none_o

Ho assistito ad una interessante conversazione riguardo al problema della manifestazione novax del 20 giugno scorso. Qualche offesa è passata, qualche frase di troppo a mio giudizio è scappata ma certo è difficile esimersi dal classificare e definire una tale sconsiderata presa di posizione. L’articolo di giornale che riporta il fatto va giù duro e titola “La vittoria degli imbecilli: il 41% degli italiani non vuole vaccinarsi contro il Covid 19”.

Sono l'autore del libro "Litoralis" edito nel 2001, .....
Ci disse il prof. Raffaello Nardi: volete andare al .....
Come mai nel VIDEODRONE di Bocca di Serchio non è .....
. . . . . . . . . . . . . . . non capisco i virologi .....
di Bruno Pollacci
none_a
Incontrati per caso..
di Valdo Mori
none_a
Libri.
none_a
Incontrati per caso..
di Valdo Mori
none_a
Pisa, 9 luglio
none_a
Pontasserchio, 10 luglio
none_a
Molina di Quosa, 11 luglio
none_a
Bagno degli Americani
none_a
di
Bruno Pollacci
none_a
FIAB-Pisa
none_a
San Giuliano Terme, 5 luglio
none_a
Cascina, 4 luglio
none_a
  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


  • Circolo ARCI MIgliarino

      Chiusura del Circolo

    Il Circolo ARCI Migliarino comunica ai propri soci che il bar resterà chiuso dalla data odierna (10.3) fino al 3 di aprile 2020. La riapertura sarà condizionata dalle disposizioni successive riguardo alla diffusione della malattia in ambito nazionale.


FC FORNACETTE CASAROSA
none_a
Dai monti al mare
none_a
camp estivi
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
VECCHIANO
Premio Chiara Baldassari

7/10/2012 - 9:15

 
Si è svolta ieri mattina, nella sala consiliare del Comune di Vecchiano, la premiazione del concorso “Chiara Baldassari” giunto alla seconda edizione.
Il tema prescelto per quest’anno è “Quelle rughe che insegnano a vivere. L'esperienza di ieri, il coraggio del presente, una risorsa per il domani”.
La scelta quindi si indirizzava a filmati volti a far conoscere e a valorizzare i molteplici e ormai insostituibili ruoli svolti, nella nostra società, dagli anziani non solo patrimonio inestimabile di idee e di conoscenze ma "sorgente" di pazienza e di serenità.


I ricordi di Chiara sono riemersi negli interventi dei presentatori che coadiuvavano il sindaco Lunardi e che erano parte della giuria composta da autorevoli esponenti dell’informazione e della cultura:  Sandra Lischi (Presidente del Corso di Laurea in Discipline dello Spettacolo e della Comunicazione dell'Università di Pisa), Giovanni Parlato (giornalista),  Giorgio Piccioni (giornalista),  Alessandro Tofanelli (regista, pittore) e Daniela Canarini (Assessore Sociali, alla Cultura - Comune di Vecchiano).

 

Commozione e ricordi fino alla presentazione dei due filmati vincitori:
secondo premio: "Dire, fare, baciare, lettera, testamento” di Francesca Esposito (27 anni, giornalista intervistatrice) che non è potuta essere presente perché impegnata in Cina per un servizio.

primo premio: “Quelle rughe che insegnano a vivere. L'esperienza di ieri, il coraggio del presente, una risorsa per il domani” di, quando si dice destino, Chiara Cammelli,  (21 anni, studentessa di lettere e filosofia).
Per essere arrivato oltre i limiti ammessi al concorso,  ma ritenuto meritevole  per l’originalità del contenuto, è stato menzionato “Il maestro del mare” di Julia Pietrangeli.


Questo filmato racconta la storia di Anselmo Chessa, pittore ed ebanista, che si diverte a regalare i suoi effimeri disegni al mare, dato che la sua arte è quella di disegnare, alla luce dell’alba, forme michelangiolesche sulla battigia utilizzando canne di bambù affilate. I disegni durano pochi istanti, ma la poesia e la delicatezza del suo gesto esprimono una forza incredibile a trovare il coraggio di ricominciare sempre, senza rassegnarsi di fronte all’ineluttabilità della vita.
Ma torniamo ai vincitori.

 

Bellissimo il commento al secondo filmato:

Tu, quando sei piccolo, non lo sai. Credi che  i bambini nascano dall’ombelico, che morire voglia dire andare verso l’alto, che la luna sia fatta di latte.
Giochi, tocchi, guardi in su e in giù. Impari le filastrocche, canticchi e con le dita disegni sui muri. Senti il gusto dell’acqua, della sabbia e della saliva. La tua pelle è liscia o salata, quella dei nonni morbida e stropicciata.
Da piccolo, non lo sai che domani è già ieri e che le storie del passato raccontano quelle del futuro. In realtà tutto è così semplice, tutto è un gioco. Dire fare baciare lettera testamento.
Ascolti le storie di quelli più alti di te. E anche se in quel momento non te ne rendi conto, rimangono lì, nel tuo orecchio, per non passare mai. Quelle voci, senza un perché e senza preavviso, tornano a sussurrare cosa dovrai o non fare da grande.
Quelle rughe che insegnano a vivere. L’esperienza di ieri, il coraggio del presente, una risorsa per il domani.

 

Il tema del suo filmato erano alcune interviste a Dario Fo (dire), Enzo Mari (fare), Franca Valeri (baciare), Erri De Luca (lettera) ed Ettore Scola (testamento).


Chiara a vinto due volte quest’anno: la mia e la bolognesina dagli occhi bellissimi  che si è cimentata nella presentazione di tre storie di anziane donne della sua città.
Giorgina insegna a coltivare un orto, Viviana tramanda ai giovani la tradizione culinaria tipica di Bologna e Cornelia Paselli, sopravvissuta alla strage di Marzabotto, racconta la sua terribile esperienza.

 

Tre tipi di donna, tre frammenti di vita sofferta e vissuta intensamente e l’amarezza del ricordare la mancanza della nostra Chiarina e di non aver la possibilità di guardare i “suoi” filmati.
Nota dolente, rimarcata poi in privato con l’amico Alessandro Tofanelli, è stata la mancanza di “pubblico”.


Guardate l’ultima foto:
a destra i parenti di Chiara di Bologna (padre, madre, fidanzato, amica e un altro familiare) e a sinistra quelli della nostra Chiara di Vecchiano (padre, sorella, zia, un’altra zia e un cugino con figlioletto e la grande amica Serena Dilda), dietro alcuni amici, Laura Barsotti che ringrazio, due o tre impiegati comunali, un redattore della vds e…


Cara Chiara, non c’erano perché non c’eri te, ma ti hanno dentro il cuore, non temere!


E come ha detto Antonio Tabucchi, guarda caso anche Lui vecchianese, per bocca dell’assessore Daniela Canarini:


“Pur non essendo presente, sei presente più di tutti i presenti”.

 

 

il tuo zione.

Fonte: testo liberamente trato da comunicati comunali e foto u.m.
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




7/10/2012 - 22:16

AUTORE:
Barbara

Eh sì, sarebbe bello. Chiara se nè andata e io rimpiango le mattine di mercato a Pisa quando facevamo colazione insieme... Un grande abbraccio a Irene, Marzio e Simonetta. Barbara B.

7/10/2012 - 11:00

AUTORE:
Ovidio Della Croce

Personalmenete non ero presente, perché di sabato mattina lavoro. Ieri pomeriggio però mi sono collegato al sito di Report e ho passato un'oretta buona a vedere diversi documentari di documentazione sociale di Chiara Baldassari, chiamata dagli amici Chiarina.

Ho visto e rivisto "Perché... i surgelati?" e sono rimasto colpito dal metodo minuzioso, preciso, semplice, chiaro, di denuncia della piccola frode sul peso dichiarato sulla confezione mentre spesso te ne ritrovi un altro, specialmente sui gamberetti. E mi sono fatto due risate, anche per il lieto fine.

Sarebbe bello rivederli una serata insieme con una proiezione a Vecchiano.