none_o


L'articolo di oggi non poteva non far riferimento alla festa del SS. Crocifisso che Pontasserchio si appresta a celebrare, il 28 aprile.Da quella ricorrenza è nata la Fiera del 28, che poi da diversi anni si è trasformata in Agrifiera, pronta ad essere inaugurata il 19 aprile per aprire i battenti sabato 20.La vicenda che viene narrata, con il riferimento al miracolo del SS. Crocifisso, riguarda la diatriba sorta tra parroci per il possesso di una campana alla fine del '700, originata dalla "dismissione" delle due vecchie chiese di Vecchializia. 

. . . quanto ad essere informato, sicuramente lo sono .....
Lei non è "abbastanzina informato" si informi chi .....
. . . è che Macron vuole Lagarde a capo della commissione .....
"250 giorni dall’apertura del Giubileo 2025: le .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Colori u n altra rosa
Una altra primavera
Per ringraziarti amore
Compagna di una vita
Un fiore dal Cielo

Aspetto ogni sera
I l tuo ritorno a casa
Per .....
Oggi è venuto a mancare all’affetto di tutti coloro che lo conoscevano Renato Moncini, disegnatore della Nasa , pittore e artista per passione. .....
SAN GIULIANO TERME
Amici di San Giuliano: "Sei domande semplici al Pd sul campino"

6/2/2015 - 18:23

Sei domande semplici al Circolo Pd sull'operazione campino.

 

Noi, Associazione Amici di San Giuliano Terme, così come le centinaia di persone Sangiulianesi e non che hanno aderito alla nostra raccolta firme, non siamo assolutamente d’accordo con il parere della segreteria del circolo Pd di San Giuliano Terme sulla privatizzazione del Campino B degli impianti “G. Bui” di San Giuliano.
 
A questo scopo, vorremmo rivolgere al circolo Pd di San Giuliano Terme alcune domande che pensiamo possano contribuire a sgombrare eventuali dubbi sulla bontà della chiusura di questo terreno a beneficio dei contribuenti e dei cittadini facendo una premessa: gli impianti sportivi “G. Bui” sono stati realizzati agli inizi degli anni ‘80. Nel corso di questi trenta e più anni, si sono avvicendati sul campo B migliaia di ragazzi, facenti parte delle più diverse squadre amatoriali presenti sul territorio comunale e non, e che hanno avuto così modo di socializzare e divertirsi senza spendere un euro. A questo si aggiunga che persone di tutte le età hanno usato questo campo per passeggiare nel verde portando a spasso sia gli animali (soprattutto i cani) che le carrozzine con i bimbi più piccoli.
 
Potrete notare che le domande sono piuttosto semplici e Vi preghiamo di rispondere con un semplice SÌ o NO. 
 
Domanda numero uno
In base alla tipologia di persone sopradescritta che abitualmente frequenta il “campino”, il Pd di San Giuliano Terme considera tutto questo una situazione di degrado?
 
Il comune di San Giuliano ha deciso di dare in concessione per 20 (dicasi venti) anni e quindi secondo noi di fatto, privatizzare gli impianti sportivi di San Giuliano indicendo una gara in cui potessero partecipare società sportive selezionate in baso al fatto che fossero radicate sul territorio.
 
Domanda numero due
Vero che l’ASD si è costituita due settimane prima della gara che assegnava gli impianti?
A fronte di una tassazione dell’Imu per i cittadini di San Giuliano Terme con l’aliquota più alta d’Italia si potrebbe pensare che un’operazione del genere venga pensata dal Comune per rimpinguare le proprie casse.
Considerato che gli impianti di San Giuliano sono costituiti da quattro campi da tennis (due in terra rossa e due in cemento) una splendida pista d’atletica, lo stadio, addirittura una rarissima pista coperta sotto la tribuna e naturalmente lo spazio adiacente denominato “campino b” provvisto di illuminazione.
 
Domanda numero tre
È vero che la ditta ASD paga 208,33 euro mensili per l’affitto di tutto questo?
Se il comune di San Giuliano Terme decidesse di orientarsi diversamente dalla chiusura del campo ci sarebbero delle sanzioni.
 
Domanda numero quattro
È  vero che il foro competente in caso di controversia fra il comune di San Giuliano Terme e la Federazione Italiana Gioco Calcio è Roma e non Pisa?
 
Domanda numero cinque
È vero che il campino diventerà uno spazio chiuso utilizzabile solo a pagamento?
 
Domanda numero sei
Giovanni Bui, ideatore e realizzatore di questi impianti, sarebbe favorevole a questa operazione?
Sarebbe doveroso da parte del circolo del Pd, oltre che esprimersi sulla questione per arginare una serie di imprecisioni, raccontare altresì quello che sta succedendo nel nostro comune e in questo particolare caso nel campino, la VERITÀ e non le mezze verità o addirittura solo quello che interessa il circolo Pd. Per questo motivo, invece di accusarci di cattiva informazione e continuare a far demagogia con il patrimonio pubblico, sarebbe opportuno dare a tutti i cittadini di San Giuliano Terme, le risposte con un semplice sì o no alle domande che Vi facciamo. 
 
Amici di San Giuliano Terme:
Tommaso Montanelli, Sandro Garzella, Lucia Pieri, Alessandra Della Capanna, Luca Salani, Cristiano Sossio, Gabriele Facenza, Raffaele Di Prete, Michele Baroni.
 
P.S. Se non con del cemento, con quali materiali verranno realizzate le fondazioni della tribuna, la tribuna stessa, le recinzioni e le relative fondazioni, il sottofondo ed il perimetro del campo sintetico?

Fonte: Associazione Amici di San Giuliano Terme
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

29/3/2015 - 18:31

AUTORE:
Diolamia

...mi pare di aver capito che il Comune ha affidato a privati la gestione degli impianti sportivi, poichè si era reso conto di non sapere e potere gestirli senza che rappresentassero un costo anzichè un ricavo.
Un miserabile e malridotto campino sembra rappresentare ora il pomo della discordia, nemmeno fosse un parco attrezzato. Ma, dico io, qual'è il problema? Date il campino ai privati che lo rifaranno bello e funzionale, con docce e spogliatoi panchine e tavolini e se ci volete andare, pagate. L'amministrazione sangiulianese, dal canto suo, individuerà una nuova area dove realizzare impianti pubblici gratuiti, da mettere a disposizione dei suoi concittadini, dove poter giocare a pallone, passeggiare con il cane, portare i bimbi a prendere un pò d'aria e gli anziani a riposarsi su delle belle panchine sotto gli alberi. Si, lo so, dopo poco i soliti maleducati e vandali lo ridurrebbero ad un troiaio, mi si conceda la colorita espressione, i giochi per bambini verrebbero distrutti, gli alberi seccherebbero perchè nessuno li cura, le panchine verrebbero rubate, caate di cani dappertutto ed erbacce fuori controllo. Allora che fare? Semplice, si va a pagare un biglietto ai privati che gestiscono il vecchio "campino". Ma quando vi sveglierete?

27/3/2015 - 12:51

AUTORE:
andrea giuliani

Caro anonimo mi dispiace che tú sia distratto non leggendo e non informandoti prima.25 03 2015 il movimento cinque stelle per san giuliano dice no alle privatizzazioni con una interrogazione nel merito campino. Il pd é ovvio non la retiene urgente e quindi la rimandano. Vedi caro anonimo noi in consiglio comunale portiamo mozioni come la ludopatia,rateizzazione delle tasse comunali per le famiglie in difficilta',portiamo il caso aeroporto e societa costituita 500 milioni di euro di soldi pubblici,portiamo le disabilita', l' ambiente,crisi occupazionale,chiediamo confronto per tutto questo ma per il pd é piu importante le strade dei monti pisani e sempre sino alla noia,la solidarieta a tutti i popoli del mondo, o la fantomatica sicieta' della salute.Fai una analisi e dicci caro anonimo quale per te siano piu giuste e prioritarie da discutere per il bene di tutti noi. Illuminaci...Andrea Giuliani

26/3/2015 - 20:25

AUTORE:
Cugino vecchianese

Il punto n°6 "melai" copiato, grazie per il buon senso e ti dirò di +.
Noi vecchianesi (di sinistra)parecchiotti anni addietro si portava ad esempio l'Amministrazione sangiulianese, che a differenza di quella vecchianese dalla Liberazione ad oggi è sempre stata di sinistra.
...però dal "tuo" punto n°6 si è imparato e dato una grande lezione del vivere civile cedendo addirittura ai privati n° metri 400 (quattrocento) della nostra spiaggia libera su 4 (quattro)chilometri.
Ebbene con i quattrocento metri di spiaggia data in concessione ai privati (che molti di voi continuate a chiamare padroni e non concessionari).
Loro, i concessionari con i loro canoni di affitto pagati regolarmente ai veri "padroni" (la spiaggia è dei vecchianesi, pagata al Ministero con un mutuo ventennale con la Cassa Depositi e Prestiti; ora ci mantengono a noi tutti l'arenile pulito qb nei mesi estivi e quindi noi vecchianesi più dei viaregggini/fortedemarmini-pisesi di Marina e tirreniesi si va alla spiaggia libera (volendo) con 12 euro l'anno, cioè 3 centesimi di euro e mezzo al giorno ed il Comune di SGT convenzionato a 40 euro l'anno (loro non hanno avuto da pagare il debito ventennale con la cassa Depositi e Prestiti di lire 650.000.0000 (seicentocinquanta.milioni) come noi Cittadini di Vecchiano

Ergo; un verso onorevole si trova sempre e la soluzione li a SGT è molto, ma che dico molto! "dimolto" più semplice di come viene paventata da chi...purtropoooo...in effetti...non....(...) -come dice Manera a Zelig-.

piesse, il referendum può essere solo abrogativo. Noi vecchianesi abbiamo quello strumento (mai usato fin dalla sua nascita di una decina/quindici anni orsono).
Poi credo se lo doveste fare nella fascia d'età di chi tira calci nei palloni la sera dopocena lo perdereste al 99% perché mia moglie (ed io ) si da volentierissimo al "bimbo" 5/6 euro per l'affitto del campo senza mota soprattutto e con le docce in loco e la luce per giocare dopo cena come spessissimo avviene e..tutti vissero felici e contenti.
...ama e fa ciò che vuoi disse il santo di nome Agostino.

26/3/2015 - 15:56

AUTORE:
monica b.

Premesso che sono contraria a tutto cio che si privatizza a discapito della comunità
Leggo che si continua con questa infinita diatriba allora e meglio puntualizzare alcune cose
1- la gara d'appalto risale al 2013, responsabilità quindi della giunta Panattoni a cui si sono opposte alcune minoranze, il consiglio attuale mi sembra che non abbia piu nessuna possibilità di metterci mano a norma di legge fino al 2033 pena la denuncia per abuso in atti d'ufficio o altro
2- a tale gara era plausibile mettere dei paletti del tipo obbligo di tenere uno spazio verde tipo il campino libero per la comunità
3- il gestore a cui e stata data tale possibilita (ahimè) si è comportato come legge prevede
4- il gestore non ha certo aiutato a rasserenare gli animi con l'operazione recintare alla svelta 3 ore prima dell'incontro alla stazione, provocazione ovvia
5- chi ha eseguito atti vandalici non arrivera a niente con questa operazione
6- infine tenendo conto quanto sopra mi sembra che l'unica soluzione sia quella di trovare un modo per ridare uno spazio verde simile al campino nelle immediate vicinanze con obbligo al gestore di manuntezione in modo da offrire alla collettivita quanto perduto con la dissennata operazione di privatizzazione della maggioranza di giunta panattoni
7- mi sembra evidente che qualsiasi altra operazione( legale) non sia piu possibile a meno che non vengano fuori inchieste penali sul modo di aggiudicazione a suo tempo della gara d'appalto, ma questo non possiamo dimostrarlo, ci sono gli organi preposti per questo
8- quindi lottiamo per avere uno spazio libero simile al campino a cura del gestore, obblighiamo lo stesso gestore a seguire le normative aspettando le autorizzazioni di alcuni lavori come previsto
8- Agite tutti per risolvere la questione in maniera da accontentare tutti amici di san giuliano e minoranze contrarie comprese, purtroppo gli sbagli fatti due anni fa non hanno rimedio e allora vediamo di redimere la questione in termini civili
Ultima cosa e la lancio li, o se si facesse un referendum comunale??? piu democratica di cosi???

25/3/2015 - 23:19

AUTORE:
Dal comune ,

Domanda
1 si
2 si
3 si
4 si
5 si
6 si
Queste sono le risposte , e meno male hanno trovato un Asd che ha partecipato alla gara !
È ora che le sapete , siete più contenti ?

24/3/2015 - 21:12

AUTORE:
andrea giuliani

E bravo il pd e brava la minoranza.Anno 2014 si delibera.... Una scelta una responsabilita' politica e personale. Ma la storia non finisce qui!

24/3/2015 - 14:37

AUTORE:
andrea giuliani

Onore e merito all associazione che difende i nostri spazi.Degno rispetto a tutti i cittadini che costituzionalmente voglione decidere prima...j.

9/2/2015 - 17:51

AUTORE:
esterno

URP grazie del consiglio, inoltrerò le domande cosi finalmente dopo un mese riceverò le risposte a casa. Ingenuamente ho creduto di poter avere risposte usando questo giornale online. Con stima buon lavoro.

9/2/2015 - 13:43

AUTORE:
Non mi firmo, perchè la lotta è sulle idee...

...non sulle persone e la deontologia di questo giornale online ormai è chiara oltre a noi che scriviamo, sarà chiara anche ai Sindaci ed Assessori che non rispondono ai Pinco Pallino vari ed anche a chi si firma, credo che il giornale ed il suo direttore non abbiano tempo e modi di verificare il tutto, quindi...

...noi di Vecchiano; ma credo anche lo facciano a SGT, andiamo all'URP (Ufficio Rapporti con il Pubblico) che si trova presso l'Ufficio Anagrafe, li ci danno un protocollo: proteste e proposte così è intitolato, facciamo le nostre osservazioni, ci fanno la fotocopia del tutto ed anche ad un nostro documento valido ed entro un mese ci arriva a casa la risposta protocollata.

9/2/2015 - 10:26

AUTORE:
esterno

Molto bello e romantico il divagare nei fiumi di parole. Vecchi ricordi di infanzia, idee personali, addirittura c' è chi telefona tra venti anni, oppure ormai la frittata è fatta. Però concretamente le risposte alle domande non ci sono la segreteria del circolo PD di San Giuliano Terme non risponde in modo chiaro e conciso. Vi chiedo, il bene comune, costruito e pagato dai cittadini deve diventare privato? Con queste scelte, quali saranno le prossime privatizzazioni? Come si vuole mantenere ciò che abbiamo: il Parterre di cui stiamo aspettando da anni una degna sistemazione, il viale di Boboli quasi in stato di degrado salvato solo perché è sotto gli occhi di tutti,la cava con il teatro chiusa per indagine geologica, la stazione uno spazio recuperato e non sfruttato, la sede asl un servizio essenziale per il cittadino, verrà chiusa? Queste volendo sono domande che riguardano cose concrete di utilizzo del cittadino che fanno parte del bene comune. IL Sindaco di tutti ci dia semplici e concrete risposte.Grazie

8/2/2015 - 22:26

AUTORE:
sangiulianese

Da buon cittadino che tra 4 anni si rechera' al voto per decidere chi governera' il nostro comune, sarei curioso di sapere come la pensano su questo, apparentemente piccolo problema, ma invece fondamentale e basilare,anche tutti i partiti e le liste civiche sul nostro territorio.
Quindi invito i rappresentanti di FI, M5S, democratici r., lista parducci, lista pellegrini, Sel, etc. di esprimere un parere su questa vicenda, senza poi ripescarlo gli ultimi mesi di campagna elettorale.
Quattr' anni sembrano tanti ma arrivano presto!!
A me, per esempio, mi sembra ieri che il mi babbo mi levo' le rotine della bicicretta...poi ho imparato, ci sono andato per tant' anni e ora da vecchietto per andacci m' e' toccato faccele rimette dar mi nipote..altrimenti ruzzolo di sotto..

8/2/2015 - 21:37

AUTORE:
Bandini

Il gestore ha fatto tutto in modo regolare? Si. Quindi ha diritto a realizzare quanto si è aggiudicato in fase di aggiudicazione. Starà alla sua intelligenza aprire nelle dovute forme il campo alla popolazione. Credo che sta querelle sta andando avanti troppo. Diciamo la verità gli impianti sono tornati a vivere.

8/2/2015 - 21:03

AUTORE:
Giovanni Meoli

Domani mi trasferisco a calduccio. Poi forse a patrignone.

8/2/2015 - 16:51

AUTORE:
sandro

Caro Pippo e ripippo quando dici "avete rotto" in maniera poco garbata, non fai altro che descrivere il sentimento che provano tanti San Giulianesi che da qualche anno si sono rotti si, le scatole, di veder scomparire i loro spazi liberi pubblici. Io sono contento per le scolaresche che, come dici tu, tramite accordi tra gestore e comune frequentano gli impianti pubblici(nostri!)come campi da tennis, calcetto, pista ma vorrei che qualcuno permettesse anche ai miei figlioli di frequentare lo spazio del Campino senza accordi con nessuno come è sempre stato visto che è di tutti essendo pubblico.
Mi esprimo meglio: vorrei una libera scelta che dovrebbe essere un paletto ben fisso all'interno un bando per la gestione di impianti pubblici.
Mi esprimo ancora meglio: se il gestore aveva bisogno di un secondo campo, poteva comprarsi un terreno vicino e farselo.
Tu dici che non ti frega che il gestore paga pochissimi euro al mese al comune, l'importante che i cittadini non paghino niente per l'impianto? forse ti contraddici visto che quel ben di Dio lo abbiamo pagato noi e adesso dobbiamo ripagare per usare anche l'unica parte che adesso è libera.Tra l altro quel campo ha sempre avuto bisogno di pochissima manutenzione.
Rischiamo di perdere, un bellissimo spazio verde libero, perché bello non è solo ciò che è costruito e rifinito, ma può esserlo anche qualcosa di più rustico e godibile da tutti (come lo è adesso).
Sicuramente ci saranno come dici tu Ripippo (come anche altri), problemi molto più gravi, allora sicuro che già stai facendo qualcosa in riguardo, spero che tu possa risolverli
La libera scelta e la libera opinione credo che vada sempre difesa da tutti, anche quando si scontra con la versione "ufficiale", ma non per questo sempre giusta , dell amministrazione comunale e dei partiti di maggioranza.
L'alternativa è non dire nulla, ma attaccare singole persone dicendo delle cose a casaccio, come si sta leggendo in alcuni commenti...

8/2/2015 - 14:42

AUTORE:
Bagnaiolo

Ho notato che in un posto di ieri Giovanni meoli scrive:
Caro ci sono nato 35 anni fa. Vivo a Covinaia posto che tu conosci sicuramente essendo di San Giuliano Terme. In un altro successivo scrive "Chi ti dice che io non abito a san Giuliano terme. Si da il caso che abito in via collodi"
Non male cambiare abitazione in due giorni.

8/2/2015 - 13:18

AUTORE:
Nannicini

Tra i firmatari spunta Tommaso Montanelli ma guarda guarda ex segretario di Paolo Panattoni oggi contro una decisione appunto di Paolo Panattoni come mai forse perché è rimasto alle panche. Povera Italia

8/2/2015 - 12:06

AUTORE:
ripippo

.....perchè tutte le persone che hanno alzato barricate su questo presunto "simbolo" a cui non pensava nessuno fino a qualche mese fa, non iniziano da subito a stimolare discussioni e pressare l'amministrazione comunale sulle riqualificazioni di altri "simboli" a san giuliano prima che arrivi un altro privato a fare ciò che gli autoctoni non riescono a fare ? Perchè non si fanno pagine di discussioni su come riqualificare il parterre (non solo sotto elezioni), la vecchia cava che aspetta una riqualificazione da 30 anni oltre che un progetto, l'opera Pia che è proprio nel cuore del paese, il vecchio albergo terme, la stazione divenuto un luogo squallido e lurido oltre ad essere inutile così com'è, la tabaccaia con finto cantiere, l'ex lazzeri che procede con il freno a mano (forse tra 10 anni l'area sarà finita) e dove siamo riusciti a far costruire un parcheggio che non è manco a norma, l'anfiteatro dove non si riesce a fare neanche un minimo di manutenzione, boboli dove siamo buoni a fare solo legna, il fosso dove c'è un rimpallo tra Enti e rimane sempre lì a raccattare cartacce e nutrie (salvo i volontari stimolati dai partiti a pulirlo sotto elezioni), i tanti tanti tanti fondi commerciali sfitti e chiusi, il sudicio presente ovunque. Si vuole salvare il campino che nessuno cacava fino a poco tempo fa e in paese mancano panchine ammodino dove sedersi, lampioni interi, cestini, vasi che sembrano piloni, lì senza neanche un fiore, e dove gli stessi individui agitati per il "campo di patate dimenticato" fanno i padroni in paese parcheggiando in doppia, tripla e quadrupla fila, sopra marciapiedi, dove c'è carico/scarico merci, l'importante è fare un passo meno per andare alla sede del partito, al circolo, al bar o altro. A loro basta sentenziare anche se non conoscono. Se c'è qualcosa di nuovo.....mah chiassà cosa c'è sotto.... E poi fanno la morale su tutto, solo perchè qui ci sono nati, ma valà valà valà !

8/2/2015 - 11:58

AUTORE:
cittadino

In questo mondo dove ti tolgono il lavoro ( a quelli che e' rimasto).
In questo mondo che se manifesti e scioperi subisci cariche dalla polizia ( vedi operai di Terni).
In questo mondo dopo un referendum per l'acqua pubblica, c' e' chi continua ingiustamente a lucrarci sopra.
In questo mondo dove i poveri continuano a pagare anche per i ricchi evasori.
In questo mondo dove un partito che come il PD dovrebbe essere di sinistra e difendere gli spazi verdi per far accedere tutti, svalca addirittura la destra.
In questo mondo dove tutto fa' schifo!!
Riusciamo anche a togliere un sorriso anche ai bambini che vanno a dare quattro calci ad un pallone.
BRAVI avanti cosi!!

8/2/2015 - 11:32

AUTORE:
Giovanni Meoli

Chi ti dice che io non abito a san Giuliano terme. Si da il caso che abito in via collodi. Comunque importa poco dove abito. Tu sei il tipico personaggio che se ti danno sempre ragione va bene altrimenti "scendi". Critichi tanto il comune e tutti sanno che svolgi un servizio per conto di una società alla quale il comune ha dato la pubblica affissione. Tutto lecito per carità ma non hai mai speso una parola sui modi che ha questa società. Perché non critichi che il comune privatizza le affissioni ma lo critichi se privatizza il campino. Bell'Italia

8/2/2015 - 11:12

AUTORE:
Giovanni Meoli

falla finita una volta la fontana una volta quanto tempo abiti a san Giuliano. Appena ASD avrà le autorizzaIoni previste vedremo finalmente un'area sportiva riqualificata. Comunque una cosa ti posso dire la voglia di parlare ti fa dire cose sempre errate anche sulla vicenda dei licenziamenti. Comunque questa è un'altra storia. Bene il campino vi hanno risposto in tanti alle vostre domande davvero intelligenti.

8/2/2015 - 11:04

AUTORE:
MICHELE

Noto che fra tutti quelli che scrivono NON CE N'E' UNO DICO UNO CHE ABITA IN PAESE A SAN GIULIANO TERME. Si capisce che probabilmente chi interviene a sostegno della privatizzazione del campino in quel posto così amato dai SanGiulianesi non c'ha mai messo piede nemmeno una volta e quindi probabilmente non ha molta cognizione di causa sul SACCHEGGIO DEL TERRITORIO che è stato nesso in atto NEL PAESE DI SAN GIULIANO.
Addirittura il sig. Alessio Pierotti dove bastava rispondere 6, dicesi SEI SI o NO (MA ADDIRITTURA ANCHE VERO O fALSO) ha usato 1243 parole, (nemmeno i Jalysse)forse a dimostrazione che è difficile arrampicarsi sugli specchi.
P.S.: per il sig. Giovanni Meoli: Ir mi nonno era della Ruga (che senz'altro Lei conosce) e diceva: un c'è peggior sordo di chi un vor sentì e peggior ceo di chi un vor vedè

8/2/2015 - 10:59

AUTORE:
Andrea Montella

Non entrare nel merito delle domande poste sul "campino" dagli Amici di San Giuliano è un vecchio metodo tipico delle forze reazionarie che hanno governato male la prima Repubblica e hanno fatto scempio dei beni sociali che ci hanno permesso di essere la quinta potenza mondiale: ENI, Enel, Sip (Telecom), Iri, Sanità, ecc.
I vecchi comunisti denunciavano le malefatte di costoro e avevano un modello di società superiore e alternativo. Infatti dove hanno governato hanno lasciato prove tangibili della loro buona amministrazione.
E' evidente che oggi raschiando il barile, per favorire i padroni di ogni specie, a San Giuliano è
rimasto solo il "campino", dopo aver svenduto le Terme, gli impianti sportivi, ecc.
Per questa ragione il PD vuole cambiare la Costituzione nata dalla resistenza, perché in essa si condanna il furto e si mette la sovranità politico-economica nelle mani dei cittadini e non
in quelle dei segretari dei partiti e dei loro sodali capitalisti.
Tutto questo succede perché con il sistema elettorale maggioritario sono stati espropriati i cittadini della loro sovranità.
Se non si ripristina il sistema proporzionale puro
il rapporto tra segreteria dei partiti e cittadini sarà
sempre a favore dei pochi ricchi contro la maggioranza povera.

8/2/2015 - 9:50

AUTORE:
Errori Salvo

Tanti anni fa a Bologna i bus di città "comunista" erano gratuiti poi arrivò Guazzaloca.
Anche i comunisti "taugiani" viareggini quando presero il "potere" al comune la prima cosa che fecero fu l'ingresso gratis al carnevale, poi, poi smisero quasi subito perchè il gratis vuol dire piccolezza e la gente non apprezza ed anche li ora hanno il commissario prefettizio.
A SGT hanno il fontanello dell'acqua depurata a gratis, ma, i "Cristiani" preferiscono andarsela a comprare che non far due passi a prendersela a gratis.
Già il nostri sindaci di qua dal Serchio furono criticati perchè i nostri miliardi di tasse li misero sottoterra (fognatura estesa anche alla lontana fattoria Mori) mentre i "comunistici" bagnaioli fecero la bagnarola calda (pescina in dialetto)ed un centro sportivo allava-nguardia dove in tanti anni di accompagnamento del figliolo al gioco del calcio al compo Bui non ho mai visto volare un martello, un giavellotto e tantomeno un salto con l'asta (li nella buca dove "dovrebbe" poggiare l'asta, c'era fisso un ranocchio nell'acqua). Poi per le sfide bisogna essere almeno in due e nei "paeselli" è difficilerrimo trovare due appassionati ugualmente a lanciare una palla pesante legata ad un filo; poi nella scherma è essenziale essere in due, snsennò con il fioretto si scaccia i maacchi e mosche.

Certo nell'epoca del "prebum" tutto era più facilmente facile e ricordo anche i discorsi di qualche nostro Assessore comunale: se non abbiamo almeno tre miliardi di debito, quelli del governo non ci cacano nemmeno.
Il governo centrale al tempo di Andreotti Malagodi ci concedeva pensioni dopo 19 anni, sei mesi ed un giorno e magari mai effettivamente lavorati perchè c'erano le normali maternità ed allattamento. Poi naturali maanche no; malattie e l'illusione di contare di più facendo opposizione per noi "comunistici" che essere come diceva Nenni nella stanza dei bottoni.
La cosiddetta tassa della spazzatura veniva sostenuta fino a poco tempo fa per un 60% dalla tassazione generale e menomale non siamo arrivati alle medicine gratis per tutti, altrimenti ci volevano cassonetti per gli avanzi delle bigongiate di roba inutile che avremmo chiesto ai medici.
Diceva Luciano: occhio a chiedere tante piazze a verde; alberate ed illuminate, poi c'è da mantenerle ammodino e chi ha la pensione al minimo o è disoccupato, poi non li potete tassare al massimo per mantenere l'erbettina, le piantarelle fioritine ed altre cosette del tipo: milioni di ore di cassa integrazione che han contribuito a portare il debito pubblico al 136% del Prodotto Interno Lordo.

....poi ci sarebbe altro, ma con il passar del tempo le illusioni son come le ferite non gravi: si rimarginano da se ed anche la fuga in avanti di lavoratori/operai& di votare Lega, Forza Italia del più ricco di tutti noi e di votare poi per un Magistrato che ha raccolto i rimasugli "comunistichi"-verdi e con le mano pulite alla Di Pietro Antonio per poi sparire dal Parlamento (li dove si fanno le leggi) o rifugiarsi perumpopò di tempo sotto il duo comico Casaleggio Gianroberto-Giuseppe detto Beppe Grillo è.... si è durato anche mpò troppino!

....come il puzzo asfissiante per 20 anni in Albavola-Arena Metato della mancata fognatura, ma quelle affortunate frazioni c'avenan la pescina nel copoluogo e....

8/2/2015 - 2:29

AUTORE:
Cristiano

Ormai siamo così abituati a pagare le tasse e a non ricevere più nessun servizio che riusciamo a giustificare davvero tutto. Un comune che non riesce a gestire uno spazio pubblico, lo cede ad un privato che fa affari, e la popolazione come reagisce??? Bravo il comune... Bravo il gestore. Vorrei solo far presente che nel piccolo parco giochi adiacente la piscina , c'era una fontanella che è stata chiusa dal nuovo gestore, perché l'acqua arriva dal campo centrale. Tempo fa portavo mio figlio ai giochini e bevevo dalla fontanella. Ora devo comprare l'acqua dal barrino del gestore. La domanda che mi faccio è la seguente : è mai possibile che nessuno riesce a rendersi conto che , un po alla volta, ci stanno togliendo tutto??? E mai possibile che nessuno riesca a capire che, questo modo di agire, ci porterà a pagare anche l'aria che respiriamo nonostante tutte le tasse che paghiamo??? Per ultimo propongo un bando di assegnazione per la gestione totale del comune. Lo diamo ad un privato che sicuramente saprà far fruttare tutte le attività comunali e noi pagheremo le tasse ricevendo ottimi servizi, e quelli che ci sono ora...tutti a casa, proprio come hanno fatto con la gestione della piscina. Ingresso del nuovo gestore e dei dipendenti tutti licenziati.
Buonanotte a tutti.

7/2/2015 - 23:18

AUTORE:
Alessio Pierotti

Non essendo nato a San Giuliano Terme ma nelle lontane e ‘avverse’ lande labroniche non conosco la storia del campino e la valenza he questa area ha avuto ed ha per i sangiulianesi. Conosco però l’affetto che si può nutrire per luoghi come questo: da ragazzo anche io frequentavo un campino, chiuso tra palazzoni nella zona dell’ospedale di Livorno. Un campino alquanto spoglio d’erba e privo di qualsiasi altra struttura parte le porte, che era per noi ragazzi di piazza XX settembre (quella che fu la piazza del mercatino americano) era la metà di un vero e proprio pellegrinaggio domenicale. Ci trovavamo alle otto in piazza e si andava tutti insieme al campino: una passeggiata di quindici minuti in cui si discuteva delle ‘prodezze’ della domenica precedente, prendendoci in giro come impone il galateo livornese e cercando di distribuirci in squadre capaci di affrontarsi senza troppi squilibri. Arrivati, ci spogliavamo a ridosso del muro di delimitazione e, ovviamente senza alcun tipo di riscaldamento, iniziavamo a giocare: giocavamo quasi tre ore (tempi di un’ora più…recupero !). In quel campino ci siamo cresciuti: abbiamo iniziato, come dicevo, da ragazzini (io avevo quindici anni) ed abbiamo smesso da adulti (quando già ne avevo ventiquattro). Giocavamo con qualsiasi tempo e in qualsiasi condizione: sotto un sole sahariano, in un campo ridotto a risaia, sotto la neve, appena rientrati da ‘ballare’. Mi ricordo quando il mitico Doge venne a giocare dopo aver fatto un incidente all’uscita della FI-PI-LI alle sei di mattina, essere rientrato praticamente a piedi da Stagno e dormito mezz’ora prima che la nonna lo svegliasse per venire appunto al campino ! Il sottoscritto, quando tornò di casa a Calci, si alzava alle sei per prendere l’autobus e il treno che lo avrebbe portato al campino. Abbiamo smesso quando ormai eravamo troppo grandi per spogliarci in mezzo alla strada senza rischiare una denuncia e soprattutto quando abbiamo capito che il campino doveva passare ad un’altra generazione. Non abbiamo ovviamente smesso di giocare a calcio insieme, siamo semplicemente passati ad un campo ‘attrezzato’: io ho abbandonato l’appuntamento soltanto da pochi anni, sconfitto dai problemi alla schiena, ma gli altri continuano ancora a giocare. Il campino è rimasto ovviamente nei nostri cuori: quando qualcuno lamentava degli acciacchi o brontolava per il tempo, gli altri rispondevano “te un sei mia der campino ! o dove ti s’è raccattato ?”. I nuovi, riserve occasionali o innesti per sostituire gli sconfitti dall’età e dalle vicende della vita, erano quelli che “sapevano una sega loro del campino !” e proprio per questo non avrebbero mai potuto capire fino in fondo il nostro giocare. Le due squadre, praticamente sempre le stesse, si chiamavano “I bimbi del campino” e “I bimbi del prof” (in onore del professore che ci aveva fatto scoprire il campino): e noi, in campo, continuavamo a chiamarci con i vecchi soprannomi. I soprannomi del campino: Morino (anche se Daniele era ormai completamente pelato), Fiorello (anche se io mi era tagliato da tempo i lunghi capelli), Sergej (perché faceva russo, anzi sovietico), Burro ecc.
Quindi, come dicevo prima di questo perdermi nei ricordi (di cui mi scuso), capisco perfettamente l’affetto che nutrite per il campino. Sinceramente però non capisco le vostre domande, almeno le prime tre. Non capiscono come queste domande possono contribuire alla discussione sul campino sangiulianese.
Non penso, ad esempio, che il circolo PD di San Giuliano Terme abbia definito l’area in stato di degrado in base alla tipologia delle persone che la frequentano. Il degrado è determinato da tante cose: dalla poca cura del manto erboso, dallo stato di decenza, dall’uso errato dell’area ecc. Il mio campino era sicuramente un’area degradata: l’erba cresceva solo ai bordi e - in primavera - formando vere e proprie giungle, il vento portava sul campo ogni cartaccia e altro rifiuto trasportabile del quartiere (primo ho scritto che non facevamo riscaldamento…no, non è vero: lo facevamo…raccoglievamo i rifiuti !), le porte non avevano alcuna manutenzione (più di una volta le abbiamo dipinte noi, sostituendo anche le reti) e spesso era utilizzato come (se mi passate il termine) cacatoio dai cani. La situazione migliorò, e molto, quando la circoscrizione competente affidò il campino al circolo Arci di zona, circolo che chiuse il campo regolamentandone l’accesso pur mantenendolo gratuito (l’inconveniente era andare la domenica da un signore a farsi dare le chiavi).
Quanto alla società che si è garantita la gestione degli impianti, purtroppo non è del territorio: ma non si può per questo dare colpa al comune, che se non erro aveva previsto come criterio prioritario di valutazione proprio il radicamento territoriale. Probabilmente nessuna società sangiulianese ha partecipato al bando o aveva i requisiti necessari per poterselo aggiudicare (oltre a quello territoriale, che non può essere l’unico legittimante). Così come non è colpa del comune se la società ASD si è costituita soltanto venti giorni prima del bando: sarà la legge in vigore, il codice degli appalti o quel che è, a regolamentare chi può partecipare ad una gara. Io ho partecipato in passato a bandi accessibili anche a società che dovevano ancora costituirsi ma che si impegnavano a farlo, in caso di vittoria o ammissioni a contributi, entro una determinata scadenza !
Non capisco poi come si possa affermare “A fronte di una tassazione dell’Imu per i cittadini di San Giuliano Terme con l’aliquota più alta d’Italia si potrebbe pensare che un’operazione del genere venga pensata dal Comune per rimpinguare le proprie casse” quando subito dopo ci si lamenta che il canone di affitto è di soli 208,33 euro mensili ! Non penso che incassare 2500 euro all’anno possa definirsi come rimpinguamento della casse: se si fosse a questi livelli il problema non sarebbe il campino !
Decisamente più importanti le ultime domande, anche se comunque un poco sterili. Non tanto quella sul foro competente, che penso sia determinato su base legislativa, quanto quella sulla destinazione del campino dopo la ristrutturazione. Che lo spazio resterà pubblico è evidente: al fine della convenzione ASD dovrà restituire l’area all’amministrazione comunale, compresa di tutte le eventuali migliorie realizzate. Il problema è se l’accesso sarà a pagamento o meno. Se il gestore investe sull’area migliorandone i servizi (investendo peraltro su una cosa non di sua proprietà), non vedo alcun problema alla richiesta di un giusto ‘biglietto’ per accedervi (magari lasciando alcune fasce orarie ‘free ticket’). Ricordo che peraltro la società ASD si è impegnata a realizzare una nuova zona relax e giochi a libera frequentazione. Se al mio campino avessero messo spogliatoi e docce, probabilmente noi non avremo smesso di frequentarlo: avremmo pagato volentieri il ‘biglietto’ in cambio di questi servizi, così come abbiamo pagato l’affitto dei campi dove abbiamo giocato dopo.
Abbiate pazienza ma penso che la logica del pubblico + servizi = gratis deve essere superata, anche in ottica di una maggiore e nuova consapevolezza della cosa pubblica come valore. Un mio caro amico, morto lo scorso settembre, mi scrisse a proposito di un problema di salvaguardia ambientale che gli stava a cuore: “Prendi un prato. La maggior parte delle persone ci passano vicino senza degnarlo di uno sguardo: magari ci buttano la cicca appena spenta…qualcuno più maleducato i rifiuti. Il margine del prato, là dove c'è una fossa che lo separa dalla strada, è la tomba ultima delle cartacce, dei pacchetti di sigarette. Per molti quel prato è semplicemente la toilette del cane. C’è sempre stato quel prato. Pochi apprezzano il suo valore e lottano per la sua tutela. Quel prato è una ricchezza a rischio: una cosa facilmente sacrificabile quando quei pochi smetteranno di interessarsene e che presto sarà quindi dimenticata. Bene. Prendi lo stesso prato: recintalo e mettici dei cartelli che spiegano l’importanza del prato, quali piante e quali animali ci vivono, come preservalo ecc. Fai pagare un euro, un solo euro, per entrarci: regolamentane l’accesso. Ecco, quel prato diventerà improvvisamente una cosa importante per molte persone. Quel prato diventerà improvvisamente una ricchezza da tutelare: un bene destinato a sopravvivere”. Penso che un ragionamento simile si possa fare anche per il campino…

7/2/2015 - 18:13

AUTORE:
ripippo

Caro Michele, ecco le risposte (almeno le mie) anche se le domande non mi sembrano portare elementi particolarmente interessanti o nuove.
1) Certamente no, ma pensa un pò a tutte le scolaresche che grazie ad un accordo vanno la mattina ed utilizzano gli impianti sportivi gestiti dal "demonio". Non è questo forse un utilizzo sociale? Continuerà ad essere un luogo ad uso pubblico gestito (meglio) da privati.
2) anche se si è costituita 2 settimane prima, qual'è il problema o il presunto scandalo ? Ha partecipato, ha vinto ed ha iniziato ad investire un minuto dopo. Il Comune non è in grado di gestire un impianto sportivo, ne ha dato prova nell'ultimo trentennio. Facciamolo gestire a chi lo sa fare anche nell'interesse di tutti i cittadini che dovrebbero tassarsi per farlo gestire, male, dall'amministrazione.
3) Non ne sono a conoscenza e non mi scandalizza se paga 200 euro al mese, l'importante che non costi nulla alla collettività, che venga gestito bene, ed investito perchè quando scadrà il contratto tutto tornerà in mano pubblica. Il vero guadagno il Comune l'ha fatto trovando un privato che investe su un bene non suo, ma appunto del Comune. Con tutta probabilità non c'era nessun altro che poteva gestirlo a condizioni migliori perchè tutte le altre associazioni sportive avrebbero chiesto un tot all'anno per le manutenzioni straordinarie, senza investire direttamente un euro.
4) e se il foro competente e Roma invece che Pisa dov'è il problema ? Sono queste le domande tanto scomode che nascondono lo scandalo ?
5) Qui dovrebbe rispondere il gestore, ma probabilmente si, come funziona quando qualcuno va in piscina, oppure sale sulla torre di Pisa, o ancora prende l'autobus ecc. ecc...... Magari chissà farà delle convenzioni che consentiranno a squadre amatoriali di pagare il giusto, chissà.
6) Sicuramente sarebbe favorevole, vedendo che ci sono tanti appassionati e sportivi che finalmente possono avere degli impianti degni, l'acqua calda quando fanno la doccia, giocare a tennis anche l'inverno, e lo stadio pieno in occasione di partite importanti come la coppa carnevale. Sarebbe altrettanto favorevole nel vedere le scuole che mandano i propri alunni a fare attività grazie ad un accordo tra il gestore ed il comune.

Sono queste le 6 domande tanto importanti a cui rispondere ? Spostate lo sguardo all'orizzonte e stimolate l'amministrazione su cose importanti oggi, senza guardare troppo indietro altrimenti vi prende la nostalgia. Quando mi nonna aveva le rote.......era un carretto.

7/2/2015 - 15:04

AUTORE:
MICHELE

Volevo fare i complimenti ai signori Giovanni e Pippo per la profondità degli argomenti profusi a sostegno della giustezza della chiusura del campino.
Ma.....LE RISPOSTE ALLE DOMANDE CHE FACCIAMO NON VI INTERESSANO?

P.S. Covinaia è una zona di Pontasserchio oramai inglobata da PontasserchiO stessa.

7/2/2015 - 13:11

AUTORE:
Osservatore 1

...Giovanni e Pippo ci sono.
Altrimenti a SGT sembrerebbe (anzi senza sembrerebbe) gliè così! che ci siano solo aristocratici o senatori a vita dell'ekkese PCI.
...tutto libero...senza "padrone" di nessun tipo e tutto pronto in balia dei vandali nuovi e ne basta n°1 su n° 1.000 per disfare come diceva Edilio del Franceschi: basta un bimbetto sul mucchio del granturco a disfare quello che dieci uomini forti con i paloni ammucchiano.

7/2/2015 - 12:49

AUTORE:
pippo

Ma la fate finita con queste polemiche sterili. Ogni volta che a San Giuliano Terme viene fatto qualcosa di buono si cerca di affossarlo. ASD ha fatto un ottimo lavoro, perchè da quando ha in gestione l'area sta investendo, in quelli che erano campi di patate. Adesso è possibile andare a giocare a tennis anche l'inverno e su un campo da tennis che si può chiamare tale. Se le stesse energie venivano profuse quando le gestioni precedenti facevano ridere e lasciavano cadere in malora tutto, forse non si arrivava a dover chiedere aiuto a veri imprenditori. Prima che si trovi un gestore come si deve anche per la piscina, perchè non vi adoperate per fare in modo che anche questo impianto funzioni e non a singhiozzo com'è adesso. Perchè, invece di cercare di mandare via i privati che investono, non chiedete al Comune di reinvestire quanto a risparmiato dando in gestione gli impianti sportivi, in altri progetti ed in altri spazi lasciati nell'incuria totale. Le tasse al Comune non le pagano solo i cittadini ma anche le aziende che hanno attività. Le tasse a San Giuliano Terme non le pagano solo i "bagnaioli" ma tutti i cittadini di San Giuliano Terme. Avete rotto con queste polemiche sterili, da circolo e da bar. Ha fatto bene il PD a prendere una posizione (finalmente !!), indipendentemente dal partito e dal colore. Finalmente ricomincia a dire come la pensa senza paura di perdere 2 voti. Dovrebbe fare così su tutti gli argomenti e su tutte le attività importanti quando vengono chiamate in causa, ma non so se riuscirà perchè ci vuole coraggio e determinazione....
Ah, scusate sono solo da 20 anni a San Giuliano T. visto che qualcuno potrebbe chiederlo pensando che io abbia meno diritti di chi c'è nato !

7/2/2015 - 11:10

AUTORE:
Giovani Meoli

Caro ci sono nato 35 anni fa. Vivo a Covinaia posto che tu conosci sicuramente essendo di San Giuliano Terme.

7/2/2015 - 0:44

AUTORE:
Cristiano

Mi piacerebbe sapere se GIOVANNI e LUCA sono di San Giuliano Terme e se si, da quanto tempo vivono nel paese termale. Grazie.

6/2/2015 - 22:41

AUTORE:
Giovanni Meoli

Ma che domande fate. L'ASD si è aggiudicata tutto,in modo regolare. Se non ho letto male la territorialità era un metro di valutazione e non di partecipazione. Il prezzo viene stabilito in sede di aggiudicazione. Il comune lo potrà revocare solo se vengono meno le condizioni di utilizzo. Il foro che vuoi che sia. Dateci un taglio. Avranno chiesto le autorizzazioni se le avranno lo faranno è nessuno ribadisco nessuno lo potrà impedire. In un articolo di Nusca c'era scritto che era già prevista la chiusura già nella convenzione. Asd vai avanti state facendo davvero bene anche il torneo di Viareggio. Voi non siete amici di San Giuliano siete amici di voi stessi. La gente come voi non è utile allo sviluppo del paese solo critici

6/2/2015 - 22:25

AUTORE:
Luca Quilici

Cari Amici di San Giuliano perché non andate alla procura se non è regolare. Ho letto l'articolo di asd mi sembra ottimo. Se ho capito bene appena ricevute le autorizzazioni partiranno. Meno male così finisce questa telenovela. Nusca raccogli pure tu le firme magari ne raccogli pure di più.

6/2/2015 - 19:55

AUTORE:
cittadino

Il mi nonno un tempo avrebbe detto : "STRISCIO LUNGO..E BUSSO!!!"