none_o

 

 

Una chiacchierata con Gabriele Santoni. Martedì 29 settembre, alle ore 17, l’Associazione dà appuntamento all’ex asilo di Molina di Quosa, per discutere di nuove povertà, con interventi di Maurizio Iacono, Armando Zappolini, Emanuele Morelli e Francesco Corucci, coordina Francesco Bondielli.

Settembre, tempo di passeggiate.
none_a
#NotiziedalComune #EstateVecchianeseInsiemeaDistanza
none_a
AVVISO
none_a
. . . . . È ad emettere la sentenza "inappellabile" .....
vivi solo il presente dei tuoi interventi sulla VdS, .....
Quando io da buon soldatino ed iscritto al partito .....
Leggo ora di questa polemica su Bersani e dico la mia. .....
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
SPECIALE FINALMENTE DOMENICA!
none_a
Casa Nannipieri Arte
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Associazione culturale "Nati per scrivere"
none_a
Villa di Corliano, 4-10 ottobre
none_a
Corso di Scrittura Creativa
none_a
Pisa, 3 ottobre
none_a
Villa di Corliano, 4 ottobre
none_a
San Giuliano Terme
none_a
Molina di Quosa, 29 settembre
none_a
Molina di Quosa, 25 settembre
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      BURRACO!

    Proseguono le attività del Circolo cercando di rispettare tutte le misure anti-Covid. Da venerdi 21 riprendono i tornei di Burraco con una serie di importanti misure di sicurezza tra cui la prenotazione obbligatoria per l'assegnazione del tavolo, norme severe per divertirsi in sicurezza.

    Tutte le notizie sulle attività sul sito FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
none_o
Frutto di Bosco...

11/12/2013 - 8:34





Salsapariglia.
Maledetti nomi che intrigano più che spiegano!
Strappapanni si chiama, basta!
Se poi vogliamo fare li “struiti” allora chiamiamo in causa (chi se non) Linneo e il suo “smilax aspera”.
Linneo metteva tutti del pari, greci e latini (cani e gatti) e così ha preso il primo nome ”smilè-raschietto” perché  la pianta graffia e il secondo “asper-scabro” perché graffia davvero e accontenta tutti!
Ma allora salsapariglia chi ce l’ha messo?


Andiamo di là dal mare, in Messico, Guatemala e isole caraibiche dove le piante e le loro droghe hanno più potere e rilevanza che in ogni parte del mondo.
Là nacque la prima bevanda a base di cola a base di estratto di radici di smilace, pianta usata per combattere la sifilide e molte altre malattie.
Strofinando energicamente foglie e fusti (cosa difficile data la scabrosità delle spine presenti su tutte le parti) si notò un affiorare di “sapone” come quello che avevano sul collo i cavalli sudati e fu coniato il fantasioso nome unendo salsa (schiuma) a parilla (coppia di cavalli).
Vuoi vedere i botanici europei?
Rimanendo con lo spagnolo e dando una nova interpretazione e un nuovo nome si dichiarò che salsapariglia è dovuto all’unione di zarza (arbusto) con parilla (vite).
Sì, va bene la vite per l’andamento del fusto, la pignetta che somiglia all’uva, ma la smilace non è certamente un arbusto e poi manca di fantasia, quella che i greci ebbero al tempo degli dei dove vivevano il giovane mortale Croco e la ninfa Smilace che erano innamorati amanti, ma destinati a non potere continuare per la differenza del loro essere e che gli dei pietosi tramutarono nelle due piante che portano i loro nomi.

 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




13/12/2013 - 14:49

AUTORE:
Gioisco

Se non è mi permesso neppure di gioire per le bellezze del bosco, beh, allora caro disoccupato hai frainteso completamente il senso del mio pensiero!

13/12/2013 - 10:27

AUTORE:
Disoccupato

Da singoli non possimo nulla ma tanti singoli messi insieme fanno un popolo..........
E' vero che molti bambini in questo mondo piangono ma non per il regalino di natale ma per una vita disgraziata per la fame la sete e le malattie e se i nostri bambini super/viziati piangono un pò ora perchè non hanno tanti regalini per natale forse piangeranno meno da grandi. I bambini delle famiglie in difficoltò piangono caso mai quando vedono che i bambini ricchi sono pieni di regali e loro se non li hanno si sentono inferiori e si vergognano. Fare vergognare un bambino per queste cose è il crimine più grosso che si possa fare. Un natle un pò più austero farebbe sentire i poveri meno poveri. Il natale non fà aumentare i posti di lavoro ma è diventata una festa per aumentare i consumi ma i consumi di cose inutili vuotano le tasche e fanno diventare più poveri i poveri. se credi di aumentare l'economia con i consumi del natale questa non la hai propri indovinata......

13/12/2013 - 8:57

AUTORE:
pensionato

Tutti siamo preoccupati della situazione lavorativa, ma non aboliamo certo il Natale per quello, anzi è forse l’unico lavoro per milioni di disoccupati negli altri periodi.
Tutti gioiamo per quello che ci offre la Natura, ma non pensiamo solo a quella e nemmeno la raderemmo al suolo.
Tutti capiamo il dolore dei disoccupati, ma da singoli non possiamo nulla.
E ora dovremmo togliere le palline dai nostri alberi natalizi e abolire i regalini per far piangere milioni di bambini?
Quando eravamo giovani disoccupati cercavamo un qualsiasi bischero lavoro e non avevamo tempo di spippolare su un bischero computer per un bischero di giornale… eravamo davvero bischeri.

12/12/2013 - 22:29

AUTORE:
Disoccupato

Gioisci gioisci!!!! ma pensa a quei milioni di persone che il natale lo faranno davvero con una noce e un mandarino forse trovati fra gli avanzi di un mercato ortofrutticolo o in un cassonetto. Buon per te se gioisci e auguri!!!!!!

11/12/2013 - 21:14

AUTORE:
Gioisco

Il bosco sa offrire la sua unicità anche d'inverno e le bacche rosse fanno Natale.