none_o

Ho assistito ad una interessante conversazione riguardo al problema della manifestazione novax del 20 giugno scorso. Qualche offesa è passata, qualche frase di troppo a mio giudizio è scappata ma certo è difficile esimersi dal classificare e definire una tale sconsiderata presa di posizione. L’articolo di giornale che riporta il fatto va giù duro e titola “La vittoria degli imbecilli: il 41% degli italiani non vuole vaccinarsi contro il Covid 19”.

Ci disse il prof. Raffaello Nardi: volete andare al .....
Come mai nel VIDEODRONE di Bocca di Serchio non è .....
. . . . . . . . . . . . . . . non capisco i virologi .....
Per i cinguettii mi riferivo semplicemente ai tweet .....
Incontrati per caso..
di Valdo Mori
none_a
Libri.
none_a
Incontrati per caso..
di Valdo Mori
none_a
le Eccellenze italiane dello spettacolo”
none_a
Bagno degli Americani
none_a
di
Bruno Pollacci
none_a
FIAB-Pisa
none_a
San Giuliano Terme, 5 luglio
none_a
Cascina, 4 luglio
none_a
Tirrenia, 4 luglio
none_a
Villa di Corliano, 29 giugno
none_a
Pontasserchio, 28 giugno
none_a
  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


  • Circolo ARCI MIgliarino

      Chiusura del Circolo

    Il Circolo ARCI Migliarino comunica ai propri soci che il bar resterà chiuso dalla data odierna (10.3) fino al 3 di aprile 2020. La riapertura sarà condizionata dalle disposizioni successive riguardo alla diffusione della malattia in ambito nazionale.


FC FORNACETTE CASAROSA
none_a
Dai monti al mare
none_a
camp estivi
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
Prefettura di Pisa
Festa della Repubbica all'insegna della sobrietà

2/6/2013 - 18:52

 
Si è svolta questa mattina a Palazzo Medici a Pisa, la cerimonia per la Festa della Repubblica e la consegna delle Onorificenze al Merito della Repubblica e le medaglie d'Onore ai familiari dei Deportati. Presente alle celebrazioni, tra gli altri, il Ministro Maria Chiara Carrozza.
“Ringrazio tutti i presenti e, in particolare, il Ministro Carrozza per averci onorato della sua partecipazione, che arricchisce il valore di questo momento istituzionale” ha detto il Prefetto nel suo saluto precisando che, quest'anno, la Festa della Repubblica è stata voluta all'insegna della sobrietà, senza il tradizionale ricevimento al Palazzo del Governo, in linea con il clima di essenzialità che sta caratterizzando il nostro Paese; sottolineando però che quella stessa sobrietà non può far dimenticare l'importanza di celebrare i valori della nostra storia repubblicana, che meritano di essere alimentati con convinto “spirito italiano”.
“Poco fa, sul Ponte di Mezzo, abbiamo partecipato alla cerimonia dell'alzabandiera” ha proseguito il Prefetto.
"A quella bandiera abbiamo ritenuto di rivolgere la nostra attenzione, sia come istituzioni che come cittadini della Repubblica. Essa rappresenta il simbolo indiscusso dell'orgoglio del Paese, che sta dimostrando tutta la tenacia nell'affrontare le gravi questioni che ormai da qualche anno, purtroppo, ci chiamano a sacrifici e scelte di estrema responsabilità”.
Tagliente ha, poi, dato lettura del messaggio che il Presidente della Repubblica ha inviato ai Prefetti, impegnandoli all'ascolto proprio delle fragilità umane, per evitare che si ripetano quelle tragedie familiari che negli ultimi tempi si stanno verificando sempre con maggiore frequenza.
"Cari Prefetti. Ho vivamente apprezzato la convinta adesione che avete riservato all’invito a celebrare la solenne ricorrenza della Festa della Repubblica con la sobrietà che il momento richiede, riaffermandone, comunque, il profondo significato nel rinnovato richiamo ai valori sui quali si fonda la nostra Comunità nazionale. Come tutti coloro che esercitano pubbliche funzioni sul territorio, Voi siete interpellati quotidianamente dalle ansie e dalle aspettative di persone, famiglie ed imprese in gravi difficoltà. Di questa vera e propria “questione sociale” – che si esprime soprattutto nella dilagante disoccupazione giovanile – bisogna farsi carico ponendola al centro dell’azione pubblica, che deve connotarsi per un impegno sempre più assiduo nella ricerca di soluzioni tempestive ed efficaci alle pressanti istanze dei cittadini. La fiducia potrà rinascere – ed essere a sua volta volano di migliori risultati – se le risposte saranno coerenti e mirate in uno sforzo continuo, volto a razionalizzare e semplificare gli apparati e l’azione amministrativa ed a riorientare l’utilizzo delle risorse pubbliche perché possa concretamente avviarsi una nuova fase di sviluppo e di coesione sociale. In questa direzione, chiedo a Voi Prefetti, chiamati ad una interlocuzione sistematica con le componenti istituzionali e le forze sociali attive sul territorio, di dare il massimo impulso ad iniziative per una maggiore apertura, efficacia e trasparenza dell’azione pubblica, favorendo la semplificazione e un lavoro comune delle amministrazioni che tenga conto delle esigenze più avvertite in ambito locale. Vi chiedo altresì, nell’ambito della generale attività di prevenzione, la massima attenzione alle situazioni di maggior disagio e bisogno, promuovendo iniziative di ascolto, di sostegno e di integrazione per evitare il più possibile episodi tragici come quelli verificatisi di recente. Con questi auspici, a voi Prefetti ed a tutti coloro che con Voi celebrano la Festa della Repubblica rivolgo il più intenso augurio di buon lavoro."
Dopo la lettura del messaggio, il Prefetto ha ringraziato il Presidente della Repubblica promettendo impegno e determinazione nella direzione da Lui indicata, manifestando anche la propria convinzione più assoluta sulla necessità di puntare alle iniziative di ascolto specializzato e di sostegno in favore delle persone, delle famiglie e delle imprese che versano in condizioni di grave difficoltà.
“Il messaggio del Presidente Napolitano – ha evidenziato – ci esorta, dunque, a proseguire il lavoro già avviato in sede di Conferenza Provinciale Permanente lo scorso 29 maggio, nell’attuazione e ricerca di nuove forme di solidarietà sociale. L’attuale situazione di crisi economica e finanziaria può alimentare situazioni di disagio e di scoraggiamento che potrebbero sfociare in imprevedibili comportamenti” - ha aggiunto il Prefetto - precisando che le difficoltà economiche, talvolta ingigantite rispetto alla loro reale entità, possono agire come fattori scatenanti del disagio psichico e, specialmente in persone vulnerabili, sfociare in quadri di vera e propria depressione.
Tagliente ha sottolineato, quindi, la necessità di specializzare gli operatori del settore, in modo da sviluppare e accrescere la capacità di riconoscere le situazioni potenzialmente a rischio anche sul piano psicologico, affinché quegli stessi operatori assicurino un rapporto “collaborativo” con chi versa in difficoltà, guidandoli ad uscire dalla crisi e seguendone la storia, anche a distanza di tempo, per accertare l’assenza di sopravvenuti fattori di rischio, tra i quali fenomeni di usura e altre forme di illegalità.
“Mi sia permesso – ha voluto evidenziare Tagliente – di rivolgere un singolare apprezzamento alla Camera di Commercio, che proprio negli ultimi giorni, sulla scia del lavoro avviato, ha dato la propria disponibilità a valutare la richiesta di costituire una nuova struttura di riferimento per l'erogazione di servizi assistenziali mirati”.
Il Prefetto ha, inoltre, aggiunto che “è percorrendo questa strada che chi è chiamato a guidare l’ Ufficio Territoriale del Governo, facendo rete con le altre Istituzioni e realtà della società civile, deve arricchire l'opera di mediazione sociale che ogni giorno ci vede impegnati nel 'raffreddamento' di tensioni lavorative di questo delicato momento storico”.
 “È da poco meno di un anno che sono stato chiamato ad interpretare le funzioni di prefettizie – ha concluso – dopo tanto tempo trascorso a servire le Istituzioni nel settore della sicurezza, e oggi, ancora di più, sono convinto delle elevatissime potenzialità umane e creative dei cittadini, degli imprenditori, dei lavoratori, e dei rappresentanti del mondo dei servizi e della cultura, che proprio in fasi di crisi come queste, esprimono al meglio l'orgoglio italiano. Viva la Repubblica!”.
 
 Pisa, 2 giugno 2013 


Prefettura di Pisa - Ufficio Stampa 
Piazza Giuseppe Mazzini 7 - 56127 - Pisa 
www.prefettura.it/pisa

 

 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: