none_o


In questo nuovo articolo di Franco Gabbani viene trattato un argomento basilare per la società dell'epoca, la crescita culturale della popolazione e dei lavoratori, destinati nella stragrande maggioranza ad un completo analfabetismo, e, anzi, il progresso culturale, peraltro ancora a livelli infinitesimali, era totalmente avversato dalle classi governanti e abbienti, per le quali la popolazione delle campagne era destinata esclusivamente ai lavori agricoli, ed inoltre la cultura era vista come strumento rivoluzionario. 

Sei fuori tema. Ma sappiamo per chi parli. . .
. . . non so se sono in tema; ma però partito vuol .....
Quelle sono opinioni contrastanti, il sale della democrazia, .....
. . . non siamo sui canali Mediaset del dopodesinare .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Nei tuoi occhi languidi
profondi, lucenti
piccolo mio
inestimabile tesoro
vedo il futuro
il tuo
il presente
quello del tuo babbo
il passato
quello .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
di Cristina Conti
L'addio di Giuseppe Civati al Partito Democratico

7/5/2015 - 21:35


L'addio di Giuseppe Civati al Partito Democratico ci lascia con un grande amaro in bocca. Intanto per il sincero affetto che nutriamo - anche sul piano personale - nei confronti di Pippo con cui molti di noi hanno ripreso a fare politica, condividendo per anni percorsi politici, relazioni, amicizia. Poi perché è la testimonianza per noi più lacerante e drammatica di una situazione di tensione e difficoltà all'interno del partito in cui gli spazi di agibilità per il dissenso, anche democratico e dialettico, si vanno riducendo in maniera sostanziale. Insieme a Pippo - che abbracciamo con affetto e stima - abbiamo messo impegno e passione nel PD, partito nato con ambizioni di governo e fermamente radicato nel campo valoriale del centrosinistra. Il nostro contributo è stato sempre ispirato alla riduzione della disuguaglianza, al contrasto della povertà, all’esigenza di investire pesantemente in ricerca e istruzione per assicurare un futuro al nostro Paese e alla centralità di una sanità pubblica e per tutti.

 

Continueremo, come Pippo e altri, ad inseguire la realizzazione di questi obiettivi. Pur rispettando la sua scelta lo faremo restando nel PD, guardando con attenzione agli sviluppi ed ai percorsi di quell'area della sinistra riformista e sociale a cui ci ispiriamo. Crediamo che uno spazio libero, indipendente e critico sia irrinunciabile all’interno di un partito che è forza di governo e che nella nostra Regione con ogni probabilità sarà in grado di governare da solo: la nostra voce si farà sentire forte.

 Lo facciamo perché continuiamo a credere nella trasversalità, nei contenuti, nella possibilità di ricostruire il senso di comunità che era alla base dell'Ulivo prima, e del Partito Democratico poi. Lo facciamo col rispetto che dobbiamo a chi fa scelte difficili; lo facciamo col rispetto e l'affetto che dobbiamo a Pippo, a Luca Pastorino, a Stefano Landucci. Lo facciamo per onestà intellettuale e politica.

E con la convinzione di non disperdere il valore della nostra proposta, del nostro essere nel partito, sul territorio, liberi, autonomi e critici.

 

Stefano Fabbri

Barbara Guerrazzi

Samuele Agostini

Luca Bertini

 

Monica Bolognesi

Mina Canarini

Nadia Cavalli

Cristina Conti

Tommaso Costa

Irene Della Bartola

Roberto Fiore

Pietro Giuntini

Piermichele Malucchi

Carlo Modica

Michele Nannipieri

Valentina Ricotta

Federico Russo

Giovanni Russo

Antonio Sconosciuto

Sonia Santucci

Stefano Tordella

 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri