none_o

Nei giorni 26-27-28 aprile verranno presentati manufatti in seta dipinta: Kimoni, stole e opere pittoriche tutte legate a temi pucciniani , alcune già esposte alla Fondazione Puccini Festival.Lo storico Caffè di Simo, un luogo  iconico nel cuore  di Lucca  in via Fillungo riapre, per tre mesi, dopo una decennale  chiusura, nel fine settimana per ospitare eventi, conferenze, incontri per il Centenario  di Puccini. 

#NotizieDalComune #VecchianoLavoriPubblici #VecchianoSport
none_a
Pisa, 17 marzo
none_a
Comune di Vecchiano
none_a
. . . la merxa più la giri, più puzza e te lo stai .....
. . . camminerebbe meglio se prima di fare il tetto .....
Ad un grosso trattore acquistato magari con l'aiuto .....
. . . che su questo ci intendiamo. Sai qual è il .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Colori u n altra rosa
Una altra primavera
Per ringraziarti amore
Compagna di una vita
Un fiore dal Cielo

Aspetto ogni sera
I l tuo ritorno a casa
Per .....
Oggi è venuto a mancare all’affetto di tutti coloro che lo conoscevano Renato Moncini, disegnatore della Nasa , pittore e artista per passione. .....
Vecchiano
T e F: anche il bilancio di previsione 2013 del Comune di Vecchiano pesa sulle tasche dei cittadini

19/7/2013 - 23:52

T e F: anche il bilancio di previsione 2013 del Comune di Vecchiano pesa sulle tasche dei cittadini
  Insieme per Vecchiano approva il Bilancio di Previsione 2013 il 09 luglio 2013. Anche se la proroga, prevista in via eccezionale, è stata concessa anche quest’anno dal Governo, è bene ricordare che il Testo Unico Enti Locali all’art.151 definisce il 31 dicembre come termine per l’approvazione del bilancio di previsione per l’anno successivo e molti comuni rispettano tale termine. A Vecchiano NO! Per quanto riguarda le entrate: l'IMU. Ad ora l’imposizione sulla prima casa è sospesa, ma a Vecchiano è stata persa l’ennesima occasione di parificare allo 0,4 % come la prima casa tutte quelle “cosiddette seconde case” che in realtà sono prima casa di figli, fratelli o sorelle, genitori. Già i regolamenti Ici prevedevano questa fattispecie parificata alla prima casa e diversi comuni hanno previsto di parificarla anche per l’IMU già dallo scorso anno. A Vecchiano NO!
Nel suo comunicato il Sindaco omette di dire chiaramente che quest’anno per l’IMU sulle abitazioni diverse dalla prima l’incasso entra totalmente nelle casse del Comune, a differenza dello scorso anno per cui il 50 % andava allo Stato, specifica però che le entrate IMU sui fabbricati produttivi vanno interamente allo Stato. Tra le righe poi si legge che “salvo ulteriori modifiche nazionali, ad ogni modo, quest'anno il Comune dovrebbe incassare una cifra maggiore”!!! Ma allora si continuano a tenere aliquote IMU standard o elevate per quale motivo??? Non si può elaborare un Bilancio che pesa sulle tasche dei cittadini in questi periodi di crisi!
In merito a questo modo di trasferire sui cittadini il “far tornare i conti” un esempio eclatante, e su cui Tradizione e Futuro ha proposto emendamenti già lo scorso anno, è l'addizionale IRPEF. L’anno scorso fu elevata allo 0,8% (aliquota massima applicabile) dando una soglia di esenzione solo a chi ha un reddito pari o inferiore a 10.000 euro! Tutti i cittadini di reddito medio-basso restano esclusi da questa soglia! Già a maggio 2012 noi chiedemmo all’Amministrazione che se ci fosse stato un surplus di maggiori entrate grazie all’IMU, provvedesse ad eliminare l’aumento sull’aliquota dell’addizionale Irpef o in subordine a modulare scaglioni di aliquote ridotte rispetto all’aliquota massima applicabile deliberata da Insieme per Vecchiano.
Per quanto riguarda la TARES di punti oscuri ce n’è più di uno! Quest’anno cinque rate rendono questa tassa esosa rispetto al servizio fornito. A tal proposito il Consiglio Comunale di Vecchiano il 30 aprile scorso ha approvato un Ordine del Giorno per l’eliminazione di tale tassa: questa è una battaglia da proseguire con lo Stato al fine di ottenere il risultato auspicato.
Per quanto riguarda le spese i lavori pubblici programmati risultano essere sempre gli stessi da anni ormai, ma se a luglio non sono ancora iniziati gli iter burocratici cosa potrà essere realizzato nel 2013??? Resta un libro dei sogni: promesse irrealizzate adducendo giustificazioni solo perché si lasciano andare altrove le occasioni di reperimento di risorse.
 

 

                                                       
Fonte: Laura Barsotti - capogruppo Tradizione e Futuro
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

23/7/2013 - 16:25

AUTORE:
passante

cioè, non riesco ad andare oltre a leggere...

CITO:
"[...] casa tutte quelle “cosiddette seconde case” che in realtà sono prima casa di figli, fratelli o sorelle, genitori [...]"

Ma se sono le prime case dei figli, perché non ci prendono la residenza?
Non posso andare oltre a leggere, visto che il comunicato inizia con un pretesto che lo inficia nel suo insieme.

20/7/2013 - 23:56

AUTORE:
vecchianese

ONERI per la scuola....Vecchianese intrafunandoti hai detto il vero e se sei tanto curioso sai come fare...aspetta e vedrai

20/7/2013 - 19:11

AUTORE:
Vecchianese

Sarei curioso di vedere il bilancio fatto da TF.
Perché non dite quanto ammonta il taglio dello stato per il comune di Vecchiano?
Perché non dite che sono stati mantenuti gli stessi oneri per scuola e sociale.
Perché non fate voi un bilancio virtuale visto che avete le cifre.
Non sarà che è semplice dire. Purtroppo poi c'è da fare i conti con quello che abbiamo.
Voi vedere che ritorna di moda parlare del centro commerciale e gli oneri di urbanizzazione.
ricordo che quelli riscossi da Pisa bastano appena per fare le rotonde.
C'è poi da mantenerle e garantire il loro funzionamento.

20/7/2013 - 18:27

AUTORE:
Akuna Matata

vogliamo un forestale per ogni albero!