none_o

Riprendiamo con piacere la ricerca di storie e leggende del nostro territorio. Dopo Villa Alta e Ripafratta, approfondiamo questa volta i misteri dei fantasmi della Villa di Corliano.Sono numerose le ipotesi sui fenomeni paranormali che si manifesterebbero a Corliano; la  leggenda più conosciuta è quella del fantasma di Teresa Scolastica della Seta Gaetani Bocca che, secondo tradizione, si manifesterebbe solo nelle notti di luna piena...

Arpat Toscana
none_a
Alma Pisarum choir
none_a
Convocazione Assemblea ordinaria Soci
none_a
ARCI Migliarino-Sabato 18
none_a
mostrare un rosario che la falce e il martello
Vorrei sottoporre all'attenzione dei lettori di questo .....
Ma perché un fate una bacheca e ci schiodate dentro .....
l'unica certezza è la sentenza che dice che il comune .....
Uno sguardo dal Serchio
none_a
POSTE ITALIANE: a poste vita il PREMIO GOVERNANCE
di capital finance
none_a
A cura di Maini Riccardo
none_a
Libri ed altro
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Convocazione Assemblea Soci

    Ilo Circolo comunica che l' Assemblea ordinaria viene indetta in prima convocazione il 6 giugno ore 21,30, in seconda convocazioneil giorno 7 giugno alle ore 21,00 presso il Circolo Arci, via Mazzini 35.

    1) Relazione del Presidente

    2) Rendiconto annuale 2018

    Tutti i Soci sono invitati a partecipare.


  • Circolo ARCI Migliarino

      Partite Pisa A.C.

    Si avvertono i Soci che il Circolo trasmetterà in chiaro tutte le  partite dell'Associazione Calcio Pisa, sia in casa che in trasferta. Prossima partita Piacenza-Pisa domenica 30 settembre. 


  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


Nel germoglio di un'amore
C'e' il sorriso
della vita
Ed il tremito dei sensi
Che prelude a nuovi voli

E' la
danza di una fiamma
Che accarezza .....
Per una grande unità antifascista in Italia e in Europa

Mai come oggi dal dopoguerra si presenta in Italia e in Europa un così agguerrito e composito .....
di Renzo Moschini
none_a
Dal 24 al 26 maggio
none_a
di Renzo Moschini
none_a
none_o
La Chiesaccia di Malaventre

20/9/2014 - 10:00


Non abbiamo notizie anteriori alle Rationes Decimarum del 1296-97, dalle quali risultano elencate nel territorio della pieve di Pugnano due chiese in località Malaventre: S. Pietro e S. Lorenzo, la prima di seguito alle chiese di S. Frediano di Vecchiano e S. Michele del Lamo, la seconda dopo S. Michele di Vecchializia e S. Simone di Nodica. Non esistono elementi di riconoscimento del titolo della “Chiesaccia” ancora esistente in località Malaventre, tra Nodica e Migliarino, tranne il fatto che l’attuale chiesa parrocchiale di Migliarino (in località “la Barca”) reca il titolo di S. Pietro e che insiste su precedenti strutture  identificabili probabilmente con quelle di S. Pietro di Malaventre. Per esclusione, quindi, il titolo della “Chiesaccia” di Malaventre risulterebbe S. Lorenzo.
 Delle strutture originali rimangono a vista i lati Est, Nord, Ovest; quello Sud risulta parzialmente sventrato a causa di un cambiamento di orientazione della chiesa, trasversalmente a quella originale, e modificato per la conseguente conversione in abitazione delle strutture residue verso Est, che oggi sono in gran parte intonacate.
Impianto originale ad aula rettangolare non absidata, con sviluppo modulare impostato sul triplice quadrato della facciata. Prospetto Ovest caratterizzato da un ampio portale con archivolto a pien centro, di mattoni per lato con bardellone a fascia,  di  segmenti  d’arco, e ghiera modanata, di laterizi prefabbricati, con piedritti di calcare biancastro, con l’architrave monolitico e i grossi blocchi che per ritto e per traverso compongono gli stipiti; capitelli di stipite modanati a forte rilievo con gole es cornici, paramento litico al centro e di mattoni nelle tastate dei lati, che sono, come la testata absidale, interamente di laterizi su alto stilobate  di calcare ceroide biancastro. Lato Nord caratterizzato da un portale minore, con arco a pieno centro, di mattoni per lato a semplice bardellone piano,  con architrave di calcare i ceroide, e da almeno tre monofore con archivolto a pien centro, a mattoni per testa e bardellone a banda piana prefabbricata; si evidenzia inoltre l’impesta di un arco a pien centro riconoscibile nell’angolo e NE della chiesa, all’altezza delle monofore ma di ampiezza maggiore e con mattoni per lato, che individua la traccia di un tentativo incompiuto di prolungamento dell’edificio verse Est o di una modifica  progettuale con la quale si preferì impostare la facciata absidale più a ovest del previsto; decorazione a bacini ceramici lungo il sottogronda, a ritmo serrato nella metà anteriore, sporadica nell’altra metà e attorno agli archi delle prime due monofore. Testata absidale di mattoni, come i due lati dell’edificio, con unica finestrella quadrangolare, con arco ribassato “a una testa” e davanzale a cornice rilevata. Nel lato Sud, dove cade l’intonaco, appare parte di un portale minore, con arco a pien centro simile a quello che si contrappone a esse nel lato Nord.
Muratura con distinzione fra la superficie centrale della facciata Ovest, di calcare selcifero  e le rimanenti strutture, di mattoni sopra stilobate a grossi conci rettangolari di calcare ceroide bianco, alto mediamente 80 cm.
Nonostante le diversità di paramento del prospetto, che sembrano imputabili al recupere di materiale presente in sito, forse preveniente da un edificio sacro precedente, piuttosto che costituirne il residuo strutturale, e nonostante le tracce dell’arco di mattoni riscontrato nell’angolo NE, le strutture esistenti sembrano contemperane. La decorazione ceramica sembra applicata successivamente, in rottura del paramento di mattoni unitario.
Cronologia: per alcune analogie con altre chiese di laterizio del contado pisano, si prepone la prima metà del sec. XIII.


Questo è quello che scrisse nel 1988, molto tecnicamente, il professor Fabio Redi, Ordinario di Archeologia Medievale, nel Catalogo della Mostra, sezione Il Medioevo, al capitolo “Ambiente naturale e presenza dell’uomo”, in “Il fiume, la campagna, il mare”: reperti, documenti e immagini per la storia di Vecchiano, il più completo strumento per conoscere il nostro territorio scritto da un magnifico gruppo dei grandi dell’archeologia: O. Banti, G Biagioli, S. Ducci, M.A. Giusti, R. Mazzanti, M. Pasquinucci.
In un'altra pubblicazione periodica, interessantissima ma di breve durata, “Antichità Pisane”, nel  n° 1 del 1974, Graziella Berti e Liana Tongiorgi, per “Bacini ceramici su edifici religiosi e civili in Toscana”, riportano altre notizie di quelli famosi  che ornavano il sottogronda della chiesa di San Pietro in Malaventre.
Le due studiose, per la  catalogazione dei bacini, attribuiscono loro diversi gruppi, da A ad F, con il metodo della datazione che va dal XI secolo e primi decenni del XII fino alla seconda metà del XIV- prima metà XV.
I nostri della Chiesaccia sono nel gruppo C (fine XII primi decenni XIII) e sembrano in massima parte prodotti in Africa nord-occidentale; prevalentemente decorati in cobalto e manganese su smalto bianco, in bruno su smalto verde e monocromi, mentre nel gruppo D (XIII sec.) vi sono prodotti in vari centri non ben definiti, insediamenti crociati di Atlit e Al Mina in medio oriente, Sicilia, Spagna; vari per forme e per tecniche decorative, policromi su smalto bianco, monocromi, a lustro metallico,  graffito arcaico; per la prima volta  appare una produzione a ramina e manganese.
Le studiose   raccolgono 10 resti frammentari e notano almeno 34 impronte che ornano l’edificio.
I bacini superstiti sono conservati nel museo di San Matteo in Pisa e i pochi malaventrini che ancora ricordano quei “piatti” per aria ora non possono fare altro che veder da lontano le buchette vuote che ricordano i lontani tempi della vita da contadino, e non da prete, passata nella chiesa di San Lorenzo (secondo il Redi e che condivido)
 

Fonte: opere citate
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: