none_o

Servono forse convegni interminabili, ospiti illustri e location spaziali per ottenere partecipazione e divertimento? Servono mezzi illimitati, spazi dedicati, progetti faraonici per riunire persone e Associazioni per un progetto comune di alto livello? Talvolta, come è successo questo sabato, basta un piccolo spazio ed una piccola occasione per ottenere risultati eccellenti e oltre ogni aspettativa. 

. . . . . . . . . . . . . per nascondere la strizza. .....
Salvini era al governo nel posto che voleva, si è .....
E' una regola: due volte al mese, primo e terzo lunedì .....
A parte il fatto che appare assai singolare mandare .....
Abbracci e baci, il contesto emotivo influenza la gestualità sociale
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
Dal mondo
none_a
Pisa
none_a
FIAB Pisa
none_a
Con le “De Soda Sisters”
none_a
Presentazione libro-24 gennaio
none_a
Confcommercio
none_a
Molina di Quosa, 25 gennaio
none_a
Pisa, 24 gennaio
none_a
Pisa
none_a
CSI -Centro Sportivo Italiano
none_a
Le squadre di ValdiSerchio
di Marlo Puccetti
none_a
Le squadre di Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Le squadre di Val di Serchio
di Marlo Puc
none_a
Nella notte fredda e bianca
la Befana un poco arranca
urge ormai di farsi l'anca
e per questo sembra stanca.

Befanotto suo marito
è davvero inviperito
dice: .....
Buongiorno, abito in Via Paganini a Colignola, quotidianamente percorro le strade bianche nelle vicinanze fino ad arrivare ad Asciano, lungo i condotti. .....
di Moschini
none_a
Gli Amici di Pisa esprimono mo
none_a
di Renzo Moschini
none_a
San Valentino
a proposito di...

14/2/2013 - 7:25


Pare che la festa degli innamorati, così come oggi la conosciamo, fatta di cioccolatini e cotillons, debba il suo exploit commerciale all’industria dolciaria di Perugia che, producendo praline alla nocciola dette Baci e farcite di bigliettini con frasi amorose, pensò di ridare lustro a quella tradizione con un robusto marketing sentimental cioccolatiere che aveva come slogan il patrono della contigua provincia di Terni.
Tuttavia le origini della festa di San Valentino, in quanto festa degli innamorati, sono ben più nobili. Senza voler ritornare ai più remoti albori, pare datati addirittura alle tradizioni dell’antica Roma, la tradizione di questa festa si fa risalire a Papa Gelasio I, che l’ha istituita, in quanto festa religiosa, attribuendole il nome del martire San Valentino. La festa che conosciamo ai nostri tempi, invece, fu istituita dal circolo di Geoffrey Chaucer, in cui prese forma la tradizione dell’amor cortese, e consiste nel scambiarsi tra innamorati le "valentine", ovvero dei biglietti d'auguri generalmente a forma di cuore.
La prima testimonianza oggi conosciuta, di un biglietto per San Valentino, è una poesia scritta da Carlo, duca d’Orléans, a sua moglie mentre è imprigionato nella Torre di Londra, dopo essere stato preso come prigioniero nella battaglia di Agincourt. Il documento risale al 1415 ed è parte di una collezione di manoscritti della British Library a Londra, Inghilterra.
La tradizione vera e propria di San Valentino in Gran Bretagna inizia però a diffondersi solo nel XVII secolo e, entro la metà del XVIII secolo, può dirsi usanza comune scambiarsi piccoli segni di affetto o dei bigliettini scritti a mano tra amici ed amanti. Intorno alla fine del secolo, poi, le lettere scritte di proprio pugno vengono, progressivamente, sostituite da delle cartoline stampate. Probabilmente, gli americani iniziano uno scambio di bigliettini a mano all’inizio del 1700. Nel 1840, Esther A. Howland mette in vendita i primi bigliettini creati in massa negli States.
Due curiosità. La Greeting Card Association ha stimato che ogni anno, per San Valentino, vengono spediti più di un miliardo di bigliettini d'auguri, quasi più che per la festività del Natale. Inoltre, può essere interessante sapere che il giorno dopo San Valentino si festeggia San Faustino, il patrono dei single. Sarà un caso?
 
Non c’è dubbio, comunque, che negli anni più recenti l’aspetto commerciale della festa di San Valentino abbia decisamente preso il sopravvento, svilendo così il significato più vivo della festa, trasformata per lo più in una rappresentazione ostentata e fittizia.
In questa ottica non stupisce dunque la proposizione, in occasione della festa di metà febbraio, di pacchetti “romantici” da parte degli operatori turistici. E allora si può leggere che sul massiccio del Glungezer, nelle alpi tirolesi, dopo una cena in rifugio a base di specialità locali, è previsto il trasferimento nell’igloo, con materassino termico e sacco-letto adatto a temperature molto rigide. E il freddo, si sa, invoglia alle coccole e a stringersi stretti l’uno all’altra...
Non mancano poi le offerte fondate sul wellness... e così nella splendida cornice di Cortina d’Ampezzo, celebrata meta sciistica, è possibile trascorrere la serata di San Valentino immersi in una vasca a botte all’aperto (riscaldata), godendosi il tramonto con un aperitivo, a cui segue una gustosa cena tipica. Le Terme di Merano propongono, invece, nella loro sauna, una gettata di vapore alle rose, mentre sul maxi-schermo scorrono le immagini del musical «Grease» dedicate, appunto, a tutti gli innamorati.
Questi sono solo alcuni esempi, ma basta navigare un po’ sul web per accorgersi di quali e quante siano le offerte commerciali in merito: “Fuga d’amore per San Valentino in Val Pusteria”, “San Valentino in love suite e passion spa privé”, “In Toscana San Valentino è... deluxe” e così via. In tutti i casi, la costruzione di situazioni amorose fittizie è fin troppo evidente e, anche tenuto conto dell’inevitabile azione di marketing che sussiste dietro a qualsiasi proposta commerciale, la rappresentazione un po’ spettacolare, si direbbe, dei legami affettivi lascia quantomeno perplessi, specie in chi ritiene che i sentimenti, quelli veri, non sentano il bisogno di esprimersi all’interno di artificiosi immaginari da reality. Senza contare, tra l’altro, che questi allettanti suggerimenti sono economicamente inaccessibili ai più, il che rende questi scenari d’amore ancor più distanti dalla realtà.

Per fortuna, mi viene da dire...

 (Emanuela Amendola)

Fonte: i biglietti delle foto sono stati spediti il 14 febbraio 1913
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: