none_o


Guardati allo specchio! Il volto che vedi riflesso è il risultato di milioni di anni di evoluzione e riflette le caratteristiche più distintive, che utilizziamo per identificarci e riconoscerci.  E' il risultato che si è plasmato secondo i nostri bisogni, legati al mangiare, al respirare, alla vista, alla comunicazione.  Ma come si è evoluto nei millenni il volto che abbiamo, per arrivare a mostrarsi com' è oggi?

Conad City e Pubblica Assistenza di Migliarino
none_a
Arpat Toscana
none_a
Arpat Toscana
none_a
Migliarino
none_a
Per chi non lo sapesse, da martedi il comune comincerà .....
Francesco T è Primo? ed Ultimo sono io!
Si perchè .....
Caro lettore, ho fatto anc'io quello che mi consiglia, .....
Caro Francesco T, lettore e scrittore del Forumm VdS. .....
Vecchiano, 26 aprile
none_a
Pisa, 28 aprile
none_a
Pontasserchio
none_a
FIAB-Pisa
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Per una Pasquetta partigiana
none_a
San Giuliano Terme
none_a
di Fabrizio Manfredi
none_a
CAMPIONI D’ITALIA!!! #W8NDERFUL!!!
none_a
Le squadre di Val di Serchio
none_a
Sogno San Giuliano:
none_a
Le squadre di Val di Serchio
none_a
Nel germoglio di un'amore
C'e' il sorriso
della vita
Ed il tremito dei sensi
Che prelude a nuovi voli

E' la
danza di una fiamma
Che accarezza .....
. . . . . . . . . . . . . . un fatto accaduto quando andavo ancora alle elementari e che ricordo ancora molto bene. . . . . . Ebbene nell'ultimo banco .....
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
Parco Regionale MSRM
none_a
none_o
eMANIamo
di Madamadoré e le sue amiche

29/7/2013 - 8:12


 Da un po' di tempo mi trovo ad osservare le mani degli uomini e sono colpita dalla loro trasformazione. Le mani parlano di noi. ho sempre pensato che raccontino un po' la nostra storia. Un popolare modo di dire dice: avere le mani in pasta...in quale pasta le tengono gli uomini di oggi? e le donne?
Mi ricordo molto bene le mani del mio babbo, le ho sempre considerate delle manone, non credo fossero grosse, ma erano nodose, con i calli di chi maneggia attrezzi, erano mani forti, che evocavano sicurezza e più tardi, per troppo poco tempo, hanno evocato anche saggezza. Le mani degli uomini e quelle delle donne, prima erano diverse, nella struttura, ma non solo...oggi sempre più si assomigliano. Sempre più spesso le mani degli uomini che ho osservato, sono mani fini, dalla pelle levigata, senza calli,  mani da ufficio, da pc, tablet o iphone. Mani fini che però non esitano a colpire, ma questo è un altro discorso.
Quelle delle donne? Mi colpisce la decorazione delle unghie che oggi è diventata un must, moltissime donne si fanno la ricostruzione delle unghie e la decorazione, l'effetto è un po' alla Crudelia de Mon, almeno per me. Sarà che le mie mani non mi piacciono, sono state maltrettate, le ho maltrattate, le ho usate senza riguardo e le uso ancora così. Non riesco ad usare i guanti, ho bisogno di sentire il contatto diretto con le cose, non potrei impastare con i guanti, o mescolare i colori, giocare con le farine, il das o il pongo usando i guanti. Mi piace sentire il cibo, prepararlo usando le mani. Mi piace molto il contatto con le cose per sentirle non solo fisicamnete.
Le mani sono strettamente legate ad uno dei cinque sensi, il tatto, ed è un po’ che mi trovo spesso a riflettere su quanto negli ultimi anni abbiamo imparato a farne a meno, a quanto le nostre comunicazioni, che ormai viaggiano nel mondo virtuale, siano un po’ più povere, povere, sì, degli sguardi, del suono della voce, ma anche di una mano appoggiata sulla spalla, di una stretta di mano. E, invece, se penso a quanto è importante per me la stretta di mano, ci faccio caso se è forte o debole, e se penso a quanto preferisco la prima...
Ma oggi col culto della perfezione, le mani che sono il nostro biglietto da visita, la parte più esposta di noi diventano, o lo sono sempre state,  mani da mostrare, mani che evocano …
ci hai mai pensato a quanto comunicano le mani, quanto noi comunichiamo con le mani? Spesso le mani accompagnano le parole, le spiegano, le sottolineano, a volte i gesti sono anche più espressivi delle parole stesse. Può anche capitare che le mani non siano in sintonia, in accordo con le parole, perché i gesti, ancor più delle parole, frutto sovente della parte di noi più razionale, sono legati alle emozioni, al noi più istintivo, quello che non riusciamo a controllare, e allora le mani con i loro movimenti in qualche modo tradiscono le parole, comunicando, si potrebbe dire, con maggiore sincerità.
...mani che accarezzano, abbracciano...ma anche mani che fanno male che uccidono graffiano l'anima. Mani da stringere quando conosci qualcuno, quando non vuoi lasciarlo andare via o quando ti aggrappi con tutte le tue forze, mani nelle mani per sostenere, per fare forza, per farsi coraggio, mani che uniscono o che dividono, mani che rubano, che toccano con avidità, mani che asciugano le lacrime, o che stirano le pieghe delle vesti, mani che parlano di noi e per noi, mani in pasta o mani pulite come metafore potenti, mani tese che nessuno ricambia, la mano che ti chiede l'elemosina, le mani giunte, e le mani tra i capelli, disperazione o seduzione? Mani strette in un pugno, mani con una fede al dito e a volte anche con due, una accanto all'altra, mani in grembo, mani giunte in preghiera, mani sudate, mani che tremano e mani che applaudono.
Mani che amano, che odiano, che offendono, che danno il ritmo...mani che narrano storie, le nostre storie.
 
 
 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: