none_o

 

 

 

Contro la pandemia Jacinda Arden, premier della Nuova Zelanda, ha scelto la via più drastica: lockdown generale e chiusura delle frontiere. Con empatia, pragmatismo e coraggio ha fermato il covid-19, sconfitto la destra populista e vinto le elezioni. Bruno Ferraro, da Auckland, ritrae Jacinda come una leader che può dare una lezione magistrale ai politici occidentali su come gestire una crisi.

. . . detto tra noi sono solo un brigante, non un .....
. . . non immaginerebbe mai.
Ho sentito un "uccellino" .....
. . . si assuma la responsabilità di esporsi con nome .....
Delle idee di questa signora non mi interessa granchè. .....
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
di Marco Galice, insegnante
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Poste Italiane comunica
none_a
Primo corso online di scrittura per la scena
none_a
San Giuliano Terme
none_a
A breve in libreria
none_a
di Lorenzo Tosa
none_a
Per effetto del DPCM del 3 novembre 2020
none_a
Quarantesimo della morte del Cav. Vittorino Benotto
none_a
Pisa
none_a
San Giuliano Terme, 14 novembre
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Consegna mascherine

    Campagna per la consegna della mascherine fornite dalla Regione Toscana per tutti i cittadini di Migliarino.

    Il circolo ARCI aderisce alla iniziativa. Di seguito gli esercizi che hanno aderito dove si possono ritirare e gli orari addetti.

     

    CONSEGNA MASCHERINE PROROGATA FINO A LUNEDI 23 NOVEMBRE (SABATO E DOMENICA COMPRESI)


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


Prima strillano che va riaperto tutto, contestano l'emergenza, negano la pandemia, gridano al complotto! . . . poi, QUANDO ESPLODE LA SECONDA ONDATA, .....
E' semplice: positivo al 1° e 2° tampone. . dopo 21 gg la asl mi dà la liberatoria. Al 23° giorno, per mio scrupolo, e da privato. . effettuo 3° .....
Comune di Vecchiano
Il Sindaco Giancarlo Lunardi risponde a Susanna Ceccardi

3/4/2015 - 12:35


          Il Sindaco Giancarlo Lunardi risponde a Susanna Ceccardi

Vecchiano –

"Rispondo a stretto giro di posta ", spiega il Sindaco Giancarlo Lunardi, "a Susanna Ceccardi per precisare:
- l'area di Nodica, dove si trovano i cani, è attrezzata abusivamente e insieme all'Associazione stiamo lavorando per   eliminarla;
- sono in corso incontri con l'Associazione "Il Frutteto di Fido", per consentire, nell'ambito della futura variante urbanistica, la possibile realizzazione di un canile privato nel Comune di Vecchiano;
- il Comune di Vecchiano ha già un canile pubblico che è quello intercomunale di Ospedaletto e ha pressoché azzerato i costi per l'utilizzo di canili al di fuori di quello pubblico, tanto è vero che i cani del "Frutteto di Fido" vengono da altre regioni italiane;

 
- per quanto riguarda il campo nomadi a Vecchiano è evidente che la notizia è totalmente falsa come ben sanno coloro che l'hanno diffusa con finalità di bassa speculazione politica.

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

 

 

 

Per completezza dell'informazione; pubblichiamo l'articolo a firma di Andrea Valtriani apparso sulle cronache della Nazione
.................................................................................................................
 
«Un campo nomadi al posto del canile» Esplode la polemica, «No all’abusivismo»


Il consigliere comunale Ceccardi scrive a Lunardi: «Fare subito chiarezza»
(in foto) ADOZIONE Alcune volontarie del canile con gli ospiti. Molte le adozioni andate a buon fine in questi mesi: 120 cani hanno trovato una nuova casa

Vecchiano, 1 aprile 2015

 

- Il rifugio per cani abbandonati di Nodica, «Il frutteto di fido» è ancora in bilico e in molti cominciano a parlare di un piano alternativo dell’amministrazione vecchianese per sgomberare il canile abusivo e creare nella stessa area un campo nomadi.

A chiedere spiegazioni sull’ipotesi anche la consigliera per la Lega Nord di Cascina e candidata alle elezioni regionali Susanna Ceccardi, che ha scritto al primo cittadino vecchianese Giancarlo Lunardi: «Vorrei sottoporle una questione, che mi è stata segnalata da alcuni cittadini residenti nel suo territorio comunale.

Il Comune di Vecchiano ha intimato la rimozione e la riduzione in pristino del canile rifugio ‘Il frutteto di fido’, che si trova a Nodica, poiché risultato non in regola con le concessioni edilizie.

Premesso che tutti i Comuni dovrebbero dotarsi di un proprio rifugio o canile, nel quale poter ospitare gli animali abbandonati, i cittadini hanno manifestato la preoccupazione che al posto del rifugio possa sorgere un campo rom. Le chiedo se esista il pericolo fondato che ciò si verifichi e di intraprendere tutte le precauzioni del caso, affinché a un abusivismo non succeda un altro abusivismo. Se ciò si verificasse io e il mio partito siamo pronti a dare ogni supporto alla cittadinanza con forme di protesta e opposizione».

Le responsabili del Frutteto di Fido, intanto, stanno cercando un nuovo posto – possibilmente nel territorio sangiulianese – dove spostare le attrezzature di accoglienza dei randagi. A breve cominceranno i tavoli di concertazione tra le volontarie e l’amministrazione vecchianese per cercare una soluzione, e magari un cambio di destinazione dell’area grazie al piano urbanistico. Il primo incontro si dovrebbe tenere pochi giorni dopo la Pasqua e a quel punto si potranno capire le soluzioni proposte dal Comune di Vecchiano per la situazione spinosa che si è andata creando negli ultimi mesi. Infatti, sui social network, sono nati diversi gruppi in sostegno della causa del Frutteto.

Sono infatti centinaia i cittadini che credono di dover dotare il Comune di un canile, visti i costi esorbitanti che ogni anno vengono accreditati al trasporto dei randagi nel centro cascinese, unico canile riconosciuto dall’amministrazione per il territorio pisano.

Il terreno sul quale sorge il Frutteto era stato donato da una benefattrice e per un anno i cani avevano trovato un posto sicuro dove poter stare in attesa di un’adozione. Gli affidamenti dei randagi si sono susseguiti per mesi, superando la quota di 120 cani che hanno trovato una nuova casa.
di Andrea Valtriani






+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: