none_o


In questo nuovo articolo di Franco Gabbani viene trattato un argomento basilare per la società dell'epoca, la crescita culturale della popolazione e dei lavoratori, destinati nella stragrande maggioranza ad un completo analfabetismo, e, anzi, il progresso culturale, peraltro ancora a livelli infinitesimali, era totalmente avversato dalle classi governanti e abbienti, per le quali la popolazione delle campagne era destinata esclusivamente ai lavori agricoli, ed inoltre la cultura era vista come strumento rivoluzionario. 

. . . altrimenti in Italia tutto il potere centrale .....
Sei fuori tema. Ma sappiamo per chi parli. . .
. . . non so se sono in tema; ma però partito vuol .....
Quelle sono opinioni contrastanti, il sale della democrazia, .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Nei tuoi occhi languidi
profondi, lucenti
piccolo mio
inestimabile tesoro
vedo il futuro
il tuo
il presente
quello del tuo babbo
il passato
quello .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
Ente Parco
Aziende, esercizi e guide consigliate dal Parco: aperte le iscrizioni agli albi

1/12/2015 - 12:33

Aziende, esercizi e guide consigliate dal Parco: aperte le iscrizioni agli albi

Gli operatori economici interessati possono aderire già da oggi

Sono stati pubblicati sul sito del Parco

(all’indirizzo www.parcosanrossore.org/albi)

il materiale informativo e la modulistica per l’iscrizione ai tre diversi albi di operatori economici “consigliati dal Parco”: i soggetti interessati potranno sin d’ora aderire al disciplinare di riferimento.I programmi varati dal Consiglio direttivo dell’Ente Parco nei mesi scorsi consentono ai soggetti che ne rispettano i requisiti, di potersi fregiare del riconoscimento di operatore “consigliato dal Parco” ed entrare così nel circuito ideato dall’Ente Parco per promuovere prodotti tipici e qualità dei servizi turistici.

Sono centinaia le imprese potenzialmente interessate dal primo programma (“Aziende consigliate dal Parco”): tra esse spiccano le circa duecento aziende agrozootecniche presenti nel Parco, oltre alle imprese – inclusi gli artigiani(panettieri, pasticcieri, etc.) – con sede nel territorio regionale che trasformano prodotti agricoli di base provenienti da aziende consigliate dal Parco oppure che nella lavorazione dei propri specifici prodotti utilizzano almeno il 25% di materie prime provenienti da aziende agricole consigliate dal Parco; in questo programma sono incluse le imprese di pesca professionale.Il secondo disciplinare (“Esercizi consigliati dal Parco”) segue le orme del primo, con l'intento di creare sinergie tra i due settori, soprattutto attraverso la promozione dei prodotti tipici verso i clienti delle strutture ricettive e ristorative; l’iscrizione a questo albo sarà quindi possibile per alberghi, agriturismi, campeggi, bed & breakfast, affittacamere, ristoranti, bar e esercizi simil, regolarmente iscritti alle Camere di Commercio e con sede operativa all’interno dei confini del Parco.Il terzo albo ("Guide ambientali escursionistiche consigliate dal Parco") è infine destinato alle numerose attività turistiche che svolgono un ruolo fondamentale nella gestione dei servizi di accompagnamento e guida nell'area protetta; obiettivo del programma è favorire la creazione di una rete sinergica tra l'Ente e le imprese di accompagnamento ed educazione ambientale che operano all'interno dei confini dell'area protetta, e di mantenerla attiva negli anni a venire anche grazie ad occasioni di formazione e di arricchimento professionale.

Perché albi di “operatori consigliati” e non un marchio di qualità?

Le scelte dell'Ente Parco su tali strumenti di promozione sono il risultato del bilanciamento tra l’attuale quadro normativo sui marchi di qualità o di origine, che impedisce alle singole aree protette di crearne di propri, e la forte volontà dei suoi dirigenti di dare una valida risposta al bisogno di promozione che molte aziende presenti nel Parco hanno, anche nella prospettiva di adesione del Parco alla Carta Europea del Turismo Sostenibile (CETS).
Gli albi degli operatori “consigliati dal Parco” hanno infatti tutte le potenzialità per divenire un valido strumento per la creazione di una rete sinergica tra il Parco e il suo indotto, che comprende non solo le imprese presenti all'interno dei suoi confini, ma anche quelle che sul territorio regionale operano nella trasformazione dei relativi prodotti, garantendo la "riconoscibilità" delle tipicità del Parco e qualificandosi quale opportunità per la predisposizione di appositi progetti e per l'attivazione di altri canali distributivi e commerciali.
 
Come fare per aderire?
I soggetti interessati possono consultare il materiale già disponibile on line e pubblicato al linkwww.parcosanrossore.org/albi, oppure rivolgersi all’Ufficio promozione dell’Ente Parco (scrivendo all’email

promozione@sanrossore.toscana.it) per informazioni o chiarimenti; l’adesione, con l’invio della modulistica sottoscritta, potrà avvenire via posta, con consegna a mano o con posta elettronica certificata.
 
Il commento del Presidente del Parco, Fabrizio Manfredi
«In questi anni l’Ente Parco ha compiuto passi importanti in termini di promozione – spiega il Presidente Manfredi – epuò adesso dar seguito concretamente ad una delle sue finalità principali, ovvero quella di poter essere fruito e vissuto come opportunità economica ed occupazionale sostenibile.

L’Ente ha sempre avuto a cuore la valorizzazione dei prodotti agricoli provenienti dall’area protetta, riconoscendo il ruolo delle aziende agro-zootecniche nella conservazione dell’ambiente, del paesaggio e della cultura locale, ma con l’approvazione di questi programmi e la possibilità di adesione da parte di varie tipologie di imprese, parte oggi quello che si configura, a tutti gli effetti, come il primo progetto organico di promozione sviluppato dall’Ente, che potrà portare notevoli benefici a centinaia di operatori economici presenti dell’area protetta e facilitare il lavoro in rete tra imprese, Parco e altri soggetti. Inoltre – conclude Manfredi – grazie alla partecipazione e al coinvolgimento di tutti coloro che sono interessati, i vari programmi approvati potranno essere migliorati e affinati negli anni a venire.»



+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri