none_o

 

La ricostruzione e il racconto con tanti ricordi, la rivolta dell'acqua questa volta non portatrice di vita ma di morte. Il pianto di una Nazione e..."al posto del campanile una scala a chiocciola", quella di Giovanni Michelucci.
 

Officine di Comunità
none_a
PUBBLICA ASSISTENZA S.R. PISA
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Arpat Toscana
none_a
Continui pure su questa strada, speriamo che la porti .....
Macron insegna! in Francia ha battuto la destra e quando .....
Penso che se il Partito Democratico non uscirà dalla .....
Non cià (senza la "h") capito niente vero? e come .....
Cosa fare per evitare i fastidi causati dall'acaro autunnale
none_a
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
"Io lo vedo così"
none_a
Libri ed altro.
none_a
  • AD ACCOGLIERE GLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI CALCI MOLTI SPAZI, AULE E GIARDINI RINNOVATI

      Suona la campanella

    Mancano tre giorni all’inizio della scuola e lunedì prossimo la campanella suonerà per i tanti alunni calcesani che potranno contare su aule, spazi comuni e giardini rinnovati e più sicuri...


Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
Vendo FB FB johnson 5CV buone condizioni, bicilindrico, 2 tempi, gambo corto, elica 3 pale, anni 90, marcia avanti e indietro, serbatoio esterno .....
San Giuliano Terme: verso le elezioni primarie del Centrosinistra
Comunicato stampa del candidato a Sindaco Sergio Di Maio

7/3/2014 - 8:48


COMUNICATO STAMPA

Domenica 9 marzo alle primarie si sceglierà il candidato a sindaco della coalizione di centro sinistra di San Giuliano Terme. Sergio Di Maio, candidato per il Pd, oggi (7 marzo) sarà con i cittadini per l’appuntamento più atteso del suo giro sul territorio.

 

 L’incontro pubblico in programma alle 18:00, all’Hotel Granduca di San Giuliano, vedrà la partecipazione di Cesare Cava, commercialista, collaboratore del Sole 24 ore, tra i massimi esperti italiani di finanza locale.

Si parlerà del bilancio del Comune di San Giuliano: del pregresso e delle prospettive.“Ho organizzato l’incontro con Cesare Cava per la sua alta competenza in materia di finanza locale. L'uscita dal patto di stabilità ha ingessato il Comune.

Nel 2012 e nel 2013 sono stati rispettati i limiti e il bilancio 2013 si chiuderà con un cospicuo avanzo di amministrazione, ma ora dobbiamo pensare alla riduzione delle tasse, per trovare un nuovo equilibrio tra l'imposizione e i servizi da erogare, alle famiglie socialmente più deboli, al recupero delle risorse nella lotta all’evasione.

Per fare davvero un punto e andare a capo la guida di San Giuliano non può essere affidata a persone che hanno appartenuto al ceto politico che ci ha portati fino a qui. Io mi sento di portare una novità”.

 Per rompere con il passato Di Maio pensa a un gesto simbolico, ma di responsabilità per la nuova classe politica sangiulianese: ogni assessore al momento della nomina riceverà una scatola.

 Gli servirà a raccogliere le proprie cose in caso di inefficienze, errori o discordanze con le linee concordate.

Un altro forte segno di novità.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




7/3/2014 - 12:51

AUTORE:
Alessio Pierotti

Domenica 9 marzo, dalle ore 8.00 alle ore 20.00, le cittadine e i cittadini di San Giuliano Terme sono chiamati ad esprimere la loro preferenza per la scelta del candidato sindaco della coalizione del centrosinistra alle prossime elezioni amministrative. Si tratterà di primarie aperte, la cui partecipazione non è vincolata all’appartenere ad un partito ma alla volontà di partecipare attivamente alla vita politica della nostra comunità.
In vista di questo importante esercizio di democrazia partecipata molti amici mi hanno chiesto come mai ho scelto di sostenere attivamente Sergio Di Maio.
La risposta è semplice. Ogni volta che nel corso della mia vita sono stato chiamato a sostenere una tesi o una parte ho cercato di farlo, nei limiti personali ed umani, nel rispetto della massima onestà intellettuale: ho cercato cioè di scegliere rispettando pienamente, senza alcun compromesso, i valori che la mia famiglia e il mio percorso di vita mi hanno insegnato.
La mia è una famiglia di lunga tradizione comunista, una tradizione che risale alla fondazione stessa di quello che fu il Partito per antonomasia e che passa attraverso la Resistenza e le lotte operaie: rivendico quindi con orgoglio una attitudine spirituale a sentirmi di sinistra. Una disposizione che è segnata da valori distintivi come l’indignazione nei confronti di ogni forma di privilegio, di sopraffazione e di sfruttamento; il rifiuto di considerare l’ineguaglianza sociale come una fatalità o un portamento naturale inestirpabile; la fiducia nella volontà e nella capacità degli uomini di mettere mano ad un miglioramento delle società. Soltanto chi condivide questi valori e se ne fa portatore può aver la mia fiducia.
Ecco: Sergio ha la mia fiducia e il mio appoggio perché, come me, è cresciuto nel rispetto di questi valori.
Sergio mi ha convinto sia per la sua idea di amministrazione sia e soprattutto come persona. La sua esperienza amministrativa, vissuta non in ruoli politici o decisionali ma nel ruolo fondamentale di garante qual è il Presidente del consiglio comunale, è stata vissuta nella massima onestà e nella totale trasparenza: non a caso i consiglieri dell’opposizione che si sono dimessi lo hanno ringraziato, ancora prima di rivolgersi ai loro capogruppo, proprio per l’equilibrio e il rispetto dimostrato anche verso chi apparteneva all’opposizione e quindi a schieramenti diametralmente politici diversi dal suo.
Sergio, come accennavo, non ha mai avuto ruoli politici o amministrativi in enti o attività produttive: non ha quindi “lacci o lacciuli”, per usare una sua espressione, che rischiano di pesare sulla sua amministrazione e finire con l’impedire l’attuazione dei suoi progetti di rilancio della nostra comunità.
Sergio vuole costruire un nuovo modello di gestione e sviluppo che passa necessariamente dalla riorganizzazione della struttura comunale, che deve essere intesa come centro di governo aperto alla discussione e non centro di imposizione.
Un comune che si pone obiettivi non soltanto precisi e raggiungibili ma anche e soprattutto verificabili e misurabili dalla cittadinanza: un Comune che sappia quindi programmare e verificare, coinvolgendo nell’agire e nel fare le migliori energie e competenze del territorio.
Il Comune che vuole Sergio non è una struttura autoreferenziale: è un Comune i cui amministratori partecipano attivamente alla vita civica, aprendosi al confronto diretto e continuo con le persone e le realtà che vivono il territorio.
Proprio il confronto con la cittadinanza dovrà essere il centro del nuovo corso della vita dell’amministrazione sangiulianese. Una cittadinanza attiva, non soltanto consapevole dei diritti e dei doveri che sono propri dell’essere cittadino, ma sensibilizzata sui problemi della comunità a cui appartiene e capace di assumersi le giuste responsabilità è una risorsa importantissima che non possiamo più permetterci di dimenticare. Una risorsa che deve crescere con l’amministrazione e aiutarla nell’individuare i problemi e nel fare quelle scelte che garantiscono il benessere della collettività.
Perché Sergio non vuole un Comune per gli abitanti o per gli elettori: vuole un comune dei cittadini.
Ecco perché ho deciso di votare Sergio.