none_o

In questo periodo di grande confusione una guida medica per chi è malato o pensa di esserlo perché ha avuto, o pensa di aver avuto, un contatto con un positivo al Covid. Un contributo della Voce per fare chiarezza.
 

Massimiliano Angori
none_a
Arci Servizio Civile Pisa
none_a
Massimiliano Angori
none_a
Confraternita Misericordia di Vecchiano
none_a
. . . . . . . . . . . . . . . . è il mio suggerimento .....
. . . ancor di più se avessi il tuo indirizzo mail, .....
. . . t' accontento. Una cosa giusta l'hai detta : .....
Un vecchianese; un pole di la sua ricalcando un pensiero .....
Vecchiano è Voilontariato
#tantifiliunasolamaglia


“Il gioco serio del teatro”

Vecchiano è volontariato
#tantifiliunasolamaglia

L'associazione culturale La Voce del Serchio ospite del giornale online da cui è nata

....Ci siete? Proviamo ad aprire quella porta e ad incontrarci?
Mandateci un messaggio e noi organizzeremo un incontro.

C’è un’idea strana che aleggia su Migliarino, una sorta di profezia, a Migliarino non c’è niente e non succede niente.Siamo sicuri che a Migliarino non ci sia nulla? Proviamo a fare un inventario...

Franca
none_a
La bellezza è negli occhi di chi guarda
di Luigi Polito e Sandro Petri
none_a
Di Matteo Cannella
none_a
La bellezza è negli occhi di chi guarda
di Luigi Polito e Sandro Petri
none_a
San Giuliano Terme
none_a
Elezioni del PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ITALIANA
none_a
Alberto Zangrillo - covid
none_a
Circolo Arci Vasca Azzurra Nodica
none_a
Comelico Superiore, Veneto
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Accade a volte
che in sere con orli d'autunno
il ricordo sovvenga di quando
sul finire di scale e cortili
cosparsi nel vento
folle divenni,
senz'altro .....
Con grande dispiacere e soltanto casualmente in questi giorni sono venuta a conoscenza della morte del Dottor Assanta. Ritengo sia stato un esempio di .....
none_o
Lo Sciopero delle Donne

di MADAMADORE'

18/11/2013 - 0:00


Sono le 23 di domenica sera e sono ancora in alto mare...Madamadorè questa settimana pare senza pensieri, che non vuol dire spensierata.

Non è facile trovare le parole e gli argomenti. Non è facile provare a non essere superficiali, a non scrivere per scrivere.

Gli argomenti ci sono eccome se ci sono, è che sono ingarbugliati nella mia testa. Perchè per pensare e scrivere ci vuole agio, tempo e ispirazione, che è anche un po' magia, e a volte non ce l'hai.

Vorrei parlare delle ragazzine che sono state protagoniste della cronaca di questi giorni, ma lo sono state talmente tanto che meriterebbero silenzio e riservatezza, per il loro bene, per la loro possibile e auspicabile “guarigione” da queste ferite enormi che la loro anima ha ricevuto. Una vicenda buttata senza nessun ritegno sotto i riflettori e poco riflettuta nelle sedi e dai soggetti adeguati. Una vicenda che lascia molti lati in ombra, gli sfruttatori, i padri...uomini con i loro silenzi, uomini che sfuggono alle loro responsabilità. Uomini che devono prima o poi affrontare la questione maschile, perchè di questo si tratta.Vorrei parlare della questione maschile, ma vorrei parlare anche delle donne e delle relazioni, dell'attenzione che la politica riserva a uomini e donne, alle relazioni.Giro qua e là, leggo, ascolto qualche intervista e poi decido che si può cominciare da qui, dal blog di Lorella Zanardo, da questa iniziativa illustrata in settimana anche sul quotidiano Repubblica e lancio una proposta: facciamo anche noi a Vecchiano qualcosa in questo giorno, mettiamo dei nastri rossi attaccati ai cancelli delle nostre case, facciamo qualcosa in piazza, intrecciamo con dei fili rossi le piazze dei nostri paesi, facciamo qualcosa...

LO SCIOPERO delle DONNE, se fatto bene, CAMBIEREBBE il PAESE in modo DEFINITIVO.

Le donne smettono di rappresentare il welfare.

Grandi invalidi lasciati soli, senza cambiare i pannoloni e senza prendersene cura. Asili affollati di bambini alle 8 di sera e nessuna nonna che è corsa a prenderli. Adolescenti affamati a frugare frigoriferi. Supermercati pieni senza le donne a comperare. Anziani stesi a letto e nessuno che li solleva, pavimenti sporchi, lavatrici da fare, polvere ovunque. Potrei continuare. Lavoro con pazienza e molta fatica sull'INNALZAMENTO del LIVELLO di CONSAPEVOLEZZA delle DONNE perché le donne NON VOGLIONO SCIOPERARE, non la maggioranza intendo. E perchè? "Eh Zanardo" mi dice una donna matura ad un dibattito " lei dice cose belle ma come si fa? cosa faccio? non do da mangiare a mio marito?" sorride " poi lo sente, quello".

Sono buone le donne italiane? forse. Ma non è per questo che non scioperano.

E' per il terribile devastante continuo BISOGNO di APPROVAZIONE MASCHILE.

Noi non sappiamo dire di NO.

Non riusciamo a dire NO alla nostra famiglia senza sentirci in colpa. 

Su questo bisogna lavorare. E mi chiedo perchè il movimento femminista non inizi un lavoro capillare: in giro ci sono sempre le solite donne che la sanno lunga. Ma le altre, quelle che non sanno dire di no, sono la maggioranza e il femminismo non sanno nemmeno cos'è. 

"Se mi guardo attorno non vedo e, soprattutto, non sento niente. Silenzio. Da parte del governo e delle istituzioni, non un atto concreto, un cambiamento...agghiacciante situazione".

Poche righe e una sintesi che fa saltare sulla sedia per efficacia ed immediatezza. Ce le ha scritte Elisabetta, da Parma, fotografando perfettamente lo spirito con il quale, ormai cinque mesi fa, abbiamo lanciato lo Sciopero. Ma lei questa mail ce l'ha scritta ieri mattina. E questo significa, drammaticamente, che tra ieri e cinque mesi fa non è cambiato assolutamente nulla.

Violeta, 48 anni, uccisa a colpi di sedia e gettata in un campo dal marito a Vallo della Lucania (Salerno); Francesca, 55 anni, misteriosamente scomparsa dalla sua villa a Follonica, il cui custode è in carcere perché sospettato di averla ammazzata; Irina, 47 anni, uccisa dal suo compagno e gettata in una scarpata a Porto Ercole.

Storie di queste giorni, le solite, perché nulla muta in questo paese ingabbiato nella morsa della crisi e della legge di stabilità, della politica da salotto e del vouyerismo televisivo, dei vuoti proclami e delle inutili leggi contro il femminicidio. In cui tutto conta, meno che i nostri diritti. Per questo lo Sciopero, e una nazione intera che si sarebbe dovuta fermare perché le donne, reale motore di tutta l'economia, sommersa e dichiarata, hanno deciso che è ora di dire basta.

Non è andata propriamente così perché la parola Sciopero crea scompiglio, agita le poltrone, smuove le città. Ma nel frattempo, dal basso, è nato un movimento capillare e solido, noi siamo state solo il tramite, l'idea, la proposta. E ora questo movimento cammina veloce, da Sud a Nord, nessuna legge, nessuna volontà, nessun proclama potrà fermarlo.

Quello che vi chiediamo in questi ultimissimi giorni prima del 25 novembre, è di pubblicizzare e coinvolgere al massimo tutt@ coloro che vi stanno intorno, nella vostra famiglia e tra i parenti, nei condomini, nei caseggiati, tra i negozianti, sul metrò. Portatevi dietro sempre qualche volantino (lo trovate da scaricare sul sito, in homepage, www.scioperodelledonne.it) da lasciare in visione sul luogo di lavoro, in giro per la città, al supermercato. A Bologna, pensate, sugli scontrini emessi quel giorno in diversi Ipercoop e supermercati, sarà indicato in calce la dicitura "25 novembre Giornata mondiale contro la Violenza maschile sulle donne". Non è una trovata geniale?Qualcun'altra suggerisce, a chi lavora in aziende private e pubbliche, di far pubblicare l'iniziativa sullo Sciopero sulla intranet aziendale, tramite i sindacati o se ci sono, tramite i comitati Pari Opportunità. E pensiamo ai comuni, alle regioni, alle scuole, alle associazioni. Oltre, ovviamente, ad affiggere nelle bacheche di ogni dove. Per dire che tutto, tutto può servire per cambiare, e per sensibilizzare sull'assurdità di questa pratica/comportamento/cultura.

 

E noi che facciamo? 

http://www.scioperodelledonne.it

 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

18/11/2013 - 10:56

AUTORE:
Penelope

Legacci più che legami (famigliari affettivi lavorativi ecc.)sono vere e proprie dipendenze...di donne abituate a sopportare e a subire, prima di tutto perché non sanno farsi rispettare.
Iniziano troppo presto a dire sì e cedono inizialmente per paura di perdere un amore, che è già perso in partenza perché dove non c'è rispetto non può esserci amore.
Ho sentito una ragazza affermare che l'orgoglio rappresenta un grosso limite all'amore...non concordo.
Essere orgogliose di noi stesse ci impedisce di farci ricattare sfruttare e quindi alienare.
Fin da piccole dobbiamo imparare a misurarci col maschio senza cedimenti perché l'uguaglianza è indispensabile per vivere civilmente la propria esistenza.
Il carico delle donne è spesso gravosissimo perché costrette a sopperrire alla latitanza delle istituzioni e mollare non è facile...ma per
lottare non è mai troppo tardi, anche perché il riconoscimento di qualunque diritto non è mai arrivato a casa per posta.