none_o

Correva l’anno 1867 quando Henry Nestlè comunicò alla stampa di aver salvato la vita ad un bambino prematuro la cui madre non poteva allattarlo perché gravemente malata. Disse di averlo nutrito con un prodotto costituito da “latte svizzero intero con l’aggiunta di cereali cotti al forno con un procedimento speciale di mia invenzione”. Era nata la famosa farina lattea che procurò al signor Nestlè ingenti guadagni....

Settembre, tempo di passeggiate.
none_a
#NotiziedalComune #EstateVecchianeseInsiemeaDistanza
none_a
AVVISO
none_a
. . . . . . . . . . . . . . Mattarella ha dato, con .....
Il vero problema attuale che dovrebbe attuare la politica .....
C'è un paesone, in Puglia, Lesina provincia di Foggia, .....
Fattori Tommaso 39. 667 Toscana a Sinistra 46. 270 2, .....
Villa di Corliano, 4 ottobre
none_a
San Giuliano Terme
none_a
Molina di Quosa, 29 settembre
none_a
Molina di Quosa, 25 settembre
none_a
Marina di Pisa
none_a
Villa di Corliano, 4 ottobre
none_a
Pisa, 20 settembre
none_a
Marina di Pisa, 18 e 19 settembre
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      BURRACO!

    Proseguono le attività del Circolo cercando di rispettare tutte le misure anti-Covid. Da venerdi 21 riprendono i tornei di Burraco con una serie di importanti misure di sicurezza tra cui la prenotazione obbligatoria per l'assegnazione del tavolo, norme severe per divertirsi in sicurezza.

    Tutte le notizie sulle attività sul sito FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
none_o
VOLONTARIATO
(Maggio Migliarinese)
di Trilussa

28/4/2013 - 11:42


Questo è il decimo anno del Maggio Migliarinese. Partito come una scommessa fra amici e con poco seguito negli anni la manifestazione è cresciuta ed ora è punto di riferimento annuale per tutti coloro che hanno qualcosa da dire, da fare o da proporre alla cittadinanza. Il mese di maggio è quindi  a disposizione di tutti, di tutte le Associazioni che hanno voglia di confrontarsi con la società, con i cittadini e dimostrare la loro voglia di contribuire.


Contribuire, senza interessi personali, senza chiedere niente in cambio, senza pretese né denaro, ma solo con la voglia di partecipare, semplicemente, alla crescita di una società dove i valori universali alla base della stessa esistenza si sono spostati nel campo dell’interesse personale, nel dare ma solo per avere, nel possedere per mostrare e dimostrare, nello sterile individualismo della propria persona, della propria casa, della propria famiglia, del proprio clan o della propria fazione.


Il Maggio Migliarinese è la esatta dimostrazione del contrario, che si può cioè impegnare il proprio tempo ed il proprio interesse per la comunità in cui si vive, per cercare di mantenere una identità di paese, per opporsi intellettualmente e culturalmente ad un’opera di semplice periferizzazione urbana, per coagulare invece che disperdere, per aprire invece che per chiudere come sta avvenendo ormai da tempo anche nei paesi, un tempo grandi famiglie allargate ed ora sempre di più insieme di microcosmi isolati. Famiglie immigrate che vivono in campagna per avere il loro piccolo giardino, il loro prato da tagliare con l’ombrellone per ricevere gli amici ma con la mentalità ancora cittadina della non partecipazione alla vita, ancora attiva e vitale, della comunità che li accoglie.


E il tentativo e lo scopo del Maggio è proprio questo, quello di fornire occasioni non solo di svago e crescita culturale ma anche di partecipazione, di coinvolgimento attivo e partecipe nella vita della frazione.
Non possiamo quindi che dire grazie a quei volontari che con grande sacrificio personale e familiare riescono, anno dopo anno, ad organizzare eventi e manifestazioni sempre completamente gratuite giungendo, talvolta e spesso con un duro lavoro e con pochi soldi, all’organizzazione di eventi anche di notevole importanza come la conferenza del compianto e rimpianto Antonio Tabucchi, le partecipazioni di Domenico Finiguerra, Gianni Pacinotti, Marco Malvaldi, Sandro Ivo Bartoli, Don Armando Zappolini, Remo Cesarani, Francesco Gesualdi, Alessandro Tofanelli, Claudio Lobbia, Alessandro Scarpellini.  Oppure spettacoli  musicali e di cabaret con personaggi di rilevanza nazionale come il doppio incontro con un artista straordinario come Bobo Rondelli, ma anche i Gatti Mezzi, i Polverfolk della nostra amica Elisa Madrigali, Lucikante, i Vincanto, Balera 69, la Brigata dei Dottori, Niki Giustini e Graziano Salvadori.


Questo è il decimo anno e forse l’ultimo, come mi dice uno degli organizzatori.


Noi tutti speriamo vivamente di no perché oramai siamo abituati a vedere la festa patronale non più limitata solo alla seconda domenica del mese ma prolungata per tutto l’arco di maggio, una kermesse di eventi e manifestazioni comprendente spettacoli leggeri come il cabaret o serate musicali  alternate a serate più impegnative dove si affrontano temi politici, sociali, ambientali, culturali. Non mancano naturalmente le giornate ludiche dedicate alla Natura come le tradizionali biciclettate e il pic nic finale sul viale dei Pini liberato.


Quest’anno, che dicevano l’ultimo, hanno voluto celebrare il decennale con un festival musicale.
 Un festival che vede in campo non professionisti della canzone ma semplici cittadini che una volta tanto si spogliano della loro veste di personaggi anonimi per salire sul grande palco del Teatro del Popolo per interpretare una loro canzone. Alcuni sono preparati ed esperti, altri si lanciano in una vera  e propria sfida contro se stessi impegnandosi in una cosa che non è certamente loro congeniale, una sfida difficile specie per chi non è “portato”, ma lo fanno ugualmente con grande impegno e passione. Si allenano, si preparano, si arrabbiamo, sorridono di se stessi per la loro incapacità ma non demordono. Le prove con l’orchestra (il Maggio Musicale Migliarinese, di pari qualità, ci vuole coraggio per tutti) sono frenetiche e si svolgono in un’atmosfera a tratti spassosa e divertente e a tratti anche drammatica ma sempre con lo spirito giusto della sfida e del divertimento.


Lo spettacolo finale rimane incerto ma posso assicurare che l’impegno è massimo per tutti. Il risultato lo vedremo l’11 maggio, la vigilia della festa.


Ma cosa è tutto questo? Cosa spinge queste persone ad impegnarsi per così tanti anni a fare tutto questo con i pochi soldi racimolati chiedendo contribuiti ai privati, a lottare contro tutte le difficoltà burocratiche nascoste in ogni evento: il palco non a norma, la piazza e la strada suolo pubblico, il divieto o no del transito alle auto, la sosta dove e quando,  la musica come e perché, gli alimenti si o no, i permessi di accesso dove e come. Perché allora?


Perché pensano che il loro impegno sia qualcosa di utile per comunità che li accoglie, perché ricevono in cambio qualcosa che non è venale, non è denaro, non è una medaglia al valore, una citazione sul giornale, una coppa da esibire ma è la soddisfazione, la gratificazione personale di fare qualcosa di utile per gli altri. Per quel senso di autostima e di gratificazione che si ha nel fare qualcosa di bello e di utile senza tornaconto personale se non la soddisfazione di averlo fatto, qualcosa che prima non c’era ed invece ora c’è.


E’ il segreto del volontariato, quello del Maggio, così come quello di tutte le organizzazioni radicate sul territorio, organizzazioni che si occupano di cultura, di assistenza, di ascolto, di sport (da non trascurare),  di musica, di soccorso eccetera. Sono tantissime ed occupano centinaia di persone, di volontari.


Ad ognuno di loro va il mio e il nostro ringraziamento.
Non saranno capaci di cambiare il mondo e la società ma sicuramente il mondo e la società senza di loro sarebbero peggiori.

Proloco di Vecchiano
ARCI Pisa
Distaccamento dei Vigili del Fuoco volontari di Vecchiano
CCN - Centro Commerciale Naturale
Volontariato Vincenziano – iniziative sociali
UILDM – Unione Italiana Lotta Distrofia Muscolare
Sintonia-iniziative culturali e tango argentino
Ragazzi di Oggi – Gruppo Teatrale Filettole
Pubblica Assistenza Sez. Migliarino
Oratorio Mondo Nuovo
Misericordia Sez. Vecchiano
Associazione Mare Sicuro
Gruppo Teatrale “In Mandria”
Associazione Culturale e Ambientale Le Grépole
GLAP – Gruppo lavoro in acqua di Pisa Cani Terranova
Fratres – donatori di sangue, iniziative sociali
Famiglia Aperta – Affidamento familiare di minori
Comitato Carnevale Vecchianese
Centro Nuovo Modello di Sviluppo – iniziative culturali
CARITAS Val di Serchio
ATTIESSE – Associazione Teatro Spettacolo
Associazione Musicale Senofonte Prato
ARSA – Associazione Studi e Ricerche Storico Archeologiche
ARCI Nodica- Circolo Giovanile
ARCI Vecchiano
ARCI Migliarino
ARCI Filettole  
(eccetera)
NOTA. Chi non è nella lista si trova nell’eccetera

La foto: Pic Nic 2011, il tiro alla fune.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




28/4/2013 - 12:18

AUTORE:
Mina

...la ripropongo, perchè ci dice!!!

Voglio ringraziare un gruppetto di persone
che un dì fecero una riflessione
su come far rivivere il paese
senza troppe spese e neppure alte pretese
se non quelle di massicce dosi di passione
gran determinazione e ostinazione
per contrastare la culturale omologazione
dell'abbandono della tradizione
degli usi e delle usanze
anche di quelle assai più ganze
Si sono inventati ogni cosa
ogni anno senza posa
La risposta del cittadino
all'inzio era quella del vicino
dell'amico o del cugino
Non si sono scoraggiati
forse un po' amareggiati
ma con la testa assai pinata
han continuato la scalata
picnic, biciclettata,
le canzoni e la sfilata
una mostra di foto
e si sono messi in moto
con Rondelli si sono fatti belli
con la Banda Senofonte si è aperto un orizzonte
col Tabucchi è venuta gente a mucchi
il palio remiero è un successo per davvero
E allora diciamo non all'ultim'ora
i 4 uomini del Comitato per il Maggio
si meritano per omaggio
sulla pelle un tatuaggio
delle bandiere dei rioni del villaggio
per l'amore dimostrato
per il lavoro appassionato
per il tempo investito
per averci divertito
ma soprattutto insegnato su quale strada camminare
se oggi anche di ieri ci vogliamo ricordare
e se nel domani vogliamo passeggiare
come ambasciatore che porta nel suo cuore
per la vita un grande amore!!!