none_o

 

 

 

Contro la pandemia Jacinda Arden, premier della Nuova Zelanda, ha scelto la via più drastica: lockdown generale e chiusura delle frontiere. Con empatia, pragmatismo e coraggio ha fermato il covid-19, sconfitto la destra populista e vinto le elezioni. Bruno Ferraro, da Auckland, ritrae Jacinda come una leader che può dare una lezione magistrale ai politici occidentali su come gestire una crisi.

. . . detto tra noi sono solo un brigante, non un .....
. . . non immaginerebbe mai.
Ho sentito un "uccellino" .....
. . . si assuma la responsabilità di esporsi con nome .....
Delle idee di questa signora non mi interessa granchè. .....
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
di Marco Galice, insegnante
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Poste Italiane comunica
none_a
Primo corso online di scrittura per la scena
none_a
San Giuliano Terme
none_a
A breve in libreria
none_a
di Lorenzo Tosa
none_a
Per effetto del DPCM del 3 novembre 2020
none_a
Quarantesimo della morte del Cav. Vittorino Benotto
none_a
Pisa
none_a
San Giuliano Terme, 14 novembre
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Consegna mascherine

    Campagna per la consegna della mascherine fornite dalla Regione Toscana per tutti i cittadini di Migliarino.

    Il circolo ARCI aderisce alla iniziativa. Di seguito gli esercizi che hanno aderito dove si possono ritirare e gli orari addetti.

     

    CONSEGNA MASCHERINE PROROGATA FINO A LUNEDI 23 NOVEMBRE (SABATO E DOMENICA COMPRESI)


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


Prima strillano che va riaperto tutto, contestano l'emergenza, negano la pandemia, gridano al complotto! . . . poi, QUANDO ESPLODE LA SECONDA ONDATA, .....
E' semplice: positivo al 1° e 2° tampone. . dopo 21 gg la asl mi dà la liberatoria. Al 23° giorno, per mio scrupolo, e da privato. . effettuo 3° .....
none_o
IO CI STO'
di Madamadoré

13/1/2013 - 19:32



Io ci sto... anche se faccio sempre più fatica, anche se non so quanto resisterò, ma per ora ci sto.
Sto pensando a quello che si vede e si legge in questi giorni. La campagna elettorale, come un  circo con grandi acrobati e illusionisti che fanno sparire e apparire dati, numeri e fatti, le donne invece le segano davvero in ogni senso.
Un circo che ripete sempre il solito spettacolo. Rai, Mediaset, dove sta la differenza? Fede o Santoro, davvero cercano cose diverse? I dibattiti sono con regole concordate, una specie di wrestling, dove ci sono grandi capriole, cadute ad effetto, si, ma solo per il pubblico che sta lì a bersi tutto quello che passa. O forse no?
La politica e l'antipolitica, due facce di una medaglia, due mondi che stanno diventando uguali, cambiano di segno e quindi si annullano. Né vincitori né vinti? Boh, forse sono tutti molto avvinti, avvitati alla loro oltrona, al loro ruolo...no questo, non va bene, è fare di ogni erba un fascio, non è vero che son tutti uguali.
E' che faccio fatica a distinguere la diversità, mettiamola così, sarà la miopia.
 
Avevo cominciato bene, dicendo che ci sto, e non me lo rimangio, ma quanta fatica faccio a resistere allatentazione di dire ma vaff...no quello è Grillo, che poi…
No è che tutto questo  cercare di trovare le responsabilità, come fosse il gioco della patata bollente, te la devi scaricare e affibbiare ad un altro, questo affannarsi per finire nelle liste di questo o di quello, questa ricerca del nome, quello che dà lustro...dichiarazioni contrastanti da un giono all'altro, scendo o non scendo in politica, sto con te o con lui...
Questo combattersi come galli nel pollaio, già perchè poi a guardare i nomi, quelli più citati, non quelli che fanno contorno, son tutti maschietti.
E sembra che facciano esattamente quello che la migliore parodia racconta...si prendono le misure, barando pure! Qualcuno chiami Rocco Sigfredi, hai visto mai?!
In questa giostra pare che nessuno  abbia una vita normale, fatichiamo a fare una traduzione utile e  comprensibile di quello che dichiarano di voler fare.
Per esempio,  a chi  interessa parlare di asili nido che non ci sono, di scuola e insegnanti nel fango, di bambini diversamente abili con poche ore di sostegno, di numeri spropositati di ragazzi che non lavorano e non studiano, di sanità che di sano ha sempre meno, del pane che è tassato di più dei gratta e vinci, di diritti, di omofobia, di femminicidi...ho messo tutto insieme, ma sono andata a fantasia, tanto il risultato non cambia, si discute del niente.
Finite le trasmissioni se provi a fare un riassunto di quello che è stato detto non lo puoi fare, sei rimasto intrappolato nelle reti della sola cosa che conta, gli effetti speciali...uno che pulisce la sedia, l'altro che grida e si indigna, e il terzo che sghigna, chi ha vinto? Non lo so, certamente non noi, non eravamo neppure in gioco, noi si guardava, si è riso, si è commentato su Fb, il giorno dopo al bar, ci si è arrabbiati o compiaciuti.
Ma dopo cosa resta? Nulla, neanche la soddisfazione di aver visto giocare bene la tua squadra.

Nulla.
 
Eppure, io ci sto.
Ci sto a fare la mia parte di cittadina, di persona che vive in questo paese, che ha delle idee, che ha una visione di mondo e un'idea di uomo e di donna.
Io ci sto perchè sono in movimento, e cammina cammina si può trovare una strada, un cielo  e un albero, che solo apparentemente è fermo, in realtà è il simbolo del movimento della vita e del cambiamento.
Io ci sto perchè quando arriva una notizia, mi stupisco e mi interrogo, ci penso su.
E la notizia è arrivata, forte e chiara, e ha decretato l'assenza della politica, il suo essere distante dalla realtà.
La notizia è quella della Corte di Cassazione che ha adottato una idea ampia di famiglia, che corrisponde al riconoscimento di tutte le “formazioni sociali” contenuto nell´articolo 2 della Costituzione e alla parificazione dei diversi modelli familiari operato dall´articolo 9 della Carta dei diritti fondamentali dell´Unione europea. Così scrive Stefano Rodotà. 
 Ancora una volta, è un tribunale e non la politica a modernizzare uno Stato non adeguato alla società attuale: negli anni scorsi la Corte costituzionale e la stessa Cassazione si sono pronunciate per smontare pezzo per pezzo il muro di superstizioni che vieta i diritti alle persone omosessuali. Nel 2010 la Consulta per la prima volta ha riconosciuto, oltre al diritto individuale di non essere discriminati, anche il diritto delle coppie gay al pari trattamento con quelle etero. Nel marzo scorso, poi, i giudici di Piazza Cavour avevano sollecitato il legislatore a prevedere per le coppie omosessuali un «trattamento omogeneo a quello assicurato dalla legge alla coppia coniugata». Questo si legge sul Manifesto.
 
Una notizia che indica come la società sia cambiata, e si trovi ad affrontare scenari, scelte, opzioni inaspettate, impreviste e come la politica non abbia la capacità di dire, di pronunciarsi, di farsi grande.
I dati dicono che in Italia i figli di genitori omosessuali sono 100 mila. Basterebbe questo numero a cambiare la discussione bloccata tra veti e altolà. La sentenza della Cassazione ci permette di ragionare e discutere senza giudicare le persone dal loro orientamento sessuale. Per questo é una sentenza di civiltà. Si legge su Fb
 
Lo so che è un argomento spinoso, che tanti che sono a favore dei diritti, sulle adozioni gay hanno delle perplessità. Racconto una banalità, nelle classi delle nostre scuole basta poco per accorgersi che la famiglia come ce l'hanno insegnata, non è più l'unica forma, ne esistono tante e te ne accorgi con poco sforzo riflessivo, quando arriva la festa del papà, scopri che se vuoi rispettare ogni singolo bambino con la sua storia, se non vuoi farlo sentire diverso, nel senso di escluso, devi cambiare parole, dare nuovi significati alle parole e alle cose.
Una cosa non cambia, e resta in piedi, restano in piedi le funzioni, quella materna e paterna, quelle non hanno sesso, hanno bisogno di un interprete fisico, presente e consapevole. 
E poi se si vogliono diritti universali si deve essere disposti a riconoscerli a tutti, o pensiamo ad un universo formato tascabile e personalizzabile?
 
Io ci sto, ma sarei più contenta se ci fosse qualcuno, anche più di uno, che parlasse del bisogno che c'è di voci, immagini e proiezioni che ci aiutino a camminare verso un futuro collettivo.
Un camminare che prevede la ricerca di sentieri nuovi.
Dove sono gli interlocutori politici? Sulle strade asfaltate e illuminate da grandi lampioni.
Noi siamo altrove. Dobbiamo tornare a camminare insieme.
Io ci sto perchè “servono sognatori per far avverare i sogni”.
Io ci sto perchè ci spero, in un mondo migliore.
C'è un'alternativa alla speranza e al dichiarare io ci sto?
 
 

 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




15/1/2013 - 19:02

AUTORE:
Lara

Cara Madamadoré leggendo il tuo "sentire", parola dopo parola, mi ritrovo in loro così profondamente da non riuscire a seguire il discorso, perché la riflessione su ogni argomento viene spazzata via dalla successiva e così via. Ogni argomento trattato da te, anzi ogni sfaccettatura di quell'argomento mi sconforta per quanto reale, per quanto è vero che la politica sembra non essere più in grado di decidere, di concretizzare; per quanto è vero e giusto che ci si debba adeguare ai nuovi "modelli" sociali, per non escludere nessuno, per non urtare, offendere la dignità di alcuno, in modo particolare quella dei bambini: ossia del nostro futuro! I diritti non possono e non devono essere personalizzabili ma globalizzati e questa è l'unica occasione in cui abbraccio la globalizzazione! Per quanto può servire anch'io ci stò, con enorme fatica alleviata solo dal faro del futuro dei miei figli, perché possa essere il più vivibile possibile, il più a misura di essere umano possibile! Ci stò anche se spesso rischio di perdermi dietro un'idea, in un ideale che sembra sempre più impossibile da perseguire e mi sento sconfitta, sopraffatta da tutto ciò che ci circonda. Però è bello sapere che intanto siamo in tre e grazie per le tue riflessioni sempre profonde, efficaci e belle!!!

14/1/2013 - 16:38

AUTORE:
Cittadino 2

Cara Madamadorè ci sto anch'io, ma che fatica!
Oggi ho visto un video dove l'IdV proponeva in aula l'abolizione del vitalizio per i parlamnetari: 40 anni di contributi per i lavoratori, cinque anni per i parlamentari. Una difformità troppo enorme per considerla non solo equa ma anche democratica. Alcuni, tre per la precisoone, percepiscono un vitalizio di oltre 3000 euro per un solo giorno di presenza, altri per poche settimane prima che sia scattata per loro l'incompatibilità con altre cariche politiche. Anche questi si godono i 3000 euro mensili.
Io credo che ogni cittadino comune inorridirebbe rispetto a questa difformità di trattamneto, a questa ingiustizia palese e sfrontata.
Votazione: 22 a favore
484 contro. Ed è facile prevedere, anzi è sicuro, che in quei 484 ci sono anche i rappresentanti del mio e del tuo partito, qualunque esso sia.
Ecco perchè è difficile continuare a starci e molti, purtroppo, abbandonano.
Comunque intanto noi siamo due e siamo sempre di più di zero, di nessuno.
Ci consoli questa certezza. Un caro saluto.