none_o


Mi è capitato di leggere su FB un post di Massimo Cerri sulla situazione del lago di Massaciuccoli. Una specie di lettera del lago stesso che rievoca i bei tempi passati quando questo posto era zona di caccia, di pesca e di svago per tutti i vecchianesi. Altri post a commento confermano questa visione dell’abbandono di questo luogo ricordando, con una vena nostalgica, gli anni in cui non vi era nessun tipo di vincolo.

Massimiliano Angori Sindaco
none_a
Massimiliano Angori Sindaco
none_a
Massimiliano Angori Sindaco
none_a
Non credo che un qualsiasi sig. Luciano perda tempo .....
Mi vergogno ma nel periodo Covid ho dovuto far ricorso .....
. . . la risposta dei vigili è completamente 'nventata! .....
Sig. Luciano mi spiace da Migliarinese del suo girare .....
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
CULTURA E SPETTACOLO a cura di Giulia Baglini
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Appello di Frei Betto
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Nuova apertura


    Il Consiglio di Circolo Arci Migliarino è lieto di annunciare ai propri Soci la riapertura dei locali che avverrà il giorno 1 agosto con orario dalle ore 19 alla mezzanotte. Sabato e domenica compresi. L'orario potrà variare in caso di eventi. Informazioni su iniziative sulla pagina FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


#VecchianoSport #Calcio
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
FC FORNACETTE CASAROSA
none_a
Dai monti al mare
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
SEGNI E SOGNI
di Daniela Sandoni
Ritratto d’artista: Vero Pellegrini

12/12/2013 - 19:29

Vero Pellegrini è nato nel 1925 a San Giuliano Terme dove vive, dipinge e incide. Si è formato artisticamente nel clima del secondo dopoguerra, in stretta correlazione con i pittori Renzo Bussotti e Uliano Martini e nella comune frequentazione di uno storico dell’arte informato e intellettualmente vivace quale era il giovane Franco Russoli. Dalla fine degli anni Cinquanta, diradato per varie ragioni l’impegno pittorico, ha lavorato nel campo della progettazione e dell’arredo architettonico, è stato docente di disegno e storia dell’arte presso il Liceo Scientifico di Pisa. Allo scorcio degli anni Sessanta ha ripreso a dipingere con regolarità e a incidere con una certa intensità e una frequenza sin qui mai allentata, realizzando un considerevole catalogo di puntesecche e soprattutto acqueforti, nelle quali compiutamente si manifesta il suo mondo delle “marginalità”, abitato dai drammatici relitti, poeticamente recuperati e rivisitati, della natura e dell’uomo.

In un pomeriggio assolato di fine estate sono stata accolta con grazia e calore, da Rosalia, moglie di Vero che mi ha accompagnato su una fresca e ombrosa terrazza dove è iniziato un piacevole colloquio con l’artista. Durante la conversazione l’ incontro si è trasformato in una bellissima lezione di arte e di vita. Le parole che potrei ancora aggiungere sarebbero di troppo. Se leggerete l’intervista, vi appariranno chiare la sagacia, l’ironia e la cultura di questo uomo senza tempo e senza barriere.

 
D: La tua biografia in poche linee. Racconta come ti sei avvicinato all’arte.
R: Anche se da ragazzo sono stato piuttosto svogliato,verso i dieci anni le cose sono cambiate, tantoché da adulto sono diventato insegnante di disegno. Mi piace ricordare che al termine del mio percorso di docente è stata organizzata una grande festa con la partecipazione di tutte le componenti della scuola, compresi gli alunni: rinfresco, ballo ed alla fine hanno anche fatto suonare le campane!Cosa potrei aver voluto di più!
 
D: Che cosa stai facendo?
R: Sto realizzando il quadro di una “Madonna Nera”, dedicata a tutte le mamme di colore ed ai loro bambini. Mi stringe il cuore vedere quanto soffrono e quanti di noi sono indifferenti al dolore di queste persone, uomini e donne uguali a noi, abitanti dello stesso pianeta che è di tutti. Io, che non ho mai sopportato i soprusi, ho bisogno di denunciarli col mio lavoro; lo faccio con la mia personalità ed il mio stile.

D: Come ti definisci?
R: Non credo di appartenere ad una categoria precisa, sono realista, ma anche surreale. Sono consapevole che noi tutti siamo la somma della cultura che ci ha preceduto e che non si nasce e non si cresce solo con le nostre forze. Sono una persona riservata per natura e via via che le mie conoscenze si sono ampliate, mi sono sentito sempre più “piccino”.

D: Qual è il tuo messaggio?
R: La cosa più importante è il comportamento dell’uomo sul quale rifletto e poi racconto con le mie opere. I colori e le tecniche sono le stesse per tutti, è il contenuto che conta.

D: Racconta come ti sei avvicinato all’arte.
R: Nella mia famiglia e tra i parenti c’erano molte persone dotate di talento artistico, chi per la scrittura, chi per la musica, chi per la poesia …, così, io che sono un romantico (il che vuol dire che sono un trasgressivo), decisi che sarei diventato un pittore: “io, Vèro, sarei stato il pittore del vero”. Cominciai allora a disegnare su carta gialla da salumiere, con i pezzi di carbone degli scaldini. In quel periodo conobbi Uliano Martini, che cominciò a seguire i miei lavori. Lui, che aveva deciso di non dipingere più perché dichiarava la pittura ormai finita, mi regalò tutti i suoi colori ad olio e con questi feci il mio primo quadro. Mentre frequentavo l’Istituto Tecnico conobbi il pittore Salvatore Pizzarello, lui mi prestava libri sull’arte e mi consigliava con insistenza di cambiare scuola per avvicinarmi sempre più alla mia strada, la pittura. Mi convinse e mi avviai a fare il pittore sul serio. Ero innamorato dei Macchiaioli ed ero convinto di essere uno di loro, ma, nel tempo, il critico ed amico Nicola Miceli, mi ha fatto capire che io non procedevo per macchie, ma per forme.
 
D: Come nasce un'idea? Che cos'è per te l'ispirazione?
R: Parto da quello che vedo e mi interessa. Faccio molti disegni, poi scelgo quello che sento più adatto e lo racconto a modo mio.
 
D: Che cos'è l'arte?
R: E’ difficile da spiegare, essa è fatta da tante cose che Vero rielabora mettendoci dentro l’anima.L’arte moderna non crea queste situazioni, piuttosto trasforma gli oggetti.
 
D: In che circostanze ti vengono le migliori idee?
R: Sono sempre stato un pittore a singhiozzo.
 
D: Come capiscise per te un'idea è valida o no?
R: Non ho regole, a volte la modifico, altre voltene seguo un’altra.
 
D: Ti dispiace doverti staccare da un’opera che hai venduto?
R: Sì, perché è qualcosa che io perdo e questo mi fa dispiacere, però è anche un lavoro, perciò lo lascio andare e sono contento se ho l’occasione di rivederlo.
Comunque separarmi dalle incisioni, dal momento che ne posso fare più copie, risulta più facile; la grafica è più vendibile perché meno ingombrante e meno preziosa come materiale, inoltre essendo in bianco e nero non è mai decorativa, mentre con alcuni quadri realizzati con colori un po’ furbetti, si può cadere nell’assoluta decorazione.
 
D: Quando e come hai iniziato a vederti come un'artista?
R: Mai, mi sono sempre sentito una persona che fa queste cose volentieri.
 
D: Quali idee creative ti piacerebbe realizzare.
R: Penso sempre a fare cose nuove, mai a ripeterle. Ognuno deve adoperare il proprio linguaggio, il proprio stile, la propria sensibilità, ammesso che ce l’abbia.
 
D: Ti consideri un postmoderno (artista degli anni Ottanta del Novecento, che tende all'impiego, in una stessa opera, di forme estetiche diverse, recuperate dal passato)? 
R: Sono un pittore del 1900 costretto a vivere nel presente pur non essendo d’accordo con quello che accade.
 
D: Come si deve valutare un'opera artistica? 
R: A questo devono pensare i critici.
 
D: L'artista deve reinventarsi ogni giorno?
R: Sì, la vita è sempre un cambiamento.
 
D: Che artisti ammiri e in che modo hanno influenzato le tue opere? 
R: Ammiro tutti gli artisti, quelli veramente bravi mi commuovono profondamente.
 
R: Quale tra le tue esperienze è la preferita?
R: Non ne ho una in particolare, ogni cosa che faccio ha un suo significato.
 
R: L'arte autentica è l'arte necessaria?
D: Ogni tipo di arte lo è, ma non per tutti gli uomini.
 
D: Si compra l'opera, o si compra piuttosto l'artista?
R: Dovrebbe essere l’opera, ma spesso è solo la firma famosa.
 
D: Nell'arte non ci sono guide, come sai qual è la cosa successiva che devi fare?
R: Come ho già detto, ogni giorno porta pensieri diversi.

D: Che ruolo hanno giocato nel tuo percorso le figure del mercante, rappresentante, gallerista ed intermediari in generale?
R: Ho realizzato tutto lavorando e condividendo ogni esperienza con i miei amici Bussotti e Martini, l’uomo non è nato per vivere solo.Q
 
D:222222 Che tipo di commissioni vorresti avere?
R: Non ci ho mai pensato, ma tutto può essere interessante per realizzare opere valide (vedi S. Francesco, Van Gogh ed ai giorni nostri il dottor Gino Strada e tutti i suoi colleghi di Emergency).
 
D: Qual è dei tuoi lavori quello che più ti piace?
R: La mia casa che ho fatto con molta partecipazione; è solare, ma va anche a cercarla la luce, come fa la pittura .Essa rappresenta la mia sensibilità d’artista e d’architetto.
 
D: Quali sono gli strumenti, le tecniche con cui preferisci lavorare?
R: Mi piace l’incisione, la pittura, ma anche l’architettura, che ho praticato con molto piacere.
 
D: Quanto le tue esperienze ti hanno influenzato e in che modo si ritrovano nelle tue opere?
R: Le mie opere rispecchiano sempre le mie idee e le mie esperienze che esprimo con dedizione e, naturalmente, con il mio stile. Sono molto contento che 18 mie incisioni siano state collocate nel Museo della Grafica di Palazzo Lanfranchi e ringrazio di questo Nicola Miceli e l’assessore alla Cultura Fabiano Martinelli, entrambi molto amanti dell’arte.
 
D: Quali progetti per il futuro ci sono nel tuo cassetto?
R: Ci penserò, senz’altro qualcosa di nuovo.
 
D: Che consiglieresti a quelli che iniziano?
R: Indipendentemente dal risultato una passione fa sempre bene e se si riesce a coltivarla ed amarla, da vecchi, saremo persone più vitali.
 
D: Metti i tuoi quadri in rete? Dove possiamo vederli?
R: Non ho un sito personale, si può trovare qualcosa di significativo su www.viconet.it, oppure consultare il bel catalogo che il Comune di S. Giuliano Terme mi ha dedicato in occasione dellamostra “Un’artista, una terra, S. Giuliano”, Bagni di Pisa Maggio-Giugno 2013.
 
D: Regalaci un libro, una canzone, un film ed un disegnatore, illustratore o pittore.
R: Cosa c’è di più bello di una musica di Verdi; amo i libri di Architettura sui Sumeri, gli Egizi ed i Greci, perché la nostra cultura mediterranea è partita da lì; i film francesi del‘900; Renzo Bussotti per la sua inventiva e la sua genialità; Giuseppe Viviani e Toni Zancanaro.

 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: