none_o

Tornano i concerti Musikarte del Festival Musicale Internazionale Fanny Mendelssohn. Uno straordinario viaggio musicale, iniziato sette anni fa, un appuntamento ormai classico atteso con trepidazione da moltissimi appassionati. Artisti provenienti da 20 nazioni di tutto il mondo hanno portato la loro musica e il loro talento nelle dimore storiche del Lungomonte pisano, veri gioielli del nostro territorio, nei palazzi, nei teatri, nei musei della provincia di Pisa.

Invito alla partecipazione gratuita
none_a
ASBUC di:Vecchiano-Filettole-Nodica-Avane
none_a
La Redazione
none_a
Vecchiano
none_a
. . . si perchè di bullismo se ne parla solo se succedono .....
Quasi tutti conoscono il detto "chi rompe paga ed i .....
. . . o a Migliarino martedì?
scusate sapete come è andata l'assemblea dei soci .....
Libri
none_a
Il sito degli "ARTISTI PISANI SCOMPARSI" per una significativa memoria culturale
none_a
Come Steve McCurry e l'afghana dagli occhi verdi nel 2002
none_a
Torna il 16 febbraio l’anteprima del Consorzio Vino Chianti e del Consorzio Tutela Morellino di Scansano
none_a
Vecchiano, 28 febbraio
none_a
Circolo ARCI Migliarino
none_a
Soci Unicoop-UISP e Coop.Arh
none_a
Pisa, 1 marzo
none_a
Pontasserchio, 16 dicembre
none_a
Pontasserchio 22-23 febbraio
none_a
Pisa, 22 febbraio
none_a
L'Associazione il retone-presenta
none_a
Le squadre di Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Per gli atleti pisani 19 medaglie
none_a
Le squadre di Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Pisa Bocce
none_a
Se fossi nata albero sarei cresciuta molto, almeno spero,

invece sono corta e mingherlina e accrescere è un mistero.

Mi è stata tolta l'occasione .....
Buongiorno, abito in Via Paganini a Colignola, quotidianamente percorro le strade bianche nelle vicinanze fino ad arrivare ad Asciano, lungo i condotti. .....
Le aree naturali protette
none_a
di Renzo Moschini
none_a
Riserva del Chiarone
none_a
Pisa
EMERGENZA ARNO

31/1/2014 - 7:09


Ufficio Stampa Pisa

Oggi alle 5:12 AM

Emergenza Arno
 
Questa notte il Centro Coordinamento Soccorsi riunito in Prefettura ha deciso l’attivazione del piano Arno nella città di Pisa.
È stato conseguentemente deciso:
• il montaggio dei “panconcelli” per prevenire rischi per la popolazione;
• la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado nel territorio del Comune di Pisa;
• l’allerta delle aree di ricovero per la popolazione;
• la predisposizione delle risorse per la chiusura totale degli accessi alla città;
• il monitoraggio della attività in corso da ieri sul territorio da parte delle varie sale operative;
• Il Centro Coordinamento Soccorsi sta valutando eventuali ulteriori determinazioni conformi al piano Arno.
 
Pisa, 31 gennaio 2014

Prefettura di Pisa - Ufficio Stampa Piazza Giuseppe Mazzini 7 - 56127 - Pisa www.prefettura.it/pisa


Fonte: foto u.m.
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




1/2/2014 - 10:26

AUTORE:
Ultimo.

.......... ieri la Capraia e la Gorgona un hanno dato retta a Dante che le incitava " muovasi la Capraia e la Gorgona,
e faccian siepe ad Arno in su la foce, sì ch'elli annieghi in te ogne persona!" ........ Dicevo ....... sarebbe stato un beR casino. Ma Dante, fra i tanti pregi, aveva un grande difetto ........ quello d'esse fiorentino. ......... Ultimo.

31/1/2014 - 18:05

AUTORE:
Simone Cioli

Io credo che l'emergenza ARNO sia stata organizzata e gestita in modo INECCEPIBILE, e colgo l'occasione per ringraziare il Prefetto Tagliente, le Istituzioni coinvolte e tutti i volontari.
Partendo dal presupposto che tutto è migliorabile, io credo che la priorità assoluta, alle 4.30 di notte, non fosse quella di preoccuparsi di coloro che sarebbero arrivati da fuori Pisa, e che sarebbero rimasti un po' ingorgati come è capitato anche a me, ma bensì programmare il coordinamento tra tutte le forze (non si fa in 5 minuti!!!), predisporre le paratie (non si fa in 5 minuti), avvisare che le scuole, di ogni ordine e grado, e gli uffici pubblici non sarebbero stati attivate/i (non si fa in 5 minuti), impedire gli accessi alla città (si fa molto prima ma comunque non ci vuole 5 minuti!!!)... etc...etc..., ma tanto siamo italioti dunque bisogna guardare il pelo invece della trave!!!

31/1/2014 - 11:13

AUTORE:
Giacomo Innocenti

Quando l'EMERGENZA, come in questo caso, inizia la notte...
Le autorità devono trovare assolutamente un modo di avvertire la gente che abita FUORI PISA (io sono di Campo) Ciè preoccuparsi anche di chi abita nei Comuni di San Giuliano, Calci, Vicopisano.

Altrimenti succede come stamani che migliaia di persone che lavorano a Pisa, ma abitano fuori, IGNARI di TUTTO hanno preso l'auto e hanno trovato il TAPPO del traffico della chiusura dei ponti a PISA.
Mi dicono che la CITTA' sia piena di militari, polizia, Vigili.
Ma a noi "vili campagnoli" nessuno ci ha avvertito.

IO STAMANI NEL MIO COMUNE NON HO VISTO NEANCHE UN VIGILE (COME AL SOLITO ...vabbè' ... a Campo non è che gli altri giorni si vedono!)