none_o

Proseguendo la serie di articoli sulle vicende ( e leggende) del territorio, Agostino Agostini ci regala il resoconto immaginifico del serpente-alato, che abitava il castello dei Pagano da Vecchiano. Fu ucciso - secondo la leggenda - da Nino Orlandi nel 1109 nella selva palatina di Migliarino (oggi tenuta Salviati). Imbalsamato fu posto nel Duomo di Pisa ma ando' perduto nell'incendio del 1595. Una ulteriore riprova della grande ricchezza storica del nostro territorio.

Buongiorno a tutti, sono Costanza Modica, ho 17 anni, .....
Ammetto l'errore, ho solo visto il simbolo di presentazione, .....
. . . . Buonafede Alfonso, candidato sindaco di Firenze, .....
Cosa ci dicono le votazioni in Sardegna?

Calenda .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
none_a
Associazione ambientalista - LA CITTÀ ECOLOGICA APS
none_a
di Umberto Mosso
none_a
di Bruno Pollacci
Direttore dell'Accademia d'Arte di Pisa
none_a
Eccolo
Come una furia scatenata
è arrivato il vento
a riportare tormento
alle marine
Prima con le piogge
che hanno colpito
la montagna
con smottanento
frane .....
LA TARI è ARRIVATA E SALATA
MA IL KIT PER LA RACCOLTA NON ANCORA
SIAMO A MARZO.

COME MAI?
COSì NON VA BENE.
MARE-MONTI
Isole di mare e di cielo.

8/1/2013 - 22:51

(un semplice spostamento per verificare uno spostamento)


“Luigi si va?”
“Dai, non è tanto bella, ma luce ce n’è abbastanza. Dove mi porti oggi?”
“Veramente sei te che porti me, ma ecco il piano di volo: Bocca di Serchio per forza, poi una giratina in pineta, Migliarino e Nodica, foce di Radicata o un po’ più in alto, Panconi, foce dell’Ozzeri per vedere a che punto sono i lavori, Massaciuccoli, lago e…basta!”
“Tutto perfetto, in mezz’ora si fa tutto ma… caro amico mio… con i tiri a Marina come si fa?”
“E tanto a Migliarino si frigge ‘oll’acqua! Tutto organizzato! Ieri sono stato a parlare con un tenente al poligono che, per la prima volta nelle tante richieste che ho fatto loro di autorizzarmi il transito con i bambini delle scuole nella zona off, mi ha detto che stamani non ci sono esercitazioni. Gli altri mi dicevano che non erano autorizzati a darmi informazioni anche se credo che sia obbligo affiggere negli esercizi del comune il calendario delle interdizioni all’accesso nelle zone di sparo, ma lasciamo stare, vai metti in moto.”


Giubbottone, occhiali da pilota per riparare gli occhi dal vento forte che non lacrimino, casco, radio, prova audio, motore e…via!


“Paura?”
“E perché? Il veicolo è tuo e ci starai attento, quindi…”
“Mi hai detto che c’è qualcosa di nuovo in Bocca, cosa?”
“Ora lo vedrai. Eccola la Bocca! Guarda che meraviglia! Guarda la spiaggia di San Rossore come cerca di rinascere! Guarda che Bocca grande che ha il Serchio! Guarda che giochi di spostamento di sabbia si notano sott’acqua! Guarda  ve’ du cignali nell’acqua a ffa ll’arselle! Nati di ‘ane, son due soli, non sono amici perché sono con due barche, eppure sono uno accantaquellartro! Ce ne sarà di posto in mare e rena da staccià? Loro sono lì, calmi, contenti, si diranno cose incredibili di donne, nicchie e  mari e monti, ma non saranno mai dispiaciuti del mondo finché ci saranno arselle da pescare. Beati loro.”
“Un’altra passata bassa e poi si va.”
“Bene. Passa  da Migliarino ora, dallo schianto che è doveroso, e poi Serchio di là dai monti.”
“Dove vuoi andare te? Madonna bonina che nuvoloni! Mi sa che dobbiamo rinunciare. Passare sul fiume à pericoloso perché se si trova nebbia non si sa cosa c’è a destra e a sinistra, proviamo a passarci sopra e poi si decide.”
“Mamma mia che emozione! Come è tutto bianco e soffice. Guarda come cadono le nuvole lucchesi appena entrano nel pisano. Che spettacolo! È un mare di latte e panna con isole galleggianti come brioches”
“Rientriamo che è pericoloso, ritorneremo un’altra volta.”
“Va bene, ma guarda che tempo di merda! Ora c’è un raggio di sole che batte nel padule e uno sulla chiesa di Bozzano. A presa di culo!”
“Hai detto prima che le nuvole sembravano panna e mi è venuta in mente Pania. Preparati psicologicamente che la prossima volta ti porto sulla Pania a 2000 metri con il deltaplano e si ritorna giù a casa senza motore. Vedrai che quello è veramente poesia oltre che volo. Ci stai?”
“e voglia te!”
“Siamo arrivati. È stato un piacere. Alla prossima, ciao.”
“Grazie a te Luigi. Te chiama e io vengo. Ciao.”
 
 

Fonte: testo e foto u.m.
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

10/1/2013 - 8:30

AUTORE:
un amico

caro Chiube, giorni fa sono venuto a trovarti a casa e mi hanno detto che avevi la "viaerea" e ho pensato che tu fossi sul vater con problemi "corporali" e invece vedo che non era "sciorta" la tua, in dialetto detta viaerea, ma era davvero una via-aerea.
L'ho sempre detto: te i problemi non l'hai in pancia, l'hai nel ceppione!
con affetto
(un amico invidioso)