none_o

 “C’è qualcosa che devo dire alla mia gente, in questo nostro procedere verso la giusta meta: non dobbiamo macchiarci di azioni ingiuste. Cerchiamo di non soddisfare la nostra sete di libertà bevendo dalla coppa dell’odio e del risentimento. Io ho un sogno. Che bambini neri e bambine nere, potranno prendere per mano bambini bianchi e bambine nere, come fratelli e sorelle. IO HO UN SOGNO OGGI.”..

Con Borgo di Pratavecchie
none_a
Auguri di Buone Feste
none_a
Migliarino-Pubblica Assistenza
none_a
Metato - Pubblica Assistenza
none_a
Le eco tasse contro i mezzi inquinanti esistono nei .....
Vero, per fortuna c'è sempre chi si ostina a pensare .....
Povero Salvatore C, non ammette che ci sia chi non .....
Bersani e Zingaretti in TV a ripetere la solfa di un .....
Libri
none_a
FIAB-Pisa
none_a
"Nati per leggere" a San Giuliano
none_a
Piante e giardini
none_a
ARCI Migliarino
none_a
Il Teatro nel magazzino
none_a
Marina di Pisa, 19 gennaio
none_a
Fiab Pisa
none_a
Circolo Il Fortino
none_a
Pisa, 12-13 gennaio
none_a
Fiab Pisa
none_a
Associazione Molina mon amour
none_a
  • Circolo Arci Migliarino

      NUOVA GESTIONE LOCALE BAR

    Il Circolo ARCI Migliarino lancia una Manifestazione pubblica di Interesse finalizzata alla ricerca di un gestore del locale bar del Circolo in scadenza marzo 2019. Gli interessati possono rivolgersi direttamente ai consiglieri oppure inviare una mail alla posta del Circolo:  arcimigliarino@gmail.com.
    Scadenza delle domande: 31 gennaio 2019.


  • Circolo ARCI Migliarino

      Partite Pisa A.C.

    Si avvertono i Soci che il Circolo trasmetterà in chiaro tutte le  partite dell'Associazione Calcio Pisa, sia in casa che in trasferta. Prossima partita Piacenza-Pisa domenica 30 settembre. 


Migliarino
none_a
Promozione Sportiva CSI, ACSI, UISP, CSA
none_a
CSI -Centro Sportivo Italiano-
none_a
La quarta tappa a Viareggio
none_a
Ancora dormi accanto a me
ogni sera più di dieci lustri ormai,
stringi la mia mano nella tua
vuoi essere sicura amore mio,
che ti sono accanto .....
Porti la storia sulle tue antiche spalle.
Porti la storia nel tuo sguardo spento
Che inutilmente vaga nella stanza della memoria.

Porti la storia .....
di Renzo Moschini
none_a
Fai-Cisl
none_a
di Renzo Moschini
none_a
di: Auletta-Barbuti-Ghezani
Ecco perché ci siamo recati dai Carabinieri

14/10/2015 - 19:45


 Ristabilire la verità sullo sgombero della Bigattiera è un dovere istituzionale. Ecco perché ci siamo recati dai Carabinieri
 
Leggiamo sulla stampa locale che alcune famiglie rom, dopo lo sgombero del campo della Bigattiera, si sarebbero trasferite a Coltano senza alcun permesso o autorizzazione, dando vita dunque a un nuovo insediamento “abusivo”. Durante un controllo delle forze dell’ordine, i rom hanno dichiarato di essere stati indirizzati a Coltano proprio dai rappresentanti del Comune: lo stesso Comune che non ha dato alcun riscontro scritto di ciò ai carabinieri. Dunque, né Palazzo Gambacorti, né la Società della Salute, né gli assistenti sociali – dicono i resoconti stampa – avrebbero mai dato il proprio consenso al “trasloco” dei rom. Ma le bugie hanno le gambe corte.Nelle drammatiche ore dello sgombero noi eravamo lì, e abbiamo ascoltato, visto, fotografato, registrato quel che accadeva. Ci avevano raccontato che alla Bigattiera c’era un imponente numero di stranieri irregolari e di “fuorilegge”: invece nessuno è stato arrestato, e tra le decine di persone presenti solo due erano prive di permesso di soggiorno. Ci avevano raccontato che tutti i rom regolari avevano ottenuto una soluzione alternativa, e invece abbiamo vistomolte famiglie con i documenti sbattute per strada.Soprattutto, abbiamo visto e ascoltato i rappresentanti del Comune e della Società della Salute, mentre davano il proprio consenso al trasferimento a Coltano. Il tutto è avvenuto verbalmente, senza alcun provvedimento formale, a dimostrazione che i nostri amministratori, a partire dal Sindaco e dall’assessore Capuzzi, hanno una pesanteresponsabilità politica in un’operazione di mero ordine pubblico, senza alcuna programmazione di interventi sociali adeguati.Come era prevedibile lo sgombero non ha allontanato i rom – perché le persone non si possono smaterializzare a comando – ma ha provocato un trasferimento in altri luoghi della città, peggiorando solo le condizioni di vita e allontanando i bambini e le bambine dalle scuole. Ma alla giunta Filippeschi questo non basta. Ora si prova a porrenuovamente un problema di ordine pubblico su Coltano, quando è la stessa amministrazione ad aver indicato ed autorizzato questo spostamento.Il primo passo per fare gli amministratori è quello di non dire bugie: ma evidentemente questo prerequisito manca a chi sta speculando sulle famiglie rom per cercare di recuperare il consenso perduto. E allora è bene ristabilire la verità.Per questo oggi pomeriggio ci siamo recati presso il Comando provinciale dei Carabinieri chiedendo di essere ascoltati in quanto “persone informate dei fatti” riguardo al trasferimento dal campo della Bigattiera a Coltano. Come rappresentanti eletti dai cittadini, non possiamo sottrarci alla ricostruzione di quel che è effettivamente avvenuto: lo sentiamo come un dovere istituzionale ed ancor prima come un dovere etico. Oggi, dunque, comunichiamo alle forze dell’ordine la nostra disponibilità a raccontare quel che abbiamo visto e sentito. Perché le bugie hanno le gambe corte, soprattutto se dette alla presenza di decine di testimoni…
 
Francesco Auletta, consigliere comunale Una città in comune-Prc
Luca Barbuti, consigliere comunale L'Altra San Giuliano
Simonetta Ghezzani, consigliera comunale SEL





Fonte: R C Pisa
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: