none_o


In questo nuovo articolo di Franco Gabbani viene trattato un argomento basilare per la società dell'epoca, la crescita culturale della popolazione e dei lavoratori, destinati nella stragrande maggioranza ad un completo analfabetismo, e, anzi, il progresso culturale, peraltro ancora a livelli infinitesimali, era totalmente avversato dalle classi governanti e abbienti, per le quali la popolazione delle campagne era destinata esclusivamente ai lavori agricoli, ed inoltre la cultura era vista come strumento rivoluzionario. 

. . . altrimenti in Italia tutto il potere centrale .....
Sei fuori tema. Ma sappiamo per chi parli. . .
. . . non so se sono in tema; ma però partito vuol .....
Quelle sono opinioni contrastanti, il sale della democrazia, .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
di Andrea Paganelli
none_a
PRESENTAZIONE DI Antonio Giuseppe Campo (per studenti e lavoratori fuori sede)
none_a
IL SEGRETARIO DE LLA SEZIONE DI SAN GI ULIANO TERME
none_a
Di Andrea Paganelli
none_a
IMMAGINA San Giuliano Terme
none_a
Nei tuoi occhi languidi
profondi, lucenti
piccolo mio
inestimabile tesoro
vedo il futuro
il tuo
il presente
quello del tuo babbo
il passato
quello .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
Sinistra Ecologia Libertà di Pisa
M5s: quando è troppo è troppo.
Si può fare dura opposizione anche senza insultare

4/2/2014 - 0:05

        Si può fare dura opposizione anche senza insultare


Il circolo di Sinistra Ecologia Libertà di Pisa, esprime solidarietà alla presidente della Camera dei Deputati,  Laura Boldrini,  per il violento attacco condotto oggi e  da mesi nei suoi confronti. La violenza sulle donne si può esprimere in vario modo dal femminicidio  all’insulto verbale e alla gogna mediatica.

La presidente della camera, fin dal suo insediamento, ha sempre subito attacchi violenti sul web,  tanto da generare una discussione e un dibattito acceso, da lei stessa sollecitato,  sulla necessità di censurare o meno alcune manifestazioni di falsa libertà che si concedono, in forma anonima o palese,  sul web.
Senza entrare nuovamente nel merito di questo dibattito,  riteniamo che ora ci sia stato un salto di qualità che va  ben oltre la critica legittima alla funzione politica ed istituzionale del presidente della Camera. 

Riteniamo che la lotta politica debba essere, in alcuni momenti, anche molto dura e decisa per opporsi  al governo in carica delle larghe-piccole intese ma riteniamo che sia stata percorsa molta strada ed in basso  consentendo lo  scatenamento sul web della palude maleodorante dei commenti seguiti ed evocati  comunque da una domanda già volgare ed insultante.

Per chiarezza  ugualmente grave ci risulta comunque impedire  la conferenza stampa del capogruppo del PD.
SEL si augura che, per rispetto ai quasi nove milioni di voti espressi per il M5S, la battaglia politica torni ad occuparsi di contenuti  e di proposte concrete, anche duramente alternative,  ma che consenta sempre l’espressione politica senza timore di prevaricazioni o atti violenti sia verbali sia fisici sia sul web. 

Per il valore libertario e non violento di alcune scelte politiche, il rispetto degli orientamenti personali e di genere presente nel DNA di Sinistra Ecologia e Libertà,  critichiamo decisamente le campagne politiche odiose e non degne di un paese civile che coinvolgano, in modo specifico,  le persone o il genere di chi fa politica o è impegnato nelle istituzioni. Non esistono scuse o giustificazioni possibili per aver suscitato commenti così violenti e sessisti ponendo sul web una domanda insinuante e volgare. Siamo sicuri che , nel nostro , come in altri paesi, si saprà , prima o poi,  accettare il ruolo importante delle donne in tutti gli aspetti politici, economici e sociali della società senza arrivare alla gogna mediatica e all’insulto come segno di dissenso.

Per SEL questo obiettivo di parità e rispetto sarà sempre un impegno solenne,  a prescindere dalla sua collocazione politica e parlamentare.
 

 

Fonte: SEL circolo di Pisa.
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

6/2/2014 - 18:45

AUTORE:
Alessio Niccolai

... Bankitalia!

Il fair play è senz'altro una bella cosa, ma bisogna che tutti i contendenti lo rispettino, cari Sellini (l'avete voluta la bicicletta?!?), altrimenti si fa regolarmente la figura del bravo scolaretto studioso, diligente e mai impreparato che alla fine del percorso scolastico si vede occupare tutti i posti importanti dagli ex-compagni di classe ripetenti, perdigiorno e mai presenti a scuola.

In Italia da mo' si è adusi legiferare attraverso lo strumento del Decreto Legge, rendendo in buona sostanza il Parlamento un passacarte al servizio del Governo; l'espoliazione delle funzioni senatoriali pretesa dal Sindaco di Firenze e l'Italicum non costituiscono altra premessa se non quella di assestare un altro brutale colpo sia al concetto di rappresentatività che alle prerogative del potere legislativo.

Ora che SEL si ponga - rediviva Syriza - come salvatore della Patria a caccia di una mediazione improbabile fra le istanze socio-economiche del 95% degli italiani e le antitetiche pretese del restante 5%, avido, ingordo e insaziabile - un'operazione che a mio modesto avviso somiglia di più alla pillola edulcorante dopo l'olio di ricino.
E passi anche che «nessuno tocchi Caino [se è iscritto a SEL]» giacché - nella migliore delle ipotesi - i panni sporchi si lavano in casa e magari a qualche militante - che non ha perso l'occasione di indirizzare i propri fischi all'Araldo del protervo ragazzotto di Palazzo Vecchio (il quale frattanto, invece di essere andato a ridestare Lazzaro nel suo sepolcro di Arcore ha preteso di vederlo giungere fin dentro la sua umile novella dimora romana e sulle sue stesse gambe!)
Ma a tutto c'è un limite... mentre la stampa e qualche benpensante si sono scandalizzati di fronte alla pagliuzza, il trave della regalia di Bankitalia sotto mentite spoglie è andato a conficcarsi lì dove l'establishment aveva deciso, con buona pace non dei pentastellati - i quali, resisi conto di non potere nient'altro che "prendere atto", hanno reagito in maniera scomposta e poco elegante, per carità - ma di quella silenziosa maggioranza di italiani che continua a sperare in un futuro più sostenibile, nonostante giorno dopo giorno gliene venga sottratto un pezzo importante.

Parola di Comunista, non di grillino!

6/2/2014 - 9:49

AUTORE:
cinquino

Tutto condivisibile.

Ma vi siete dimenticati di dire che la signora Boldrini ha tolto la parola all'opposizione usando la ghigliottina che non è uno strumento previsto dal regolamento della camera ma solo da quello del senato.
Non vi sembra una forma di violenza?
Non vi sembra un atto politico?
Non vi sembra doveroso esprimervi in merito?