none_o
Proseguendo la serie di articoli sulle vicende ( e leggende) del territorio, Agostino Agostini ci regala il resoconto immaginifico del serpente-alato, che abitava il castello dei Pagano da Vecchiano. Fu ucciso - secondo la leggenda - da Nino Orlandi nel 1109 nella selva palatina di Migliarino (oggi tenuta Salviati). Imbalsamato fu posto nel Duomo di Pisa ma ando' perduto nell'incendio del 1595. Una ulteriore riprova della grande ricchezza storica del nostro territorio.
Ammetto l'errore, ho solo visto il simbolo di presentazione, .....
. . . . Buonafede Alfonso, candidato sindaco di Firenze, .....
Cosa ci dicono le votazioni in Sardegna?

Calenda .....
Più che sembrare cavilloso mi sembri "mistificante" .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Associazione ambientalista - LA CITTÀ ECOLOGICA APS
none_a
di Umberto Mosso
none_a
di Bruno Pollacci
Direttore dell'Accademia d'Arte di Pisa
none_a
Primo Levi#Auschwitz #PrimoLevi #ebrei #campidiconcentramento #giornatadellamemoria
none_a
Eccolo
Come una furia scatenata
è arrivato il vento
a riportare tormento
alle marine
Prima con le piogge
che hanno colpito
la montagna
con smottanento
frane .....
LA TARI è ARRIVATA E SALATA
MA IL KIT PER LA RACCOLTA NON ANCORA
SIAMO A MARZO.

COME MAI?
COSì NON VA BENE.
SAN GIULIANO
CONFEDERAZIONE COBAS PISA
sulla Piscina di San Giuliano Terme

3/10/2012 - 17:19

contrattuale L'ATI (Associazione Temporanea di Impresa) aggiudicatrice dell'appalto ha il dovere di assorbire il personale , non solo perchè questa clausola sta scritta nel bando di gara ma perchè molti contratti nazionali prevedono espressamente l'obbligo alla riassunzione del personale a tempo indeterminato  in caso di cambio di appalto.Questa situazione si protrae da settimane, ma in questo  tempo il Comune e la Giunta Panattoni si sono letteralmente disinteressati tanto è vero che sono rimasti increduli di fronte alle rimostranze dei lavoratori per i quali il contratto dovrebbe essere vigente fin dal momento di insediamento del nuovo appalto.
Nella risposta all’interpello n. 22/2012, la Direzione Generale per l’attività Ispettiva  delk Ministero ha sottolineato che sussiste per il lavoratore un diritto all’assunzione diretta da parte dell’impresa subentrante in caso di cessazione dell’appalto originario, quindi anche per scadenza del contratto o risoluzione anticipata dello stesso (Cass., sez. lav., n. 12613/2007).
Siamo quindi in presenza dell’obbligo giuridico per l’azienda subentrante  o associazione temporanea di impresa che sia, di assunzione diretta del lavoratore in base alle previsioni contenute nel contratto collettivo e la conseguente possibilità per il lavoratore, in caso di inottemperanza, di adire l’Autorità giudiziaria.I Cobas mettono a disposizione il loro ufficio legale per ogni vertenza che si renderà necessaria ma ritengono che le Amministrazioni locali debbano inserire una clausola nei bandi pubblici che preveda la decadenza dall'appalto per aziende e cooperative che non rispettino i contratti nazionali e i diritti dei lavoratori. In assenza di ciò, sempre più numerose saranno le aziende che calpesteranno i diritti dei lavoratori, la loro dignità e professionalità
CONFEDERAZIONE COBAS PISA
 PER IL COBAS
FEDERICO GIUSTI E ANTONIO DEMITRI


+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

4/10/2012 - 18:00

AUTORE:
antonio

Cari,
solidarietà con qualche alcune precisazione:

...di fatto i lavoratori non rischiano di perdere il posto di lavoro ma l'hanno perso e sono disoccupati da luglio scorso e dire che la polisportiva li aveva assunti a tempo indeterminato ma con il passaggio a Geste si sono ritrovati (grazie a una conduzione sindacale suicida)con un contratto a tempo determinato per altro ottenuto con procedure non proprio chiare.
di fatto nel bando di gara per la gestione della piscina niente vieta che il subentrante gestore possa licenziare purchè il servizio e la conduzione sia del livello auspicato dai nostri amministratori.

...di fatto i lavoratori della piscina si sono affidati e fidati degli amministratori che promettevano e promettono tuttora la salvaguardia del posto di lavoro essendo consapevole di non potere mantenere la parola data, basta leggere il bando di gara per capire che il nuovo gestore ha carta bianca su livello occupazionale e organizzazione.
I lavoratori devono capire che il sistema clienterale fino ad ora seguito deve essere abbandonato e puntare sulla difesa dei diritti certi, conquistati applicando le leggi e normative vigenti in modo trasparente e pubblico, senza cercare scappatoie o perseguendo raccomandazioni che nessuno ha il diritto di dare se non attraverso le leggi sopra richiamate.
...di fatto tutte le associazioni sportive locali che hanno permesso in questi anni la prosecuzione dei corsi nella piscina comunale e hanno contribuito a dare un servizio di carattere sociale sono escluse perchè relegate su fasce orarie che non permettono alcuna pianificazione dei corsi stessi.

PS. ne vedremo di belle anche nella conduzione delle farmacie con il socio privato maggioritario...