none_o

Nei giorni 26-27-28 aprile verranno presentati manufatti in seta dipinta: Kimoni, stole e opere pittoriche tutte legate a temi pucciniani , alcune già esposte alla Fondazione Puccini Festival.Lo storico Caffè di Simo, un luogo  iconico nel cuore  di Lucca  in via Fillungo riapre, per tre mesi, dopo una decennale  chiusura, nel fine settimana per ospitare eventi, conferenze, incontri per il Centenario  di Puccini. 

#NotizieDalComune #VecchianoLavoriPubblici #VecchianoSport
none_a
Pisa, 17 marzo
none_a
Comune di Vecchiano
none_a
. . . i fischi per fiaschi è la tua attitudine principale?
Se .....
. . . manca l'acqua, il presidente Schifani raziona .....
. . . caro Mirko, io non ho chiesto di mettere un .....
. . . Mario.
Mario ir mì 'ugino mi disse: sei venuto .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Colori u n altra rosa
Una altra primavera
Per ringraziarti amore
Compagna di una vita
Un fiore dal Cielo

Aspetto ogni sera
I l tuo ritorno a casa
Per .....
Oggi è venuto a mancare all’affetto di tutti coloro che lo conoscevano Renato Moncini, disegnatore della Nasa , pittore e artista per passione. .....
Sinistra Ecologia Libertà
Circolo Lungomonte
Sinistra Ecologia Libertà: Discontinuità

26/12/2013 - 16:25

Sinistra Ecologia Libertà: Discontinuità

 

Discontinuità. Questa è stata la parola che più di ogni altra è riecheggiata nell’assemblea  del circolo di Sinistra Ecologia Libertà del Lungomonte, che si è tenuta alla vigilia del Natale al circolo di San Martino Ulmiano, alla presenza del nuovo segretario provinciale Francesco Cecchetti.
E poi giustizia sociale.

 

Tutti gli interventi hanno concordato sul fatto che per la prima volta dopo sessant’anni, non sarà possibile chiedere un voto di Sinistra ai sangiulianesi, nella continuità amministrativa.
Si è convenuto che pur essendo l’Italia precipitata in una crisi economica  che non ha precedenti dal dopoguerra in Europa, e che gli Enti Locali hanno pagato più di ogni altro il prezzo di questa situazione, a San Giuliano è accaduto di più.
Insieme all’arretramento dei servizi sociali al cittadino, che ci avevano visto all’avanguardia, non si è riusciti a mantenere nemmeno quel senso di identità, di appartenenza collettiva alla storia di una comunità, che è la forza di un territorio, quando ci sono fasi difficili come quella che stiamo attraversando.
La comunità di San Giuliano è connotata da sempre come un territorio “di Sinistra”.
La sua storia ce lo racconta.
Quei quasi 5000 voti presi dal Movimento 5 stelle alle ultime elezioni sono il segnale di un malcontento che viene da Sinistra. E che ha raggiunto la punta massima con il consenso dato a Renzi alle ultime primarie del PD.
I renziani, battuti nel congresso (dall’apparato si direbbe oggi) si sono presi la rivincita nel popolo con quasi il 70% dei consensi.
Il documento a San Giuliano dei renziani parla chiaro. Discontinuità.
Ecco allora il termine che ricorre e che troviamo anche nei comunicati di Rifondazione o dei Comunisti Italiani o nel programma del candidato Parducci, ma soprattutto nei pensieri, le opinioni e i giudizi della nostra gente.
Bisogna ripartire da qui. Confrontandoci a trecentosessanta gradi senza paletti o retro-pensieri.
In ballo è il futuro di San Giuliano.
Ripartire senza tagliare le radici,ma con l’idea di ricostruire “una connessione sentimentale”col popolo sangiulianese, coi suoi cittadini.
SEL ci sarà ed è pronta a fare la sua parte.
Lavorare a ri-costruire un Centro-Sinistra di governo includente, che metta al centro del suo programma, identità e tutela dei più deboli.
Obbiettivo  il Governo del Comune. La strada è obbligata.
Oggi non servono né rotture con la nostra storia né estremismi senz’anima che non portano a niente.
E’ il momento allora di rilanciare con forza i valori che hanno fatto grande questo territorio: democrazia, partecipazione e tutela dei più deboli.
Il confronto deve coinvolgere chiunque sia interessato ad una presenza attiva. I nomi dopo.
Il tempo che abbiamo davanti ha molta fretta.
Abbiamo il dovere di andargli incontro con serenità, certi di fare la cosa giusta.
Con le spalle appoggiate ai nostri monti, come è sempre stato.
 
Sinistra Ecologia Libertà
Circolo Lungomonte

 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

27/12/2013 - 14:16

AUTORE:
Manuel

Per un partito che ha tra i suoi padri nobili Antonio Gramsci e che ha un giornale fondato da Antonio Gramsci riscostruire "una connessione sentimentale" dovrebbe saperlo come i cattolici il Padre Nostro.

27/12/2013 - 12:58

AUTORE:
Franco

"Ripartire senza tagliare le radici,ma con l’idea di ricostruire “una connessione sentimentale”col popolo sangiulianese, coi suoi cittadini.". Suggestivo, ma che voldì?

27/12/2013 - 9:21

AUTORE:
Luca Ruberti

Corrono soli?

27/12/2013 - 1:08

AUTORE:
Daniele

Su "democrazia" e "partecipazione" avrei qualche dubbio.

26/12/2013 - 17:03

AUTORE:
Ricreare una connessione sentimentale

Il vostro bel comunicato merita una citazione di Antonio Gramsci tratta dai "Quaderni dal carcere".

“Trascurare e peggio disprezzare i movimenti così detti ‘spontanei’, cioè rinunziare a dar loro una direzione consapevole, ad elevarli ad un piano superiore inserendoli nella politica, può avere spesso conseguenze molto serie e gravi. Avviene quasi sempre che a un movimento ‘spontaneo’ delle classi subalterne si accompagna un movimento reazionario della destra della classe dominante, per motivi concomitanti: una crisi economica, per esempio, determina malcontento nelle classi subalterne e movimenti spontanei di massa da una parte, e dall’altra parte determina complotti dei gruppi reazionari che approfittano dell’indebolimento obiettivo del governo per tentare dei colpi di stato. Tra le cause efficienti di questi colpi di stato è da porre la rinunzia dei gruppi responsabili a dare una direzione consapevole ai moti spontanei e a farli diventare quindi un fattore politico positivo”.

(da "Internazionale")