none_o


In questo nuovo articolo di Franco Gabbani viene trattato un argomento basilare per la società dell'epoca, la crescita culturale della popolazione e dei lavoratori, destinati nella stragrande maggioranza ad un completo analfabetismo, e, anzi, il progresso culturale, peraltro ancora a livelli infinitesimali, era totalmente avversato dalle classi governanti e abbienti, per le quali la popolazione delle campagne era destinata esclusivamente ai lavori agricoli, ed inoltre la cultura era vista come strumento rivoluzionario. 

Circolo ARCI Migliarino- 13 giugno ore 21
none_a
Di Claudia Fusani
none_a
Comune di Vecchiano
none_a
. . . e lo ha detto chi momentaneamente ha occupato .....
. . . se per caso, o altro, Renzi lasciasse la politica, .....
Nicola Zingaretti, disse a Matteo Renzi: non ti presentare .....
. . . magari.
Resta da capire se Iv è un partito .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per scrivere alla rubrica: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
il richiamo di cose
perdute, stanotte, dilaga
per il chiostro dell'anima
mia vaga, come bruma di seta
che lenta si sfà.
Filamenti di volti,
laceri .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
Gruppo Emergency Pisa
"A 70 anni dalle bombe su Pisa un'altra guerra"

30/8/2013 - 18:13


 "A 70 anni dalle bombe su Pisa un'altra guerra"

 

Il gruppo Emergency di Pisa intende dire un secco NO! all'ulterioreinasprimento della guerra in Siria. Solo le armi del dialogo e dellaragione sono in grado di fermare una guerra, non saranno certo altrebombe ed altri morti a farlo.

Sono passati settanta anni, da quel terribile 31 agosto che distrussebuona parte della città di Pisa e assistiamo ancora una volta a "ventidi guerra". Sono venti che spirano lontano, ma che bruciano sulla pelle ela coscienza di tutti noi.  Come accade spesso ormai, le bombe vengonopresentate all'opinione pubblica e alla coscienza del singoloindividuo, come l'unica opzione possibile per mettere fine a unconflitto. 

Non è vero!  Emergency lo ha visto in Iraq, inAfghanistan, in Libia: le guerre "per la pace" hanno solo alimentatoaltra violenza ed in questi Paesi i civili continuano a morire.Ai morti già causati dalla guerra in Siria se ne aggiungeranno altri,perché scegliere le armi oggi significa decidere sempre,consapevolmente, di colpire la popolazione civile: nei conflitticontemporanei il 90% delle vittime sono sempre bambini, donne e uominiinermi.

Centinaia di migliaia di persone hanno già abbandonato la Siria percercare rifugio nei Paesi vicini. Emergency li ha incontrati anche inSicilia, dove medici, infermieri e volontari stanno garantendo leprime cure ai profughi che sbarcano sulle coste di Siracusa.In tutti questi anni abbiamo visto che la guerra è sempre l'opzionepiù disumana, e inutile.Anche il Gruppo Emergency di Pisa chiede che l'Italia rifiutil'intervento armato, non consenta l'utilizzo delle basi militari e siimpegni invece per chiedere alla comunità degli Stati l'immediatointervento diplomatico.  La diplomazia è l'unica soluzione ammissibilesecondo il diritto internazionale, l'unica in grado di costruire unprocesso di pace che abbia come primo obiettivo la tutela dellapopolazione siriana, già vittima della guerra civile.L'umanità -cioè noi tutti- possiamo ancora decidere di rinunciare allaguerra: difendere e praticare i diritti umani fondamentali è l'unicomodo per costruire le basi per una convivenza pacifica tra i popoli.Gruppo Emergency PisaReferente Gruppo: Emiliano Cariello

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri