none_o


In questo nuovo articolo di Franco Gabbani viene trattato un argomento basilare per la società dell'epoca, la crescita culturale della popolazione e dei lavoratori, destinati nella stragrande maggioranza ad un completo analfabetismo, e, anzi, il progresso culturale, peraltro ancora a livelli infinitesimali, era totalmente avversato dalle classi governanti e abbienti, per le quali la popolazione delle campagne era destinata esclusivamente ai lavori agricoli, ed inoltre la cultura era vista come strumento rivoluzionario. 

Circolo ARCI Migliarino- 13 giugno ore 21
none_a
Di Claudia Fusani
none_a
Comune di Vecchiano
none_a
. . . e lo ha detto chi momentaneamente ha occupato .....
. . . se per caso, o altro, Renzi lasciasse la politica, .....
Nicola Zingaretti, disse a Matteo Renzi: non ti presentare .....
. . . magari.
Resta da capire se Iv è un partito .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per scrivere alla rubrica: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
il richiamo di cose
perdute, stanotte, dilaga
per il chiostro dell'anima
mia vaga, come bruma di seta
che lenta si sfà.
Filamenti di volti,
laceri .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
Migliarino, venerdì 21 novembre, ore 21
Un Parco, un territorio, tante storie: Incontro pubblico al Teatro del Popolo Di Migliarino

19/11/2014 - 20:29

                          Migliarino, 21 novembre, ore 21 
                       Un Parco, Un Territorio, Tante Storie

 

Dal 1999 il Parco di Migliarino, San Rossore e Massaciuccoli è parte integrante della Regione Toscana e dei 5 (anzi ora 6) Comuni nel cui territorio si trovano le sue aree, sotto la gestione dell'Ente Parco. E' quindi un patrimonio e una risorsa di enorme potenzialità e importanza che riguarda tutti noi.Eppure la gran parte della popolazione di questi Comuni non ha ben chiaro la storia e la realtà attuale del Parco, la sua estensione e soprattutto le sue competenze, che pure l'hanno portato ad essere negli anni promotore di sviluppo del territorio.

Tante sono le sfide e i problemi da affrontare, con tre linee direttrici molto chiare : la tutela e salvaguardia del patrimonio ambientale, la fruizione più estesa per la popolazione, la creazione di una maggiore attrattività turistica di qualità.

Il Parco è un'opera d'arte della Natura che va ammirata e vissuta, ma non consumata per la miopia del profitto immediato, attraverso quello che il Presidente del Parco Manfredi chiama "sviluppo sostenibile e duraturo". L'Associazione "La Voce del Serchio" vuole dare, pur nella limitatezza delle sue capacità, un piccolo contributo a procedere su questa strada, supportando la conoscenza di quello che è stato, è e potrà essere il Parco.

Per questo sono state pianificate due iniziative, la prima, che si terrà a Migliarino il 21 novembre alle 21 presso il Teatro del Popolo di Migliarino, per parlare di storia e realtà del Parco, e la seconda, invece, incentrata sulle proposte di offerte turistiche sostenibili, che potranno essere il volano di un nuovo sviluppo economico del Territorio, insieme con gli Operatori interessati, che si terrà a febbraio/marzo.

Il 21 novembre l'Associazione ha chiesto la partecipazione ai rappresentanti delle Istituzioni, i Sindaci di San Giuliano e Vecchiano e l'Assessora Zambito del Comune di Pisa, responsabile del coordinamento con il Parco, per dare la loro visione del ruolo del Parco nel Territorio. E agli autori di un recentissimo libro sulla Storia del Parco edito da Pacini, i giornalisti Meucci e Castelli, ai quali si aggiunge Giuntini, responsabile dell'Ufficio Rappresentanza del Parco, di raccontare fatti e aneddoti incredibili ed affascinanti.

Ripercorreremo così le vicende delle grandi famiglie ( Medici e Salviati, Asburgo-Lorena, Savoia) e di grandi personaggi ( Puccini, D'Annunzio, Marconi,..) fino a quelle meno edificanti, come " i congiurati della Pineta".

Concluderà il Presidente Manfredi parlando della missione geopolitica del Parco.

Un'occasione che, ci auguriamo, tutti quelli che hanno a cuore il Parco non vorranno perdere.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

20/11/2014 - 15:04

AUTORE:
P.G_

Nella newsletter del Parco MSRM si legge che sono circa 50.000 i visitatori del Parco attraverso tutte le "Porte del Parco" in provincia di Pisa e di Lucca.
Si legge anche che

"È stata inoltre assegnata all’associazione “Città infinite” la gestione de “La Brilla”, lo storico opificio situato tra Massaciuccoli e Massarosa, in località “Molinaccio”, e concepito come uno spazio articolato su più livelli utilizzati come centro visite del Parco con punto di accoglienza turistica, spazio foresteria, spazio ristorazione, ampie stanze espositive e un locale dedicato alla sala convegni."

Ora io mi domando se questo tipo di accoglienza (e sviluppo turistico conseguente) sia conveniente lasciarlo al comune di Massarosa e perchè nessuna "Porta del Parco" esista a Vecchiano che, ricordo, ha il 73% del proprio territorio come area parco.
Mi piacerebbe che il sindaco esponesse, in questo incontro, i motivi di questo disinteresse e anche sapere se vi sono in cantiere progetti che abbiano al centro questo nostro Bene Comune così poco rispettato e poco utilizzato come motivo centrale di sviluppo del nostro territorio.