none_o


L'articolo di oggi non poteva non far riferimento alla festa del SS. Crocifisso che Pontasserchio si appresta a celebrare, il 28 aprile.Da quella ricorrenza è nata la Fiera del 28, che poi da diversi anni si è trasformata in Agrifiera, pronta ad essere inaugurata il 19 aprile per aprire i battenti sabato 20.La vicenda che viene narrata, con il riferimento al miracolo del SS. Crocifisso, riguarda la diatriba sorta tra parroci per il possesso di una campana alla fine del '700, originata dalla "dismissione" delle due vecchie chiese di Vecchializia. 

. . . quanto ad essere informato, sicuramente lo sono .....
Lei non è "abbastanzina informato" si informi chi .....
. . . è che Macron vuole Lagarde a capo della commissione .....
"250 giorni dall’apertura del Giubileo 2025: le .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Colori u n altra rosa
Una altra primavera
Per ringraziarti amore
Compagna di una vita
Un fiore dal Cielo

Aspetto ogni sera
I l tuo ritorno a casa
Per .....
Oggi è venuto a mancare all’affetto di tutti coloro che lo conoscevano Renato Moncini, disegnatore della Nasa , pittore e artista per passione. .....
none_o
La Patata
di Madamadoré

9/9/2012 - 17:25

 
Comprare patate, pelarle, cucinarle, arrosto, fritte o lesse e mangiarle non è un fatto di per sé significativo, né degno di nota.
Eppure in questo Paese apparentemente addormentato, paralizzato a livello sociale e culturale, dove si sprecano le metafore e i simboli per raccontarci e per farci immaginare la crisi economica, senza quasi mai mettere al centro  la crisi di comunità e di solidarietà, la patata, fa bella mostra di sé come simbolo di resistenza e di coraggio, di integrazione e di accoglienza, ma soprattutto di futuro. Di una visione alternativa del futuro.
La patata come simbolo  di una sfida al nostro correre, al nostro vedere senza guardare, al nostro sentire senza ascoltare. La patata come simbolo della possibilità concreta di praticare una strada alternativa, non facile, non immediata, ma del resto la patata è frutto di un lavoro che richiede tempo, pazienza, cura, fatica, terreno fertile e nasce in profondità, va scoperta per poterla raccogliere.
Questo vale per tutte le patate certo, ma la mia patata, il simbolo di questa storia, non è una patata qualsiasi è la patata di Boveglio, un paesino della lucchesia vicino a Collodi. Qui c'è una casa di accoglienza che ospita 7 richiedenti asilo provenienti dal Pakistan e uno dall'India, queste persone   stanno coltivando molti campi del paese, che prima hanno provveduto a liberare dai rovi e dalle altre piante infestanti che li avevano invasi.
Tutta la comunità di Boveglio, passati i primi momenti di diffidenza, ha collaborato con la casa d'accoglienza in vario modo.
Adesso è già tempo di raccolta dei prodotti: le patate, i fagiolini e gli stortini. E il processo attivato non si chiude a cerchio, ma assume la forma della spirale che non chiude, ma casomai cresce, proprio perchè nutrita, coltivata. La logica conseguenza di questa storia è l'entrata in scena di un po' di persone, che credono presuntuosamente che per cambiare il mondo, per costruire un nuovo modo di stare insieme si può partire dal fare la spesa, da quello che si consuma siano cose da mangiare, che scarpe, acqua, tempo, rapporti tra persone.
E infatti questi prodotti vengono venduti e distribuiti attraverso la rete dei Gas, gruppi di acquisto solidale, quest'ultima parola è quella che fa la differenza, che aggiunge quel sapore speciale alle patate.
Ecco sono tornata al mio simbolo, la patata. Comprarle, pelarle, cucinarle e mangiarle non è più un atto privo di importanza.
Ogni cosa ha la sua storia, e questa storia a me pare di buon gusto, quello che  manca alle storie che troppo spesso ci raccontano.
 
Per chi vuole saperne di più http://www.volontariatoggi.info il seme dell'accoglienza

 

 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

9/9/2012 - 23:24

AUTORE:
Patata Bollente

Specialmente in un bicchiere
colmo di wodca.