none_o

A distanza di qualche anno fa piacere ricordare quella grande e partecipata iniziativa che fu il Maggio Migliarinese e rivedere le immagini di un tempo che sembra molto lontano. Pochi volontari con modeste risorse economiche ma tanto entusiasmo, voglia di fare e partecipare alla vita sociale comune riuscirono a portare ad un piccolo paese come Migliarino una serie di eventi e di spettacoli mai visti in una così piccola comunità.

Grazie per aver ricordato quel bellissimo periodo del .....
Subito dopo giorni di pioggia ci sono grandi trattori .....
Alcune regioni fanno un open day per chi volontariamente .....
Fare politica significa lavorare con la massima trasparenza .....
Vecchiano è Volontariato
#Tantifiliunasolamaglia


VIVI IL TUO PAESE, SCENDI IN CAMPO CON NOI

Vecchiano è Volontariato
#tantifiliunasolamaglia


MARE MOSSO O MARE CALMO LA TUA VITA PORTIAMO IN SALVO

Vecchiano è Volontariato
#tantifiliunasolamaglia


Un paese è di tutti quelli che lo sanno raccontare

Pisa, 20 maggio
none_a
Coltano, Venerdì 4 e sabato 5 giugno
none_a
"Dante, una terzina per volta"
di Stefano Benedetti
none_a
Pisa, 14 maggio
none_a
San Giuliano Terme, 23 maggio
none_a
CAMPIONE D'EUROPA DEI SUPERPIUMA
none_a
Migliarino Volley
none_a
Pontasserchio
none_a
Migliarino Volley - U15 Femminile
none_a
Ei fu. Siccome immobile,
dato il mortal sospiro,
stette la spoglia immemore
orba di tanto spiro,
così percossa, attonita
la terra al nunzio .....
caro baffuto baffino ricorda che la fantasia se sfocia in diffamazione e calunnia quello e reato e non pregare la Santa Vergine a Roma davanti alla porta .....
none_o
Il tramonto dei pini?

27/6/2015 - 22:49


Addio al pinolo italiano: dal “cimicione delle conifere” ogni anno danni per milioni di euro
 
In un recente convegno nella Tenuta di San Rossore è stato fatto il punto della situazione sul “cimicione” e lanciato un nuovo allarme: mentre in Italia la produzione di pinoli è in caduta libera, una svista normativa impedisce dal 2010 di rilasciare in natura un antagonista naturale “sicuro” e “certificato”. Nel frattempo ogni tentativo di allineare l’Italia agli altri stati europei è fallito. E a beneficiare della scoperta italiana potrebbero essere altri paesi produttori di pinoli.
Il “cimicione della conifere”, originario delle regioni nordamericane, è arrivato in Italia per la prima volta nel 1999 ed ha iniziato a diffondersi capillarmente in Toscana cinque anni più tardi, facendo crollare del 90%, nell’arco di appena un triennio, la produzione di pigne di pino domestico: le punture di questo insetto causano infatti l’aborto delle giovani pigne, che disseccano, e lo svuotamento dei pinoli nelle pigne più mature.
….
Gli esperti hanno analizzato attentamente i vari fattori presenti nell’ambiente di origine del “cimicione” ed hanno individuato, tra i suoi “nemici naturali” più efficaci in Nord America, una piccola vespa (dal nome scientifico Gryon pennsylvanicum) particolarmente interessante, perché in grado di deporre le proprie uova dentro quelle dell’insetto invasivo, nutrendosi di queste ultime. A seguito di tale scoperta, per comprendere meglio le potenzialità di un suo eventuale uso per la lotta biologica è iniziata una lunga trafila che ha portato il Centro di ricerca a richiedere e ottenere le autorizzazioni per introdurre l’insetto in ambiente protetto in Italia, per farlo poi riprodurre in un laboratorio appositamente costruito al fine di condurre approfonditi studi sulla sua efficacia e sicurezza d’impiego. In laboratorio la specie antagonista del “cimicione” ha mostrato un’altissima capacità riproduttiva.
….
Nel 2003 l’Italia, nella legge di recepimento della Direttiva Habitat dell’Unione Europea (all’art. 12 del DPR 120/2003), ha stabilito che “sono vietate la reintroduzione, l’introduzione e il ripopolamento in natura di specie e popolazioni non autoctone”, quindi tutte quelle esotiche o “aliene”. Il nostro Paese è però uno dei pochi stati membri nei quali il legislatore si è fermato alla frase iniziale, senza prevedere un percorso autorizzativo in deroga, diversamente da ciò che è invece avvenuto nella maggior parte degli altri Stati europei. Di conseguenza, ogni volta che sono state presentate delle domande per liberare in natura l’antagonista del “cimicione”, gli esperti si sono visti rispondere picche. A causa di questo cavillo, l’Italia è purtroppo l’unico paese al mondo in cui la lotta biologica è di fatto vietata per legge in modo assoluto.
….
Dal convegno di San Rossore parte dunque “l’ultima chiamata”, prima che i pinoli nazionali siano davvero un mero ricordo e con essi, magari, anche le meravigliose pinete. L’Ente Parco regionale Migliarino San Rossore Massaciuccoli si è fatto promotore di un’iniziativa volta a stimolare una modifica normativa da parte del Parlamento, che dovrebbe inserire la possibilità di deroga per l’introduzione dell’insetto antagonista. Il Ministero dell’Ambiente, che già aveva fatto propria la proposta, parallelamente al Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali, sarà dunque coinvolto in questo importante percorso.
….
A fianco del Parco di San Rossore ci saranno la Regione Toscana, il Corpo Forestale dello Stato – che gestisce diverse tra le più importanti pinete italiane – il mondo scientifico a partire dalle Università di Pisa e di Firenze, ma anche importanti soggetti privati, come i proprietari delle belle pinete di Migliarino (gli eredi Salviati) e le ormai storiche ditte di raccoglitori di pinoli –tra cui il noto Grassini, personaggio conosciutissimo che opera da decenni a San Rossore – che temono di divenire materia da museo sugli “antichi mestieri”.

 

Questo uno stralcio, o una ripetizione, dell’articolo a firma Enrico Lippi inviato alla Voce.

Il comunicato completo si può leggere in cronache. "I pini piegano la testa".
 
 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri