none_o


 La notizia è di pochi giorni fa e ha lasciato a bocca aperta il grande pubblico; ma non gli addetti ai lavori.  Uno studio del Centro tedesco Helmholtz per la ricerca oceanografica GEOMAR, di Kiel, pubblicato sulla rivista Science Advanced, fa sapere che il nostro Etna, il vulcano più grande d'Europa, sta scivolando lentamente nelle acque dello Ionio....

Vecchiano: Percorsi Partecipativi
none_a
Invito
none_a
Teatro del Popolo Migliarino 26 ott.
none_a
Migliarino - Pubblica Assistenza
none_a
. . . . poi i veri guerrieri non scendono in campo .....
Capacità e intelligenza ? Lei dice ?
Ma un politico .....
Signora , mi perdoni, lei sa chi era Cassandra visto .....
. . . . voluto dal 70% di elettori, iscritti e simpatizzanti. .....
Salute e Benessere
none_a
I luoghi dell'eccellenza gastronomica
none_a
Associazione La Voce del Serchio
none_a
Ass. La Voce del Serchio
none_a
Calci e Vicopisano
none_a
Parrocchia Madonna dell'Acqua
none_a
Circolo Il Fortino di Marina di P.
none_a
Fiab Pisa
none_a
San Giuliano, 21 ottobre
none_a
Palaia
none_a
  • Teatro del Popolo 26 ottobre

      Sulla mia pelle film di A. Cremonini

    È prevista, via Skype, una rappresentanza della famiglia Cucchi.

     

  • ASSEMBLEA ASBUC

      giovedì 4 ottobre, ore 21


    Si avvicina il giorno dell’assemblea pubblica per far sì che venga rinnovato il Comitato di amministrazione dei beni di uso pubblico di Migliarino con votazione Domenica 28 ottobre, presso l’Auditorium ASBUC- Via S. D’Acquisto 1.


Pontasserchio
none_a
Pappiana
none_a
COMUNICATO MIGLIARINO VOLLEY 1984
none_a
ASD PISA BOCCE
none_a
Io che ho spiegato le vele tutte finché la riva scompare,
esplorato ogni terra invisibile,
ogni visibile mondo, sfidato correnti, mostri marini, .....
Il giorno sabato 22 ottobre, dalle ore 9 alle ore 12, a San Giuliano Terme, in Piazza Italia,
GAZEBO LEGA . . . per un'iniziativa veramente interessante .....
di: Auletta-Barbuti-Ghezani
Ecco perché ci siamo recati dai Carabinieri

14/10/2015 - 19:45


 Ristabilire la verità sullo sgombero della Bigattiera è un dovere istituzionale. Ecco perché ci siamo recati dai Carabinieri
 
Leggiamo sulla stampa locale che alcune famiglie rom, dopo lo sgombero del campo della Bigattiera, si sarebbero trasferite a Coltano senza alcun permesso o autorizzazione, dando vita dunque a un nuovo insediamento “abusivo”. Durante un controllo delle forze dell’ordine, i rom hanno dichiarato di essere stati indirizzati a Coltano proprio dai rappresentanti del Comune: lo stesso Comune che non ha dato alcun riscontro scritto di ciò ai carabinieri. Dunque, né Palazzo Gambacorti, né la Società della Salute, né gli assistenti sociali – dicono i resoconti stampa – avrebbero mai dato il proprio consenso al “trasloco” dei rom. Ma le bugie hanno le gambe corte.Nelle drammatiche ore dello sgombero noi eravamo lì, e abbiamo ascoltato, visto, fotografato, registrato quel che accadeva. Ci avevano raccontato che alla Bigattiera c’era un imponente numero di stranieri irregolari e di “fuorilegge”: invece nessuno è stato arrestato, e tra le decine di persone presenti solo due erano prive di permesso di soggiorno. Ci avevano raccontato che tutti i rom regolari avevano ottenuto una soluzione alternativa, e invece abbiamo vistomolte famiglie con i documenti sbattute per strada.Soprattutto, abbiamo visto e ascoltato i rappresentanti del Comune e della Società della Salute, mentre davano il proprio consenso al trasferimento a Coltano. Il tutto è avvenuto verbalmente, senza alcun provvedimento formale, a dimostrazione che i nostri amministratori, a partire dal Sindaco e dall’assessore Capuzzi, hanno una pesanteresponsabilità politica in un’operazione di mero ordine pubblico, senza alcuna programmazione di interventi sociali adeguati.Come era prevedibile lo sgombero non ha allontanato i rom – perché le persone non si possono smaterializzare a comando – ma ha provocato un trasferimento in altri luoghi della città, peggiorando solo le condizioni di vita e allontanando i bambini e le bambine dalle scuole. Ma alla giunta Filippeschi questo non basta. Ora si prova a porrenuovamente un problema di ordine pubblico su Coltano, quando è la stessa amministrazione ad aver indicato ed autorizzato questo spostamento.Il primo passo per fare gli amministratori è quello di non dire bugie: ma evidentemente questo prerequisito manca a chi sta speculando sulle famiglie rom per cercare di recuperare il consenso perduto. E allora è bene ristabilire la verità.Per questo oggi pomeriggio ci siamo recati presso il Comando provinciale dei Carabinieri chiedendo di essere ascoltati in quanto “persone informate dei fatti” riguardo al trasferimento dal campo della Bigattiera a Coltano. Come rappresentanti eletti dai cittadini, non possiamo sottrarci alla ricostruzione di quel che è effettivamente avvenuto: lo sentiamo come un dovere istituzionale ed ancor prima come un dovere etico. Oggi, dunque, comunichiamo alle forze dell’ordine la nostra disponibilità a raccontare quel che abbiamo visto e sentito. Perché le bugie hanno le gambe corte, soprattutto se dette alla presenza di decine di testimoni…
 
Francesco Auletta, consigliere comunale Una città in comune-Prc
Luca Barbuti, consigliere comunale L'Altra San Giuliano
Simonetta Ghezzani, consigliera comunale SEL





Fonte: R C Pisa
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: