none_o


L'articolo di oggi non poteva non far riferimento alla festa del SS. Crocifisso che Pontasserchio si appresta a celebrare, il 28 aprile.Da quella ricorrenza è nata la Fiera del 28, che poi da diversi anni si è trasformata in Agrifiera, pronta ad essere inaugurata il 19 aprile per aprire i battenti sabato 20.La vicenda che viene narrata, con il riferimento al miracolo del SS. Crocifisso, riguarda la diatriba sorta tra parroci per il possesso di una campana alla fine del '700, originata dalla "dismissione" delle due vecchie chiese di Vecchializia. 

. . . quanto ad essere informato, sicuramente lo sono .....
Lei non è "abbastanzina informato" si informi chi .....
. . . è che Macron vuole Lagarde a capo della commissione .....
"250 giorni dall’apertura del Giubileo 2025: le .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Colori u n altra rosa
Una altra primavera
Per ringraziarti amore
Compagna di una vita
Un fiore dal Cielo

Aspetto ogni sera
I l tuo ritorno a casa
Per .....
Oggi è venuto a mancare all’affetto di tutti coloro che lo conoscevano Renato Moncini, disegnatore della Nasa , pittore e artista per passione. .....
San Giuliano T.
Il M5S di S.G.T. con l'ass.reg. Anna Marson. Il PD che fa?

9/2/2015 - 16:31


Il M5S San Giuliano T. si schiera con l'assessore regionale  all'Urbanistica Anna Marson. Il PD che fa?

 

La nuova legge urbanistica della Toscana, dopo un lungo cammino irto  di ostacoli , è finalmente stata approvata dal Consiglio Regionale il  31 ottobre scorso. Una legge fortemente voluta, che affronta sul serio  il consumo di suolo, ponendo delle regole precise che vincolano lo  sviluppo urbano alla tutela dell’ambiente e del paesaggio e alla  qualità della vita e alla partecipazione dei cittadini, con un occhio  di riguardo alla sicurezza ed alla prevenzione. Purtroppo il Governo Renzi il 24 dicembre ha impugnato la legge  davanti alla Corte Costituzionale , togliendo un appoggio sostanziale  allo stesso piano regionale concordato col Ministero per i Beni  culturali, non per un eccesso di permissività, come è accaduto in  passato (e come la cementificazione del Paese dimostra ovunque), ma,  al contrario, perché alcune norme della legge urbanistica riguardanti  l’approvazione delle previsioni urbanistiche per le medie e grandi  strutture di vendita, costituiscono ostacolo alla libera concorrenza.

Il ragionamento del Governo è:siccome le restrizioni inserite dalla Toscana all’indiscriminato  proliferare di centri commerciali (restrizioni che consistono,si noti  , nel sottoporre l’ottenimento del parere positivo per nuove strutture  di vendita alla neonata “Conferenza di copianificazione regionale”  qualora le loro previsioni impegnino suolo esterno ai centri abitati)  , si pongono in contrasto con quanto consentito dalla legge nazionale  , la Regione invade la potestà legislativa di esclusiva statale in  materia di tutela della concorrenza, violando l’articolo 117 della  Costituzione .

Il Presidente Rossi ha già risposto : “noi non intendiamo affatto  limitare la concorrenza ma piuttosto, attraverso motivazioni  urbanistiche, favorire una presenza razionale del commercio sul  territorio, tale da evitare squilibri ambientali e impatti  insostenibili sul piano delle infrastrutture…“.Noi del Movimento 5 Stelle facciamo una considerazione: nella stessa  seduta del Consiglio dei Ministri, è stata stabilita la “non  impugnativa” della Legge Regione Lazio n. 10 del 10/11/2014 “Modifiche  alle leggi regionali relative al governo del territorio, alle aree  naturali protette regionali ed alle funzioni amministrative in materia  di paesaggio” cioè il famigerato Piano Casa 2. Un Piano che ripropone  e proroga fino al gennaio 2017 l’analogo provvedimento Polverini, una  mutazione genetica di tutti i Piani casa nazionali, che bypassa la  regia pubblica delle trasformazioni lasciando mano libera e cemento  libero ai privati .

A questo punto ci sembra evidente che la linea politica predominante  destra o sinistra, la cui continuità è simboleggiata dal sempiterno  ministro Lupi sia quella del primato dell’interesse privato a tutti i  costi e a tutti i livelli e dell’abbandono di ogni prospettiva che  riguardi la scelta dell’interesse pubblico, che si tratti di  preservare i principi di pianificazione la base per qualunque  ragionamento che abbia a cuore il bene collettivo o il patrimonio di  tutti. E ricordiamo che la “libera concorrenza” in materia  territoriale e ambientale, quella consentita dalle leggi e quella di  cui l’abusivismo più sfrenato si è appropriato a danno della  collettività, ha provocato disastri, ha prodotto milioni di metri  quadrati di alloggi, di uffici, di capannoni, strutture sportive  vuoti, invenduti e inutilizzati. Chi si dispone a sottoporla a  controlli in nome dell’interesse generale dovrebbe essere premiato.  Invece succede il contrario. Il Movimento 5 Stelle vuole esprimere la  massima solidarietà all’Assessore Regionale Anna Marson, che nella più  avvilente solitudine istituzionale sta portando avanti enormi  battaglie che riguardano il futuro di tutti noi. Con il suo Piano  Paesaggistico si è trovata esposta a pesanti quanto strumentali  critiche dalla maggior parte della classe politica toscana, che a  livello quotidiano in maniera demagogica e sterile, attaccano il  suddetto progetto.

Invitiamo il Sindaco Di Maio e l’assessore all'urbanistica ad unirsi  al nostro messaggio di solidarietà a salvaguardia del nostro ambiente  e territorio, a sottolineare il valido lavoro che c’è dietro a questo  piano che, seppur con qualche passaggio da rivedere, va nella  direzione giusta e merita il nostro appoggio su un tema così  importante come quello della prevenzione e cura del territorio.

 

Giuseppe Strignano Capogruppo M5S San Giuliano Terme

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

24/2/2015 - 8:59

AUTORE:
Alessio Niccolai

Caro stimato e stimabile Giuseppe, condivido pienamente la querelle posta al Piddì sangiulianese: il nuovo piano paesaggistico in via di adozione dalla Giunta Regionale è quanto di peggio ci si possa aspettare da una regione come la Toscana che di solo turismo - in tutte le sue declinazioni possibili - potrebbe vivere, e che pare invece voler fagocitare una buona fetta del proprio futuro attraverso una misura perfettamente in linea con le scelleratezze dello "Sblocca Italia".
La corsa di Rossi & C. al compiacimento dei diktat del Premier sembra inarrestabile: d'altra parte le lobbies cooperative del cemento sono oltremodo presenti anche nella nostra straordinaria regione e poco importa se quelli che davvero potrebbero esservi considerati investimenti (ricerca, cultura, scuola, consapevolezza territoriale, coscienza storica, etc.) vanno a farsi benedire!
Il PIT di luglio 2014 con l'estensione della pista di Peretola e la recente posizione del sindaco Filippeschi rispetto alla SAT - il cui controllo è stato trasferito a Firenze - non denunciano a chiare lettere in che cosa sia implicato il Piddì?
Il punto - amico mio - è però un altro: tu esordisci con il tuo legittimo sostegno all'unico membro dell'attuale Giunta Regionale - insieme al silurato Allocca (eletto dai toscani, a differenza dell'ex-Vice-Sindaco di Firenze preteso da Renzi governatore vicario della Toscana senza alcuna legittimazione popolare!) - degno di essere considerato "amico del popolo"; ma i dissimulatori di turno ti portano a spiegare la questione del "reddito di cittadinanza"... e questo è un contegno - permettimi di dirtelo - dilettantesco.
Si può fare - certo - anche il reddito di cittadinanza, come no... ma il problema non è se tassare o meno gli immobili ecclesiastici o legalizzare la prostituzione (provvedimenti che comunque sarebbero opportuni e sacrosanti), quanto piuttosto un'escalation verso il recupero totale della sovranità monetaria, politica ed economica rispetto ad Europa che - a chiare lettere - ha dichiarato guerra agli strati popolari degli stati che la compongono in favore di una pattuglia di oligarchi della finanza.
Deve essere chiaro: le loro proprietà ed i loro redditi parassitari vanno brutalmente colpiti per costituire provvedimenti equi e ridistributivi come il reddito di cittadinanza; e bisogna avere il coraggio di dirlo.
Meglio che i cittadini siano pagati - con i soldi della collettività - per sopravvivere che, con gli stessi, un drappello di imprese mangia-suolo intente in opere inutili e senza ne' capo ne' coda.
Non lasciare che siano gli altri a farti rispondere a certune domande, caro Giuseppe e se alla fine riescono a portele, rispondi loro come è logico che sia, senza temere l'impopolarità: bisogna avere il coraggio di dire anche quello che la cultura di regime ha trasformato in eresia (come l'uscita dall'Euro e/o dall'Europa)!

21/2/2015 - 14:33

AUTORE:
A Giuseppe Strignano

Tassare di più i proventi del gioco d'azzardo e mettere l'IMU sugli immobili del Vaticano per coprire il fabbisogno per il reddito di cittadinanza?
Una corretta risposta e non i soliti slogan, sig. Strignano, per favore!
Quanti miliardi occorrono per il "reddito"? Quanti se ne possono ricavare dalla maggiore tassazione sul gioco e l'IMU vaticana? Risponda a questo per essere credibile; comunque le voglio dare un "input", ci aggiunga la tassazione sul meretricio, con quella si innalzerebbe sicuramente il budget.

19/2/2015 - 20:19

AUTORE:
Giuseppe Strignano

Per realizzare una proposta di legge non occorrono scienziati, neanche maghi e drammaturghi, basta la volontà e qualche ragioniere che sappia trovare le coperture. Ciò è stato fatto. Ora serve la volontà politica di tassare di più i proventi del gioco d'azzardo e mettere l'IMU sui beni immobili del Vaticano. Il cerino ce l'hanno in mano lor signori che governano. Lo vogliono fare? Bene. Non lo vogliono fare? Male. Ma il fatto che sia un'utopia è solo una posizione demagogica.

13/2/2015 - 20:09

AUTORE:
Ultimo....dei Moicani

Il senso ai commenti lo da anche la capacità di interpretazione da parte del lettore. La domanda che lei pone nel suo intervento iniziale è: e il PD che fa? Ho cercato di rendere l'idea con l'espressione provocatoria di "dittatura democratica", a cui i pentastellati reagiscono in Parlamento urlando e tirando fogli, ma forse non ho visto bene, forse non ho capito neppure la notizia di appartenenti al movimento inseguiti per la strada dai parlamentari 5S che urlavano loro contro offese e minacce, solo per il fatto che la pensavano diversamente. Oppure non sono all'altezza di comprendere perchè criticate Renzi perchè promette e non mantiene, mentre il vostro cavallo di battaglia è l'utopistico ed irrealizzabile reddito di cittadinanza. Ecco perchè dico che Renzi è il male minore, ma se dice che in ciò non c'è alcun senso , pazienza, me ne farò una ragione, in fondo non ho votato nessuno di voi. Con rispetto....Ultimo.

13/2/2015 - 13:34

AUTORE:
Giuseppe Strignano

Si, continui pure ad interessarsi di fedi nuziali e altre fesserie scopiazzate da facebook (non è colpa della grillina Antoni se per la stampa le priorità sono queste). Per come la vedo io il suo commento non ha alcun senso. Con rispetto.
GS

11/2/2015 - 20:15

AUTORE:
Ultimo... dei Moicani

Nè rivoluzione nè restaurazione, al momento, con un ossimoro, la chiamerei dittatura democratica.
E mentre la pentastellata pisana, con tanto di fascia tricolore, si inventava un ladro gentiluomo che riportava le fedi, concedendosi ai media che hanno abboccato dopo che lei aveva immediatamente postato l'avvenimento "in rete", mentre il turpiloquio e la protesta più appariscente è ormai di casa in Parlamento, mentre defezioni e cambi repentini di casacca sono all'ordine del giorno, l'ultima speranza è riposta in un governo di democristiani camuffati che, guidati da un non eletto, ci promette mari e monti.
A questo punto, caro Strignano, sa cosa le dico? LASCIAMOLI FARE; FORSE SONO IL MALE MINORE !!!!

10/2/2015 - 0:46

AUTORE:
Giuseppe Strignano

Sarei curioso di conoscere 3 provvedimenti, a scelta, che siano stati rivoluzionari nel senso positivo del termine, attuati dal Governo o da questo parlamento. Inoltre, ultimo dei moicani, mi deve illustrare, dati alla mano, se la realtà dei fatti corrisponde alle intenzioni del governo. Aspetto.

9/2/2015 - 20:13

AUTORE:
Gian Paolo

L' attuazione del piano paesaggistico , bloccherebbe il progetto del nuovo elettrodotto da 380000 w, così come progettato da Terna, speriamo il pd lo spinga nelle sedi dovute, vedremo !!

9/2/2015 - 20:08

AUTORE:
Ultimo....dei Moicani

Molte volte ho pensato che dovrebbe esistere un assessorato specifico alla salvaguardia ambientale e del territorio, poichè lo scempio perpetrato fino ad oggi è inqualificabile, non ci sono scuse da parte di nessuno.
Il mio intervento non vuole comunque riferirsi alla parte "urbanistica", bensì a quella "paesaggistica" in generale. Se noi sovrapponiamo delle fotografie aeree di quarant'anni fa a quelle odierne, il consumo del suolo appare evidente, le varie trasformazioni pure, ma tutto questo è pur sempre meno grave di quella trasformazione che NON si vede. Mi spiego meglio: la grossa macchia verde dei nostri monti è ancora lì, sembrerebbe uguale, ma se si "zumma" un pò ci si accorge che gli alberi non sono più ben definiti e che il terreno non è verde erba, bensì più scuro e omogeneo, è verde "rovo" e macchia mediterranea. Ed è in quel verde che spariscono i sentieri ed è contro quel verde che i pochi olivicoltori e viticoltori sopravvissuti conducono la loro infinita battaglia.
Il termine paesaggio non rappresenta l'ambiente naturale, bensì la stratificazione degli interventi sull'ambiente originario. Dal momento che è ampiamente dimostrata l'impotenza della nostra amministrazione nei confronti della salvaguardia delle attività agricolturali e forestali, degli aspetti paesaggistici dei nostri centenari muri a secco e della sentieristica, del controllo della popolazione dei cinghiali e degli insetti dannosi, smettiamo di illuderci e lasciamo che la natura riformi il suo ambiente originario, lasciando ai proprietari volenterosi l'arduo compito del mantenimento di quei pochi francobolli di coltivato che appariranno alla prossima sovrapposizione fotografica quarantennale. La vocazione turistica di San Giuliano avrebbe molti aspetti su cui svilupparsi, ma la burocrazia rende pavidi gli investitori, qualora ne uscissero fuori. In attesa della rivoluzione renziana anche su questo, continuiamo pure con un pò di propaganda pentastellata, in attesa di progetti concreti.