none_o


In questo nuovo articolo di Franco Gabbani viene trattato un argomento basilare per la società dell'epoca, la crescita culturale della popolazione e dei lavoratori, destinati nella stragrande maggioranza ad un completo analfabetismo, e, anzi, il progresso culturale, peraltro ancora a livelli infinitesimali, era totalmente avversato dalle classi governanti e abbienti, per le quali la popolazione delle campagne era destinata esclusivamente ai lavori agricoli, ed inoltre la cultura era vista come strumento rivoluzionario. 

. . . altrimenti in Italia tutto il potere centrale .....
Sei fuori tema. Ma sappiamo per chi parli. . .
. . . non so se sono in tema; ma però partito vuol .....
Quelle sono opinioni contrastanti, il sale della democrazia, .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
di Andrea Paganelli
none_a
PRESENTAZIONE DI Antonio Giuseppe Campo (per studenti e lavoratori fuori sede)
none_a
IL SEGRETARIO DE LLA SEZIONE DI SAN GI ULIANO TERME
none_a
Di Andrea Paganelli
none_a
IMMAGINA San Giuliano Terme
none_a
Nei tuoi occhi languidi
profondi, lucenti
piccolo mio
inestimabile tesoro
vedo il futuro
il tuo
il presente
quello del tuo babbo
il passato
quello .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
none_o
di Mauro Tolaini:

Domenica scorsa ci sono state le primarie del Centro Sinistra,

29/11/2012 - 0:12



Domenica scorsa ci sono state le primarie del Centro Sinistra, una grande festa di partecipazione democratica riconosciuta da tutti i commentatori.

Io ho passato tutta la giornata, insieme agli altri del circolo PD di Migliarino, al seggio elettorale del nostro paese allestito presso la struttura del circolo ARCI; è stata una giornata meravigliosa, senza le famose code, senza nessuna difficoltà burocratica, tutto si è svolto in modo perfetto, dimostrando il buon livello organizzativo del nostro circolo.

Le persone hanno probabilmente capito l’importanza di partecipare, hanno votato 381 persone (30 in più rispetto alle ultime primarie).

Grande affluenza ovunque, certamente non tutti  erano di Centro Sinistra, ma questo era nel conto, quando si fanno primarie aperte a tutti, a condizione che si accettino le regole - che si sottoscriva in modo preciso di aderire al programma dello schieramento di Centro Sinistra - non solo per la simpatia a un singolo candidato prescelto, il cittadino potrebbe cambiare idea, ma se lo farà dovrà vedersela con la propria coscienza (se ce l'ha), quindi siamo nella normalità.

Quando però, lunedì 26 Matteo Renzi si è rivolto agli elettori di Centro Destra per invitarli ad andare a votare per lui,  altrimenti vince Bersani con i voti di Vendola, mi sono chiesto: è mai possibile che possa accadere una cosa del genere?

E’ accettabile che il candidato premier del Centro Sinistra venga scelto da elettori di Centro Destra o viceversa?

E’ questa la novità politica che ci offre Matteo Renzi?

Io penso di no, sarebbe come andare allo stadio con la bandiera dell’Inter e tifare Milan.

Questo non possiamo consentirlo, è per questo che rivolgo un invito a tutti quelli che vogliono bene al PD e al Centro Sinistra e vogliono vincere le elezioni politiche di primavera, di affidare a Bersani il compito di rinnovare la politica per dare un futuro al nostro paese.

Secondo me il vero innovatore è Bersani che ha voluto le primarie e il doppio turno, dimostrando coraggio e serietà: un vero uomo di centro sinistra.
Mauro Tolaini

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

5/12/2012 - 21:43

AUTORE:
Giovanni l.

Finalmente primarie per stabilire rapporti di forza e apprezzare l'orientamento e le tendenze del popolo della sinistra e dei progressisti che hanno scelto il candidato premier alle prossime consultazioni elettorali.
festa della democrazia, partecipazione, iniezione di ottimismo, che marca le distanze e costituisce crinale border line evidente, con una destra asservita invece ad un caudillo populista sempre più arrogante e pericolosamente populista, che cerca con enorme fatica ed esiti incerti ad affrancarsene anche se in ritardo.
Personalmente preferisco Bersani, e sono un po' sospettoso nei riguardi di Renzi, onore al merito, ma ritengo che oltre alle belle parole e ai bei discorsi, ci sia ben poco altro, ed anzi intravedo venature populiste e atteggiamenti demagogici, di cui penso un paese civile possa e debba fare volentieri a meno.
Segnalo però un problema oggettivo latente endemicamente almeno fin quando non ci sarà una maggiore serietà civica e una riscossa della coscienza civile, che portino a comportamenti informati ad etica e lealtà, sottraendo un magnifico strumento come sono state queste consultazioni volontarie, alle manovre strumentali e ciniche di chi è uso a barare sempre ed in ogni modo.

Mi piacerebbe in conclusione che questa prova inoppugnabile di civismo ed impegno, si svolgesse al riapre dai rischi di manipolazione subdola e spregiudicata, che fossero riservate a una platea omogenea e coerente, e non fossero esposte a nessun tipo di inquinamento esterno.


quindi, non chiudersi in una torre d'avorio rifiutando altri contatti,con il resto della società, perché questa è il resto del paese che amiamo, ma non permettere la partecipazione a chi non condivide il progetto politico o è magari antagonista e partecipa solo come disturbatore.


Nessuna discriminazione aprioristica, ma neanche nessuna ingenuità che avvantaggi un avversario vero, molto disinvolto e spregiudicato.. grazie per attenzione.

5/12/2012 - 18:34

AUTORE:
uno di Vecchianello all'estero

O Dylan Dog fai c......a anche come fumetto m.t.l.d.u.

5/12/2012 - 8:27

AUTORE:
Dylan Dog

C'è stato le Primarie der Centro, ormai s'è 'ntesa e si siamo anco rotti e' orbelli di sentinne parla'; Renzi li'era d'accordo 'on Bersani per fa' 'rculo a Vendola: vesto l'avrebbe 'apita anco un bimbetto di cinqu'anni.
Òra potete 'nda' a riperde' l'elezioni, tanto se'ondo me un' arrivate ar 15%: 'ntanto da varche parte si prepara Arba, ormai l'urima 'osa di Sinistra rimasta.
Spero bene 'he que' tonfani di SEL venghino via e si mettano a ragiona' di 'ose di Sinistra 'on chi ne pòr parla', no co' Renzi o Casini...
Bersani li'è un 'òmo da vecchia DC, più o meno 'ome que' due lì: li'è solo d'un artra 'o'rente!
Fatela finita òra perché 'un se ne pòr più!

1/12/2012 - 19:56

AUTORE:
Simone Cioli

Caro Ultimo superifiale sarai tu e anche piuttosto ingenuo, se pensi che nulla sarà come prima... firmati con nome e cognome e dimostra un po' di serietà... che di questi tempi ce ne vuole!

1/12/2012 - 6:34

AUTORE:
Ultimo

.......... a getto continuo di B.B. e la superficialità di Simone Cioli che oltretutto un sa nemmeno che Novembre è di 30 giorni ......... dicevo .... a parte questi, vedo che la gente intelligente capisce che il tentativo dell'apparato di mettere i bastoni fra le ruote a Renzi è miseramente fallito ....... ed è la conferma che il lupo perde il pelo ma non il vizio. Comunque vada, grazie a Renzi, niente sara più come prima ......... Ma il vero cambiamento restera un utopia se dovesse vincere Bersani ....... spinto da tutto l'apparato, che continuera a decidere, e del quale restera obbediente esecutore. ........ Ultimo

1/12/2012 - 0:57

AUTORE:
Simone Cioli

Caro Ultimo, sono qui che sto guardando il TG3 Notte, sono le ore 00.44 di Sabato 31 novembre e ho approfondito la questione, come avrai fatto tu... sei semplicemente arrivato prima.
Siccome sono una persona seria, e me ne sbatto del tuo commento, non rimangio ciò che ho scritto oggi, ma invece contribuisco ancor di più a riportare l'articolo 14 comma 4 del regolamento delle primarie del PD, che esprime quanto segue:
"Possono altresì partecipare al voto coloro che dichiarino di essersi trovati, per cause
indipendenti dalla loro volontà, nell’impossibilità di registrarsi all’Albo degli elettori entro
la data del 25 novembre, e che, in due giorni compresi tra il 27/11 e il 01/12, stabiliti con
delibera dal Coordinamento nazionale, sottoscrivano l’Appello pubblico in sostegno
della Coalizione di centro sinistra “Italia Bene Comune” e quindi si iscrivano all’Albo
degli elettori."
Effettivamente per la registrazione successiva, ovvero dal 27 novembre al 1 dicembre, non si evince di una giustificazione che deve essere caratterizzata da evento eccezionale e che deve essere estremamente personale e non generica.

Ammetto di essermi fatto trascinare, ma solo inizialmente, da ciò che sentivo dire, piuttosto che approfondire personalmente, come del resto faccio quasi sempre.

Bene, ho le idee più chiare di prima. Se è vero che non si cambiano le regole in corso, allora è anche vero che non si possono dare "interpretazioni in corso" come ha fatto il Comitato Garante del PD.
Ecco la morale di questa notte.

Saluti.

1/12/2012 - 0:20

AUTORE:
leonardo bertelli Migliarino

Stavolta Ultimo ha ragione,nel video Berlinguer dice cosi',anche se le regole scritte e sottoscritte dicono altro.
Tornando a Bersani e Renzi la differenza che salta agli occhi, o almeno ai miei,e' che quando parla il primo e dice"noi" si capisce che parla del partito,la ditta come la chiama lui,quando parla il secondo e dice "noi" si riferisce ad una entita' piu' ristretta ( il suo staff ?).Puo'uno che si candida alla guida del paese fare a meno del suo partito e del, piaccia o non piaccia, suo apparato? Io non credo, anche perche' vinte le primarie bisogna poi vincere le politiche e la campagna elettorale senza un partito alle spalle non la fai.La forza di Bersani sta proprio qui',nel credere nella forza del suo partito e dei suoi iscritti,per questo credo che vincera' domenica.

1/12/2012 - 0:11

AUTORE:
Bruno Baglini Migliarino

..mettiamo che io faccia un biglietto per Pisa anda e rianda e mentre aspetto il filibusse, passa Simone che va a Pisa è m'imbarca ed io monto su per far du "chiacchiere".
..poi a ritorno prendo il filibusse e torno a casa regolarmente; seondo Urtimo non lo potrei fare perché dovevo prende rpurma anche perindà a Pisa.
(spiegazione semprice x Urtimo: se io non avessi votavo il 25, avrei votato il 2 senza probremi)

Poi mettiamo fossi gravemente impossibilitato a registrarmi per votare alla prima mandata (causa gita 'nAmeria) tornando oggi, facevo vedè rbiglietto a Consuelo Arrighi dell'areoprano e se volevo vota il 2 Dicembre facevo domanda di registrazione postuma e...siccome anche 'nAmeria c'è l'online, mi sarei registrato da laggiù e festa fenita.

30/11/2012 - 21:07

AUTORE:
Ultimo

........ senza sapere cosa dicono. ......... Luigi Berlinguer, prima del termine dello spoglio al primo turno, ha dichiarato che è possibile votare al ballottaggio anche per coloro che non hanno partecipato al voto di Domenica ....... Invito i signori B.B. e Simone Cioli a informrsi bene prima di scrivere senza pensare ..... Klikkate questo link per credere ......... http://www.youtube.com/watch?v=r0XkMTNcHuM ...... Ultimo

30/11/2012 - 17:03

AUTORE:
Simone Cioli

Caro Bruno,
infatti io ho scritto che occorre il rispetto delle regole: al ballottaggio può votare solo chi ha votato precedentemente.
Sottolineo solo che, quando vedo la Bindi a "Porta a Porta" manifestare un odio atavico nei confronti di un candidato, mi viene il mal di stomaco, perchè lei è la Presidente del PD e, per un senso etico, a mio avviso, dovrebbe essere equidistante pubblicamente e manifestare, solo in cabina elettorale delle primarie, la sua preferenza.
Sottolineo solo che, quando sento Vendola fare l'occhiolino a Bersani per i voti dei vendoliani a questo ballottaggio, quindi assicurarsi qualcosa per il futuro (?), mi viene il mal di stomaco, perchè una persona che si ritiene responsabile e al di sopra dei giochi di palazzo, come ha sempre parlato di se Vendola, dovrebbe dire al suo elettorato: "Signori, siate liberi di votare secondo vostra coscienza!"
Sottolineo solo che, quando sento Renzi forzare o tentare di scardinare le regole, per cambiarle in corsa, mi viene il mal di stomaco, perché non è un comportamento meritorio.
Tutto questo alimenta tensioni e francamente, anche al di fuori della politica e dei partiti, ce ne sono fin troppe.
Comunque queste primarie "vere" ci volevano e se ne sentiva la necessità. Speriamo di non assistere più al format del "candidato unico" anche quando non c'è. :))

Ciao,

Simone

30/11/2012 - 14:58

AUTORE:
Bruno Baglini iscritto al Partito Democratico

Lo scambio Vendola-Bersani è suggellato dalla firma di una carta degli intenti; firmata da PD quindi anche da Renzi che è del PD (se non da lui direttamente, ma da chi per lui era a Roma fra i 940 delegati PD) che insieme hanno stabilito le regole e se quel documento è stato votato vuol dire che ha trovato una maggioranza) quella carta degli intenti chiamata "Italia bene Comune" ha la firma del PD di SEL e del PSI.
Se poi vediamo che il centrosinistra e Bersani per primo "privilegiano il maggioritario a doppio turno" in soldoni vuol dire che: al primo turno ognuno vota preferibilmente un partito di sua appartenenza con regolare iscrizione/tessera o per "simpatia" poi il maggioritario a due turni prevede "uno scozzo" fra i primi due aventi maggior voti raccolti al primo turno e non è detto che siano collacati per forza uno a destra e l'altro a sinistra maanche nello stesso partito diviso per simpatie.

Veniamo allo stringer del chiodo!
Chi in passato ha votato PDL, Lega,IDV,liste civiche o altri partiti anche non rappresentati in parlamento causa sbarramento del 4% o giù di li può benissimo farlo (votare PD) alla prossima tornata elettorale e se vorrà anticiparsi per manifestare la sua idea (in qualche modo sbagliata, se vuol cambiare..un motivo lo avra)
Ecco puo benissimo in tempi non sospetti fare domanda di adesione ad un partito o lista che si presenterà alle elezioni per rinnovare ogni 5 anni il governo di Comuni-Province(quelle che rimarranno)Regioni, Stato Italiano ed Europa.

Ribadisco i tempi non sospetti sia per il cambio di casacca perchè...non esistono più le mezze stagioni e quindi per tempo uno prepara il trenci o la maglietta a mezze maniche e...vedere uno che in piena estate gira 'mbiciretta senza condizionatore con il cappotto o da quì in avanti tutto sparaciato...vordì che....! luili/leili un'è uguale a noi quindi si adegui 'nsenno..si fa delle figurette a sta 'nsieme e come disse il buon Mauro Tolaini in tempi non sospetti: a tutto c'è un limite.
bona

30/11/2012 - 13:10

AUTORE:
Simone Cioli

Capisco il pensiero di Mauro, persona saggia, e in parte lo condivido.
Ritengo però che il problema, se vogliamo definirlo problema, è molto semplice.
Non dobbiamo strumentalizzare niente e nemmono tifare ma essere semplicemente degli sportivi intelligenti.
La questione è, ed è solo una: si sono fatte delle regole, si deve rispettare le regole, ovvero: non si possono cambiare le regole in corso.
Chi voleva votare alle primarie del centro-sinistra aveva tutto il tempo per farlo. Mi sembra molto semplice.
Questo è rispettare le regole, non è stare da una o dall'altra parte.
Non mi scandalizzo che siano andate a votare alle primarie, persone che nel recente passato abbiano votato per il PDL o per l'UDC, anzi sono contentissimo. E' probabile che queste persone, cittadini, abbiano cambiato idea, dunque bene. Anche perchè non capisco proprio dove il PD possa andare a carpire altri voti che non siano già quelli che ha nella propria dimora. Si cambia, la vita è fatta di cambiamenti.
Come non condivido l'idea di Renzi di cambiare ulteriormente le regole in corsa, non condivido nemmeno, per una pura questione etica, scambi di sottobanco tra Bersani - Vendola.
Ce la facciamo per una volta, dico una volta, a essere obiettivi e non farci prendere dal tifo ideologico?
Credo proprio che dobbiamo farcela per il futuro di questo bellissimo, ma martoriato Paese.
Un grazie a Mauro per aver contribuito ad alimentare il dibattito.

Saluti

30/11/2012 - 0:57

AUTORE:
g..

Non voglio disquisire su metafore o tifoserie ma su una necessità sempre più impellente.
Abbiamo bisogno di essere governati democraticamente da una classe politica pulita che si avvale di una classe dirigente competente, efficiente e onesta.
E' questo che ci manca e lo strumento delle primarie ci permette di definire una figura che teoricamente potrebbe guidare il paese a valle di un esito positivo delle prossime votazioni.
Il sistema delle primarie deve essere aperto a tutti quelli che hanno desiderio di esprimere il proprio pensiero facendo un segno sul candidato dal quale preferirebbero essere governati.
Mi è difficile comprendere l'illimitato sostegno a Bersani e la sconfinata ostilità a Renzi da parte esponenti del PD. Sono due persone che militano, non so se si dice sempre così, nello stesso partito, anche se ovviamente con storie diverse!
E meno male che la pensano anche in modo diverso altrimenti a cosa servirebbero le primarie.
Dobbiamo cambiare la politica che ci ha governato fino ad oggi, sia di destra, centro e sinistra, anche partecipando alle primarie.
Il cambiamento nel PD c'è chi lo chiama rinnovamento c'è chi lo chiama rottamazione.
L'importante è che si faccia sariamente il cambiamento e non solo a parole.
grandi cambiamenti
Renzi, sarà per la sua età ed il suo entusiasmo, sembra che abbia idee più concrete e a prescindere come si chiuderà la competizione, ha il merito di aver dato uno scossone al PD che ha dimostrato una reattività un pò stantia
Che vinca il migliore e chiunque sia prima di pensare a governare il paese pensi a cambiare il PD

29/11/2012 - 22:12

AUTORE:
Ultimo

........ faiascalebraccia! Il Tolaini non ha scritto "non si può andare nel settore riservato all'Inter ". Setipotesseroleggereimortisirisvolterebberonellabara. .... Ultimo.

29/11/2012 - 21:11

AUTORE:
Bruno Baglini Migliarino

Come vedo le metafore non sono il tuo forte.

A me medesimo, quelli che credono di essere collocati a sinistra più di me perchè nel loro simbolo di partito "persiste" la falce ed il martello, mi rimproverano appunto di aver cambiato squadra.

Mettiamola così; nasco in una casa padronale dove i miei genitori non pagano affitto sia della terra che lavoravano e della casa che abitavano, in cambio il padrone pretendeva metà del frutto del lavoro della mia grande famiglia ed io crescendo trovo il Sindacato CGIL ed il Partito Comunista Italiano che "consiglia" noi contadini a "pretendere" almeno una divisione del prodotto del nostro lavoro al 53% per noi ed il 47% al feudatario: facile prendere "simpatie" per quelle idee politico/pratiche.

Poi in seguito, chi organizza invasioni di altri Stati (vedi prima Ungheria e poi Cecoslovacchia) vediamo che sui carrarmati sventola la bandiera con falce e martello simil quella del mio partito originario e..li i primi dubbi a "tifare sempre e comunque" per la falce ed il martello calicchiano mpopò. ..poi...poi mettiamo che in quegli anni lontani il Pro Vercelli, la Propatria maanche il Torino vincessero lo scudetto; è chiaro che se io tifassi/propendessi per una di quelle squadre oncora/ora sarei "costretto" per non passare da 'mbecille a tifare per squadre che negli ultimi anni hanno vinto lo scudetto ed è giustificabile "il cambiamento", ma...

Mauro Tolaini sostiene altra cosa e bada bene non è "difficilerrima" quella metafora che lui ti e vi porta ad esempio.
Sostiene Mauro: non si può andare nel settore riservato all'Inter con la bandiera dell'Inter e gridare -Forza Milan- è roba da scapaccioni sodi come minimo e come massimo di una pernacchia assordante.

nb; poi leggendo su questo giornale trovo che: il sig.Franco, Ultimo, CCP, M-G, Mina (che non è Mina al sicuro che io conosco) tifano per i ffiorentino ma..Loro non hanno cambiato squadra e..a pensar male disse Giulio, spesso ci si 'nfila ed il cambiare tutto perchè non cambi niente.
Ma queste metafore son copiate e quindi non genuine e non adatte a noi autoctoni ruspanti.
salute

29/11/2012 - 20:28

AUTORE:
Ultimo

......... il fiume Renzi a superato il limite di guardia e rischia di straripare o rompere gli argini provocando un disastro in tutto l'apparato dirigenziale del PD ........ allora interviene la Corte dei Conti a controllare e insinuare il sospetto (niente di certo), casualmente a pochi giorni dal ballottaggio ....... ripeto casualmente ....... ma nessuno mi toglie dalla testa che qualcuno (sempre casualmente) ci abbia messo lo zampino. E "sorge spontaneo" (detto alla Lubrano) il sospetto che il Cavaliere (certamente deplorevole) non avesse del tutto torto. ....... Il mio pensiero non è inquinato e condizionato dall'indottrinamento e lo esprimo genuino. ....... Ultimo.

29/11/2012 - 19:36

AUTORE:
Mina

Sembra che anche i pesciolini piccolini nostrani abbiano il folle timore di essere rottamati. Incollati ai panchetti (sarebbe esagerato scrivere seggioloni)da una vita, parlano da sempre dei giovani e dei posti di lavoro per i giovani, ma non al loro posto (di lavoro?). Il posto ai giovani devono lasciarlo gli altri, non loro!

29/11/2012 - 18:30

AUTORE:
CCP

ma la necessità di cambiamento è tutta incentrata sul ricambio generazionale, è troppo che una generazione viene tenuta al palo dai soliti nomi. Non mi riferisco solamente alla politica ma a tutti gli ambiti dirigenziali ad essa connessi. Mi dispiace che la sua generazione non riesca ad avere una visione più ampia e di fiducia rispetto ai propri "figli", ma di questo purtroppo non ho nessuna cura da proporle.

29/11/2012 - 11:28

AUTORE:
M.G.

...insomma meglio Casini che Renzi? O va bene che il Segretario di un grande sindacato invada in modo scorretto campi che non le competono? Le argomentazioni di P-G sono giustissime e purtroppo aggiungo che lo zoccolo duro persiste ed è quello che ha impedito la crescita della sinistra. Visto il confronto di ieri sera, pur nelle differenze,ho notato un farplay ed una tolleranza da cui molti dovrebbero imparare. Onore ai vecchi compagni che hanno dato tanto e che sono riferimento per noi giovani,ma smettiamo di vedere nemici in chi qualche volta la pensa in modo diverso.

29/11/2012 - 10:43

AUTORE:
franco

mah caro sig Tolaini, capisco il suo sconcerto, ma scopre l'acqua calda. Le primarie sono così. Non c'è da fare esami del sangue o scandalizzarsi. Non c'è da avere paura. Tra l'altro non c'è da sottoscrivere alcun programma ma solo una serie di principi di buon senso che credo sarebbero sottoscrivibili dal 99% delle persone. Le primarie sono un modo per innescare un processo virtuoso dal basso. Se ci fossero le primarie di centroodestra lei farebbe bene ad andare e a scegliere quello che le piace di più. E' così che dovrebebro essere le primarie. Renzi lo sa. L'elettorato di opinione è quello che fa vincere nelle democrazie moderne. Sarebbe meglio abbandonare certi eccessi di coto identitario, rassicurante ma perdente.

29/11/2012 - 10:12

AUTORE:
Ultimo

........ come sostiene Tolaini (sarebbe come andare allo stadio con la bandiera dell’Inter e tifare Milan) ........ si tenta di far apparire il "gioco" del calcio al pari della politica. ......... Ma vi rendete conto a che tipo di ragionamento si arriva pur di far vincere un candidato invece di un altro dello stesso schieramento politico? Quasi tutto l'apparato del PD si è schierato palesemente contro Matteo Renzi, e questo è il peggior esempio di democrazia. Questo dimostra che il popolino non deve contare niente e che le decisioni devono essere prese dal vertice nel puro stile stalinista nell'interesse dell'attuale nomenklatura del PD. Io non sono iscritto a nessun partito ma ho sempre avuto convinzioni di sinistra ....... non vivo da anni la politica attiva ....... e sono disgustato da chi tenta di far sopravvivere i vecchi sistemi condannati dalla storia e che noi, fortunatamente, non abbiamo avuto. Ai comunisti incalliti (anche se non vogliono più essere chiamati comunisti) dobbiamo dire grazie per aver condizionato la politica dal dopoquerra stando all'opposizione ....... e i comunisti stessi devono dichiarsi fortunati per essere stati una grande forza politica ....... ma non abbastanza grande per ottenere la maggioranza e guidare il Paese ........ e tutto questo ....... un grande partito di opposizione e una maggioranza democratica (specialmente dal dopoguerra per oltre 40 anni) è stata la fortuna dell'Italia. .......... Ultimo.

29/11/2012 - 10:08

AUTORE:
G.M.

Cito Galan (che non è proprio di centro sinistra) quando gli hanno chiesto se sarebbe andato a votare al ballottaggio delle primarie:
"Non vado a votare, perché è bene che i miei avversari vengano scelti dai miei avversari".

Quindi, benissimo nuovi elettori del centrosinistra provenienti dal centrodestra, ma non mi si venga a dire che chi è intenzionato, in ogni caso, a votare contro questa coalizione debba venire a votare per l'uno o per l'altro.

29/11/2012 - 9:23

AUTORE:
P.G_

Caro Mauro
io ero un tempo per il Milan, ora tifo, o meglio diciamo che ho una certa simpatia perchè non mi considero tifoso, per la Fiorentina (da qualche anno, non solo da questo).
Sono in errore?
Non posso farlo?
Se il PD cresce dove deve prendere i voti? Solo da sinistra, non dal centro, non da chi ha creduto scioccamnete in una persona che si proponeva di sistemare tutto il sistema?
Sai quanti operai hanno votato a destra? Hanno votato Lega e PDL credendo, ripeto scioccamente, di avere trovato finalmenete una soluzione a tanti anni di non politica? Di cui, oltretutto, anche il nostro partito è responsabile soprattutto per quello che non ha fatto, o non ha potuto fare.
E se un operaio ha votato Lega lo dobbiamo considerare di destra ed il suo voto non lo accettiamo più?
E poi, oggi, vale sempre il discorso che contrappone in maniera netta destra e sinistra oppure quello più moderno di buona o cattiva politica. Io sono sicuramente per il secondo.
Ho sentito i due, più brillante e populista Renzi, più serio e e preparato Bersani. Entrambi sono la dimostrazione di un partito serio, di un partito democratico e costituzionale, un sicuro vantaggio per quello che veniva definito un "bieco covo di comunisti". Entrambi hanno fatto bene al partito che è riuscito a mostrare una faccia diversa da quella sempre dipinta dagli avversari politici.
Renzi a mio giudizio ha fatto già quello che serviva, spingere il PD ad un radicale rinnovamento, a cui anche Bersani e la dirigenza non può più sfuggire.
Come hanno fatto bene al partito auguriamoci che chiunque vinca (ma ci sono pochi dubbi in merito) riescano a fare altrettanto per il paese.