none_o

 

 

Una chiacchierata con Gabriele Santoni. Martedì 29 settembre, alle ore 17, l’Associazione dà appuntamento all’ex asilo di Molina di Quosa, per discutere di nuove povertà, con interventi di Maurizio Iacono, Armando Zappolini, Emanuele Morelli e Francesco Corucci, coordina Francesco Bondielli.

Settembre, tempo di passeggiate.
none_a
#NotiziedalComune #EstateVecchianeseInsiemeaDistanza
none_a
AVVISO
none_a
. . . . . È ad emettere la sentenza "inappellabile" .....
vivi solo il presente dei tuoi interventi sulla VdS, .....
Quando io da buon soldatino ed iscritto al partito .....
Leggo ora di questa polemica su Bersani e dico la mia. .....
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
SPECIALE FINALMENTE DOMENICA!
none_a
Casa Nannipieri Arte
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Associazione culturale "Nati per scrivere"
none_a
Villa di Corliano, 4-10 ottobre
none_a
Corso di Scrittura Creativa
none_a
Pisa, 3 ottobre
none_a
Villa di Corliano, 4 ottobre
none_a
San Giuliano Terme
none_a
Molina di Quosa, 29 settembre
none_a
Molina di Quosa, 25 settembre
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      BURRACO!

    Proseguono le attività del Circolo cercando di rispettare tutte le misure anti-Covid. Da venerdi 21 riprendono i tornei di Burraco con una serie di importanti misure di sicurezza tra cui la prenotazione obbligatoria per l'assegnazione del tavolo, norme severe per divertirsi in sicurezza.

    Tutte le notizie sulle attività sul sito FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
SAN ROSSORE: VITA COMPLICATA PER L’AGRICOLTURA DENTRO IL PARCO,
BUROCRAZIA E VINCOLI DA DIVENTARCI MATTI

22/11/2013 - 20:26



SAN ROSSORE: VITA COMPLICATA PER L’AGRICOLTURA DENTRO IL PARCO,
BUROCRAZIA E VINCOLI DA DIVENTARCI MATTI 
 
 
 
Vincoli e burocrazia rendono la vita dell’agricoltura all’interno del Parco ancora più complicata di quello che è già ogni giorno. E così, l’agricoltura, in particolare la zootecnia, il settore primario per eccellenza che nel Parco di Migliarino San Rossore Massaciuccoli dovrebbe abitare, rischia lo “sfratto”. Una preoccupazione che è stata manifestata da Coldiretti (info su www.pisa.coldiretti.it) nel corso di un incontro con la stampa che si è tenuto questa mattina, venerdì 23 novembre, presso la sala convegni del Consorzio Agrario di Pisa. Insieme ai vertici di Coldiretti, un gruppetto di allevatori vessati da rimpalli di competenze, appesantimenti burocratici, lacciuoli e da un rapporto che sta sempre più allontanando il mondo dell’agricoltura da quello del Ente Parco e della sua gestione: “Ma in questo modo il Parco – ha spiegato Fabrizio Filippi, Presidente Provinciale Coldiretti – non è un’opportunità per chi ci vive dentro, ma una sofferenza. Non chiediamo di abbassare la guardia sul rispetto delle regole ma di utilizzare il buonsenso nell’applicarle. Un’azienda agricola non può permettersi di aspettare per mesi risposte, e nemmeno di programmare l’attività senza certezze. Non abbiamo bisogno di dromedari per attirare turisti e curiosità, semplicemente ridare alle imprese agricole che giàvivono ed operano al suo interno un ruolo da protagoniste consentendogli pratiche di sviluppo sostenibili attraverso economie di filiera”. Venendo all’atto pratico, le imprese di allevamento (in tutto sono circa 200 le imprese agricole presenti all’interno dei confini del Parco), si trovano quotidianamente a “fare a cazzotti” con tempi dirisposta anacronistici e “cavilli” senza senso: dal divieto di pascolo degli ovini nei territori di proprietà del Parco che potrebbero invece essere sfruttati dagli allevatori all’odissea per consentire ad una roulotte di stazionare di fronte alla stalla per evitare il furto dei capi ma anche il riparo degli allevatori durante l’inverno o nei periodi di pioggia. “E ancora – spiega questa il giovane Presidente dell’Associazione Provinciale, Diego Stiaccini – la “sala di mungitura” per la quale un allevatore ha dovuto rinunciare dopo un giro immenso di incontri alle devastazioni degli ungulati, cinghiali e caprioli, specie protetta e tutelata più degli ovini che danno da vivere a decine di famiglie, ma che si cibano con i frutti delle coltivazioni degli agricoltori e del nostro lavoro”. Per Coldiretti le “regole sono fondamentali – prosegue Filippi affermando un principio che l’organizzazione agricola è stata la prima a sposare, in particolare sulla sicurezza alimentare e sulla trasparenza – ma la burocrazia asfissiante come quella che le imprese devono subire all’interno del Parco fanno diventare matti anche i più sani”.

Coldiretti ne ha anche per il Comune di Pisa fino ad oggi, nonostante le promesse, assente e poco interessato: “chiederemo un incontro al Sindaco per fargli presente questi temi; – spiega ancora il Presidente – questo atteggiamento non fa altro che allontanare l’agricoltura dal Parco quando dovrebbe essere un valore indennitario”.

Ciò nonostante non è la guerra che la principale organizzazione agricola va cercando, semmai, un “confronto aperto”. “Il nostro obiettivo è collaborare – ha spiegato Aniello Ascolese, Direttore Provinciale Coldiretti – per consentire a chi vive di agricoltura di continuare a farlo nel rispetto pieno e sensato delle regole. E lo vogliamo fare con l’Ente Parco e con chiunque, è convinto, che l’agricoltura debba avere un ruolo dentro quegli spazi. Il Parco – spiega Coldiretti - dovrebbe essere l’ambiente naturale per definizione per valorizzare l’agricoltura, e premiare l’intraprendenza di quelle aziende che resistono malgrado tutte le difficoltà”. Di progetti ed idee, Coldiretti insieme all’Associazione Allevatori, ne avrebbe anche, ma fino ad oggi non ha mai trovato una sponda felice. Dal caseificio del Parco, progetto “affondato” dopo che la delibera era stata approvata tempo indietro alla reintroduzione della lepre italica ai fini riproduttivi da destinare al ripopolamento dei territorio. “E ora vogliono fare posto ai dromedari – analizza ancora Ascolese – e ridurre i capi della stalla del Parco dando vita ad una lenta dismissione quando la filiera organizzatadella zootecnia potrebbe creare occupazione e reddito”. Da rivedere anche il ruolo della Commissione Agricoltura: “uno scollegamento - lo definisce Coldiretti – non giustificabile trattandosi di una realtà importante per il territorio e la collettività”.
 



Fonte: Andrea Berti Ufficio Stampa&Comunicazione
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: