none_o

All'età di 93 anni (a settembre ne avrebbe compiuti 94) ci ha lasciati il grande scrittore Andrea Camilleri. Era nato nel 1925 a Porto Empedocle, in provincia di Agrigento, in Sicilia, ed è stato anche regista, sceneggiatore, drammaturgo ed insegnante. 

Arpat Toscana
none_a
ASBUC Migliarino
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Arpat Toscana
none_a
IL VICE P. M. 5S DICE CHE I SINDACATI FANNO UNA SCELTA .....
Leggo sul Fatto Quotidiano, tramite la sezione giornali .....
Da cosa l'ha 'ndovinato il nome Bruno?
Sicuramente non è la segnaletica di una volta l'ho .....
"Io lo vedo così"
none_a
"Io lo vedo così" (il mondo)
Una nuova Rubrica per tutti
none_a
Incontrati...per caso
di Valdo Mori
none_a
Dio arriverà all'alba - Alda Merini
none_a
  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


Migliarino
none_a
Migliarino, 3 luglio
none_a
Milano e Cortina hanno vinto
none_a
di Fausto Bomber
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
CERCHIAMO UN TRATTORISTA CON ESPERIENZA ALLA GUIDA DELLE PRINCIPALI MACCHINE AGRICOLE.
AZIENDA AGRICOLA TENUTA ISOLA

DISPONIBILITA' FULL TIME
none_o
Libiamo, amore...

17/5/2013 - 7:29

Anche stanotte ho sognato,  non visioni ma suoni, ho sognato e dormito cullato dalla musica verdiana che avevo appena appena gustata appassionatamente  al Teatro del Popolo di Migliarino nella seconda serata di "Musica che passione" dedicata a Giuseppe Verdi.

Verdi e la sua passione, la passione di Violetta e Alfredo, del Duca di Mantova e Gilda, Aida e Radames e ora anche la mia per la Musica!

Allora libiamo anche noi insieme ai personaggi della Traviata.

 

Svegliamoci dal sonno sognatore e sogniamo ad occhi aperti.
Sogniamo del perché siano stati dati ai nostri territori (parlo di quelli locali ma la cosa è nazional-modiale detta oggi globalizzata) strani stranissimi nomi, del perché tanti dei nostri paesi siano con il suffisso "iano", del perché esistano località con nomi di piante, o con quelli di personaggi ed altre con ricordi di situazioni ivi accadute, e fermiamoci vicino vicino… a Nodica.
Feo, Boccali,  Pucinaia, Padule Grande, Capannone, Fossa Magna, Sfatticci, Ponte a Luccio e decine di fantastici toponimi e soffermiamoci su uno che mi ha fatto sempre sognare una Grandeure  nodichense come la Marie vecchianense di inizio ‘800.
Borgogna!


La Borgogna nodichese è la parte che confina con Malaventre migliarinese nei terreni lungo il Serchio, per intenderci il lato destro della provinciale viaggiando da Migliarino a Vecchiano poco dopo la rotta del Natale 2009.
Perché il nome ricorda quello famoso della regione francese?
Forse per lo stesso motivo che spinse il famoso Veronelli (quasi 100 modi di fare un uovo al tegamino!) a scrivere in un noto giornale la storia dei vitigni che i Salviati avevano avuti in dono dai parenti francesi e che avevano poi ri-regalati ai Gherardesca facendone la loro fortuna con il ”Sassicaia”!
Già! Il vino!
È nota la bontà del vino di Nodica, quello del “piano” come dicono i nativi, ma non quello verso la Bonifica che al tempo dell’attribuzione del suddetto nome non era ancora stata fatta, significando allora che vi doveva essere un’altra zona di coltivazione.
E come si poteva chiamare tale zona se non affiancandola, forse e senz’altro superbiosamente, alla nota regione francese?
 E chi non può pensare che tale nome fosse proprio stato dato dai francesi che avevano la Marie, e i suoi terreni, per ricordare le bevute di casa?
Fatto sta che adesso si risolve il problema se pure spostandolo di pochi metri!
Eccola la Borgogna di Nodica!
È davanti al ristorante “Da Mery”, con migliaia e migliaia di barbatelle di vitigni  di nobile rosso cabernet e merlot e sauvignon, che andranno per il mondo portando con sé il nome del vino, ma dentro di loro l’aria di casa nostra e l’afrore della nostra terra!

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




17/5/2013 - 17:00

AUTORE:
Lettore

A te se di quella roba lì un ti tocca nulla è meglio......

17/5/2013 - 11:49

AUTORE:
Ultimo

.......... amico chiube, quei vitigni davanti al ristorante " Da Mary " sono propedeutici a libagioni mondiali ....... e a noi nulla?