ad alterare e a rendere pericolosamente inefficaci quei fini meccanismi di auto controllo che impediscono a qualche studente ”born in USA” di vestirsi da Rambo ed imbracciare un fucile automatico e sterminare gli incolpevoli insegnanti della propria scuola, con contorno di amici, conoscenti e qualche poliziotto poco prudente.

I film in questione, come i libri suddetti, hanno poco spazio mediatico perché costringono a fare quella cosa che appare un po’ in disuso dalle nostre parti che è quella di pensare. Hanno lo spiacevolezza di presentare cioè davanti agli occhi del frastornato spettatore una inattesa realtà cruda e spiacevole che lo costringe prima a pensare e poi a prender atto della sua condizione inconsapevole non solo di essere privilegiato (di solito senza merito), ma anche di indifferente, di disinteressato alle vicende di un popolo così vicino ma  così immensamente emotivamente lontano come quello bosniaco.

Perché stiamo parlando della città di Sarajevo, una città martire dove mancano moltissime cose, dove manca il lavoro, dove mancano prospettive certe, mancano le industrie, manca una classe politica che faccia gli interessi di un popolo ferito,  ma non mancano certo i cimiteri. Bianchi, enormi, li vedi da ogni parte, su ogni collina, li vedi anche se  non li cerchi, se non li vuoi vedere. Stanno li, file interminabili di esili pietre bianche senza orpelli, senza una base su cui puoi scrivere un saluto, una preghiera ma solo una eretta e semplice pietra bianca. E sotto ognuna di queste c’è un corpo. Giovane , anziano, una donna, un ragazzo, un bambino, strappati alla loro vita e alle loro speranze.

Che colpa avevano gli abitanti di Sarajevo? Qual’era il loro peccato? Solo quella di vivere in una città che chiedeva la propria indipendenza, che voleva vivere la propria vita autonoma dopo la parentesi di Tito: una unione forzata di popoli e religioni che tuttavia manteneva un proprio equilibrio, che assicurava, nella situazione chiaramente antidemocratica su cui si reggeva, una certa stabilità ed un certo benessere abbastanza equamente condiviso.


Finalmente ci sono andato ed ho visto.
Ho visto i segni inconfondibili della guerra ma anche una diffusa e contagiosa aria di festa ed una grande voglia di divertimento, voglia di dimenticare, un desiderio assoluto di ripartire. Lo dimostrano le centinaia di ragazzi, e donne e uomini di ogni età, che ogni sera si danno appuntamento  nelle stradine del quartiere turco, nella città vecchia, negli antichi caravanserragli diventati bar, nei negozietti sempre aperti e nei tanti localini dove si può cenare con pochi marchi (bosniaci).

Se parli però con le ragazze ed i ragazzi che hanno vissuto di persona la tragedia degli anni 90 capisci che non possono dimenticare. Non possono dimenticare di avere vissuto i loro vent’anni  sotto la minaccia delle bombe e dei cecchini, quando uscire di casa era un rischio, vivere in una città dove mancava tutto, il cibo, l’acqua, i  vestiti, i medicinali, l’energia elettrica e ti scaldavi con stufette fatte in casa che alimentavi tagliando gli alberi nel cortile e poi, quando erano finiti, usavi i mobili di casa. Raccoglievi la neve e la facevi sciogliere per avere l’acqua, mandavi i figli piccoli a scuola solo di notte, sempre di corsa, quando era buio e la possibilità di incontrate una pallottola del cecchino appostato sul palazzo di fronte ridotta per il buio assoluto di una città abbandonata da tutti.

Siamo andati a vedere il tunnel. Un budello di 800 metri dallo scantinato della casa più vicina alla pista dell’aeroporto,  al tempo presidiato dalle truppe Onu. Da li transitavano generi alimentari, acqua, armi anche, medicinali, tutto quello che poteva alleviare i sacrifici di un assedio ad una città di oltre mezzo milione di abitanti durato dal ‘92 al ‘95.

Oltre ad un pezzo del tunnel originario ci sono  un filmato, delle foto, dei documenti. Ora è un posto turistico ma l’atmosfera è coinvolgente e ti rendi conto perfettamente degli orrori di una guerra, di tutte le guerre, ma ti rendi anche conto di quanto eroismo ci può essere nella povera gente, nel volontario che scava otto ore al giorno nel buio umido della terra e nella vecchietta che ti aspetta fuori dal buco con la brocca dell’acqua per dissetarti.

Alcune foto in galleria riguardano la tragedia di Sebrenica, altra vergogna della nostra cara vecchia Europa ma ognuno può documentarsi sulle vicende storiche che hanno travolto questa terra bellissima e dalla gente straordinaria.

Mussulmani e cristiani, cattolici e ortodossi, chiese e moschee danno al mondo l’esempio di come si possa convivere in pace fra popoli e religioni. Passeggiando per la Bascarsija, il centro turistico della città, accanto a negozietti, bar, ristoranti chiese e moschee si possono incontrare ragazzi in pantaloncini corti e ciabatte infradito per mano a ragazze musulmane elegantissime, con graziosi vestiti che le incorniciano il volto sempre ben truccato mentre magari digitano sul telefonino. Un Islam moderato che non spaventa ma che anzi fa riflettere sulla esagerazione di alcuni nostri costumi occidentali.

Visitare Sarajevo quindi non è solo vedere una città ma scoprire un popolo e diventare partecipi di una tragedia. Una tragedia che ci è passata sopra la testa senza che ce siamo perfettamente resi conto, che ci ha distolto ben poco dai nostri piccoli problemi.

Un’opportunità quindi per recuperare un passato, un motivo in più per programmare una visita a Sarajevo, una città accogliente e aperta e dove,  e certo non guasta, si può pranzare con un piatto di Cevapcici (salsiccette di carne) e un loro strano pane soffice e saporito spendendo appena un paio di euro. 
 
 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

30/9/2012 - 18:30

AUTORE:
Riccardo R.

Ciao,complimenti per il reportage,veramente molto belle,emozioni trasportate e trasmesse,una città da vedere veramente.la didascalia ed il racconto molto dettagliato e ben presentato,sinceri complimenti.

23/9/2012 - 19:14

AUTORE:
Graziella C.

Grazie Giancarlo per queste tue foto e per l'emozionante riflessione che mi ha fatto molto riflettere, un'occasione di crescita interiore che mi ha arricchito in tutti i sensi!

6/9/2012 - 19:00

AUTORE:
Osservatore 3

Belle le foto e bello l'articolo.
Da mettere in programma!

3/9/2012 - 22:20

AUTORE:
gabriele santoni

In questi tempi bui... un lampo!

3/9/2012 - 8:40

AUTORE:
Antonio Parducci

ricordo che la vicenda di Sarajevo mi colpi' molto durante i giorni della guerra , l'allora Jugoslavia, terra sconosciuta anche vicina a noi poche centinaia di chilometri, era ferita a morte dai suoi stessi figli. Amici, vicini di casa , persone che fino a ieri lavoravano , studiavano, insieme si uccidevano come animali. Poi l'oblio, ci sono state nuove vicende che hanno riempito le pagine dei giornali e non se ne parla piu'.
Le foto che ho visto e l'articolo che ho letto mi hanno fatto riflettre quanto sia giusto e doveroso che le popolazioni europee e mondiali rendano omaggio a Sarajevo, è giusto visitarlo con lo spirito del rispetto e del rinnovamento anche per i giovani ventenni che hanno diritto a costruirsi la loro vita.
Grazie per quello che hai scritto.

2/9/2012 - 19:45

AUTORE:
Lorenzo D.Z.

Complimenti, una riflessione bella ed emozionante.

2/9/2012 - 12:24

AUTORE:
Mina

...e grazie, le parole che hai scritto sono intrise di emozioni che sono arrivate fino a qui.

2/9/2012 - 11:15

AUTORE:
giuggiola

Prima di partire ci siamo documentati per non rischiare di non comprendere un mondo così diverso dal nostro.Così quando siamo arrivati in città e ho riconosciuto i palazzi bombardati che si vedeno in foto e filmati, in quel pomeriggio grigio e carico di pioggia..era clautrofobia, rifiuto. Venivamo da Mostar, avevamo già visto abbastanza palazzi sforacchiati e distrutti per sopportarne altri. Ma in strada, in mezzo a chi ha subito il più lungo assedio di guerra della storia moderna, in mezzo agli sguardi di chi guarda avanti e di chi invece vive ancora nel dolore di 20 anni fà, ho pianto per Sarajevo e l'ho amata proprio per com'è di un amore incondizionato. E' bellissima perché sta provando a tornare il vero cuore dell'europa (allargata), l'unica città al mondo dove ogni cultura e tradizione si coltivava e si con-divideva. La Bosnia è una terra bellissima!!

2/9/2012 - 10:57

AUTORE:
Ovidio

Trilussa,
non ci sono mai stato, anche se molti anni fa in un mio viaggio in vespa fui tentato, ma poi saggiamente presi la costa e raggiunsi Dubronic fino ai confini dell'Albania. Ora mi hai fatto venire la voglia di andare a Sarajevo.