none_o

In questo periodo di grande confusione una guida medica per chi è malato o pensa di esserlo perché ha avuto, o pensa di aver avuto, un contatto con un positivo al Covid. Un contributo della Voce per fare chiarezza.
 

. . . t' accontento. Una cosa giusta l'hai detta : .....
Un vecchianese; un pole di la sua ricalcando un pensiero .....
Ma pensa te. . Gigi di teglia che si permette di criticare .....
È l’aprile di quest’anno.
Sono giorni roventi, .....
Vecchiano è Voilontariato
#tantifiliunasolamaglia


“Il gioco serio del teatro”

Vecchiano è volontariato
#tantifiliunasolamaglia

L'associazione culturale La Voce del Serchio ospite del giornale online da cui è nata

....Ci siete? Proviamo ad aprire quella porta e ad incontrarci?
Mandateci un messaggio e noi organizzeremo un incontro.

C’è un’idea strana che aleggia su Migliarino, una sorta di profezia, a Migliarino non c’è niente e non succede niente.Siamo sicuri che a Migliarino non ci sia nulla? Proviamo a fare un inventario...

La bellezza è negli occhi di chi guarda
di Luigi Polito e Sandro Petri
none_a
Di Matteo Cannella
none_a
La bellezza è negli occhi di chi guarda
di Luigi Polito e Sandro Petri
none_a
bit.ly/segre2020-"Il mare nero dell'indifferenza",
none_a
Elezioni del PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ITALIANA
none_a
Alberto Zangrillo - covid
none_a
Circolo Arci Vasca Azzurra Nodica
none_a
Comelico Superiore, Veneto
none_a
"Che tempo che fa"
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Accade a volte
che in sere con orli d'autunno
il ricordo sovvenga di quando
sul finire di scale e cortili
cosparsi nel vento
folle divenni,
senz'altro .....
Con grande dispiacere e soltanto casualmente in questi giorni sono venuta a conoscenza della morte del Dottor Assanta. Ritengo sia stato un esempio di .....
MIGLIARINO: Incontro di martedì 6 Novembre con Gesualdi
Gesualdi: debito pubblico; come e perchè

8/11/2012 - 17:52


Martedì 6 novembre al Teatro del Popolo di Migliarino alle 21:30 precise, Gesualdi inizia il suo intervento con queste parole: “Il tasso di disoccupazione è al 20%, oltre 5 milioni e soprattutto giovani di 25-35 anni.

Anche questo è conseguenza del debito pubblico”. 

Inizia così il suo intevento di presentazione del kit formativo elaborato dalCentro nuovo modello di sviluppo per lanciare la campagna «Debito pubblico, se non capisco non pago» con lo scopo di promuovere una corretta informazione nel mare di notizie false e tendenziose e sfatare qualche luogo comune forse perché si trova davanti a un buon numero di giovani che ascoltano con attenzione il suo lungo intervento e alla fine qualcuno di loro partecipa alla discussione. 

Ecco alcuni passaggi dell’analisi di Gesualdi.Punto di partenza: la montagna del debito, “il debito pubblico italiano sfiora i duemila  miliardi di euro”. Poi Gesualdi chiarisce come si è formato.

“Nel 1980, il debito pubblico italiano ammontava a 114 miliardi di euro pari al 56% del Pil. Quindici anni dopo lo troviamo cresciuto di 10 volte, più esattamente a 1150 miliardi di euro.

Effetto dei nostri sprechi? In parte sì perché questo è un periodo in cui le spese per servizi e investimenti pubblici sono state superiori alle entrate fiscali. Ma solo per 140 miliardi. Se il nostro eccesso di spese fosse stata la causa di tutti i mali, il debito pubblico avrebbe dovuto raddoppiare, non decuplicare. E allora cosa ha contributo alla crescita incontrollata del debito? Risposta: gli interessi che in quel periodo oscillavano fra il 12 e il 20%. Bisognò attendere il 1996 per vederli scendere al di sotto del 9%”. Continua Gesualdi:

“La politica di spese per servizi superiori alle entrate durò fino al 1992 e in ogni caso procurò un disavanzo complessivo inferiore 6% Poi, con l'eccezione del 2009-2010, la spesa per servizi è rimasta sempre al di sotto delle entrate, permettendo un risparmio complessivo di 633 miliardi di euro. Una cifra sufficiente ad assorbire non solo i disavanzi precedenti, ma anche il debito di partenza e continuare ad avere un avanzo di 370 miliardi. Ma nonostante la politica da formichine, il nostro debito è cresciuto all'astronomica cifra di 2000 miliardi.

Solo per colpa degli interessi che nel trentennio ci hanno procurato un esborso pari a 2141 miliardi di euro”. Conclusione: l'esplosione del debito pubblico si deve all'aumento esponenziale della spesa per interessi, dice Gesualdi: “non siamo un popolo di spreconi che vivono al di sopra delle loro possibilità, ma un popolo di risparmiatori spennati dall’oligarchia finanziaria”.

 Dopo aver chiarito di che pietra è fatta la montagna del debito pubblico italiano, Francesco Gesualdi chiede come mai non c'è nessuno nel centrosinistra che si opponga alle politiche basate sul rigore che portano alla recessione e contrasti le ricette neoliberiste fatte di tagli e privatizzazioni.

E così conclude: “Quando uno Stato è in difficoltà devono pagare tutti e deve esser fatta una seria lotta alla speculazione”.

 

 Sono intervenuti nella discussione Giovanni Bertanza, Cristiana, Stefano, Piero Lomi, Marcello, Bruno Baglini, Andrea Vento, Enzo Pannilunghi e Angiolo Vannucchi.

 Ulteriori dettagli sul kit informativo e sulla campagna «Debito pubblico, se non capisco non pago» sul sito del Centro nuovo modello di sviluppo. http://www.cnms.it/ 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri