none_o


Proseguiamo il percorso annunciato nel presentare questa serie di articoli, arrivare a dare una immagine precisa e approfondita della realtà della vita delle comunità rurali dell'800 nel territorio di Vecchiano.E così, dopo aver presentato la storia e l'albero genealogico della famiglia Salviati e in modo più completo la vita di Scipione Salviati, il Padrone nel senso più completo del termine, entriamo quello che è il cuore del lavoro di Franco Gabbani, la descrizione della vita sociale e il ruolo in ogni evento della famiglia dominante.

Massimiliano Angori
none_a
Lunedì 6 dicembre dalle 18 al @Teatro del Popolo di Migliarino
none_a
Massimiliano Angori
none_a
Massimiliano Angori
none_a
Accusarono Renzi di aver dato 10 miliardi (gli 80 euro) .....
Draghi, in consiglio dei ministri, ha proposto un .....
. . . . . . . . . . ovvero i giornalisti seri e bravi .....
Il PD del vescovo Letta ha tolto la tari alla chiesa, .....
....Ci siete? Proviamo ad aprire quella porta e ad incontrarci?
Mandateci un messaggio e noi organizzeremo un incontro.

C’è un’idea strana che aleggia su Migliarino, una sorta di profezia, a Migliarino non c’è niente e non succede niente.Siamo sicuri che a Migliarino non ci sia nulla? Proviamo a fare un inventario...

Vecchiano è Voilontariato
#tantifiliunasolamaglia


“Il gioco serio del teatro”

Vecchiano è volontariato
#tantifiliunasolamaglia

L'associazione culturale La Voce del Serchio ospite del giornale online da cui è nata

di Riccardo Ricciardi
none_a
di Anna Ferretti e Michele Passarelli Lio (Coordinatori Provinciali)
none_a
di Renzo Moschini
none_a
I Consiglieri di Vecchiano Civica
none_a
Comitato Comunale di Italia Viva Pisa
none_a
di
Vincenzo Marini Recchia
none_a
Di Alberto Maggi
none_a
di Davide Faraone IV
none_a
Renzi e Toti lanciano il partito di Draghi: per il Colle salgono le quotazioni di Marcello Pera
none_a
Montacchiello (PI)
none_a
Marina di Pisa, 10-12 dicembre
none_a
ARCI Migliarino e CSEN S.Andrea in P.- 12 dicembre
none_a
Circolo ARCI Migliarino
none_a
Marina di Pisa, 3 dicembre
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Seduto al freddo e piove neve
Ma non ti nota quella gente
Con quello sguardo cerchi aiuto
Tu sei per loro inesistente
Mentre tu geli fra il cartone
Passan .....
Buongiorno, stamattina anche complice il forte vento e' caduto un palo della luce stradale in via d'ombra zona largo tazio Nuvolari, solo il "caso" a fatto .....
Ecodem Toscana
Ecodem Toscana: “l'unico governo sostenibile è fatto di ambiente e green economy”

5/3/2013 - 17:58


COMUNICATO STAMPA

 

Non è più tempo per slogan e battute: l'Istat rileva che i disoccupati in Italia sono arrivati a sfiorare i 3 milioni, in aumento, e altri 3 milioni sono i precari. La disoccupazione giovanile è salita ad inizio 2013 fino al 38,7%, dato mai registrato prima! La green economy e lo sviluppo sostenibile rappresentano al momento l'unica strada seria e realistica per elaborare un piano nazionale per l'occupazione e non può essere sprecata.

 

Il Partito Democratico presenti al più presto un programma di governo che ponga al primo posto, insieme alla riforma del sistema politico, questo tema coniugandolo nei seguenti punti: 

1.       Politica industriale ecologica e Agenda digitale: lavorare per una riconversione ecologica dell'economia attraverso una riedizione di Industria 2015 (attualizzata a Industria 2020) con particolare attenzione al riuso, al riciclo e alla gestione sostenibile delle materie prime.

Riprendere ed approvare il DDl  "Incentivi per l'acquisto di prodotti realizzati con materia derivata dalle raccolte differenziate post consumo". Rendere operativa l'Agenda digitale italiana già istituita dal governo Monti, ma con margini di miglioramento.

2.       Strategia energetica nazionale: riscrivere il documento redatto dall'esecutivo Monti, bloccando immediatamente l'iter delle pericolose concessioni petrolifere offshore - riavviato dal ministro Corrado Passera - al largo di aree di grande pregio ambientale come le Tremiti, le isole, in Adriatico e nel Canale di Sicilia. Rendere permanente bonus 55% per la riqualificazione energetica degli edifici e trovare il miglior compromesso possibile per lo sviluppo di tutte le energie rinnovabili.

3.       Consumo di suolo, dissesto idrogeologico, rischio sismico, valorizzazione del territorio: la più grande opera di cui ha bisogno l'Italia, anche a causa dei cambiamenti climatici in corso, è la difesa del suo fragile territorio. Migliorare e approvare il ddl Catania contro il consumo di suolo e contemporaneamente rendere stabile le detrazioni del 50% per le ristrutturazioni edilizie, estendendole agli interventi di prevenzione antisismica. Approvare un piano straordinario contro il dissesto idrogeologico in Italia. Inoltre, la valorizzazione delle nostre eccellenze ambientali: dalla realtà delle aree protette alla filiera agroalimentare di qualità.

4.       Acqua: rispettare gli esiti referendari; avviare cioè un percorso di ripubblicizzazione per la fine delle gestioni esistenti; investire in un Piano per l'acqua (considerati cambiamenti climatici, carenza idrica, alluvioni), che al contempo muova l'economia reale in direzione sostenibile, creando così nuovi posti di lavoro.

Su questi temi, il Movimento 5 Stelle non può rinunciare a dare risposte: deve dire chiaramente ai giovani e meno giovani che l’hanno votato se attuare queste trasformazioni, che potranno dare una reale risposta alla domanda di lavoro, è una sua priorità politica! Al Partito Democratico chiediamo come iscritti all'Associazione degli Ecologisti Democratici di non avere tentennamenti nel porre questi punti al primo posto nell’agenda del nuovo Governo che dovrà responsabilmente presentarsi alle Camere. Ma, anche il Pd non può continuare ad adottare le stesse logiche politiche di questi ultimi anni e di questa campagna elettorale.

Altro che presidenze delle Camere a M5S e Pdl! Se gli Ecodem vogliono avere un ruolo nella società civile, nei prossimi mesi, abbiano il coraggio e la spregiudicatezza di denunciare questo conformismo politico che ha “anchilosato” i democratici italiani.

Discutendone quanto prima nel proprio congresso nazionale. 

 

 Esecutivo Ecodem ToscanaRosa Sorrentino, Marco Antoni, Paolo Cassola, Michele Fiaschi, Umberto Trezzi, Pino Di Vita (presidente)

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri