none_o

 
Si chiama Tappeto del mondo ed è il frutto del lavoro di tantissime donne che hanno aderito all'iniziativa dell'associazione i Colori della Pace di Stazzema, ovvero realizzare un tappeto coloratissimo. 

Si!
Certo che la mossa del cavallo di Enzo Rametti, .....
qualcuno sara' indottrinato ma lei e vicino al sacerdozio .....
Proibito ogni contraddittorio . Viva la demokrazia. .....
Il mio professore di filosofia ci diceva che l'ignoranza .....
Solidarietà
none_a
Incontrati per caso…
di Valdo Mori
none_a
"Io lo vedo così"
none_a
Incontrati per caso…
di Valdo Mori
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
CERCHIAMO UN TRATTORISTA CON ESPERIENZA ALLA GUIDA DELLE PRINCIPALI MACCHINE AGRICOLE.
AZIENDA AGRICOLA TENUTA ISOLA

DISPONIBILITA' FULL TIME
Lago di Massaciuccoli
Denunciato un bracconiere: nel mirino i branchi di folaghe che sono tornati a popolare il lago

20/11/2015 - 11:55

Lago di Massaciuccoli, denunciato un bracconiere: nel mirino i branchi di folaghe che sono tornati a popolare il lago

 
Un bracconiere, dedito alla caccia di frodo delle folaghe nel Lago di Massaciuccoli, in particolare nella Riserva naturale del Chiarone, è stato pizzicato nei giorni scorsi dalle guardie del Parco. Nelle scorse settimane i guardiaparco del corpo di vigilanza dell’Ente Parco Migliarino San Rossore Massaciuccoli, avevano infatti verificato la ripresa di atti di bracconaggio nei confronti dei numerosi esemplari di folaga presenti nelle acque della Riserva naturale del Chiarone, un’area di grande pregio ambientale ricompresa nell’alveo lacustre del Massaciuccoli.
Già verso la fine dello scorso anno, gli uomini del Parco avevano la certezza che qualcuno compiesse blitz fulminei nei confronti dei branchi di folaghe per abbatterne qualcuna e dileguarsi poi senza lasciare tracce utili, prima ancora che i guardiaparco avessero la possibilità di organizzare un’azione di repressione dell’illecito. Dopo i primi sospetti, indagini accurate ed appostamenti in loco, i guardiaparco sono riusciti ad intercettare, non senza fatica, il barchino condotto da un cacciatore camaiorese durante una delle sue scorribande nell’area protetta, stavolta sfortunata. Nel corso dell’ispezione l’imbarcazione è risultata addirittura dotata di apposito doppiofondo, con alloggiamento appositamente creato per occultare un fucile da caccia calibro 12 e numerose munizioni in piombo, il cui uso è proibito in tutto il comprensorio palustre.
Le guardie del Parco hanno conseguentemente provveduto a sporgere denuncia presso la Procura del Tribunale di Lucca e a porre sotto sequestro sia l’arma e le munizioni, sia l’imbarcazione. Per il bracconiere, oltre al rischio di condanna penale ed al pagamento di pesanti sanzioni amministrative, potranno esserci ripercussioni anche sulla licenza di caccia, giacché i fatti sono stati portati a conoscenza anche della Questura di Lucca.L’azione intrapresa dal corpo di vigilanza dell’Ente ha fatto registrare molte esternazioni di compiacimento, soprattutto da parte dei numerosi cacciatori del comprensorio del Massaciuccoli che hanno deciso di adeguarsi ai tempi che cambiano e di esercitare un oculato prelievo delle risorse faunistiche, nel pieno rispetto dei limiti e delle modalità consentite.

Le folaghe nel Lago di Massaciuccoli
La folaga (Fulica atra) era talmente diffusa in passato nel Massaciuccoli da far registrare, durante la stagione invernale, la presenza di alcune decine di migliaia di individui. Lo svernamento di tale animale, appartenente alla famiglia dei “rallidi” (non ha infatti le zampe palmate tipiche degli “anatidi”) era uno dei motivi per cui il lago finiva per attirare cacciatori da ogni parte della Toscana per delle vere e proprie mattanze.Se fino ai primi anni Novanta nell’oasi del Chiarone stazionava ancora circa un migliaio di esemplari, successivamente la completa scomparsa della vegetazione di cui si cibavano ne determinò la quasi totale scomparsa in branchi numerosi.Di recente la folaga ha ripreso a frequentare l’areale preferito per lo svernamento e la riproduzione in alcune centinaia esemplari, grazie soprattutto al miglioramento della qualità delle acque del lago e alla parziale ricrescita della vegetazione di cui l’animale si nutre, fatto visibile ai visitatori anche in numerosi canali della palude.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




23/11/2015 - 11:10

AUTORE:
Salumiere

Andate a pizzicare anche gli ardui legnaioli abusivi!