none_o


Una vicenda tutta personale viene descritta in questo nuovo articolo di Franco Gabbani, una storia che ci offre un preciso quadro sulla leva per l'esercito di Napoleone, in grado di "vincere al solo apparire", ma che descrive anche le situazioni sociali del tempo e le scorciatoie per evitare ai rampolli di famiglie facoltose il grandissimo rischio di partire per la guerra, una delle tante. 

La carriera politica personale dell’Onorevole Mazzeo .....
Bonaccini ha dato le dimissioni da presidente della .....
. . . c'è più religione ( si esce un'ora prima). .....
. . . uno sul web, ora, che vaneggia che la sua .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Mauro Pallini-Scuola Etica Leonardo: la cultura della sostenibilità
none_a
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
APOCALISSE NOKIA di Antonio Campo
none_a
Pisa, 11 luglio
none_a
Tirrenia
none_a
12 13 14 LUGLIO E ANCORA 19,20,21 MUSICA DAL VIVO
none_a
Domenica 7 Luglio mercatino di Antiqua a San Giuliano T
none_a
Ripafratta, 12 luglio
none_a
Il mare
con le sue fluttuazioni e il suo andirivieni
è una parvenza della vita
Un'arte fatta di arrivi di partenze
di ritorni di assenze
di presenze
Uno .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
Sinistra Ecologia Libertà
Quattro sì per fermare l'austerità

22/7/2014 - 8:44

Quattro sì per fermare l'austerità
 
Pochi sono gli italiani che hanno dimestichezza con la legge 243 del 2012, votata in gran velocità da una larghissima maggioranza parlamentare, che allora sosteneva il governo “tecnico” di Mario
Monti. “Disposizioni per l’attuazione del principio del pareggio di bilancio ai sensi dell’art. 81, sesto comma, della Costituzione” si legge; era la legge che andava a mettere in pratica l'esigenza
del pareggio di bilancio, da poco inserita in costituzione, senza peraltro che nel paese o in parlamento si fosse assistito al minimo dibattito in merito.
 
Un gruppo di economisti, sindacalisti e parlamentari ha deciso di promuovere un referendum per mettere in discussione quella legge. I quesiti sono in tutto quattro, quattro “sì” tesi a modificare
l'applicazione dell'equilibrio di bilancio come è stata introdotta dal parlamento italiano. In caso di vittoria il parlamento ed il governo non potrebbero fissare obiettivi di bilancio addirittura più
gravosi di quelli definiti in sede europea; sarebbe abolita la corrispondenza tra il principio costituzionale di bilancio ed il così detto “obiettivo a medio termine”; l'Italia potrebbe ricorrere
all'indebitamento per realizzare operazioni finanziarie (oggi è vietato); e, infine, il meccanismo di correzione che impone tasse o tagli alla spesa pubblica in caso di non raggiungimento del pareggio di bilancio si attiverebbe solo quando previsto dall'Unione Europea e non dai trattati internazionali.
 
500 mila firme entro 90 giorni per affermare il principio che la vita delle persone vale di più che un bilancio in pareggio. Ed il punto dirimente della questione, che ancora una volta giustamente è
l'Europa e le sue politiche. L'Europa che sognavamo, quella di Altiero Spinelli o di Ernesto Rossi, era l'Europa dell'allargamento dei diritti, del welfare, dello sviluppo culturale e civile di un intero continente, della pace e dell'integrazione. Ci siamo ritrovati con un'Unione in cui le uniche
istituzioni a contare davvero sono quelle meno democratiche, mentre il parlamento resta spesso inascoltato; il vincolo del 3% ed il Fiscal Compact hanno messo al bando persino Keynes e la
possibilità degli stati di praticare una politica espansiva e di investimenti, consegnandoci un continente dalle inaccettabili disuguaglianze: 120 milioni di poveri per restare agli ultimi dati, con il 10% del Pil europeo (240 miliardi di euro) trasferito in pochi anni dal lavoro alla rendita finanziaria
e con una divaricazione crescente tra paesi.
 
Da questo punto di vista è evidente che i quattro referendum possono essere utili a riportare al centro del dibattito questi temi ma non possono essere sufficienti. Quello di cui c'è bisogno è lavorare alla costruzione di un campo largo che nel nostro paese ed in Europa abbia la forza di
imprimere una inversione di tendenza alle politiche del rigore; un campo che coinvolga non solo lo spazio del centrosinistra ma anche quel vasto insieme di realtà sindacali, associative e di
volontariato che si confrontano tutti i giorni con la materialità della crisi. Approfittando anche degli spazi che si sono aperti in Europa dopo queste elezioni e delle opportunità che potrà offrire il semestre italiano.
 
Per questo non vogliamo invitare a firmare per i referendum, non soltanto. Vorremmo che tutti ci attivassimo, partecipassimo, agissimo e costruissimo insieme un'Italia ed un'Europa diverse e
migliori.
 
Francesco Cecchetti

 
Coordinatore provinciale Sinistra Ecologia Libertà- federazione di Pisa

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri