none_o

 Alcuni mesi fa, durante una assemblea dell'associazione La Voce del Serchio, fu proposta l'idea, da parte di alcuni soci cicloamatori, di fare qualcosa per la pista ciclabile Puccini, cercando di sollevarla dalle condizioni di oblio e degrado in cui versa attualmente, dopo esser stata molto decantata e utilizzata per varie inaugurazioni in tempi propizi. L'origine del progetto....

Il Diario di Trilussa
none_a
I 10 anni della Voce
none_a
Anniversario
none_a
Le Parole di Ieri
none_a
Dileggiare è anche raccontare gli eventi in modo distorto .....
. . . chi dal / 94 ha dileggiato l'ex cav (il fratello .....
Come ho più volte dichiarato, sono stato prima simpatizzante .....
. . . . bambinesco e canzonatorio nei confronti dei .....
Esperienze di viaggio
none_a
Esperienze di viaggio
none_a
La Natura vista da Simona Tedesco
none_a
Agrifiera di Pontasserchio, 22 aprile
none_a
LUNA DI SANGUE
none_a
San Giuliano, 29giugno-1 luglio
none_a
Tirrenia, 24 giugno ore 6.30
none_a
Pisa
none_a
Pisa, 30 giugno
none_a
Concerto del Maestro Signorini
none_a
  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


  • GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA LINGUA MADRE

      Una domenica un poco strana il 25


    Anche per quest’anno la GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA LINGUA MADRE, evento che il G.U.T. (Gruppourturatoscana) porta in giro nella zona pisana, ed oltre, sarà ospite dell’ASBUC di Migliarino 


COME UN SASSO NEL FIUME


Resto in silenzio ad aspettare te,
a contemplare il tuo tenero viso,
i tuoi occhi candidi, dolcissimi,
semplici che .....
A Migliarino Pisano Viale dei Pini lato Salviati affittasi appartamento arredato di 90 mq. sviluppato su unico piano composto da Ingresso indipendente .....
di: Auletta-Barbuti-Ghezani
Ecco perché ci siamo recati dai Carabinieri

14/10/2015 - 19:45


 Ristabilire la verità sullo sgombero della Bigattiera è un dovere istituzionale. Ecco perché ci siamo recati dai Carabinieri
 
Leggiamo sulla stampa locale che alcune famiglie rom, dopo lo sgombero del campo della Bigattiera, si sarebbero trasferite a Coltano senza alcun permesso o autorizzazione, dando vita dunque a un nuovo insediamento “abusivo”. Durante un controllo delle forze dell’ordine, i rom hanno dichiarato di essere stati indirizzati a Coltano proprio dai rappresentanti del Comune: lo stesso Comune che non ha dato alcun riscontro scritto di ciò ai carabinieri. Dunque, né Palazzo Gambacorti, né la Società della Salute, né gli assistenti sociali – dicono i resoconti stampa – avrebbero mai dato il proprio consenso al “trasloco” dei rom. Ma le bugie hanno le gambe corte.Nelle drammatiche ore dello sgombero noi eravamo lì, e abbiamo ascoltato, visto, fotografato, registrato quel che accadeva. Ci avevano raccontato che alla Bigattiera c’era un imponente numero di stranieri irregolari e di “fuorilegge”: invece nessuno è stato arrestato, e tra le decine di persone presenti solo due erano prive di permesso di soggiorno. Ci avevano raccontato che tutti i rom regolari avevano ottenuto una soluzione alternativa, e invece abbiamo vistomolte famiglie con i documenti sbattute per strada.Soprattutto, abbiamo visto e ascoltato i rappresentanti del Comune e della Società della Salute, mentre davano il proprio consenso al trasferimento a Coltano. Il tutto è avvenuto verbalmente, senza alcun provvedimento formale, a dimostrazione che i nostri amministratori, a partire dal Sindaco e dall’assessore Capuzzi, hanno una pesanteresponsabilità politica in un’operazione di mero ordine pubblico, senza alcuna programmazione di interventi sociali adeguati.Come era prevedibile lo sgombero non ha allontanato i rom – perché le persone non si possono smaterializzare a comando – ma ha provocato un trasferimento in altri luoghi della città, peggiorando solo le condizioni di vita e allontanando i bambini e le bambine dalle scuole. Ma alla giunta Filippeschi questo non basta. Ora si prova a porrenuovamente un problema di ordine pubblico su Coltano, quando è la stessa amministrazione ad aver indicato ed autorizzato questo spostamento.Il primo passo per fare gli amministratori è quello di non dire bugie: ma evidentemente questo prerequisito manca a chi sta speculando sulle famiglie rom per cercare di recuperare il consenso perduto. E allora è bene ristabilire la verità.Per questo oggi pomeriggio ci siamo recati presso il Comando provinciale dei Carabinieri chiedendo di essere ascoltati in quanto “persone informate dei fatti” riguardo al trasferimento dal campo della Bigattiera a Coltano. Come rappresentanti eletti dai cittadini, non possiamo sottrarci alla ricostruzione di quel che è effettivamente avvenuto: lo sentiamo come un dovere istituzionale ed ancor prima come un dovere etico. Oggi, dunque, comunichiamo alle forze dell’ordine la nostra disponibilità a raccontare quel che abbiamo visto e sentito. Perché le bugie hanno le gambe corte, soprattutto se dette alla presenza di decine di testimoni…
 
Francesco Auletta, consigliere comunale Una città in comune-Prc
Luca Barbuti, consigliere comunale L'Altra San Giuliano
Simonetta Ghezzani, consigliera comunale SEL





Fonte: R C Pisa
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: