none_o


In questo nuovo articolo di Franco Gabbani viene trattato un argomento basilare per la società dell'epoca, la crescita culturale della popolazione e dei lavoratori, destinati nella stragrande maggioranza ad un completo analfabetismo, e, anzi, il progresso culturale, peraltro ancora a livelli infinitesimali, era totalmente avversato dalle classi governanti e abbienti, per le quali la popolazione delle campagne era destinata esclusivamente ai lavori agricoli, ed inoltre la cultura era vista come strumento rivoluzionario. 

. . . altrimenti in Italia tutto il potere centrale .....
Sei fuori tema. Ma sappiamo per chi parli. . .
. . . non so se sono in tema; ma però partito vuol .....
Quelle sono opinioni contrastanti, il sale della democrazia, .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
REDAZIONE - de Il Foglio
none_a
di Umberto Mosso
none_a
di Antonio Mazzeo
none_a
di Andrea Paganelli
none_a
PRESENTAZIONE DI Antonio Giuseppe Campo (per studenti e lavoratori fuori sede)
none_a
Nei tuoi occhi languidi
profondi, lucenti
piccolo mio
inestimabile tesoro
vedo il futuro
il tuo
il presente
quello del tuo babbo
il passato
quello .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
San Giuliano Terme
IL MOVIMENTO 5 STELLE CONTRO LE NUOVE PROVINCE: NON PARTECIPEREMO A QUESTA FARSA

24/9/2014 - 17:54


IL MOVIMENTO 5 STELLE CONTRO LE NUOVE PROVINCE: NON PARTECIPEREMO A  QUESTA FARSA

 

La Riforma Del Rio, al contrario di quanto strombazzato dal governo e  dai partiti che ne fanno parte, non prevede assolutamente l'abolizione  delle province, bensi' essa prevede l'abolizione del voto popolare per  la scelta del presidente e del consiglio provinciale.

A decidere tutto saranno ancora una volta i partiti, i quali  perseverano nel mantenere in vita questi enti utili carrozzoni al  servizio delle carriere politiche di vecchi trombati giovani vecchi  yesmen di sinistra, destra e centro.Ma la novità che paradossalmente fa di questi nuovi enti di secondo  livello un obbrobrio degno delle peggio repubbliche delle banane è il  fatto che i nuovi consiglieri provinciali saranno gli stessi  consiglieri comunali eletti nei vari comuni della provincia che si  votano tra loro, e chissà cosa si promettono a vicenda.

Come dire:  l'apoteosi dell'inciucio all'ennesima potenza.Tutti i partiti, o quasi, sono per l'abolizione delle provincie,  almeno così dicevano in campagna elettorale. Si scopre invece che il  loro essere contrari è rivolto principalmente all'intelligenza del  cittadino, questa ormai bistrattata e trattata come carta straccia.

Noi del M5S a San Giuliano Terme cosi' come nel resto d'Italia  rimarremo fedeli alle nostre idee e ai nostri elettori, coerenti al  100% con il nostro programma: abolire le province. Non parteciperemo a questa ennesima farsa e non metteremo a  disposizione il nostro voto per legittimarla. Per essere credibili  occorre fare così, diversamente si diventa ipocriti.

 

Giuseppe Strignano Capogruppo e Portavoce M5S San Giuliano Terme

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

27/9/2014 - 20:28

AUTORE:
Alessio Niccolai

Personalmente non sono favorevole all'abolizione di un istituto che i Padri Costituenti ritennero necessario, ma convengo con il M5S che da abolire non siano i costi di rappresentatività (e questo vale anche per l'istituto che fu caro a Seneca), quanto piuttosto i fardelli ricevuti in eredità dai meccanismi clientelari: pseudo-pubbliche (ricettacolo partitocratico di trombati, incapaci e parcheggiati) al posto delle quali rimetterei istituzioni efficaci ed efficienti (ma gestite senza produrre profitto) e apparati.
Questi sono i veri costi della politica; poi rivediamo le indennità e stabiliamo un sistema di merito politico-amministrativo su base collettivista (e non privatista) e festa fatta.
L'attuale riforma è l'ennesimo scippo di democrazia.

27/9/2014 - 11:58

AUTORE:
Antonio

Chi gestirà la provincia verrà scelto dai consigli comunali e saranno incarichi che verranno ricoperti da sindaci di comuni dell'erea che non percepiranno nessuna indennità.
Mi spiegate come possono essere al servizio dei vecchi e giovani trombati della politica come sostenete voi?
Ma siete in malafede o non ci capite nulla???