none_o


In questo nuovo articolo di Franco Gabbani viene trattato un argomento basilare per la società dell'epoca, la crescita culturale della popolazione e dei lavoratori, destinati nella stragrande maggioranza ad un completo analfabetismo, e, anzi, il progresso culturale, peraltro ancora a livelli infinitesimali, era totalmente avversato dalle classi governanti e abbienti, per le quali la popolazione delle campagne era destinata esclusivamente ai lavori agricoli, ed inoltre la cultura era vista come strumento rivoluzionario. 

Sei fuori tema. Ma sappiamo per chi parli. . .
. . . non so se sono in tema; ma però partito vuol .....
Quelle sono opinioni contrastanti, il sale della democrazia, .....
. . . non siamo sui canali Mediaset del dopodesinare .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Nei tuoi occhi languidi
profondi, lucenti
piccolo mio
inestimabile tesoro
vedo il futuro
il tuo
il presente
quello del tuo babbo
il passato
quello .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
di Pannuccio del Bagno
Mi sono rotto le palle dei discorsi sulla TASI

28/9/2014 - 18:30

Proviamo a definire meglio la questione TASI-San Giuliano Terme, in attesa di poter discorrere del bilancio.

 

Quando uscirono le aliquote mi ‘divertì’ a fare delle tabelle di confronto tra il nostro e gli altri Comuni della Provincia di Pisa: volevo vedere se è vero che noi sangiulianesi paghiamo sempre di più degli altri ! Mi sono quindi scaricato le delibere dei vari Comuni così come pubblicate sul sito del Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF).

Vi confesso che la diversità di composizione e organizzazione del testo delle varie delibere non ha reso semplice il lavoro di sintesi: eventuali errori e/o omissioni nella tabelle sono quindi da imputare alla disattenzione non colpevole e non certamente all'intenzione o peggio ancora alla manipolazione. 
Ovviamente il confronto tra i vari Comuni ha valore soltanto relativo: diverse le esigenze, il numero di abitanti, l’estensione del territorio ecc. ecc.  È evidente a tutti che l’entità dei servizi indivisibili, quelli finanziati dalla TASI per intenderci, necessari ad una realtà come quella di Orciano Pisano, con i suoi circa 623 abitanti, è ben diversa da quella di un Comune come Pisa ! Questo confronto ha quindi valore esclusivamente indicativo e la discussione sui vari valori non deve essere guidata soltanto dal loro ‘peso’ numerico ma impostata in relazione a più fattori.
Il giorno che mi dilettai in questo ‘giochino’, ovvero il 15 settembre scorso, due comuni, per la precisione Casciana Terme Lari e Crespina Lorenzana, non avevano ancora comunicato le loro delibere al MEF.

Nella tabella 1 sono riassunte le aliquote  riferite all'abitazione principale (sempre intesa con esclusione delle categorie A/1, A/8 e A/9): ho indicato inoltre se siano o no state approvate detrazioni per questa e agevolazioni per le famiglie(per chi fosse interessato, ho un PDF che riassume le delibere).
Il dato che spicca è sicuramente quello di Castelnuovo Val di Cecina, unica amministrazione ad aver azzerato la TASI. Questa amministrazione si è permessa questo lusso grazie soprattutto ad un atto di transazione stipulato con l’ENEL Green Power relativo al recupero del tributo sui rifiuti sulle aree scoperte per le annualità 2007-2013.
Dei trentaquattro Comuni che a quel giorno avevano pubblicato le aliquote TASI (escludendo Castelnuovo Val di Cecina) ben 26 hanno adottato una aliquota fissa (in particolare i Comuni con meno di 5.000 abitanti). Per quanto riguarda le detrazioni sulla prima abitazione 18 Comuni non le hanno previste, 10 hanno detrazioni variabili in funzione delle rendite catastali (ovviamente a diminuire come valore dalla rendita più bassa a quella più alta) e 6 applicano una quota  fissa (50,00 euro in cinque casi, 100,00 nell'altro). In 19 Comuni non sono previste agevolazioni per le famiglie, previste invece nei restanti 15 (vedi tabella 2).


Per le agevolazioni alle famiglie 7 Comuni le destinano unicamente (con modalità differenti) alle famiglie con figli di età inferiore ai 26 anni dimoranti abitualmente e residenti anagraficamente nell'abitazione (Bientina, Calci, Calcinaia, Castelfranco di Sotto, Pisa, Ponsacco, Riparbella), 3 unicamente (con modalità differenti) a abitazioni occupate da ultrasessantacinquenni (Guardistallo, Montopoli Val d’Arno, Santa Croce sull’Arno) e 2 unicamente alle famiglie con portatori di handicap (Santa Maria a Monte, Terricciola).
Più estese le agevolazioni previste dei restanti 3 Comuni: San Giuliano Terme e Vicopisano le destinano alle famiglie con figli di età inferiore ai 26 anni dimoranti abitualmente e residenti anagraficamente nell’abitazione, alle famiglie con portatori di handicap e a quelle con invalidi al 100%, mentre Volterra le destina alle famiglie con figli di età inferiore ai 26 anni dimoranti abitualmente e residenti anagraficamente nell’abitazione, alle famiglie con portatori di handicap e a quelle con ISEE inferiore a 15.000 euro.
Importante ricordare che il Comune di Riparbella applica una aliquota dell’1,7 per mille per le abitazioni per le quali la fruizione dei servizi indivisibili è limitata.
Già da questi dati è evidente che il Comune di San Giuliano non è quel ‘mostro fiscale’ come molti lo additano ! Se lo confrontiamo con gli altri Comuni con più di 15.000 abitanti, quelli più ‘simili’ per esigenze, vediamo che la scelta dell’aliquota scalare è condivisa (4 delle 6 amministrazioni l’hanno adottata !), così come la scelta di una detrazione scalare sulla prima casa (3 amministrazioni su 6 ! Una non ha adottato detrazioni).

San Giuliano Terme è l’unico Comune tra i sei con più di 15.000 abitanti ha prevedere tre tipologie di agevolazioni per le famiglie.
Mi sono anche divertito (quel giorno avevo molto tempo a disposizione evidentemente !) a calcolare i valori dell’aliquota per tre rendite catastali, in riferimento alle fasce adottate dal Comune di San Giuliano Terme: 125,00, 375,00 e 601,00 euro (tabelle 3, 4 e 5). Ovviamente, nei calcoli,  ho tenuto conto delle detrazioni per la prima abitazione ma non di quelle per le situazioni familiari.
Ho scelto queste tre fasce perché sono le principali protagoniste delle discussioni che io definisco, bonariamente, ‘da bar’. Sulle altre due, quelle relative alle abitazioni con rendite catastali superiori a 700,00 euro, il discorso peraltro è ancora più complicato: il confronto diventa ancora più relativo e quindi più difficile da commentare in modo critico senza dilungarsi troppo. Basti pensare, ad esempio, come l’aliquota fissa scelta, come abbiamo detto, prevalentemente dai piccoli Comuni gravi in proporzione meno sulle rendite catastali più altre che non su quelle più basse incidendo in modo significativo sulle medie (a Buti, ad esempio, una rendita catastale di 125,00 euro paga 52,50 euro contro i 403,54 di una rendita di 1201,00 euro; nei Comuni che hanno scelto aliquote scalari la rendita catastale di 125,00 euro è di fatto esonerata dal pagamento !)
Per una abitazione con rendita catastale di 125,00 euro a San Giuliano Terme non si paga niente(tabella 3); per la  rendita catastale di 375,00 euro si paga 76,00 euro (tabella 4) e per quella di 601,00 euro si paga 201,94 euro (tabella 5). Nei primi due casi a San Giuliano Terme si paga meno della media provinciale (nelle tabelle i Comuni che pagano meno della media sono evidenziati in verde).

Nella terza i sangiulianesi pagano circa quindici euro di più della media: comunque pagano meno dei confinanti vecchianesi e calcesani, spesso presi nei discorsi ‘da bar’ come riferimenti. Se limitiamo al confronto ai sei Comuni con più di 15.000 abitanti, ecco che i sangiulianesi pagano circa sette euro più della media (con due comuni in ‘media’ più cari e tre meno cari, con i soli pisani a pagare poco meno della media provinciale). Quello di San Giuliano Terme può quindi definirsi, almeno per le prime tre categorie di rendite
Se il dato può avere un valore (e sinceramente né dubito, a meno di inserirlo in un discorso più complesso) in Provincia l’importo medio per le tre categorie catastali considerate è 96,42 euro: a San Giuliano Terme è 92,65 euro (tabella 6).
Per una volta non lamentiamoci: praticamente San Giuliano Terme, per le tre rendite catastali considerate, è il Comune medio della Provincia ! 
Dimentichiamoci quindi la questione TASI, comunque ormai deliberata per il 2014, e concentriamoci sul bilancio, in attesa di verificare la nuova amministrazione sangiulianese non sui conti e le azioni del 2014 (di cui è soltanto in parte responsabile) ma a partire dal 2015 (quando i bilanci e le 'tasse' saranno di sua esclusiva responsabilità).

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

1/10/2014 - 7:40

AUTORE:
Luca Quilici

Ma se l'aliquota vienne applicata progressivamente perché la giudichi massima. Mica a farvi....capisco che il sindaco non ti sta simpatico lo sappiamo tutti ma dire che l'aliquota e' al massimo mi sembra un tantino esagerata.

30/9/2014 - 21:17

AUTORE:
Valter Ballantini

Sig. Pannuccio, la ringrazio per l'ottimo lavoro fatto. Avrei preferito solo che magari mettesse in evidenza che solo 6 comuni della Provincia hanno previsto l'applicazione dell'aliquota massima e tra questi c'è San Giuliano, giusto per rimanere un po' più super partes.
Purtroppo non possiamo sapere (o meglio non posso saperlo io) quale sarà l'incasso medio per famiglia e confrontarlo con quello degli abitanti del resto dei comuni. Questa sarebbe forse la reale cifra sulla quale fare i confronti ma fino ai bilanci consuntivi non lo sapremo per davvero.

28/9/2014 - 22:24

AUTORE:
Keynesiano convinto

se s'è rotto le palle sui discorsi sulla tasi sappia che gli italiani invece si sono rotti i coglioni di pagarla e non cerchi di minimizzare, sono tutti soldi sottratti ai consumi, pochi o tanti che siano, altro che minimizzare, ormai le tasse sono un autentico dramma nazionale, la gente le paga per non incorrere nelle sanzioni di equitalia, ma i consumi crollano e voglio vedere fra qualche anno dove va a finire l'italia a forza di tasi, tari tares, iuc, imu ecc ecc.

28/9/2014 - 20:33

AUTORE:
Osservatore 1

...pranzo alla cena: succedeva fin'ora che alcuni ti invitavano a cena e ti offivano caffellatte con le marie...ma quella è la colazione (non prima colazione che per il galateo è desinà)'nzomma via...chi ha più tela tesserà e chi è nel vaquo sempre..vaquerà e nel 2.019 (duemiladiciannove) se ne riparlerà.